Campania

La Vecchia Casa-Forino (Av)-Spaghetti quadrati con crema di caciocavallo porcini e tartufo La Vecchia Casa-Forino (Av)-Spaghetti quadrati con crema di caciocavallo porcini e tartufo © I Templari del Gusto

La Vecchia Casa. Forino (Av)

E’ venerdì sera, l’aria è frizzantina con un gruppo di amici e colleghi andiamo a cena a Forino a una decina di Km da Avellino, il posto scelto è La Vecchia Casa, questo indirizzo è una nostra vecchia conoscenza, siamo curiosi a distanza di tempo ti tornare a gustare la loro cucina. Forino è un paese immerso nel verde di boschi cedui e noccioleti, siamo a 400 metri sul livello del mare. Il centro del paese è piccolo e arrivare al ristorante è molto semplice, siamo nella centralissima Via Roma. Parcheggiamo comodamente davanti al locale.

La Vecchia Casa si trova in un palazzo signorile del 1800, si entra in un portone maestoso e lo stabile si sviluppa su più livelli e ha una particolarità che ci colpisce: ci sono tanti piccoli ambienti separati che sono un invito al piacere della tavola senza rischio di chiassose tavolate. L’arredo è semplice e sobrio, l’atmosfera è calda e invita alla convivialità. Ci accomodiamo e ci accolgono con un prosecco di benvenuto (gradito pensiero). Decidiamo di affidarci ai loro consigli e optiamo per un antipasto tipico del territorio per tutti.
Arrivano i loro pani (tra cui il pane cicoli e pepe fatto da loro, buonissimo):
Da bere prendiamo un vino aglianico giovane di un’azienda locale, di pronta beva gradevole ed equilibrato, (alla fine della serata le bottiglie di vino saranno 4). A queste si aggiunga una bottiglia di Rosso Cupo, Irpinia Campi taurasinini della cantina Manimurci di Paternopoli. Un bel rosso dal colore rubino intenso, con profumi di frutta rossa e spezie, di buona personalità.

Rosso cupo Irpinia campi taurasini di ManimurciRosso cupo Irpinia campi taurasini di Manimurci

Arrivano i taglieri di salumi tipici (prosciutto crudo, guanciale, capocollo, soppressata, salame paesano). Molto buoni i salumi tutti rigorosamente del territorio.

Tagliere di salumiTagliere di salumi

Ecco i formaggi di pecora a Km zero. Anche questi sopra la media e gustosi. I formaggi e pecorini locali accompagnati da confettura e miele di castagno.

FormaggiFormaggi

L’antipasto prosegue con il classico e tipico mallone irpino (rape e patate qui arricchite con guanciale a cubetti). In una parola spettacolare.

Il malloneIl mallone

Il mallone è un piatto che si prepara da Ottobre in poi fino ad arrivare alla Primavera, ne abbiamo provati tanti in Irpinia e nella zona del salernitano durante i nostri “viaggi gastronomici”, questo è uno dei migliori mai gustati … complimenti. Altra chicca: la parmigiana di cipolla ramata di Montoro, sorprendente, dolce, profumata. Grande piatto. Una parmigiana divina.

Parmigiana di cipolla ramata di MontoroParmigiana di cipolla ramata di Montoro

E ancora zuppa di fagioli, castagne, guanciale e alloro che col freddo che c’è ci sta da Dio. Anche questa bene eseguita, equilibrata e gustosa.

Zuppa di fagioli castagne con guanciale e alloroZuppa di fagioli castagne con guanciale e alloro

Pensate sia finita qui? No, affatto … Ecco delle buonissime scarole con olive, capperi e noci.

Scarole con olive capperi e nociScarole con olive capperi e noci

L’antipasto ci ha soddisfatto in pieno. Da notare l’uso di materie prime e prodotti del territorio (spesso a Km zero) ben cucinati e presentati. Visto che siamo in tanti decidiamo con i primi di assaggiare più cose. Anche qui si respira “Irpinia” a pieni polmoni.
Tagliatelle (hand made) con burro, porcini e tartufo irpino, avvolgenti, profumate, mantacate alla perfezione e che profumo quei porcini insieme al tartufo..

Tagliatelle fatte in casa con burro porcini e tartufoTagliatelle fatte in casa con burro porcini e tartufo

E ancora le cortecce con pomodorini e salsiccia, una proposta in apparenza semplice ma che ha sempre il suo perché. Ottima la salsiccia, un piatto bene cucinato.

Cortecce pomodorini e salsicciaCortecce pomodorini e salsiccia

Qualcuno dei commensali vuole degustare una pasta ripiena e la scelta cade sui ravioli di ricotta (hand made) con burro e pancetta croccante . Anche questi molto buoni.

Ravioli burro e pancettaRavioli burro e pancetta

E ancora dei commoventi spaghetti quadrati con crema di caciocavallo, tartufo e porcini. Eccezionale la loro cremosità e dal profumo stordente.

Spaghetti quadrati con crema di caciocavallo tartufo e porciniSpaghetti quadrati con crema di caciocavallo tartufo e porcini

Non possiamo alla Vecchia Casa non andare anche di genovese, qui infatti (lo ricordavamo bene) la fanno in modo eccellente. Scelta azzeccata! Queste candele spezzate alla genovese (con cipolla di Montoro e pezzi interi di ottima carne) fantastiche.

Candele spezzate alla genoveseCandele spezzate alla genovese

La carrellata dei primi ci ha deliziato. Passa intanto a salutarci e a sincerarsi che tutto vada per il meglio Pellegrino Tolino (detto Rino), l’oste, il pizzaiolo e il titolare della Vecchia Casa. Con lui stabiliamo che tipo di carne gustare come secondo. Alla fine la scelta cade su marchigiana e scottona irpina. La carne frollata alla perfezione è davvero uno spettacolo.

Sua maestà la carneSua maestà la carne

Ci viene servita tagliata su pietra di sale. Eccezionale, morbida (quasi si scioglieva in bocca).

Marchigiana e scottona su pietra di saleMarchigiana e scottona su pietra di sale

Accompagniamo la carne con delle chips di patate e porcini. Intriganti.

Chips di patate e porciniChips di patate e porcini

Da notare come abbiamo cenato con un grande olio: zahir di Sacomaio, monocultivar di ravece. Un extravergine eccezionale, il fiore all’occhiello del frantoio Sancomaio di Zungoli, ottenuto selezionando le migliori olive della qualità ravece (una cultivar autoctona irpina). Lo Zahir di Sancomaio mi piace per la sua evidente nota di pomodoro verde e quel leggero sentore di amaro che lo rendono un olio strutturato e importante. Vera eccellenza irpina.

Monocultivar ravece Zahir di SanComaioMonocultivar ravece Zahir di SanComaio

Siamo sazi e ahimè ci tocca saltare il dolce. Giro d’ordinanza di amari, grappe e caffè e chiediamo il conto. Paghiamo 35 euro a testa per una cena fantastica. Davvero complimenti anche per il fantastico rapporto qualità- prezzo.


La Vecchia Casa a Forino è un indirizzo sicuro. Qui puoi gustare un'ottima cucina irpina realizzata con prodotti del territorio di grande qualità. Anche le quantità soddisferanno i più esigenti ( e affamati). La Vecchia Casa è anche pizzeria e al forno c’è Pellegrino Tolino detto Rino, che è anche il titolare. Dobbiamo fare a lui i complimenti perché qui alla Vecchia Casa si sta davvero bene e si mangia alla grande. Fantastico poi il rapporto qualità prezzo. Da provare senza riserve. Garantiamo noi Templari del Gusto.

Ristorante La Vecchia Casa
Via Roma 81/85
Forino (Av)
Tel. 328 897 6063
328 897 6063
Visita la pagina Fb della Vecchia Casa

 

Ultima modifica il Lunedì, 23 Dicembre 2019 14:05
Vota questo articolo
(3 Voti)
Brian Liotti

Brian, non fatevi ingannare dal nome, nasce a Napoli sotto il segno dei pesci e mostra fin da piccolo spiccate capacità artistiche e senso estetico. E' giornalista, speaker radiofonico di fama nazionale, direttore artistico, autore, presentatore, blogger, gastronomo per passione ed esperto di marketing e comunicazione. E' un grande appassionato di food, profondo conoscitore dei prodotti tipici, ha un debole per i borghi storici ed è uno strenuo difensore delle tradizioni anche a tavola, contro ogni forma di omologazione e "globalizzazione del gusto". I suoi racconti e le sue recensioni, sempre molto dettagliate, sono paragonabili ad un viaggio dove il gusto cede il passo alle emozioni.

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search