Napoli, 7°C

Martedì, 18 Settembre 2018 19:42

Arbor Vitae. Otranto (Le)

Molto più di un ristorante. Esperienza dei sensi a pochi passi dalla Cattedrale.

Siamo nel cuore del centro storico di Otranto a pochi passi dalla Cattedrale. Qui si trova un ristorante di alto livello il cui nome prende spunto proprio dal bellissimo mosaico che ricopre il pavimento delle tre navate della Cattedrale. L’opera fu realizzata tra il 1163 e il 1165, è uno dei più importanti cicli musivi del medioevo ed ha come tema centrale un maestoso Albero della vita. Albero della vita in latino “Arbor vitae”.

Arbor vitae. Otranto (Le) - Ingresso spazio esternoArbor vitae. Otranto (Le) - Ingresso spazio esterno

Il ristorante da noi scelto per la cena è proprio Arbor Vitae. Siamo in un vicoletto che sbuca davanti alla Cattedrale di Otranto. Il locale ha una sala interna e due meravigliose sale esterne su un terrazzo con giardino. Chiaramente vista la serata estiva ci accomodiamo all’esterno.

Arbor Vitae. Otranto (Le) - Un angolo del bel giardino esternoArbor Vitae. Otranto (Le) - Un angolo del bel giardino esterno

Ci accompagna al tavolo la gentile Valentina. La location è incantevole, bellissima, due terrazzi circondati da verde con tavoli e sedute bianche, lo stile è lineare ma raffinato. Belli i richiami in legno, bella la mise en place, elegante ed essenziale. Ci accomodiamo e cominciamo ad apprezzare l’atmosfera unica che si percepisce qui. Ci portano i menù e arriva Mattia davvero impareggiabile. Questo ragazzo ha una passione e un talento da vendere nello spiegare per filo e per segno il menù, il pescato del giorno, le pezzature ed il possibile uso in cucina. Poi ci sono le proposte a la carte. Noi siamo in sei. Da bere due minerali e sei calici di Chardonnay Anticaia della Cantina San Donaci e cominciamo ordinando quattro antipasti.
Una classica caprese fatta con pomodorini e burratina (of course!).

Caprese con burrata e pomodoriniCaprese con burrata e pomodorini

Un piatto di purea di fave bianche e cicorie otrantine. Piatto tipico della tradizione contadina pugliese, sublime.

Purea di fave bianche e cicorie otrantinePurea di fave bianche e cicorie otrantine

Un tortino di melanzane con alici, pomodoro e capperino occhiello a crema di zucca. Equilibrato, gustoso giustamente sapido, ho trovato sorprendente l’abbinamento delle melanzane con le alici.

Tortino di melanzane con alici pomodoro e capperino occhiello alla crema di zuccaTortino di melanzane con alici pomodoro e capperino occhiello alla crema di zucca

E un’insalata di seppia arrosto con uvetta, e cicoria insaporita alla citronette. Buonissima la seppia arrosto, morbida, gustosa, geniale l’abbinamento con la cicoria e il dolce dell’uvetta sultanina.

Insalata di seppia arrosto con uvetta e cicoria insaporita alla citronetteInsalata di seppia arrosto con uvetta e cicoria insaporita alla citronette

La nostra serata procede alla grande. Di tanto in tanto passa a salutarci Mattia per assicurarsi che tutto vada per il meglio. Spazio ai primi. Ordiniamo un piatto di orecchiette con ceci neri, melanzane e pomodoro secco. Una proposta che riporta alla tradizione contadina.

Orecchiette con ceci neri melanzane e pomodoro seccoOrecchiette con ceci neri melanzane e pomodoro secco

Un piatto di linguine ai frutti di mare. Notevoli…

Tagliolini ai frutti di mareLinguine ai frutti di mare

Due piatti di foglie di ulivo con vongole e bieta su vellutata di pomodoro giallo. Proposta intrigante …

Foglie dulivo con vongole e bieta su vellutata di pomodorino gialloFoglie d'ulivo con vongole e bieta su vellutata di pomodorino giallo

E due risotti e quinoa su crema di carciofi con seppia e caciocavallo. Questo risotto è stato sublime, perfetta la mantecatura del riso, bella l’idea di aggiungere la quinoa, equilibrato il sapore, delicata la crema di carciofi, meravigliosa la nota finale del caciocavallo che si è fuso con il calore del riso. Chapeau!

Risotto e quinoa su crema di carciofi e caciocavallo localeRisotto e quinoa su crema di carciofi con seppia e caciocavallo.

Ci stiamo godendo una serata davvero piacevole. Arbor Vitae regala emozione. Decidiamo di prendere anche due secondi.
Una tagliata di tonno dorata al miglio con contorno di zucca all’agro e olive taggiasche. Ne vogliamo parlare? La foto parla da sola…

Tagliata di tonno dorato al miglio con contorno di zucca e olive taggiascheTagliata di tonno dorato al miglio con contorno di zucca e olive taggiasche

E a chiudere un calamaro grigliato con frisa, rughetta, capperi e pomodori. Ho trovato questo secondo davvero di livello. Questa versione mediterranea della frisa con capperi e pomodori è pazzesca

.Calamaro grigliato con frisa rughetta capperi e pomodoriCalamaro grigliato con frisa, rughetta capperi e pomodori

Saltiamo il dolce e prendiamo 3 amari e due caffè. Chiediamo il conto e paghiamo poco meno di 40 euro a persona.

Arbor Vitae è molto più di un ristorante. E’ una vera e propria esperienza dei sensi. Cenare su questa terrazza nel cuore del centro storico di Otranto è pura magia. La cucina poi è di alto livello. Le materie prime sono di ottima fattura, il pescato freschissimo. Lo chef sa il fatto suo. Le proposte sono ben studiate ed eseguite, forse se proprio dovessi trovare un neo mi sarei aspettato una piccola spinta in più a livello di personalità in qualcuno dei piatti che abbiamo degustato, ma sono piccoli dettagli. Questo in definitiva è un signor ristorante. Il rapporto qualità - prezzo è adeguato alla location e alle proposte di cucina. Nota di merito poi per il servizio semplicemente perfetto. Il personale di sala è impeccabile, professionale, educato, presente ma mai invadente. Mattia poi merita la lode, il prototipo di quello che dovrebbe essere un perfetto maitre. Arbor vitae è una garanzia. Ideale per cene romantiche o importanti e comunque per chi da un ristorante non chiede solo di mangiar bene ma di emozionarsi.


Arbor vitae
Via Giovanni Michele Laggetto n.38
Otranto (Le)
Tel. 0836 806816
Visita il sito web di Arbor Vitae

 

 

Pubblicato in Puglia
Mercoledì, 19 Settembre 2018 20:30

Pi Greco. Otranto (Le)

Cucina di livello fuori le mura del centro storico.

Siamo poco fuori il centro storico di Otranto, a pochi passi dal lungomare. Siamo in Via delle Torri, proprio fuori le mura della città vecchia. Abbiamo scelto di cenare da Pi Greco, indirizzo che avevamo da un po’ in agenda. Abbiamo prenotato per tempo il nostro tavolo da due.
Ci sono posti anche all’esterno ma preferiamo accomodarci nella sala interna. Il locale dentro è molto curato pur essendo minimal, tavoli bianchi con piano color legno, sedute bianche, un bel gioco di luci soffuse, una gradevole musica lounge di sottofondo. C’è anche una caratteristica sala su di un piano soppalcato con pochi tavoli. Insomma l’atmosfera che regala questo luogo è gradevole e di civettuola intimità.

Diamo un’occhiata al menù, ci sono poche proposte ma ben studiate e calibrate, sette proposte di antipasti, quattro primi e 6 secondi, oltre ad una pagina dedicata a quello che scopriremo essere una delle cose più richieste: il sushi.
Ordiniamo da bere una minerale e due calici di Murà, Sauvignon Blanc Bio, IGP prodotto dall’azienda Duca Carlo Guarini, ben strutturato, di buon spessore, con note vegetali di erbe aromatiche e sfumature fruttate alla fine. Ideale per accompagnare la nostra cena.
Arrivano i loro pani artigianali che ci propongono da assaggiare con un olio molto particolare, l’olio Evo salentino aromatizzato al limone dell’azienda agricola Tenore di Otranto.

I loro pani e lolio I loro pani e l'olio

Intanto prendo un antipasto: polpo al rosmarino su crema di patata profumata allo zenzero. Semplicemente fantastico, il polpo morbido ma al contempo croccante ben si sposava con la delicatezza della crema di patata. Piatto davvero eccellente.

Polpo al rosmarino su crema di patate al profumo di zenzeroPolpo al rosmarino su crema di patate al profumo di zenzero

Poi due primi, le sagne (pasta tipica salentina) con rana pescatrice e lardo “Pata Negra” croccante. Primo piatto interessante come interessante è stato il connubio del pesce con il lardo di Pata Negra.

Sagne con rana pescatrice e lardo Pata negra croccanteSagne con rana pescatrice e lardo Pata negra croccante

Abbiamo raggiunto livelli altissimi con la seconda proposta di primo: gnocchetti di patate su fonduta di taleggio DOP e tartare di scampi. Delicati, ma pieni di personalità. Un primo piatto che ci ha conquistato.

Gnocchetti di patate su fonduta di Taleggio DOP e tartare di scampiGnocchetti di patate su fonduta di Taleggio DOP e tartare di scampi

Intanto al nostro tavolo arriva Fabio, perfetto padrone di casa. Per assicurarsi che tutto stesse andando bene.
Abbiamo preso anche un secondo in due: tonno scottato alla griglia con selezione di verdure di stagione. Decisamente buono anche questo.

Tonno scottato alla griglia con selezione di verdure di stagioneTonno scottato alla griglia con selezione di verdure di stagione

Saltiamo il dolce e chiediamo il conto. Paghiamo per la nostra cena 79 euro in due. Rapporto qualità prezzo direi adeguato al locale ed al tipo di proposta.
Pi Greco è un indirizzo sicuro, un signor ristorante ben lontano dalle tante trappole per turisti che si trovano nei luoghi di vacanza o con molto flusso di visitatori e turisti. Davvero una piacevole scoperta. Qui la cucina è raffinata, studiata nei dettagli. Poche proposte ma fatte come si deve. La chef Maria Rosaria Peluso è in un talento naturale ed è in continua evoluzione. C’è grande attenzione alla materia prima, alla scelta dei prodotti. I piatti sono eseguiti tecnicamente in modo impeccabile. Il servizio è preciso, puntuale e non invadente. Torneremo di sicuro per provare il sushi (ho visto su altri tavoli che andava forte). Il conto è adeguato al tipo di cucina proposta e di ristorante. Altra nota di merito per Fabio, compagno di Maria Rosaria, sempre attento, presente e perfetto padrone di casa.

 

Pi Greco
Via delle Torri, n.40
Otranto (Le)
Tel. 0836 237312
Visita il sito web di Pi Greco

Pubblicato in Puglia
Lunedì, 17 Settembre 2018 21:03

Skafè baguetteria. Otranto (Le)

Lo street food da non perdere sul lungomare.

Skafè si trova proprio sul bel lungomare otrantino, la posizione è invidiabile ed in effetti per chi passeggia qui o va in spiaggia la tentazione di coccolarsi con una baguette farcita è fortissima.
Cominciamo col dire che il locale è molto piccolo ma accattivante, con un non so che di “francese”, "oui... oui" del resto parliamo di baguette! I posti a sedere sono davvero pochi, saranno meno di 10 non di più, anche perché questo è un locale concepito per il take away.

Skafè. Otranto Le Esterno locale
Skafè. Otranto Le Esterno locale

Colpisce la pulizia e l’organizzazione. Il personale è giovane, le ragazze sono allegre, ognuna si dedica a qualcosa: c’è chi taglia, chi farcisce i panini, chi si occupa dei condimenti. Insomma tutto è studiato ad arte.
La materia prima è notevole, i prodotti freschi. Le baguette vengono proposte in due versioni (quella classica e quella ai cereali). Si possono scegliere le baguette dal menù (più una del giorno che cambia quotidianamente) ma per i più creativi c’è la possibilità di personalizzare a proprio gusto la baguette compilando un apposito modulo.
Noi qui abbiamo provato dal menù la baguette Snob con salmone norvegese affumicato, stracciatella, zucchine grigliate e pepe. Davvero ottima.

Baguette Snob con salmone affumicato stracciatella e zucchine grigliateBaguette Snob con salmone affumicato stracciatella e zucchine grigliate

E la baguette del giorno con filetto di tonno, carciofini, pomodoro, rucola e maionese. Notevole anche questa..

Baguette del giorno con tonno pomodorini e carciofiniBaguette del giorno con tonno pomodorini e carciofini

Il costo delle baguette va dai 3 euro e 80 della baguette Italy con pomodoro, mozzarella, lattuga e basilico ai 6 euro e 80 del classico d’Autunno (la baguette più elaborata) con crudo di Parma, mozzarella, radicchio, funghetti sott’olio, crema di tartufo e olio. Quelle di mare (con tagliata di tonno o con il salmone costano rispettivamente 5 euro e 90 e 5 euro e 70). Insomma prezzi ragionevoli per un panino (baguette) da urlo.

Baguette Snob e insegna di SkafèBaguette Snob e insegna di Skafè

Se amate lo street food di qualità e siete ad Otranto fate un salto sul lungomare. Skafè è una garanzia. Qui trovate anzitutto un bell’ambiente, giovane e dinamico, gentilezza e sorriso di chi ci lavora (se hai un’attività del genere il sorriso e il saper trattare con gli avventori è fondamentale). Poi l’ottima qualità del pane, fragrante, saporito, tante le farciture disponibili di terra e di mare con numerosi prodotti d’eccellenza anche locali (stracciatella, capocollo di Martina Franca su tutti). Notevoli anche i formaggi e le verdure usate per farcire le baguette. Conto ragionevole. Cosa volere di più?
Pausa o break? Street food di livello sul lungomare di Otranto mentre passeggiate o andate al mare? Skafè baguetteria. Non sbaglierete …. Garantiamo noi.


Skafè baguetteria
Lungomare Terra d’Otranto n.17
Otranto (Le)
Tel. 329 857 0493
Visita la pagina facebook di Skafè baguetteria Otranto

Pubblicato in Puglia

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search