Campania

Martedì, 19 Marzo 2019 10:21

La Posta. Grottaminarda (Av)

Siamo a Grottaminarda, in pieno centro. Sul corso principale del paese c’è un luogo che fosse anche solo per la sua storia antichissima merita una visita. Un’ antica costruzione in pietra tanto importante da essere dichiarata monumento nazionale: la Stazione di Posta. Tutta in pietra e di una bellezza senza tempo. La parte inferiore risale al 1467 ed era la Dogana aragonese usata per il cambio dei cavalli. La parte superiore risale al 1778 e fu una stazione di posta per corrieri che transitavano lungo la SS delle Puglie. Nella parte inferiore c’è una delle più antiche macellerie della zona, nella parte superiore c’è il posticino che vi consigliamo: La Posta (circolo, vineria, wine bar).

La Posta. Grottaminarda AvLa Posta. Grottaminarda (Av)

Già salire le antiche scale in pietra è emozionante, per entrare si passa su di una loggetta meravigliosa. Entrando l’impatto è fantastico, il locale è tutto in pietra, con dettagli studiati ad arte, luce soffusa, musica di sottofondo. Alle pareti espongono anche opere di artisti (il locale è una sorta di mostra permanente e luogo culturale).
Qui Roberto Buglione de Filippis e Daniele Russo hanno ideato un luogo di eccellenza. Roberto è un bravissimo chef (cresciuto alla Pergola di Gesualdo), Daniele ha grande esperienza nel settore dell’accoglienza. Due ragazzi irpini che hanno investito nella loro passione e professionalità e che intendono portare avanti una filosofia ben precisa. Definire la Posta un wine bar o una vineria è riduttivo. Questo è un luogo dove riconciliarsi con il tempo, con il piacere dello stare insieme in un contesto di grande bellezza architettonica e artistica.

La Posta. Grottaminarda Av Particolare internoLa Posta. Grottaminarda (Av) - Particolare interno

Come ci confida Roberto qui si può “sbicchierare” in allegria o in intimità e accompagnare ad un buon calice ottimi prodotti del territorio. In carta ci sono salumi, formaggi, i taglieri, i carpacci (diversi ogni settimana). Si privilegiano di norma aziende scelte del territorio ma c’è anche qualcosa da fuori regione (come il delizioso stracchino di Amatrice o il gorgonzola dolce al cucchiaio) e poi le focacce (strabuone), e le schiacciate. Insomma qui ci si sazia senza problemi e si beve bene. In carta ci sono circa 130 etichette con un 30/40% di vini irpini, poi campani e una linea nazionale e qualche capatina fuori dall’Italia. La scelta dei vini segue una filosofia ben precisa: vini non convenzionali, non commerciali, un buon 80% sono vini naturali. C’è anche una discreta carta dei distillati.
Noi siamo in due, ci accompagnano al nostro tavolo. Da bere cominciamo con due calici di Fiano Rotole della Cantina Di Prisco, un vino di medio corpo, molto fruttato e con una persistente nota minerale, fresco, sapido il giusto. Ottima Scelta.
Ci portano i carpacci: coppa di testa, valeriana e salsa verde. Deliziosa….

>Coppa di testa valeriana e salsa verde okCoppa di testa, valeriana e salsa verde

 E un carpaccio di manzo con misticanza, maionese alla barbabietola rossa e caprino di Bagnoli irpino. Proposta eccellente, abbinamento equilibrato. Davvero buona…


Carpaccio di manzo
Carpaccio di manzo

Ci godiamo la nostra serata in totale relax, l’atmosfera è davvero incredibile e invita alla intima convivialità. Di tanto in tanto Roberto e Daniele passano a salutarci per accertarsi che stia andando tutto bene.

Decidiamo di gustare qualche focaccia fragrante, realizzata con farina di grano Senatore Cappelli, cominciamo con una focaccia con pastrami (pancia di vitello affumicata e aromatizzata), insalata di cavolo rosso, senape e stracchino di Amatrice. Eccezionale …

Focaccia con pastrami insalata di cavolo rosso senape e stracchino di AmatriceFocaccia con pastrami insalata di cavolo rosso senape e stracchino di Amatrice

Non da meno l’altra che abbiamo scelto con gorgonzola dolce al cucchiaio, giardiniera e mortadella IGP in budello. Commovente…. Abbiniamo alle focacce due calici di Aglianico delle Cantine Lonardo Contrade di Taurasi, un vino davvero interessante: grande personalità, con sentori di frutta matura, aromatico e persistente. Davvero un vino eccellente.

Focaccia con con gorgonzola dolce al cucchiaio giardiniera e mortadella IGP in budellojpgFocaccia con con gorgonzola dolce al cucchiaio, giardiniera e mortadella IGP in budello

Pur essendo sazi decidiamo di degustare anche una schiacciata (si possono scegliere in due varianti con impasto di farina bianca o con canapa e cereali). Noi optiamo per una schiacciata con crema di patate, funghi cardoncelli, provola affumicata, pomodorini infornati e olio al prezzemolo.

SchiacciataSchiacciata

Siamo davvero soddisfatti. Ci offrono una grappa barricata e chiediamo il conto. Paghiamo 45 euro in due. Va detto che normalmente per due calici accompagnati da qualcosa da mangiare si spende sui 15/20 euro a persona.

La Posta a Grottaminarda entra di diritto tra gli indirizzi della categoria “imperdibili”. Vi consigliamo di fare un salto qui. E' un'ottima alternativa alla pizza o al panino. Ideale per un aperitivo, per bere in compagnia ma anche per cenare. Le proposte sono interessanti, una sorta di “tapas” in salsa irpina. Interessante e vasta la carta dei vini, ottimi i salumi e i formaggi proposti, da paura le focacce ideate con abbinamenti azzeccati e che strizzano l’occhio al gourmet. Buone le schiacciate. Il resto lo fa la location: assolutamente incredibile. Bere un calice in questo edificio storico, tutto in pietra vi regalerà momenti da ricordare. Complimenti Roberto e Daniele, continuate così. Il futuro è roseo. Luogo di eccellenza. Da non perdere, garantiamo noi.

 

La Posta (Vineria, wine bar)
Corso Vittorio Veneto n.318
Grottaminarda
Tel. 333 879 8586
Visita la pagina Facebook della Posta a Grottaminarda

 

Pubblicato in Campania
Martedì, 01 Gennaio 2019 12:02

Maialumeria. Mugnano del Cardinale (Av)

Siamo nella zona del baianese precisamente a Mugnano del Cardinale, la patria del famoso salame di Mugnano. Qui c’è un vero e proprio santuario del gusto, un paradiso per gli amanti dei salumi di eccellenza ma anche dei vini, dei formaggi e dei prodotti biologici di qualità.
Maialumeria è tutto questo ma anche altro: è un po’ market, un po’ ristorante, un po’ wine bar. Insomma un locale imperdibile. Dietro questo progetto c’è la storia della famiglia Schettino, che ha una radicata e pluriennale esperienza nella produzione dei salumi.
Siamo in due, arriviamo senza problemi. Raggiungere Mugnano del Cardinale è davvero semplice, l’uscita di Baiano della Napoli Bari dista davvero un tiro di schioppo. Parcheggiamo comodamente in strada a pochi passi dal locale. La cosa che colpisce arrivando è la bellezza di Maialumeria. Oltre 100 coperti, spazio a volontà. Nonostante la tendenza a voler prediligere l’open space, non mancano le note calde nell’ambiente ristoro e un tocco di familiarità quasi “di casa” con la splendida cucina a vista, e ancora il bancone salumi e un’esposizione di salumi davvero notevole. 

La cucina a vistaLa cucina a vista

Molto ben curato il gioco di vetri che in alcuni casi separa (solo fisicamente) un privè gastronomico e una camera con pareti in mattoni per l’affinamento e la stagionatura di meravigliosi prosciutti e culatelli, dove si può decidere anche di prenotare il tavolo per dedicarsi un’inebriante serata degustazione. Vi posso garantire che entrare in questo ambiente, quasi una sorta di goloso caveau ti stordisce, ti colpisce, ti inebria, ti fa innamorare.
C’è poi l’area market dove trionfano conserve, marmellate, pasta, olio, aceto, legumi e tanto altro. Chiaramente si possono acquistare meravigliosi salumi e i migliori formaggi campani e nazionali. Un discorso a parte merita il vino, la proposta è interessante, completa, tante le etichette esposte (oltre 100) . Molto bella è una sala concepita per degustare vino abbinato a salumi e formaggi. Quasi un ambiente a sé.

Sala degustazione Wine roomSala degustazione - Wine room

Insomma siamo davvero in un Paradiso, da svenimento per gli appassionati di carni e salumi.
Ci accomodiamo pronti a degustare le loro proposte. Da bere prendiamo una minerale e un valido Aglianico di Villa Raiano, un vino rosso che non tradisce mai, di grande personalità, giustamente tannico e minerale, con sentori di cacao, frutti rossi e con un ottimo rapporto qualità-prezzo. La nostra è stata un’ottima scelta.
Ci servono una golosa entreé: tocchetti di pizza di granone (pizza e raurinio) su vellutata di ceci. Buonissimi….

Pizza di granone su vellutata di ceciPizza di granone su vellutata di ceci

Cominciamo inevitabilmente con un tagliere della Maialumeria: un pezzetto di toma, uno di bitto, uno di pecorino Moliterno e un blu di pecora. Come salumi fanno capolino prosciutto di parma 24 mesi, pancetta arrotolata, coppa artigianale e salamino di prosciutto accompagnati da una composta di fichi e dal miele.

Il tagliere della MaialumeriaIl tagliere della Maialumeria

Prendiamo anche un assaggio di pecorino di Carmasciano stagionato. Un formaggio che amo.

Pecorino carmasciano stagionatoPecorino carmasciano stagionato

Poi un po’ di mortadella IGP, profumata, scioglievole, gustosa…

Mortadella IGP BolognaMortadella IGP Bologna

In alto i calici, la serata va che è una meraviglia. Passa a salutarci Simone Schettino, il padrone di casa, un ragazzo lungimirante e capace che ha avuto l’idea di creare questa meraviglia, facendo leva sulla pluriennale esperienza della sua famiglia nella produzioni di salumi e carni.
Spazio ai primi. Ecco una commovente carbonara con gli spaghetti del Pastificio Gentile, le uova di Paolo Parisi ed il guanciale di nero casertano. Eccellente …

La Carbonara con le uova di Paolo ParisiLa Carbonara con le uova di Paolo Parisi

E una caciocavallo e pepe: tagliolini Cavalier Cocco con caciocavallo, pepe, mortadella IGP e polvere di pistacchio di Bronte. Un piatto meraviglioso… Equilibrato, giustamente sapido, godurioso…

Tagliolini caciocavallo pepe e mortadella IGPTagliolini caciocavallo pepe e mortadella IGP

Siamo sul punto di alzare bandiera bianca ma un assaggio di carne è doveroso. Scegliamo su loro consiglio Pluma di maiale iberico Bellota alla brace con broccoli. L’aggettivo giusto è sorprendente, una carne mai provata prima, mordida, succosa, buonissima..

Pluma di maiale iberico BellotaPluma di maiale iberico Bellota

Come contorno una porzione abbondante di patate al forno … Anche queste ottime.

Patate al fornoPatate al forno

Chiudiamo la nostra cena con un passito, un Rum Don Papa, un po’ di cioccolato extrafondente e cantucci artigianali (fatti da loro). Degna chiusura di una grande serata.

Rum, passito, cioccolato extrafondente e cantucciniRum, passito, cioccolato extrafondente e cantuccini

Chiediamo il conto e paghiamo 95 euro (47.5 euro a testa). Conto adeguato al tipo di esperienza fatta, alla qualità delle materie prime e alla proposta gastronomica.

Maialumeria merita la vostra visita. Ideale per gustare ottimi salumi, formaggi, prodotti di grande qualità o portarli a casa. Le proposte di cucina poi sono studiate e di ottimo livello. Il locale si avvale della consulenza di Raffaele Vitale chef stellato e grande cultore della cucina del territorio presentata in una veste nuova ed accattivante. Molto bravo lo chef Antonio Masucci che si dimostra all’altezza della situazione. Notevole la carta dei vini. Servizio impeccabile. Rapporto qualità prezzo corretto e comunque adeguato al tipo di proposta gastronomica. Imperdibile…

Maialumeria
Corso Europa n. 4
Mugnano del Cardinale (Av)
Tel. 081 825 7268
Visita il sito web di Maialumeria

 

Pubblicato in Campania

Un formaggio eccezionale diventato presidio slow food. Raccontare il conciato Romano significa raccontare la storia di una famiglia, i Lombardi, che da anni con passione, sacrificio e tanto lavoro, portano avanti una vera e propria filosofia di vita e hanno realizzato qualcosa di meraviglioso.

E’ un bel pomeriggio di Gennaio, l’aria è frizzantina e c’è un bel sole. Siamo a Castel di Sasso, un ameno borgo formato da tante frazioni, a dominare il paesaggio, dall’alto c’è il borgo di Sasso, un pugno di case, una chiesa, una torre medievale e tante stradine e vicoletti tra le case di pietra. Intorno il verde è rigoglioso, vivace. Siamo in una zona “fortunata”, quella zona del casertano piena di eccellenze e prodotti meravigliosi, le olive (varietà caiazzana in primis), e il vino (Casavecchia su tutti a partire dalla vicina Pontelatone, città del vino).

Il Panorama dall’Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso (Ce)
Il Panorama dall’Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso (Ce)

Siamo andati a trovare la famiglia Lombardi e Manuel, all’azienda agrituristica Le Campestre, il regno assoluto del Conciato Romano. Qui infatti viene prodotto questo formaggio che ha origini che si perdono nel tempo, uno dei  formaggi italiani più antichi, infatti risalirebbe addirittura all’età sannitica.

Di sicuro ne parlava già il poeta Marziale.La zona di produzione di questo formaggio, divenuto presidio Slow food, è Castel di Sasso e le zone limitrofe (le aree intorno al monte Maggiore). La famiglia Lombardi negli anni ha saputo riproporre questo formaggio che è stato riscoperto e ha conquistato negli anni un sempre maggior numero di appassionati. Una delizia per veri intenditori.

Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce)
Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce)

Raccontare il conciato Romano significa raccontare la storia di una famiglia, i Lombardi, che da anni con passione, sacrificio e tanto lavoro, portano avanti una vera e propria filosofia di vita e  hanno realizzato qualcosa di meraviglioso. Manuel Lombardi oggi rappresenta la naturale evoluzione di questo lavoro di papà e mamma (motori imprescindibili dell’azienda), con un occhio puntato all’importanza dei media e della comunicazione, è un vero e proprio contadino 2.0 (come ama definirsi), spesso lo si vede ospite di programmi televisivi, pronto a decantare la bontà del Conciato e dei prodotti suoi e di altre aziende del territorio, prodotti di questa meravigliosa area geografica.

Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) – Camino centrale e sala interna
Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) – Camino centrale e sala interna

L’azienda agrituristica Le Campestre è un piccolo paradiso, tutto intorno è un declinare di colline, ci si riappropria della natura e in un certo senso di se stessi.  Si sente il proprio respiro mentre si cammina, il sibilare del vento tra le foglie e le fronde, c’è l’orto dove si trovano le verdure del periodo, il vigneto, l’uliveto, l’orto delle erbe aromatiche e poi gli animali: le mucche, i maiali di razza casertana e naturalmente le pecore, le “protagoniste”, grazie al loro latte si fa il conciato Romano.

CONCIATO 6
Azienda agrituristica Le Campestre. Le preziose pecore

Le Campestre è un agriturismo, un’osteria “slow”, dove degustare prodotti genuini del territorio, i prodotti tipici e la cucina della tradizione ma anche creativa della dolce Eulalia (la moglie di Manuel) e della signora Livia Liliana (la mamma).
Si può anche decidere di pernottare in questo angolo di paradiso (l’azienda dispone di sei posti letto). Questo è comunque il luogo dove nasce il Conciato Romano, un formaggio diventato un vero fenomeno, amatissimo dai gourmet e non solo.

Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) – Sala esterna e terrazzo
Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) – Sala esterna e terrazzo

Si tratta di una vera e propria esperienza di gusto, il Conciato viene prodotto facendo coagulare con il caglio di capretto il latte ovino, caprino o bovino, nel caso del Conciato delle Campestre si usa esclusivamente latte di pecora, le “preziose” formette vengono realizzate manualmente, pressate, salate, asciugate e poi “conciate”, con l’acqua delle”pettole”, un tipo di pasta fatta a mano, olio, vino, timo, peperoncino.

Il Conciato Romano e la sua anfora di terracotta dove viene stagionato e “conciato”
Il Conciato Romano e la sua anfora di terracotta dove viene stagionato e “conciato”

Alla fine della lavorazione le formette vengono conservate in un’anfora di terracotta (o contenitori di vetro per controllarne di settimana in settimana la stagionatura e lo sviluppo delle muffe che sono comunque naturali). La stagionatura è di almeno 6 mesi, ma il conciato è un formaggio nato per essere conservato e stagionato anche per anni. Ha un sapore forte, un odore intenso, un gusto persistente quasi piccante quando è molto stagionato, è un formaggio che denota grande personalità. Insomma un vero fuoriclasse! Provare per credere.

Manuel Lombardi ed Eulalia mentre prepara le forme di Conciato Romano
Manuel Lombardi ed Eulalia mentre prepara le forme di Conciato Romano

Azienda agrituristica Le Campestre 
Via Buonomini, n.3
Castel di Sasso (Ce)
Tel. 0823 87 82 77
Visita il sito web dell’azienda agrituristica Le Campestre

Pubblicato in Formaggi

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search