Pane e derivati

Brian Liotti

Brian Liotti

Brian, non fatevi ingannare dal nome, nasce a Napoli sotto il segno dei pesci e mostra fin da piccolo spiccate capacità artistiche e senso estetico. E' giornalista, speaker radiofonico di fama nazionale, direttore artistico, autore, presentatore, blogger, gastronomo per passione ed esperto di marketing e comunicazione. E' un grande appassionato di food, profondo conoscitore dei prodotti tipici, ha un debole per i borghi storici ed è uno strenuo difensore delle tradizioni anche a tavola, contro ogni forma di omologazione e "globalizzazione del gusto". I suoi racconti e le sue recensioni, sempre molto dettagliate, sono paragonabili ad un viaggio dove il gusto cede il passo alle emozioni.

Mercoledì, 04 Dicembre 2019 23:04

Le cartellate pugliesi

Ecco le cartellate, i dolcetti pugliesi tipici delle festività natalizie. Non è Natale senza le cartellate ! Non è una ricetta complicata occorre solo allenarsi con un po’ di manualità.
Grazie al Bar Pasticceria de Angelis ad Orsara di Puglia (Fg) per la ricetta che vi proponiamo.

Ingredienti per una quarantina di cartellate:

- Farina 500 gr.
- 2 uova  
- Olio di Oliva 200 gr.
- Vino bianco 200 gr.
- Sale 5 gr.
- Aroma di Vaniglia (a piacere dipende dai gusti)
- 50 gr di zucchero
- Olio di arachidi (per friggere)
- Vincotto di fichi o uva (per guarnire)

Procedimento:

La prima cosa da fare è setacciare per bene la farina per evitare che si formino grumi. Aggiungiamo alla farina il sale, l'olio, l’aroma di vaniglia, lo zucchero, facciamo la classica piramide con un foro al centro, inseriamo le uova e lavoriamo di gomito impastando e aggiungendo al nostro impasto il vino a filo (non tutto in una volta). Lavoriamo per bene fino l'impasto finche non sarà bello sodo. Formiamo la nostra pallotta di impasto e lasciamola riposare per una mezz’oretta sotto un canovaccio, poi mettiamola per 2/3 ore in frigo (in un contenitore ermetico o in una pellicola per alimenti).
E’ arrivato il momento di formare le cartellate. Dividiamo il nostro impasto in tanti pezzetti, usiamo una macchina per la pasta per stendere bene le nostre strisce. Dobbiamo ottenere una sfoglia simile a quella che facciamo quando prepariamo le tagliatelle. Stendiamo su un piano infarinato e con una rondella (quelle si usa per anche per le chiacchiere) tagliamo delle strisce piccole di 30 cm di lunghezza e 4/5 di larghezza.
Arrotoliamo le strisce a mò di spirale o di rosa e pizzichiamole ogni 4/5 cm per sigillare bene i lembi, conviene tenere sempre le dita umide per fare questa operazione, magari le immergiamo ogni tanto in acqua.
Una volta ottenuta la forma che più ci aggrada e quindi fatte le nostre cartellate, le sistemiamo sulla spianatoia (o sul nostro tavolo dove abbiamo lavorato l’impasto), facciamole riposare per 10/12 ore (l’ideale è farle riposare una notte).
In una pentola mettiamo l’olio e portiamo a temperatura per friggere (sui 170°), immergiamo le nostre cartellate, giriamole di tanto in tanto per ottenere una frittura uniforme. Quando sono belle dorate scoliamole e sistemiamole su carta assorbente. Una volta raffreddate guarniamole con il vincotto.

Cartellate prima di essere guarnite
Cartellate prima di essere guarnite

N.B. Questa è una ricetta che viene fatta in tante famiglie e in tante zone della Puglia, come tutte le ricette tradizionali ci sono diverse varianti. C’è chi nell’impasto non mette l’olio, chi non mette l'uovo, chi usa lo strutto, chi usa un po’ di lievito. Le cartellate poi nel barese e nel foggiano vengono guarnite con il vincotto di uva o fichi. C’è poi (soprattutto nel leccese) chi usa il miele, chi addirittura noci e cioccolato. Quale che sia la variante, una cosa è certa sono buonissime e fanno festa ! Provale. 

Bar Pasticceria De Angelis
Corso della Vittoria n.10
Orsara di Puglia (Fg)
Tel. 0881 964196
Visita la pagina Fb del Bar Pasticceria De Angelis

 

Giovedì, 05 Dicembre 2019 11:59

L'Officina del Gusto. Nola (Na)

Questa volta cominciamo dalla fine, dal momento in cui dopo aver pagato il conto lasciamo L’Officina del Gusto a Nola. Ci prende quella strana e rassicurante sensazione di chi ha trascorso del tempo in un posto che sembra quasi “casa”, tanto è accogliente e intimo e ci prende la voglia di tornare al più presto per gustare qualche altra loro proposta.
Ma riavvolgiamo il nastro a partiamo dall’inizio. E’ Venerdì sera, siamo a Nola di passaggio. Ci fermiamo per cena nella città dei Gigli e di Giordano Bruno, è l’occasione buona per andare in un posticino che avevamo in agenda da un po’: l’Officina del Gusto.

LOfficina del Gusto NolaOfficina del Gusto Nola

Siamo in pieno centro storico in Via del Mercato, alle spalle del Teatro Umberto e a pochi passi dalla centralissima Piazza Duomo. Entriamo e l’atmosfera è davvero piacevole. Sulla sinistra un grande angolo gastronomia con bancone di salumi, formaggi e carni in bella vista, il locale è in stile “industrial” ma senza eccessi, sembra quasi di essere in un bistrot metropolitano, ci sono i tavolini e un piacevolissimo salottino ideale per bere un calice e accompagnandolo a taglieri di salumi e formaggi (tutti selezionati).
A fare gli onori di casa Antonio Spera (che scopriamo essere l’oste e il titolare) e la sua compagna Anastasia. Sono due ragazzi giovani, pieni di passione e capaci di mettere gli ospiti a loro agio. Una loro grande dote è il sorriso, è bello quando chi ti ospita lo fa con il sorriso e con la voglia di farti stare bene. 
Ci accomodiamo al nostro tavolo (prenotato per tempo) e diamo un’occhiata al menù.
L’atmosfera  è davvero piacevole, ulteriore nota di merito per la musica in sottofondo del grande Pino Daniele, cosa volere di più …
In carta ci colpisce soprattutto la ricchezza della proposta per quanto concerne salumi, formaggi, scelti e selezionati con cura. E ancora focacce, panini, crostoni, rosette farcite con ogni ben di Dio, e poi quattro proposte di primi, quattro secondi ma anche le insalate. Chiaramente protagonista è la carne, di ottima qualità a cominciare dalla mitica manzetta prussiana, che ci ripromettiamo di venire a provare. 

Questa sera ci va però di cenare in modo tradizionale, un po’ come fossimo a casa, e abbiamo voglia di provare anche i primi. Da bere prendiamo una minerale e (su consiglio di Antonio) due calici di rosso, un bell’aglianico DOP: Irpinia Campi Taurasini Elio dell'azienda Altavigna. Un vino di grande struttura, con buoni tannini, equilibrato e con note di frutti rossi e spezie. Davvero un’ottima scelta. 

Irpinia campi Taurasini ElioIrpinia campi Taurasini Elio di Altavigna

Ordiniamo per cominciare un antipasto dell’Oste. Un tripudio di proposte stuzzicanti.

Antipasto dellOsteAntipasto 

A cominciare dagli involtini di melanzane ripieni di pistacchio di Bronte e mortadella artigianale, buoni ma forse un po’ asciutti …

Involtini di melanzanaInvoltini di melanzana

Le sempre gradite bruschette una con finto ragù, l’altra con pomodorini. Molto buone…

BruschetteBruschette

Una voluttuosa tiella di porchetta di Ariccia. Squisita, chi ama la porchetta gradirà…

Tiella di porchetta di AricciaTiella di porchetta di Ariccia

Dei paccheri fritti ripieni di ricotta, nella media…

Paccheri frittiPaccheri fritti

Degli squisiti fagioli alla messicana, che ho trovato ottimi, ben cucinati e con una meravigliosa carne macinata.

Fagioli alla messicanaFagioli alla messicana

Un piccolo cuoppo di polpettine da intingere nella salsa e mangiare. Buonissime le polpette, attenzione che creano dipendenza. Sono peggio delle ciliegie, una tira l’altra!

Cuoppo di polpettineCuoppo di polpettine

E a chiudere la proposte dell’antipasto dell’Oste un simpatico “buccacciello” con la parmigiana di melanzane, profumata, generosamente condita. Quasi una crema, golosissima..

Buccacciello di parmigianaBuccacciello di parmigiana

Dopo questo gustoso incipit, chiediamo all’Oste Antonio di gustare una cosa che avevo visto in menù e mi aveva incuriosito: la cotoletta di mortadella, impanata con i corn flakes. Viene servita con salsa al pistacchio e salsa bbq. Rivelazione, originale e strabuona.

Cotoletta di mortadellaCotoletta di mortadella

Nell’attesa dei primi che abbiamo scelto ci godiamo la serata, si è creata quella giusta alchimia che rende speciali certe serate. Di tanto in tanto la gentile Anastasia passa per chiederci se tutto stia andando per il meglio. Risposta affermativa, ma la prova del nove sono i primi piatti … Eccoli ! Spaghetti alla Nerano con provolone del Monaco DOP, cucinati egregiamente. Perfetta la cottura della pasta e fantastico l'equilibrio che c'è tra il dolce delle zucchine e la nota marcata e lievemente sapida del Provolone del Monaco.

Spaghetti alla NeranoSpaghetti alla Nerano

L’altro primo è un inno alla tradizione: pasta e patate fatta con la provola e pancetta paesana. Mantecata benissimo, l’ho trovata buona e “rassicurante” come il sorriso della nonna.

Pasta e patatePasta e patate

Siamo davvero pieni, ma almeno un secondo (da dividerci) vogliamo gustarlo. Optiamo per un bell’hamurger di scottona macinato al momento, servito con dei broccoli baresi saltati in padella con un po’ di peperoncino. Eccellente la carne. Chapeau.

Hamburger di scottona con broccoletti baresiHamburger di scottona con broccoletti baresi

Saltiamo il dolce, prendiamo due amari e il conto. Paghiamo per la nostra cena 67 euro in due.  

Dobbiamo farei complimenti ad Antonio Spera e Anastasia. Hanno realizzato il loro sogno, quello di dar vita ad un locale che fa dell’accoglienza, del sorriso e del buon cibo i sui segni distintivi. Un po’ bottega (infatti si possono anche acquistare i prodotti che gustate), un po’ bistrot, un po' vineria, bello poi il salottino dove sorseggiare un buon calice mentre si chiacchiera con gli amici, accompagnandolo a taglieri di salumi e formaggi selezionati . La cucina dell'Officina del Gusto  è interessante, poche proposte ma cucinate a dovere. E cosa impagabile quella bella sensazione di sentirsi coccolati come a casa. Servizio puntuale e informale, corretto il rapporto qualità prezzo. Bravo Antonio, papà sarebbe orgoglioso di te. Da provare, parola dei Templari del Gusto.

L’Officina del Gusto
Via del Mercato n. 13
Nola (Na)
Tel. 081 461 60 88
Visita la pagina Fb dell’ Officina del Gusto Nola

 




Sabato, 30 Novembre 2019 11:12

Paccheri al vino casavecchia con la genovese

Vi proponiamo la ricetta di un primo piatto dello chef Enrico Sabino gustato all’Agriturismo Le Fontanelle di Pontelatone, si tratta dei paccheri al vino Casavecchia con la genovese. Questa è una genovese leggera, gustosa e che vi darà soddisfazioni.

Ingredienti per quattro persone:

- 400 gr. di paccheri al vino Casavecchia del Pastificio Punto e Pasta di Pontelatone
- 100 gr. di carne di maiale tagliata a piccoli cubi
- 100 gr. carne di vitello tagliata a piccoli cubi
- 1 costa di sedano tritata
- 2 carote tritate
- 400 gr. di cipolle tagliate a fette
- Sale q.b.
- Pepe q.b.
- Acqua q.b.
- Un bicchiere di vino bianco

Procedimento:

Rosolare la carne con sedano e carote, una volta rosolata, sfumare con il vino bianco.
Successivamente aggiungere le cipolle, far cuocere 10 minuti a fuoco basso assieme alla carne e bagnare il tutto con acqua abbondante e lasciar sobbollire per un paio di ore circa in modo tale da far cuocere bene la cipolla ma allo stesso tempo farla rimanere consistente.
Aggiustare di sale e pepe. Una volta pronto il sugo, calare la pasta. Una volta cotta mantecarla per bene con il sugo e servire.

 

Agriturismo Le Fontanelle
Via Salomoni Acquasanta
Pontelatone (Ce)
Tel. 0823 659263 – 347 2926204 – 347 7105566
Visita il sito web dell’Agriturismo Le Fontanelle

 

 

Giovedì, 28 Novembre 2019 21:04

N'ata Luna. Grottaminarda (Av)

Giornata uggiosa, una giornata di pioggia di quelle che staresti rintanato in casa in pantofole e resteresti ore a fissare il cielo ad ascoltare il ticchettìo dell’acqua che cade giù. Noi siamo usciti e per pranzo siamo tornati da N’ata Luna, cucina e caffè a Grottaminarda. Eravamo rimasti davvero colpiti nella nostra precedente visita e il desiderio di gustare qualcuna delle proposte del nuovo menù ci ha sopraffatto. Del resto eravamo memori della bella atmosfera che si respira in questo tempio del gusto: “good vibes” direbbe qualcuno e in effetti è così.
N’ata Luna già oggi rappresenta una certezza, un riferimento. E’ un locale “globale”, dove puoi fare colazione, concederti una pausa caffè, incontrare amici, coccolarti con i dolcetti, fare un pranzo veloce, pranzare in maniera più rilassata, cenare o concederti un fantastico aperi-food con stuzzicanti proposte di cucina e materie prime eccellenti (va fortissimo soprattutto la Domenica sera).

Nataluna Grottaminarda Av Sala e cantinaNataluna Grottaminarda (Av) - Sala e cantina

 N’ata Luna nasce dalla partership con l’azienda Caffè Vergnano 1882 e grazie alla passione, alla caparbietà e all’intuizione di Vincenzo Panico (persona a modo e gentile, nella vita consulente aziendale ma “gourmet” nell’animo e con una smodata passione per il “bon vivre”). Con lui la moglie Antonella (instancabile e precisa, un vero vulcano di energia) e altri componenti della famiglia.
Arrivare qui come vi abbiamo raccontato nella precedente esperienza è semplicissimo, siamo in Contrada Ruvitiello a Grottaminarda a pochissimi Km dal casello di Grottaminarda della A-16. C’è un ampio e comodo parcheggio. 

All’interno il locale è un vero spettacolo: ampio, luminoso. Dominano il legno, i colori chiari. Bellissimi i tavoli e le sedie dallo stile volutamente un po’ retrò.

Nataluna. Grottaminarda Av particolare internoN'ata luna Grottaminarda (Av) - particolare interno

Suggestivo l’angolo cantina. Piacevole e di gran gusto la musica di sottofondo.
Insomma tutto è studiato nei dettagli, questo è un luogo raffinato, di gusto ma non troppo “formale”. Qui ti senti davvero a casa in un clima di assoluto relax. 
Ma andiamo alla proposta gastronomica. In cucina a comandare le operazioni c’è il giovane chef Salvatore Marino (a parer nostro un vero talento) e la sua brigata: ragazzi giovani e capaci. 
Guardiamo il menù, ci sono 3 menù degustazione (di 4, 5 o 6 portate), a cui si può abbinare la degustazione “nel bicchiere”, sono 3 percorsi (consigliati dal sommelier) da accompagnare al menù scelto. La cosa che colpisce è come tutto parta dalla tradizione, ci sono piatti “irpini”, debitamente rivisitati e presentati in chiave originale. In questo periodo spicca anche la presenza tra le altre cose del baccalà (da queste parti una piccola istituzione). Noi decidiamo di ordinare a la carte. 

Prima ci servono un interessante entrèe: una morbidissima ricotta di vaccino montata con gel di pompelmo e nocciola. Buonissima.

EntréeEntrée

Arrivano i pani, i grissini e i tarallucci di loro produzione. Attenzione a non esagerare, sono infatti talmente buoni da creare dipendenza …

Grissini e tarallucciGrissini e tarallucci

Da bere ordiniamo una minerale e due calici di un vino fantastico: il grecomusc cantine Lonardo dell'azienda agricola Contrade di Taurasi, ottenuto da uve rovello bianco (roviello), un vitigno non molto diffuso e per questo prezioso. Ne vien fuori un bianco incredibile, di un bel colore giallo paglierino con una bella nota acida e una mineralità accentuata. Secco e di grande intensità. Un vino sorprendente.

Il Grecomusc di Cantine LonardoIl Grecomusc di Cantine Lonardo

Ordiniamo due antipasti. Un commovente uovo cotto a 65 ° con fonduta di pecorino di laticauda e pepe verde. Ve lo consigliamo amici.

Uovo cotto a 65 con fonduta di pecorino di Laticauda e pepe verdeUovo cotto a 65 con fonduta di pecorino di Laticauda e pepe verde

Avvolgente come l'abbraccio materno, rassicurante come il sorriso della nonna, morbido, gustoso con la bella nota sapida della fonduta di pecorino (meraviglioso). Anche se non è elegante abbiamo dovuto cedere alla scarpetta.

Uovo cotto a 65 con fonduta di pecorino di Laticauda e pepe verde dettaglioUovo cotto a 65 con fonduta di pecorino di Laticauda e pepe verde dettaglio

L’altro antipasto è stato una sorpresa: un baccalà mantecato, lavorato egregiamente, servito con pane croccante e melograno. Davvero notevole.

BaccalàBaccalà

Insomma l’incipit è stato degno di nota. Non sono da meno i primi. Abbiamo preso un piatto di spaghettoni del “Pastificio Gentile” con vongole, pomodorini confit e polvere di tarallo napoletano. Interessanti ma forse a parer mio leggermente asciutti.

Spaghettoni con vongole pomodori confit e polvere di tarallo napoletanoSpaghettoni con vongole pomodori confit e polvere di tarallo napoletano

Decisamente di un altro livello il risotto acquerello con porcini, zafferano di Lacedonia e capesante. Qui abbiamo dovuto doverosamente fare i complimenti allo chef Salvatore Marino. Mantecatura del riso perfetta, morbido, avvolgente, gustoso, con un perfetto equilibrio.

Risotto acquerello con porcini zafferano di Lacedonia e capesanteRisotto acquerello con porcini zafferano di Lacedonia e capesante

Di tanto in tanto passa il maitre Michele (cordiale e preparato) a sincerarsi che tutto stia andando per il verso giusto. Stiamo vivendo una bellissima esperienza gastronomica. Decidiamo di degustare anche due secondi e la scelta cade su una pancia di maiale con crema di castagne e malannurca. Fantastico il maiale che si scioglieva letteralmente in bocca, azzeccato l’abbinamento con la melannurca e la castagna.

Mailaino con crema di castagne e melannurcaMailaino con crema di castagne e melannurca

Strepitoso il filetto di manzo (media cottura come da nostra richiesta) servito con scarola napoletana saltata e salsa alla pizzaiola (divina, immaginiamo uno spaghetto condito con questo ben di Dio). La carne è di pregio, cotta e servita a regola d’arte. Due secondi davvero strepitosi.

Filetto di manzo alla pizzaiola con scarola napoletana saltataFiletto di manzo alla pizzaiola con scarola napoletana saltata

Accompagniamo i secondi con delle sempre gradite e buone patate leggermente fritte e poi passate in forno.

PatatePatate

Chiudiamo in dolcezza con un dessert da dividerci: semifreddo alla vaniglia con vecchie albicocche del Vesuvio, in pratica una composta di “pellecchielle” dell’area vesuviana. Una poesia questo dolce.

Semifreddo alla vaniglia con albicocche del Vesuvio pellecchielleSemifreddo alla vaniglia con albicocche del Vesuvio pellecchielle

Accompagniamo il dolce con caffè e un buonissimo Ratafià di Nonna Erminia dell’azienda agricola Di Meo di Salza irpina. Spettacolare, un liquore a base di aglianico di Taurasi con aggiunta di foglie di amarena e ciliegio oltre a diverse erbe in infusione insieme ad alcool e zucchero. Il risultato è una vera sinfonia.
Per il nostro pranzo paghiamo 75 euro in due. Rapporto qualità – prezzo assolutamente corretto.

N’ata Luna si conferma alla grande. Questo è a parer nostro un luogo d’eccellenza. Qui trovate davvero tutto, si può venire in ogni momento della giornata. Bellissima la struttura, arredi stupendi, altrettanto bella l’atmosfera che si respira qui. Locale raffinato ma senza eccessi, qui ti senti davvero a casa. La cucina poi è eccellente, c’è una grande attenzione alla scelta dei prodotti e della materia prima. Tutto parte dalla tradizione irpina che viene reinterpretata e in parte rivisitata, lo chef Salvatore Marino è molto bravo, ha talento, passione e ampi margini di crescita. Questo ragazzo farà strada, vedrete. Interessante poi la sua giovane brigata di cucina. Michele in sala è pressoché perfetto. Complimenti al Deus ex machina di questo luogo del buon vivere e del gusto: Vincenzo Panico, un visionario, un uomo di ingegno e cultura che ha deciso di investire in un progetto davvero bello, con lui la moglie Antonella Tocco, Claudio e Lucia. N’ata Luna è una gran bella storia, un’avventura che promette sorprese e soddisfazioni. Indirizzo imperdibile. Fateci un salto, ci darete ragione. Eccellenza.


N’ata Luna
Contrada Ruvitiello
Grottaminarda (Av)
Tel. 0825 188 0611
Visita il sito web di N’ata Luna

Visita la pagina Fb di N’ata Luna



Martedì, 19 Novembre 2019 00:37

Maialumeria. Mugnano del Cardinale (Av)

Siamo tornati a distanza di tempo in un posticino recensito in passato e che ci aveva davvero conquistato: Maialumeria. Era troppo forte il desidierio di riassaporare i loro salumi e la loro proposta gastronomica.
Siamo a Mugnano del Cardinale, zona del baianese. Arrivare qui è davvero facile, infatti il casello di Baiano della A-16 dista solo un paio di km dal locale. Parcheggiamo senza problemi a pochi metri dal locale e ci accomodiamo.
Il locale è dedicato a sua maestà il maiale, ed è sicuramente un'idea accattivante e simpatica. 

Sua maestà il maialeSua maestà il maiale

Maialumeria regala la stessa piacevole sensazione della prima volta: oltre 100 coperti, uno spazio importante, predomina il legno, molto bello la sorta di privè all’ingresso separato dal resto del locale solo da alcune vetrate, un tavolo concepito per la degustazione di vini, salumi e formaggi. C’è una bellissima cucina a vista, un imponente bancone di salumi e formaggi. Ma l’ambiente più caratteristico è sicuramente una stanza con mattoncini alle pareti per la stagionatura e l’affinamento di prosciutti e culatelli. Entrando il profumo è inebriante, intenso. Osservare voluttuosi prosciutti, accattivanti culatelli e salumi appesi in bella mostra è davvero un bel vedere.

Stanza per affinamento e la stagionatura di prosciutti e culatelliStanza per affinamento e la stagionatura di prosciutti e culatelli

Maialumeria è un punto di riferimento per chi ama i buoni salumi, i formaggi di qualità, qui si possono degustare e acquistare prodotti: un po’ bistrot, un po’ market quindi . Qui puoi fare spesa di eccellenze, dalla pasta, alle conserve, dai prodotti biologici ai vini (tantissime le etichette presenti), dalle marmellate all’olio, dai legumi all’aceto. Insomma c’è un mondo da scoprire. E’ un vero e proprio bengodi per chi ama la qualità di prodotti e materie prime. Dietro il progetto di Maialumeria c’è la storia imprenditoriale della famiglia Schettino, sono da anni produttori di salumi di ottima fattura.

Perla di saggezzaPerla di saggezza

Diamo un’occhiata al menù, ci sono 4 proposte di antipasti e 3 di montanarine servite sempre tra gli antipasti, e poi una variegata offerta di taglieri di salumi e formaggi con salumi italiani ed esteri selezionati e in alcuni casi di gran pregio: di razza casertana, l’Iberico e il raro Mangalica ungherese (solo per citarne alcuni). E ancora i primi (sono sei i piatti proposti) e chiaramente la carne, vera grande protagonista. Da bere ordiniamo una minerale e due calici di aglianico, sarà lui il nostro sicero compagno di viaggio per la cena. Prima dell’antipasto ci servono uno stuzzicante entrèe: bignè crema di formaggio, rapa rossa e noci.

EntrèeEntrèe

Diamo il via alle danze, ordiniamo una porzione di montanarine con straccetti di bufala e alici di Cetara. Spettacolari, il fritto asciutto, non unto, fantastica la morbidezza degli straccetti di bufala a stemperare la nota sapida delle alici.

MontanarineMontanarine

>Non possiamo esimerci dall'ordinare un tagliere, optiamo per un tagliere con Parma 24 mesi, culatello, pancetta arrotolata, coppa, salame. Eccellente la qualità dei salumi, buonissimo il Parma, commovente il culatello. Saporito e accattivante il salame (attenzione crea dipendenza tanto che è buono).

Tagliere di salumiTagliere di salumi

Prendiamo anche una piccola degustazione di formaggi: toma, Moliterno, pecorino Sardo e Stilton di Nottingham erborinato con confettura di fichi e miele. Un tripudio di sapori, nota di merito per il Moliterno (ho un debole per questo formaggio) e per il Nottingham, delizioso..

Degustazione di formaggiDegustazione di formaggi

La serata procede a meraviglia, stiamo scaldando i motori.. Vai con i primi.. 

Riprendo un piatto che adoro: la caciocavallo e pepe. Tagliolini Cavalier Cocco con caciocavallo podolico, pepe, mortadella IGP e granella di pistacchio. Delicati, ma sapidi allo stesso tempo, equilibrati con quel tocco di voluttà data dalla mortadella e la nota croccante della granella di pistacchio. Tanto buoni che volentieri avrei fatto il bis.

Tagliolini caciocavallo e pepeTagliolini caciocavallo e pepe

Notevole è anche la carbonara fatta con gli spaghetti del Pastificio Gentile, guanciale di razza casertana e le uova di Paolo Parisi. Spettacolo …

CarbonaraCarbonara

Saremmo sazi ma un secondo in due decidiamo di prenderlo, la scelta cade sulla maialata ossia costata di maiale in cotoletta con panatura croccante su maionese di papaccelle. Fantastica la carne, cotta alla perfezione, nonostante il tipo di preparazione e il diametro generoso si mantiene morbida e succosa. Che buona la panatura e che abbinamento riuscito quello con la maionese di papaccelle !

La MaialataLa Maialata

Purtoppo data anche l’ora tarda non riusciamo a trovare spazio per il dolce ordiniamo due amari e il conto. Paghiamo per la nostra cena 76,00 euro in due. Rapporto qualità prezzo giusto se consideriamo la grande qualità degli ingredienti e delle proposte.

Maialumeria
a Mugnano del Cardinale si conferma come indirizzo sicuro. E’ un vero e proprio paradiso per chi ama carni, salumi e formaggi. Il locale poi è spettacolare. La creatura della famiglia Schettino veleggia alla grande grazie ad una proposta coerente e a una qualità sempre elevata di materie prime, prodotti e proposte. La cucina è di gran livello grazie all’abilità dello chef Antonio Masucci e alla sua brigata. Servizio impeccabile (nonostante il pienone del Sabato sera), giusti i tempi di attesa. Da non perdere, garantiamo noi dei Templari del Gusto.



Maialumeria
Corso Europa n. 4
Mugnano del Cardinale (Av)
Tel. 081 825 7268
Visita il sito web di Maialumeria

 

Siamo a San Marco dei Cavoti, un borgo dalla storia antichissima, situato quasi a 700 metri sul livello del mare, siamo nella zona del Fortore beneventano. La particolarità di San Marco è che è l’unico paese della Campania ad avere fondazione e origine provenzale.

San Marco dei Cavoti Bn Panorama dal Belvedere Grazionella Oggi Belvedere Mons Michele MarinellaSan Marco dei Cavoti Bn Panorama dal Belvedere Grazionella Oggi Belvedere Mons Michele Marinella

San Marco dei Cavoti è conosciuto ai più come paese del torrone e a far nascere questa tradizione fu Innocenzo Borrillo che dopo importanti esperienze come garzone in alcune note pasticcerie di Napoli, nel 1891 tornato a San Marco, cominciò l’attività di pasticcere dedicandosi in particolare alla produzione di dolci e del torrone.
Innocenzo Borrillo inventò quello che negli anni è diventato un must, il torrone Baci, la specialità della casa: un croccantino squisito di mandorle e nocciole ricoperto di goloso e pregiato cioccolato fondente extrafine. Negli anni successivi la tradizione del torrone e del croccantino ha fatto proseliti. Oggi San Marco conta numerose interessanti realtà e importanti aziende che producono torrone, croccantini e bontà dolciarie ma tutto cominciò in quel lontano 1891.

Cav Innocenzo Borrillo Una vera istituzioneCav Innocenzo Borrillo - Una vera istituzione

Quel laboratorio di bontà è ancora qui a san Marco e nel tempo si è trasformato nella Premiata Fabbrica di torroni Innocenzo Borrillo conosciuta in Italia e anche all’Estero.

Oggi Siamo alla terza generazione, dopo il cavaliere Innocenzo Borrillo l’attività è passata al figlio Arturo e oggi al comando c’è il nipote, Innocenzo come il nonno, un uomo gentile, garbato e rigoroso, custode di una storia e di una tradizione incredibili. Capace di migliorare e incrementare il processo produttivo rispettando sempre la assoluta artigianalità del prodotto.

Confezione di Torroni BaciConfezione di Torroni Baci

Qui a San Marco dei Cavoti veniamo spesso in questo negozio-laboratorio che ha mantenuto tutto il suo fascino, che profuma di tradizione e dove tutto sembra raccontare una storia antica fatta di dolcezza, tenacia e passione. E’ davvero uno spettacolo entrare e immergersi nel passato, attendere nella Buvette il proprio turno, degustare e acquistare torroni, dolci, pasta reale e le meravigliose cassatine.

Innocenzo Borrillo Interno Un fascino senza tempoInnocenzo Borrillo Interno - Un fascino senza tempo

Innocenzo Borrillo è una tappa obbligata. Ci veniamo spesso in goloso e devoto “pellegrinaggio”.
Qui trovate oltre al buonissimo torrone, l’antica pasticceria napoletana, i sospiri, la buonissima pasta di mandorle e le inimitabili cassatine. Noi facciamo sempre scorta di torroni Baci, la specialità della casa, dei croccantini realizzati artigianalmente con mandorle e nocciole, ricoperti di cioccolato fondente extrafine: una bontà incredibile. Il segreto sta tutto nella scelta accurata degli ingredienti, dei prodotti e nella lavorazione manuale e artigianale. Nel paiolo di rame si fonde lo zucchero, che viene fatto caramellare e a cui si aggiunge la granella di mandorle e nocciole. Poi viene disposto su un tavolo, tagliato e si formano questi lingottini che sono ricoperti di goloso cioccolato fondente extrafine. Una lavorazione che conferisce ai Torroni baci un sapore unico, lo stesso di oltre un secolo fa.

Torroni Baci Dettaglio Torroni Baci Dettaglio

Altra cosa che da anni ci ha conquistato è la mitica cassatina: sul fondo pan di Spagna all’interno finissima ricotta di latte vaccino lavorata abilmente con gocce di cioccolato e sopra una pasta di mandorle delicata. La cassatina è una carezza, morbida, voluttuosa, delicata. Crea dipendenza! E piace a tutti quelli che l’hanno scoperta e gustata.

Le cassatine di Innocenzo BorrilloLe cassatine di Innocenzo Borrillo

Venire qui significa immergersi nella storia, nella tradizione. La location è suggestiva e ci riporta indietro nel tempo. Oltre a torrone, torrone Baci e cassatine, qui tutto è strabuono, dai dolcetti, alla pasticceria. Trovate anche prodotti del territorio di piccole e valide aziende locali. Innocenzo Borrillo entra di diritto nella categoria degli indirizzi imperdibili. Eccellenza. 

La mitica cassatina di Innocenzo Borrillo


Innocenzo Borrillo
Via Roma, 64
San Marco dei Cavoti (Bn)
Tel. 0824 984060

 

Venerdì, 15 Novembre 2019 08:12

Agape ristorante. Sant'Agata de' Goti (Bn)

Siamo tornati da Agape Ristorante a Sant’Agata de’ Goti, dopo la prima nostra visita eravamo curiosi di gustare qualcuna delle proposte del nuovo menù del bravissimo chef Gabriele Piscitelli. Ma riavvolgiamo il nastro e partiamo dal principio.
Siamo all’inizio di Via Roma nel centro storico di Sant’Agata de’ Goti, uno dei borghi più belli e suggestivi d’Italia, un piccolo scrigno di tesori, tra arte, storia, cultura e una natura che da queste parti è stata davvero generosa. All’interno dello storico palazzo Viscardi c’è appunto Agape ristorante.

Agape ristorante Santagata de GotiAgape Ristorante - Sant'Agata de' Goti (Bn) 

Entriamo e avvertiamo la stessa meravigliosa sensazione della prima volta: all’ingresso una sorta di salottino o angolo relax, bellissimi i pavimenti antichi, le pareti bianche, i tavoli che sono veri e propri oggetti di design realizzati artigianalmente, antichi mobili (alcuni di gran pregio), in fondo una parte della cucina a vista. Nel complesso un ambiente raffinato, elegante ma che regala un senso di piacevole familiarità. 

Agape Ristorante. SantAgata de Goti Bn Particolare salaAgape Ristorante - Sant'Agata de Goti (Bn) - Particolare sala

Veniamo accolti con la consueta gentilezza e con grande professionalità dal personale e da Gianna Piscitelli, anima insieme al fratello Gabriele di questo piccolo tesoro di ristorante. Gianna oltre ad essere la padrona di casa è una sommelier di assoluto livello ed è molto brava a spiegare proprietà, caratteristiche de vari vini in carta e gli abbinamenti ideali.
Come al solito diamo un’occhiata al menù, (da notare come questo cambi stagionalmente in base alla reperibilità dei prodotti e delle materie prime). Ci sono quattro proposte di antipasti, quattro primi, cinque secondi oltre ai dessert. C’è anche l’opzione del menù degustazione, noi decidiamo di ordinare “a la carte”.
Su consiglio di Gianna abbiniamo un calice di prestige blanc della Masseria Frattasi, uno spumante extra-dry ottenuto da uva falangina, con un profumo intenso e un delizioso e persistente perlage. Davvero ottimo.

Prestige Blanc della Masseria FrattasiPrestige Blanc della Masseria Frattasi 

Arrivano i grissini artigianali e i loro pani. Intanto ci servono un entrèe notevole: carpaccio di manzo con tre differenti emulsioni, una al limone, una all’arancia, l’altra alle rape rosse e germogli. Fantastico.

EntrèeEntrèe

Ordiniamo due antipasti e accompagniamo il nostro pranzo con due calici di Artus Piedirosso Sannio DOC dell’azienda Mustilli. Giochiamo in casa quindi con un grande vino di Sant’Agata de’ Goti. Direi ottima scelta, un rosso delicato, intenso, molto fruttato con note di frutti rossi, tannino morbido ideale per il nostro pranzo che vedrà sia proposte di terra che di mare.

Artus di MustilliArtus di Mustilli

Dopo un po’ arriva il primo antipasto: uovo in purgatorio cotto a 65° con croccante di pomodoro e spuma di caprino. Assolutamente divino. Perfetto l’abbinamento con la spuma di caprino e interessante la componente croccante di questa sorta di cialda al pomodoro. Davvero un gran piatto.

Uovo in purgatorio con croccante di pomodoro e spuma di caprinoUovo in purgatorio con croccante di pomodoro e spuma di caprino

L’altro antipasto lo avevamo già provato la prima volta ma visto che ci era piaciuto lo abbiamo voluto gustare di nuovo: mozzarella di bufala DOP ripiena di tartare di gamberi imperiali, e nel piatto funghi shiitaki e una composta di pomodorini gialli.

Bufala campana DOP dal cuore di tartare di gamberi imperialiBufala campana DOP dal cuore di tartare di gamberi imperiali

La mozzarella subisce una leggera affumicatura ed molto bello è il momento in cui si alza la campana di vetro e arriva questo effluvio, inebriante. Poi una volta adagiata la mozzarella nel piatto il sapore è estasi pura. Complimenti.

Bufala campana DOP dal cuore di tartare di gamberi imperiali servita leggermente affumicataBufala campana DOP dal cuore di tartare di gamberi imperiali servita leggermente affumicata

Ordiniamo anche due primi: bucatini con broccoli e straccetti di maiale croccante. Li abbiamo trovati assolutamente divini. Perfetta la cottura della pasta, bellissima la combinazione dei broccoli e degli straccetti di maiale (tra l’altro morbidissimi).

Bucatini broccoli e straccetti di maiale croccanteBucatini broccoli e straccetti di maiale croccante

L’altro piatto sono dei tubettoni con provolone, cozze e spuma di cozze. Questo piatto mi ha emozionato, poesia nella sua studiata semplicità: un perfetto equilibrio di sapori, la giusta sapidità delle cozze che ben si associa alla spuma di provolone.

Tubettoni con provolone e cozzeTubettoni con provolone e cozze

Il nostro pranzo procede davvero alla grande. Di tanto in Gianna passa a trovarci per controllare che tutto vada per il meglio. Intanto ordiniamo un secondo in due e la scelta ricade su un filetto di tonno marinato in succo di arancia con scarola liquida e funghi porcini. Parto dal tonno, di qualità eccelsa, morbido, profumato, perfetta e delicata la marinatura effettuata nel succo di arancia. Bella la nota amarognola della scarola e il contrasto con il sapore deciso dei porcini. Anche questo un grande piatto. Chapeau.

Filetto di tonno marinato in succo di arancia con scarola liquidaFiletto di tonno marinato in succo di arancia con scarola liquida

Prima del dolce ci servono un graditissimo pre-dessert: un fresco e goloso bon bon al cioccolato fondente con ripieno di mango e frutto della passione.

Bon bon al mango frutto della passione e cioccolato fondenteBon bon al mango frutto della passione e cioccolato fondente

Scegliamo un dolce in due: un cake alle noci con cremoso al mandarino e composta di fichi. Una proposta di stagione quindi. Delizioso il cake alle noci.

Cake alle noci con cremoso al mandarino e composta di fichiCake alle noci con cremoso al mandarino e composta di fichi

Accompagniamo il dolce con due calici di Moscato di Baselice della Masseria Frattasi. Adoro questo passito barricato, di un bel colore giallo, profumi di frutta matura e una bella nota minerale. Un passito che nasce nel Fortore beneventano a Baselice. 

Passito di Baselice della Masseria FrattasiPassito di Baselice della Masseria Frattasi

Paghiamo per il nostro pranzo 90 euro in due. Assolutamente corretto il rapporto qualità prezzo, in relazione alla qualità e al livello della proposta gastronomica.

Se la prima volta Agape Ristorante ci aveva sorpreso adesso conferma appieno la nostra prima impressione. Questo tipo di ristorante mancava in zona. Lo chef Gabriele Piscitelli si conferma talento purissimo, mostrando grande preparazione, grande perizia, tecnica e soprattutto grande passione. I suoi piatti sono studiati nei minimi dettagli, originali gli abbinamenti con un sapiente uso dei prodotti stagionali e del territorio. La sua è una cucina che regala emozioni. Gianna in sala è superba, garbata, professionale e valida sommelier saprà accompagnarvi, coccolarvi e consigliare il vino giusto da accompagnare ai piatti che avete scelto. Il resto lo fa la location davvero suggestiva, la magia di una dimora storica come Palazzo Viscardi e la bellezza del centro storico di Sant’Agata de’ Goti parlano da soli. Se non vi accontentate di pranzare o cenare ma cercate emozioni fate un salto qui. Garantiamo noi.

 

Agape Ristorante
Via Roma – Piazza Ludovico Viscardi
Sant’Agata de’ Goti (Bn)
Tel. 338 296 1502
Visita la pagina Fb di Agape Ristorante

L’ Autunno ingrossa le sue fila, è tempo di camino, di castagne e buon vino,da accompagnare naturalmente al piacere di poter assaporare piatti genuini dai sapori inconfondibili. Rappresenta inoltre anche un'occasione, per tanti escursionisti, per passare una giornata all'aria aperta ed ammirare il foliage autunnale lungo il percorso delle nostre amene colline,ricche di variegati boschi profumati.
Seguendo questo ilare solco vi segnaliamo un appuntamento enogastronomico da non perdere: l’ottava edizione di “ Vino Casavecchia e Castagne”.
Quest’ anno è attesa una novità importante, al fine di onorare la presenza dell’Agriturismo Le Fontanelle sulla Guida SLOW FOOD “Osterie d’ Italia 2020”, oltre al Vino e alle Castagne il menù sarà arricchito da prodotti Presìdi Slow Food Casertani: i ceci di Teano, il Conciato Romano e la Cipolla di Alife. L’ evento si terrà presso l'Agriturismo le Fontanelle, a Pontelatone (Ce). 

Il ProgrammaIl Programma


ESCLUSIVAMENTE nei giorni di Sabato 16, Sabato 23 e Sabato 30 NOVEMBRE 2019, a PRANZO e CENA.

Uva Casavecchia appena raccoltaUva Casavecchia appena raccolta

"Casavecchia e Castagne" e’ una manifestazione tradizionalmente a carattere promozionale, pertanto il costo del menu, compreso di vino Casavecchia ed acqua, è proposto ad un prezzo favorevole: soli 25,00 euro.
Oltre alla degustazione è prevista l’esposizione e la vendita di prodotti locali, oltre al vino delle Fontanelle (in particolare le etichette SAN LARO e PETRONILLA), miele, olio evo, mele, pasta artigianale, salumi e formaggi.

Foto ultima vendemmia al vigneto Petronilla che dà origine al nome del Casavecchia in bottiglia che Le Fontanelle produceFoto ultima vendemmia al vigneto Petronilla che dà origine al nome del Casavecchia in bottiglia che Le Fontanelle produce

Ecco l’elenco delle aziende del territorio presenti, che esporranno durante la manifestazione e venderanno al pubblico i loro prodotti, oltre chiaramente al vino delle Fontanelle: Azienda agricola le FontanellePontelatone (Ce) - Azienda agricola Aiezza - Pontelatone (Ce) - Azienda agricola Merola IrinaPontelatone (Ce) - Caseificio Nonna Sisina Caiazzo (Ce) - Azienda agricola Bruno SodanoPomigliano d’Arco (Na) - Pastificio artigianale Punto e pastaPontelatone (Ce) - Tomaso SalumiFaicchio (Bn) - Macelleria TorelloLiberi (Ce) - Salumificio Diana – Caserta.

Il Petronilla e il San Laro delle FontanelleIl Petronilla e il San Laro delle Fontanelle - due grandi vini

L’Agriturismo Le Fontanelle si trova a Pontelatone, in provincia di Caserta, è facilmente raggiungibile,dista appena 12 km dal casello di Santa Maria Capua Vetere e 16 km. da quello di Caserta Nord. In un’area rurale incastonata tra il Monte Maggiore ed il fiume Volturno troverete una zona bucolica integra, affascinante, pregna di bellezze architettoniche e paesaggistiche, storicamente vocata all’ agricoltura ……
Vi aspettiamo. Noi dei Templari del Gusto naturalmente ci saremo !

Agriturismo Le Fontanelle Una delle sale interneAgriturismo Le Fontanelle - Una delle sale interne

 

Agriturismo Le Fontanelle
Via Via Salomoni Acquasanta
Pontelatone (Ce)
Info: 0823 659263 - 347 2926204 - 347 7105566

Visita la pagina Fb dell'Agriturismo Le Fontanelle

Visita il sito web dell'Agriturismo Le Fontanelle 

Ritorna un appuntamento attesissimo nel borgo irpino di Sant’Angelo dei Lombardi: la Sagra delle Sagre da Venerdì 15 a Domenica 17 Novembre.
La manifestazione giunta alla XIX edizione è organizzata dalla Pro loco Alta Irpinia, chiude idealmente la stagione delle Sagre in terra irpina e rappresenta davvero il trionfo dei prodotti del territorio.
La manifestazione ha il patrocinio dell’Amministrazione comunale, dell’UNPLI. Sarà come al solito una tre giorni piena di tante cose interessanti per migliaia e migliaia di visitatori e turisti che come ogni anno arriveranno in questo suggestivo borgo dell’Alta Irpinia: prodotti tipici, degustazioni, laboratori del gusto, enogastronomia, turismo, artigianato, arte, cultura. Quella organizzata dalla Pro Loco Alta Irpinia con il motore del suo grande presidente Tony Lucido mira ad essere una sorta di vetrina non solo irpina ma interregionale, una vetrina del turismo della “dorsale appenninica”, delle cosiddette “terre di mezzo”. Questa è una manifestazione “del territorio” inteso come tale, infatti la Sagra delle Sagre ospita anche altre Pro loco, altri comuni e ognuno porterà le proprie eccellenze, i propri prodotti, e promuoverà ciò che le caratterizza. Questo serve da volano per le strutture, per i produttori, per la crescita e la promozione di tutto il territorio.

Caldarroste e caciocavallo impiccato

La location sarà come sempre il suggestivo centro storico di Sant’Angelo dei Lombardi, ricostruito magistralmente dopo il terremoto, così tra viuzze, stradine, slarghi, antichi palazzi, sarete rapiti dalle bontà di questa terra e dai prodotti irpini. Il profumo inebriante delle caldarroste, della carne alla brace, dei formaggi vi allieterà. Potrete degustare il caciocavallo irpino, provoloni podolici il mitico Carmasciano, il Pecorino di Bagnoli, i salumi, i prosciutti, l’olio , il pregiato vino irpino, e ancora miele, conserve, pane , biscotti, i prodotti dell’orto. Ci saranno anche operatori da altre regioni come la Puglia, il Molise, la Basilicata, la Calabria, ciascuno con pietanze e prodotti da non perdere. Tantissimi anche gli stand di artigiani che vi stupiranno con la loro bravura e la loro arte. Tutto sarà accompagnato da musica folk, musica live, animazione per bambini e tanto altro. Faranno da corollario alla manifestazione convegni e dibattiti, importanti momenti di confronto e dialogo. 

Sagra delle Sagre. Sant'Angelo dei Lombardi Av Foto Passate edizioniSagra delle Sagre. Sant'Angelo dei Lombardi (Av) - Foto Passate edizioni

La Sagra delle Sagre come ogni anno richiamerà tantissimi camperisti. C’è infatti una grande area attrezzata per loro. Chi verrà a Sant’Angelo dei Lombardi in questi 3 giorni, potrà previa prenotazione prenotare visite guidate per ammirare le bellezze del centro storico (come il Duomo ed il Castello Longobardo), e la suggestiva e misteriosa Abbazia del Golèto, denominata la Assisi del Sud.

Prodotti dellortoProdotti dell'orto

Insomma amici non vi resta che venire a Sant’Angelo dei Lombardi e godervi questa splendida XIX° edizione della Sagra delle Sagre. Noi Templari del Gusto come sempre ci siamo e ve la racconteremo. Ma non limitatevi a farvela raccontare. Venite anche voi qui per godere delle bontà dell’Alta Irpinia, una terra meravigliosa.

Sagra delle sagre a Sant'Angelo dei Lombardi (Av) dal 15 al 17 Novembre 


Per info e prenotazioni:
Pro Loco "Alta Irpinia - Sant'Angelo dei Lombardi"
Tel. 0827.24123 – 34791200246 – 3405043500
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Visita la pagina Facebook della Sagra delle Sagre

Giovedì, 07 Novembre 2019 16:31

Porta Riva Ristorante. Avella (Av)

Torniamo sempre volentieri da Porta Riva Ristorante. Ci piace la loro cucina, la squisita accoglienza e anche la location. Siamo nel baianese ad Avella, paese dalla storia antichissima, uno dei centri di maggiore importanza dell’antica Campania Felix. Qui ci sono tante cose interessanti da vedere, una natura rigogliosa, monumenti interessanti come lo splendido anfiteatro di età romana.
Anticamente Avella aveva ben sei porte di ingresso che conducevano al borgo. Una di queste si chiamava proprio Porta Riva e si trovava nei pressi del Fiume Clanio. Si passava di qui per andare verso l’antico Castello che ancora oggi guarda tutti dall’alto su di una collina.
Proprio dove si pensa che anticamente fosse Porta Riva c’è il ristorante. Arriviamo, parcheggiamo comodamente l’auto e ci accomodiamo. Ci accoglie Michela Spoletta gentilissima e garbata padrona di casa che ci accompagna al nostro tavolo (prenotato per tempo).  Prima bella sorpresa è il tavolo che ci ha riservato, proprio quello che preferisco, quello in fondo nell’angolo, che guarda verso la cascatella del fiume Clanio adesso grondante di acqua per le copiose piogge di questi giorni.
Come vi dicevo altra cosa che mi piace di questo posto è l’atmosfera che si respira: la sala bella grande, tante vetrate che la rendono luminosissima, colori chiari, un arredo sobrio e al contempo e ben studiato. Insomma qui si sta davvero bene.

Siamo tornati per gustare il nuovo menù e testare la cucina del nuovo chef Giuseppe Sassone. Proprio lui ha sostituito il bravissimo Andrea Pagano che adesso è impegnato come docente con i suoi studenti in una nuova bellissima avvenura: auguri.  
Come al solito diamo un’occhiata al menù, strutturato benissimo, poche proposte tutte realizzate con prodotti del territorio ed eccellenze (soprattutto irpine). Da bere ordiniamo una minerale e due calici di aglianico irpino.
Prima dell’antipasto ci servono uno stuzzicante entreé: dei piccoli calzoni fritti ripieni ricotta e cicoli. Mamma mia ! Che ve lo dico a fare …. La foto parla da sola. Profumati, morbidi, voluttuosi con un ripieno di ricotta da svenire e un fritto asciutto e non unto. Da Champions League. 

Calzoni napoletani con ricotta e cicoliCalzoni napoletani con ricotta e cicoli

Stemperiamo il calzoncini con un prosecco e diamo il via alle danze. Prendiamo due antipasti “degustazione Porta Riva”: un percorso di antipasti caldi e freddi. Cominciamo con un tagliere di salumi e formaggi: prosciutto crudo di Langhirano 16/18 mesi, mortadella di cinghiale, soppressata irpina di Mugnano del Cardinale, e una coppa. Come formaggi del pecorino di Bagnoli Irpino e Canestrato accompagnati con confettura alle arance e miele di Avella.

Tagliere di salumi e formaggiTagliere di salumi e formaggi

Il tagliere è spettacolare, il prosciutto crudo di Langhirano è una poesia, dolce, si scioglie in bocca, più forte e decisa la mortadella di cinghiale, a me è piaciuto tantissimo soprattutto la soppressata di Mugnano. Ottima. Buoni anche i formaggi in particolare il pecorino bagnolese (ma io ho un debole per questo formaggio e quindi sono di parte).
Ci servono poi una mozzarella di bufala con pomodorini infornati. Devo dire davvero eccellente.

Mozzarella di bufalaMozzarella di bufala

Poi ecco un assaggio di vitel tonnè (vitello tonnato), carne cotta a bassa temperatura a 62 ° per ben sette ore, con salsa tonnata, una cremina al lime e un cappero in fiore con pomodorini semi – dry. Particolare, anche perché regala la sensazione di un carpaccio ma la carne è cotta a bassa temperatura ed è morbida e voluttuosa.

Vitello tonnatoVitello tonnato

L’antipasto è un crescendo rossiniano, si passa dalla carne al pesce con questa sfera di baccalà mantecato con una vellutata di fagioli quarantini di Volturara Irpina, con chips di pelle di pesce croccante. La sfera (o chiamiamola polpettina) di baccalà è estasi pura, gustosissima e ho trovato perfetto l’abbinamento con la vellutata di fagioli quarantini di Volturara Irpina (per rimanere in Irpinia).

Sfera di baccalàSfera di baccalà

Siamo in Autunno il tempo comincia a guastarsi, comincia a fare freddo e allora si apre la stagione delle zuppe ! Ce ne servono una buonissima: zuppa di castagne, ceci, porcini e speck con crostini di pane fritto ed erbette essiccate del Fusaro. Letteralmente spettacolare ! Dolce e sapida insieme, equilibrata, bella appagante grazie alla presenza di ceci e castagne. Profumata grazie alla presenza dei porcini e dello speck. Ero quasi tentato dal chiedere un bis. Complimenti.

ZuppaZuppa

Di tanto in tanto passa a salutarci Michela Spoletta, sempre sorridente e prodiga di consigli e premure. Abbiamo ordinato due primi a la carte: degli gnocchi di patate, pesto di pistacchio, scampi e pomodorini del piennolo infornati. Un primo non memorabile, forse rivedibile l’abbinamento degli ingredienti e la scelta del tipo di pasta.

Gnocchi con pesto di pistacchio scampi e pomodorini infornatiGnocchi con pesto di pistacchio scampi e pomodorini infornati

Decisamente migliori i mezzi paccheri con crema di nocciole di Avella, alici di Cetara e straccetti di Burrata di Andria. Mi è piaciuto molto il connubio del dolce delle nocciole e della burratina con la nota sapida delle alici. Perfetta la cottura della pasta.

Mezzi paccheri con crema di nocciole di Avella alici di Cetara e straccetti di BurrrataMezzi paccheri con crema di nocciole di Avella alici di Cetara e straccetti di Burrrata

Il nostro pranzo prosegue in maniera placida e tranquilla. Come già scritto prima, qui da Porta Riva si sta davvero bene ed il tempo vola senza quasi accorgersene. Decidiamo di prendere un secondo in due e qui andiamo su una proposta a noi nota e che spesso ordiniamo quando veniamo qui: hamburger di scottona beneventana con friarielli (broccoli napoletani), provola di Agerola e tarallo sbriciolato. L’hamburger è pazzesco, la carne buonissima, la cottura perfetta secondo i nostri gusti e che meraviglia quei friarielli saltati (ormai è periodo). Interessante la nota croccante data dallo sbriciolo di tarallo napoletano.

Hamburger di scottona con friarielli provola di Agerola e tarallo sbriciolatoHamburger di scottona con friarielli provola di Agerola e tarallo sbriciolato

Come contorno prendiamo patate e porcini. Adoro come le fanno e le prendo quasi sempre…

Patate e porciniPatate e porcini

“Dulcis in fundo”, il dessert: lingue di gatto ripieni di ricotta di bufala e pere caramellate. In pratica una rivisitazione della ricotta e pera devo dire riuscitissima. Ottimo dolce.

Lingue di gatto con ricotta e pereLingue di gatto con ricotta e pere

Altra chicca questo tortino alle mele con una salsa inglese alla cannella e il caramello. Rassicurante come l'abbraccio di una nonna in una fredda serata invernale. E che profumo....

Tortino di meleTortino di mele

Accompagniamo il dessert con due liquorini al finocchietto selvatico del Fusaro e due caffè.

Liquore al finocchietto selvaticoLiquore al finocchietto selvatico

Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo 62 euro in due. Davvero buono il rapporto qualità-prezzo.

Porta Riva Ristorante ad Avella si conferma e merita la vostra visita. Non era semplice sopperire alla partenza dello chef Andrea Pagano, il nuovo chef Giuseppe Sassone è umile, ha talento e creatività (del resto non sono tanti nel mondo gli chef artisti con la passione per l'arte e per la pittura). Qui da Porta Riva potrà esprimersi al meglio e potrà solo crescere in un ambiente dove le parola d’ordine sono: qualità e accoglienza. La cucina si mantiene su ottimi livelli grazie anche alla scelta di prodotti e materie prime di eccellenza. Il resto lo fa il locale molto bello e accogliente, per non parlare della gentilezza e del garbo con cui sarete accolti dal personale e da Michela Spoletta (l’anima e il vero motore di questo luogo). Il servizio è veloce e professionale, buono il rapporto qualità-prezzo. Fate un salto da Porta Riva, garantiamo noi. Alla prossima….


Porta Riva Ristorante
Via dei Mulini n.47
Avella (Av)
Tel. 081 510 38 03
Visita la pagina Fb di Porta Riva

Pagina 1 di 20

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search