Napoli, 13°C

Antipasti

Brian Liotti

Brian Liotti

Brian, non fatevi ingannare dal nome, nasce a Napoli sotto il segno dei pesci e mostra fin da piccolo spiccate capacità "artistiche" e senso estetico. E' giornalista, speaker radiofonico di fama nazionale, autore, presentatore, blogger, esperto di marketing e comunicazione.

Sabato, 17 Novembre 2018 09:00

Lagane con ceci e salsiccia

Ricetta dello chef Mauro Reda, ristorante La Corte dei Filangieri. Candida (Av)

Ingredienti per 4 persone:

Per le lagane
– 300 g farina di semola
– 100 g farina 00
– acqua
– un pizzico di sale
Per la zuppa di ceci
– ceci 400 g
– 3 cotechini (salsiccia irpina)
– guanciale 100 gr
– aglio uno spicchio
– olio extravergine di oliva q.b.
– sale – pepe q.b.
– prezzemolo tritato

Procedimento:
Disporre sulla spianatoia le farine ed impastarle con acqua tiepida ed un pizzico di sale. Lavorare l’impasto con le mani sino ad ottenere una pasta elastica ed asciutta. Fatela riposare per circa un ora. Stendere la pasta con il ” laganaturo” ( matterello ) ottenendone una sfoglia di circa 3 mm di spessore, dalla quale ricaverete delle strisce di circa 4 cm di larghezza, che taglierete ad una lunghezza di 7/10 cm.
Prepariamo la zuppa di ceci
Dopo averli tenuti a bagno in acqua con un pizzico di bicarbonato per almeno 12 ore, lavateli accuratamente e fateli cuocere in acqua abbondante per non meno di 150 minuti. In una padella fate soffriggere nell’olio extravergine di oliva uno spicchio d’aglio. Quando sarà imbiondito toglietelo ed aggiungete il cotechino tagliato a rondelle e il guanciale tagliato a listarelle molto sottili. Quando anche il cotechino e il guanciale saranno imbionditi versate il tutto nella pentola con i ceci. Aggiungete un pò di prezzemolo tritato , regolate di sale e portate a bollore, aggiungendo, se necessario, un pò d’acqua.
Quando bolle calate le lagane e portate a cottura. Quando saranno cotte al dente, spegnete il fuoco, aggiungete, se necessario il sale, una spolverata di pepe e prezzemolo tritato. Fate riposare per qualche minuto. Impiattate, quindi, versando sul piatto un filo di olio ravece e…buon appetito!

 

La curiosità: Lagane e ceci o pasta e cicere, lo possiamo chiamare in quanti modi vogliamo, è un piatto molto antico.Le lagane sono un tipo di pasta fresca molto diffuso in Campania, soprattutto in Irpinia. Possiamo definirle le antenate delle attuali lasagne. L’impasto è composto da farina di semola,acqua e sale. Dopo averlo lavorato con le mani e fatto riposare, lo si stende con il ” laganaturo ” , termine dialettale che sta ad indicare l’attuale ” matterello “. La loro forma è simile alle pappardelle, ma più larghe (4 cm) e più corte ( 7/10 cm ).

 

Ristorante La Corte dei Filangieri
Via Fontanelle, n. 4.
Candida (Av)
tel. 0825 986414
Visita il sito web del ristorante La Corte dei Filangieri

Mercoledì, 14 Novembre 2018 22:38

La Genovese "irpina" dello chef Andrea Pagano

Abbiamo scoperto questo primo piatto ideato dallo chef Andrea Pagano di Porta Riva ad Avella e ce ne siamo innamorati. Questa rivisitazione in chiave irpina della genovese è sorprendente. Ecco la ricetta ...

Ingredienti per 4 persone


- 1 kg di cipolle ramate di montoro
- 400 gr. spalla di maialino
- 200 gr. muscolo di bovino
- 60 gr. carote
- 200 gr. burro
- 200 gr. porcini freschi
- 200 gr. vino bianco secco
- Sale
- Pepe
- Basilico
- Parmigiano reggiano
- Pecorino bagnolese
- 500 gr eliconi vicidomini

Procedimento:

Mondare e tagliare finemente le cipolle che predisporremo insieme al burro e al vino bianco in una pentola, coprire con il coperchi e lasciar cuocere a fuoco lento.
Nel frattempo tritare finemente le carote precedentemente pelate e aggiungerle alle cipolle.
Intanto tagliare a pezzi non troppo piccoli la spalla di maialino e il muscolo e con l aiuto di una padella antiaderente rosolare la carne con un filo d olio extravergine d'oliva. Dopodiché aggiungerla alle cipolle e lasciar cuocere facendo attenzione che la.fiamma sia davvero molto molto bassa...
Nel frattempo pulire i porcini freschi con l ausilio di un panno umido, tagliarli a cubetti scottarli leggermente con olio extravergine e uno spicchio d'aglio e aggiungerli alla genovese solo dopo che questa abbiamo fatto 16 ore di cottura...Dopodiché lasciar cuocere ancora per 6 ore fino al raggiungimento di un bel colore ambrato...
Cuocere la.pasta in abbondante acqua salata scolare e saltarla nella genovese mantecare a fuoco spento con pecorino e parmigiano e aggiungere del basilico fresco tagliato a julienne.


Porta Riva Ristorante
Via dei Mulini n.47
Avella (Av)
Tel. 081 510 38 03
Visita la pagina Fb di Porta Riva 

Mercoledì, 14 Novembre 2018 11:03

La Via delle Taverne. Atripalda (Av)

L'atmosfera delle antiche taverne partenopee in terra Irpina.

E’ una bella Domenica autunnale, c’è il sole, il clima è frizzantino, siamo ad Atriplada, centro a pochissimi Km da Avellino. Proprio qui in posizione centralissima sulla Via Appia (proprio di fronte alla clinica Santa Rita) c’è un indirizzo che conosciamo bene: la Via delle Taverne. A distanza di qualche anno siamo tornati per provare nuovamente la loro cucina. Parcheggiamo l’auto agevolmente a pochi metri dal locale. Dall’esterno non si può immaginare cosa si troverà all’interno. Varcato l’ingresso ci si immerge in un altro mondo. Sembra di tornare indietro nel tempo: legno, ferro, pietra, colori caldi, una sorta di corridoio con una serie di salette (le Taverne), e una grande sala in fondo sulla sinistra. Molto caratteristiche le “Taverne”, l’idea è quella di riproporre l’atmosfera della Napoli del settecento, con questi ambienti separati che danno l’idea di spazi ideali per chi oltre all’esperienza di gusto desidera privacy e tranquillità.
Anche il menù parla “napoletano”: tante proposte di stampo partenopeo, dalla parmigiana di melanzane, alle alici ripiene, dalla genovese, ai mitici vermicelli alla scammaro (con olive, acciughe, capperi, pinoli e uvetta), alla pasta e fagioli alla pasta e patate con la provola, tanto per citarne qualcuna.

Ci sono quindi tanti piatti della tradizione partenopea ed alcune proposte mutuate dalla cucina borbonica e dalle ricette di Vincenzo Corrado, grande gastronomo del ‘700, uomo di cultura e cuoco che scrisse la “cucina mediterranea”, valorizzando la cucina tradizionale e regionale italiana. Ci sono tante proposte molto interessanti.
Intanto passa a salutarci il padrone di casa Francesco Pedace, instancabile, appassionato, sempre pronto a consigliare e spiegare proposte, prodotti e menù.
Da bere una minerale e due calici di aglianico Racemus di Giovanni Molettieri, un bel vino rosso, giustamente tannico, corposo, di un bel colore rosso rubino e sentori di frutti rossi. Perfetto per accompagnare il nostro pranzo.

Prendiamo un antipasto con sei pezzi: una parmigiana, un colì con carne di vitello e carciofi in cestino di pasta sfoglia, una alice ripiena di ricotta pecorino e basilico (ottima) e i tre involtini, quello di melanzana con ricotta, mandorle, zucchero e cannella, quello di peperoni con purea di ceci, e quello di zucchine con tonno e mandorle. 

Antipasto Parmigiana colì di carne e carciofi alice ripiena e tre involtiniAntipasto - Parmigiana, colì di carne e carciofi, alice ripiena e tre involtini

Prendiamo un altro assaggio di colì visto che abbiamo gradito molto. Arrivano i primi: dei commoventi paccheri lardiati, con basilico, passata con pomodorini, lardo e guanciale di nero. Semplicemente perfetti, delicati, equilibrati, profumati, con quel sughetto che mi ha costretto alla scarpetta.

Paccheri lardiatiPaccheri lardiati

E un piatto di fusilli (Voiello) con peperoni, peperoni, burrata e pesto. Una proposta (ideata da loro) davvero intrigante.

Fusilli con peperoni burrata e pestoFusilli con peperoni burrata e pesto

Il nostro pranzo della Domenica scorre via piacevolmente, il locale è pieno ma il servizio è comunque celere. Ecco i nostri secondi.

Una fricassea di pollastro con insalata su purè di patate, ricetta antica molto particolare. Delicata la carne di pollo cotta nel brodo, con cipolle, patate e carote.

Fricassea di PolloFricassea di Pollo

Per l’altro secondo ho optato per un classico: le polpette della nonna. Semplicemente divine. A partire dalla grandezza (sono belle grandi!), prima fritte e poi tuffate in un ragù che cuoce ben 10 ore. Questo piatto mi ha commosso ricordandomi la cucina di mamma e di nonna e che meraviglia quel ragù, fatto come si faceva una volta! Profumato, denso.... Sono stato costretto nuovamente alla scarpetta ! (Sigh, sigh..).

Polpette della nonnaPolpette della nonna

Come contorno i tradizionali friarielli napoletani saltati in padella e belli piccanti.

Friarielli saltati in padellaFriarielli saltati in padella

Siamo sazi, saltiamo il dessert e chiediamo il conto. Paghiamo per il nostro pranzo 65 euro in due , davvero un fantastico rapporto qualità – prezzo. Bisogna sottolineare una cosa che ci è piaciuta molto: i prezzi sul menù non riservano sorprese, nel senso che qui la somma dei prezzi dei piatti scelti equivale al totale del conto che andrete a pagare, quindi il pane, il coperto, l'acqua così come a fine pasto, il caffè o l'amaro non hanno costi ulteriori ma sono compresi nel prezzo dei singoli piatti scelti. Una scelta lodevole fatta nell'interesse del cliente.  Andiamo via davvero sofddisfatti.

La Via delle Taverne ad Atripalda è un indirizzo sicuro. Qui trovate anzitutto un locale molto particolare, la location è caratteristica, suggestiva e ripropone un po’ l’atmosfera delle antiche taverne napoletane del 700, la cucina naturalmente guarda alle tradizioni partenopee, ci cono anche antiche ricette borboniche e piatti mutuati dalle ricette del gastronomo Vincenzo Corrado. Le proposte sono di livello, ottimi i prodotti e le materie prime utilizzate. Il resto lo fa Francesco Pedace, vulcanico ingegnere partenopeo, appassionato di cucina e storia che qui da qualche anno ha realizzato il suo sogno: dare vita ad un locale unico nel suo genere e capace di regalare emozioni. Da provare e riprovare… Garantiamo noi.


La Via delle Taverne
Via Teodoro Mommsen, n. 11/13
Atripalda (Av)
Tel. 0825 622564
Visita la pagina facebook della Via delle Taverne

 

Lunedì, 12 Novembre 2018 14:10

Pizza di alici

La pizza di alici è una specialità di un paesino del Fortore beneventano: Fragneto L’abate.  

La sua origine è antichissima, gli affittuari dei terreni, i “coloni” preparavano questa sorta di “focaccia” e la donavano ai “signori”, ai proprietari il giorno 11 Novembre, il giorno di San Martino. Era questo infatti il giorno che segnava tradizionalmente la fine dell’anno “agrario” e in cui avveniva il pagamento, il saldo.  Difficile  è capire perché negli anni siano state aggiunte alla focaccia le alici, probabilmente perchè legate al significato simbolico dell’elemento del pesce e dei suoi richiami biblici ed evangelici. Una certezza comunque l’abbiamo ed è il fatto che da anni ed in particolare tra la fine dell’800 e i primi del 900 sulla scorta delle tradizioni tramandate oralmente,  la pizza di alici di San Martino è legata alla tradizione di Fragneto L’abate e con grandi sforzi  ci si sta adoperando per ottenere la denominazione protetta. Vediamo come si prepara…

Ingredienti:
– 500 gr. di farina
– 500 gr. alici sotto sale
– Olio ½ litro
– 50 gr. pepe bianco
–  Acqua q.b.

Procedimento:
Dopo aver dissalato e spinato le alici, lasciamole alcuni minuti in olio di oliva. Prepariamo un impasto molto morbido impastando la farina, un bicchiere di olio (circa 70 gr), mezzo bicchiere di acqua tiepida. Aggiungiamo all’impasto una manciata di pepe bianco (20gr).
Facciamo una sfoglia molto sottile, ungiamo la superficie con dell’olio aggiungiamo un pizzico di pepe bianco e aggiungiamo le alici tagliate a pezzetti. Arrotoliamo la sfoglia,  tagliamola a centro nel senso longitudinale e avvolgiamola a spirale disponendo come verso superiore la parte centrale(cioè quella del taglio). Disponiamo l’impasto in una teglia, schiacciamo leggermente, copriamo con il rimanente olio e inforniamo a 200° per 45 minuti.

P.s.
Un ringraziamento alla Pro loco di Fragneto L’abate (Bn) per averci gentilmente fornito la ricetta

Mercoledì, 07 Novembre 2018 12:04

Porta Riva Ristorante. Avella (Av)

Siamo ad Avella centro dalla storia antichissima, uno dei vanti dell’antica Campania Felix, città situata in un contesto paesaggistico notevole, piena di palazzi storici e monumenti, alcuni di età romana. L’antica Avella secondo le cronache aveva ben sei porte di ingresso che conducevano al centro abitato. Una di questa era Porta Riva così chiamata perché si trovava in prossimità del fiume Clanio. Attraversandola si andava verso il Castello.
Proprio qui c’è Porta Riva, il posticino da noi scelto per la nostra cena. Il locale è molto bello, ci si arriva agevolmente, parcheggiare l’auto non è un problema, c’è infatti un parcheggio molto grande ed anche all’esterno c’è spazio a volontà. La struttura è grande, luminosa, con molte vetrate. All’ingresso sulla sinistra c’è il bancone con  il forno. Porta riva è pizzeria oltre che ristorante.

Noi però siamo venuti qui stasera per provare la cucina dello chef Andrea Pagano il cui talento era a noi ben noto.
Abbiamo prenotato per tempo il nostro tavolo, veniamo accolti con garbo e cortesia. Ci accomodiamo e diamo un’occhiata al menù. Ovviamente ci concentriamo sulle proposte di cucina, per le pizze torneremo in un altro momento.
Ci sono sei proposte di antipasti, cinque primi, sei secondi. Insomma poche proposte ma ben studiate, realizzate con i prodotti del territorio. Da bere ordiniamo una minerale e due calici di aglianico irpino.
Prima dell’antipasto ci servono uno stuzzicante entreé: montanarina con lardo, tartufo nero e mentuccia. Buonissima con una frittura perfetta, non unta e asciutta.

Montanarina con lardo tartufo e mentucciaMontanarina con lardo e tartufo nero

Ordiniamo un antipasto, decidiamo di rimanere in Irpinia con la rivisitazione di un classico: il mallone, mantecato di cime di rape e patate, servito con pizza di granone, pancetta croccante su colatura di caciocavallo irpino. Una goduria, piatto equilibrato e gustosissimo.

Mallone avellinese con colatura di caciocavallo irpinoMallone avellinese con colatura di caciocavallo irpino

Spazio ai primi, ecco una carbonara di gamberi: spaghetti dell’antico pastificio Vicidomini, uova biologiche e gamberi. Una variante davvero interessante della classica carbonara.

Carbonara di gamberiCarbonara di gamberi

Il top lo raggiungiamo con la genovese Irpina: eliconi Vicidomini, cipolla ramata di Montoro, spalla di maialino nero irpino e funghi porcini. Da svenimento, perfetta la genovese resa intrigante dalla presenza dei funghi porcini. Una versione originale, che potrebbe far storcere il naso ai puristi della genovese, ma vi assicuro, è una proposta che da sola varrebbe la visita. Da provare.

Genovese irpinaGenovese irpina

La nostra serata scorre via piacevolmente, la sala è piena. Bisogna dire che nonostante sia Sabato il servizio è celere e preciso così come assolutamente giusti sono i tempi di attesa tra una portata e l’altra. Decidiamo di gustare anche due secondi. Una proposta di pesce e una di carne.
Arriva il polpo 2.0: polpo croccante, stracciata di bufala campana, friarielli napoletani su disco di polenta. Ho trovato buonissimo il polpo, morbido, cotto in maniera perfetta. Molto interessante l’abbinamento con la stracciata e i friarielli.

Polpo 2.0Polpo 2.0

Poi l’hamburger nel piatto: un buonissimo hamburger di scottona Marchigiana su crostone di pane cafone, provola di Agerola e misticanza al tartufo. Nota di merito per la carne di grande qualità, cotta alla perfezione.

L'hamburger nel piattoL'hamburger nel piatto

Siamo sazi, decidiamo di saltare il dolce, prendiamo un limoncello, un amaro e chiediamo il conto. Paghiamo per la nostra cena 59 euro in due. Davvero un ottimo rapporto qualità prezzo.

Porta Riva merita la vostra visita. E’ pizzeria e ristorante di ottimo livello. Il locale è grande, spazioso, pulito. Il personale è garbato, il servizio preciso. Ottimo il rapporto qualità prezzo. Qui si mangia davvero bene. Dobbiamo fare i complimenti allo chef Andrea Pagano, è lui il vero valore aggiunto, un fuoriclasse in cucina. Andrea ha talento, passione e riesce senza forzare troppo la mano a dar vita a piatti di ottimo livello capaci di valorizzare i buoni prodotti del territorio. Riesce ad esprimere la sua personalità con proposte ben studiate e capaci di regalare emozioni, grazie anche alla scelta di prodotti e materie prime di eccellenza. Qui ho assaggiato una genovese (nella versione irpina) da favola. Porta Riva ad Avella è un signor ristorante. Andateci e non ve ne pentirete, garantiamo noi. Da provare e riprovare.


Porta Riva Ristorante
Via dei Mulini n.47
Avella (Av)
Tel. 081 510 38 03
Visita la pagina Fb di Porta Riva

 

Ritorna un appuntamento attesissimo nel borgo irpino di Sant’Angelo dei Lombardi: la Sagra delle Sagre da Venerdì 9 a Domenica 11 Novembre.
La manifestazione giunta alla XVIII edizione è organizzata dalla Pro loco Alta Irpinia, chiude idealmente la stagione delle Sagre in terra irpina e rappresenta davvero il trionfo dei prodotti del territorio.
La manifestazione ha il patrocinio dell’Amministrazione comunale, dell’UNPLI. Sarà come al solito una tre giorni piena di tante cose interessanti per migliaia e migliaia di visitatori e turisti che come ogni anno arriveranno in questo suggestivo borgo dell’Alta Irpinia: prodotti tipici, degustazioni, laboratori del gusto, enogastronomia, turismo, artigianato, arte, cultura. Quella organizzata dalla Pro Loco Alta Irpinia con il motore del suo grande presidente Tony Lucido mira ad essere una sorta di vetrina non solo irpina ma interregionale, una vetrina del turismo della “dorsale appenninica”, delle cosiddette “terre di mezzo”. Questa è una manifestazione “del territorio” inteso come tale, infatti la Sagra delle Sagre ospita anche altre Pro loco, altri comuni e ognuno porterà le proprie eccellenze, i propri prodotti, e promuoverà ciò che le caratterizza. Questo serve da volano per le strutture, per i produttori, per la crescita e la promozione di tutto il territorio.

Caldarroste e caciocavallo impiccato

La location sarà come sempre il suggestivo centro storico di Sant’Angelo dei Lombardi, ricostruito magistralmente dopo il terremoto, così tra viuzze, stradine, slarghi, antichi palazzi, sarete rapiti dalle bontà di questa terra e dai prodotti irpini. Il profumo inebriante delle caldarroste, della carne alla brace, dei formaggi vi allieterà. Potrete degustare il caciocavallo irpino, provoloni podolici il mitico Carmasciano, il Pecprino di Bagnoli, i salumi, i prosciutti, l’olio , il pregiato vino irpino, e ancora miele, conserve, pane , biscotti, i prodotti dell’orto. Ci saranno anche operatori da altre regioni come la Puglia, il Molise, la Basilicata, la Calabria, ciascuno con pietanze e prodotti da non perdere. Tantissimi anche gli stand di artigiani che vi stupiranno con la loro bravura e la loro arte. Tutto sarà accompagnato da musica folk, musica live, animazione per bambini e tanto altro. Faranno da corollario alla manifestazione convegni e dibattiti, importanti momenti di confronto e dialogo. 

Sagra delle Sagre. Sant'Angelo dei Lombardi Av Foto Passate edizioniSagra delle Sagre. Sant'Angelo dei Lombardi (Av) - Foto Passate edizioni

La Sagra delle Sagre come ogni anno richiamerà tantissimi camperisti. C’è infatti una grande area attrezzata per loro. Chi verrà a Sant’Angelo dei Lombardi in questi 3 giorni, potrà previa prenotazione prenotare visite guidate per ammirare le bellezze del centro storico (come il Duomo ed il Castello Longobardo), e la suggestiva e misteriosa Abbazia del Golèto, denominata la Assisi del Sud.

Prodotti dellortoProdotti dell'orto

Insomma amici non vi resta che venire a Sant’Angelo dei Lombardi e godervi questa splendida XVIII° edizione della Sagra delle Sagre. Noi Templari del Gusto come sempre ci siamo e ve la racconteremo. Ma non limitatevi a farvela raccontare. Venite anche voi qui per godere delle bontà dell’Alta Irpinia, questa terra meravigliosa.

Sagra delle sagre dal 9 all'11 Novembre 

Per info e prenotazioni: 0827 24123

Visita la pagina Facebook della Sagra delle Sagre

Sabato, 03 Novembre 2018 12:02

Maialumeria. Mugnano del Cardinale (Av)

Siamo nella zona del baianese precisamente a Mugnano del Cardinale, la patria del famoso salame di Mugnano. Qui c’è un vero e proprio santuario del gusto, un paradiso per gli amanti dei salumi di eccellenza ma anche dei vini, dei formaggi e dei prodotti biologici di qualità.
Maialumeria è tutto questo ma anche altro: è un po’ market, un po’ ristorante, un po’ wine bar. Insomma un locale imperdibile. Dietro questo progetto c’è la storia della famiglia Schettino, che ha una radicata e pluriennale esperienza nella produzione dei salumi.
Siamo in due, arriviamo senza problemi. Raggiungere Mugnano del Cardinale è davvero semplice, l’uscita di Baiano della Napoli Bari dista davvero un tiro di schioppo. Parcheggiamo comodamente in strada a pochi passi dal locale. La cosa che colpisce arrivando è la bellezza di Maialumeria. Oltre 100 coperti, spazio a volontà. Nonostante la tendenza a voler prediligere l’open space, non mancano le note calde nell’ambiente ristoro e un tocco di familiarità quasi “di casa” con la splendida cucina a vista, e ancora il bancone salumi e un’esposizione di salumi davvero notevole. 

La cucina a vistaLa cucina a vista

Molto ben curato il gioco di vetri che in alcuni casi separa (solo fisicamente) un privè gastronomico e una camera con pareti in mattoni per l’affinamento e la stagionatura di meravigliosi prosciutti e culatelli, dove si può decidere anche di prenotare il tavolo per dedicarsi un’inebriante serata degustazione. Vi posso garantire che entrare in questo ambiente, quasi una sorta di goloso caveau ti stordisce, ti colpisce, ti inebria, ti fa innamorare.
C’è poi l’area market dove trionfano conserve, marmellate, pasta, olio, aceto, legumi e tanto altro. Chiaramente si possono acquistare meravigliosi salumi e i migliori formaggi campani e nazionali. Un discorso a parte merita il vino, la proposta è interessante, completa, tante le etichette esposte (oltre 100) . Molto bella è una sala concepita per degustare vino abbinato a salumi e formaggi. Quasi un ambiente a sé.

Sala degustazione Wine roomSala degustazione - Wine room

Insomma siamo davvero in un Paradiso, da svenimento per gli appassionati di carni e salumi.
Ci accomodiamo pronti a degustare le loro proposte. Da bere prendiamo una minerale e un valido Aglianico di Villa Raiano, un vino rosso che non tradisce mai, di grande personalità, giustamente tannico e minerale, con sentori di cacao, frutti rossi e con un ottimo rapporto qualità-prezzo. La nostra è stata un’ottima scelta.
Ci servono una golosa entreé: tocchetti di pizza di granone (pizza e raurinio) su vellutata di ceci. Buonissimi….

Pizza di granone su vellutata di ceciPizza di granone su vellutata di ceci

Cominciamo inevitabilmente con un tagliere della Maialumeria: un pezzetto di toma, uno di bitto, uno di pecorino Moliterno e un blu di pecora. Come salumi fanno capolino prosciutto di parma 24 mesi, pancetta arrotolata, coppa artigianale e salamino di prosciutto accompagnati da una composta di fichi e dal miele.

Il tagliere della MaialumeriaIl tagliere della Maialumeria

Prendiamo anche un assaggio di pecorino di Carmasciano stagionato. Un formaggio che amo.

Pecorino carmasciano stagionatoPecorino carmasciano stagionato

Poi un po’ di mortadella IGP, profumata, scioglievole, gustosa…

Mortadella IGP BolognaMortadella IGP Bologna

In alto i calici, la serata va che è una meraviglia. Passa a salutarci Simone Schettino, il padrone di casa, un ragazzo lungimirante e capace che ha avuto l’idea di creare questa meraviglia, facendo leva sulla pluriennale esperienza della sua famiglia nella produzioni di salumi e carni.
Spazio ai primi. Ecco una commovente carbonara con gli spaghetti del Pastificio Gentile, le uova di Paolo Parisi ed il guanciale di nero casertano. Eccellente …

La Carbonara con le uova di Paolo ParisiLa Carbonara con le uova di Paolo Parisi

E una caciocavallo e pepe: tagliolini Cavalier Cocco con caciocavallo, pepe, mortadella IGP e polvere di pistacchio di Bronte. Un piatto meraviglioso… Equilibrato, giustamente sapido, godurioso…

Tagliolini caciocavallo pepe e mortadella IGPTagliolini caciocavallo pepe e mortadella IGP

Siamo sul punto di alzare bandiera bianca ma un assaggio di carne è doveroso. Scegliamo su loro consiglio Pluma di maiale iberico Bellota alla brace con broccoli. L’aggettivo giusto è sorprendente, una carne mai provata prima, mordida, succosa, buonissima..

Pluma di maiale iberico BellotaPluma di maiale iberico Bellota

Come contorno una porzione abbondante di patate al forno … Anche queste ottime.

Patate al fornoPatate al forno

Chiudiamo la nostra cena con un passito, un Rum Don Papa, un po’ di cioccolato extrafondente e cantucci artigianali (fatti da loro). Degna chiusura di una grande serata.

Rum, passito, cioccolato extrafondente e cantucciniRum, passito, cioccolato extrafondente e cantuccini

Chiediamo il conto e paghiamo 95 euro (47.5 euro a testa). Conto adeguato al tipo di esperienza fatta, alla qualità delle materie prime e alla proposta gastronomica.

Maialumeria merita la vostra visita. Ideale per gustare ottimi salumi, formaggi, prodotti di grande qualità o portarli a casa. Le proposte di cucina poi sono studiate e di ottimo livello. Il locale si avvale della consulenza di Raffaele Vitale chef stellato e grande cultore della cucina del territorio presentata in una veste nuova ed accattivante. Molto bravo lo chef Anonio Masucci che si dimostra all’altezza della situazione. Notevole la carta dei vini. Servizio impeccabile. Rapporto qualità prezzo corretto e comunque adeguato al tipo di proposta gastronomica. Imperdibile…

Maialumeria
Corso Europa n. 4
Mugnano del Cardinale (Av)
Tel. 081 825 7268
Visita il sito web di Maialumeria

 

Venerdì, 02 Novembre 2018 09:00

I taralli napoletani ('nzogna e pepe)

Quello ‘nzogna e pepe non è un tarallo come tanti, a Napoli è un must, è qualcosa di più, è emozione rassicurante, è tradizione,
è qualcosa che non ti spieghi, lo mangi e ti incanti. E'un po’ come il ritornello di una vecchia canzone.
La canticchi sempre e non la dimentichi mai. Il tarallo napoletano (‘nzogna e pepe) è una goduria. Ecco la ricetta per provare a farli a casa.

Ingredienti (per 15 taralli medi)

- 500 gr di farina 00
- 150 gr. di sugna
- 1 cubetto di lievito di birra
- 100 gr. di mandorle
- 1 cucchiaino di sale fino
- 1 cucchiaino di pepe nero macinato fresco (ma anche di più, dipende dai gusti)
- acqua q.b.

Preparazione:

Preparate un lievitino con 100 gr. di farina e il cubetto di lievito di birra sciolto in poca acqua.
Impastate, coprite con un panno e lasciate lievitare per 2 ore.
Triturate 50 gr. di mandorle, avendo cura di non lasciare pezzi troppo grossi.
Passate le due ore, su di una spianatoia mettete il resto della farina, il lievitino, la sugna, le mandorle tritate, il sale, il pepe ed impastate per circa 15 min. (aggiungendo eventualmente un po' d'acqua).
Non appena l'impasto sarà bello liscio, formate tanti cordoncini di circa 15 cm di lunghezza e dello spessore di 1 cm. Prendete quindi 2 cordoncini, attorcigliateli insieme, dando una forma tonda, chiudeteli e posateli su una placca da forno ricoperta di carta da cucina.
Aggiungete sopra l'altra metà di mandorle intere e fate lievitare ancora per un'oretta.
Infornate poi a 200° (con forno già a temperatura) per 20 minuti e poi a 180° per altri 20 minuti. 

 

Lunedì, 29 Ottobre 2018 18:07

La Corte dei Filangieri. Candida (Av)

E’ un Sabato autunnale ma baciato dal sole, siamo in Irpinia, abbiamo scelto per pranzo di tornare dopo un pò alla Corte dei Filangieri. Siamo a Candida, borgo ad una decina di Km da Avellino, siamo a poco meno di 600 metri di altitudine. Ci si arriva facilmente sia da Avellino Est che Avellino Ovest con uscita sull’ofantina. Candida ha una storia antichissima e per molti anni fu feudo dei Filangieri, grazie alla grande considerazione che questi avevano presso la corte di Federico II, Candida divenne universitas e conobbe anni di splendore e sviluppo sia economico sia demografico. Il nome del ristorante richiama appunto la nobile famiglia dei Filangieri. Siamo all’inizio del centro storico del paese, in prossimità della piazza.

La Corte dei Filangieri. Candida Av Ingresso localeLa Corte dei Filangieri. Candida (Av) - Insegna locale

Parcheggiamo l’auto a pochi metri dal locale ed entriamo. L’impatto è notevole. Il locale si trova in una cantina del ‘700, c’è la bella pietra viva bene in vista, un mix di rustico ed antico, oggetti antichi di vita contadina e quotidiana alle pareti. Luce soffusa, bella e gradevole musica di sottofondo.

La Corte dei Filangieri. Candida Av Particolare della SalaLa Corte dei Filangieri. Candida (Av) - Particolare della Sala

L’atmosfera è davvero piacevole. Ci accomodiamo e ci servono il menù. Per una precisa scelta, ci sono poche portate. Pochi piatti ma strettamente legati al territorio. Trionfa sua maestà il baccalà, ma ci sono anche le carni, i formaggi locali, i salumi, la pasta tirata a mano. Insomma qui c’è la vera cucina del territorio, senza compromessi.
Da bere ordiniamo una minerale e una bottiglia di Aglianico di Salvatore Molettieri. Un rosso corposo, di personalità, giustamente tannico e perfetto per accompagnare il nostro pranzo. Cominciamo con l’antipasto. Arriva un piccolo tagliere con capocollo locale, caciocavallo podolico e salame “pezzente” di Veticano. Accompagnati con una focaccia di frumento di riso e mais. 

Il TagliereIl Tagliere

Ecco una fantastica zuppa di fagioli quarantini di Voluturara Irpina,  presidio Slow food (chiamati così per la durata del loro ciclo di maturazione) e castagne. Chapeau!

Zuppa di fagioli quarantini di Voluturara irpina e castagneZuppa di fagioli quarantini di Voluturara irpina e castagne

Optiamo poi per un must della zona: il mallone, rape e patate accompagnati dal tartufo. Piatto eseguito benissimo. Siamo nel pieno della tradizione.

Rape e patare con tartufoRape e patare con tartufo

Finito qui l’antipasto? No, no…. Ecco un meraviglioso baccalà con insalata di rinforzo. Goduria….

Baccalà e insalata di rinforzoBaccalà e insalata di rinforzo

Il nostro pranzo fila via che è una bellezza. L’ambiente raffinato ma rustico nel contempo invita alla convivialità.  L’atmosfera è davvero piacevole, e apprezziamo anche il sottofondo musicale. Intanto ecco che arrivano i primi..
Una puttanesca di baccalà: ziti spezzati, pomodoro San Marzano, baccalà, olive e capperi. Un piatto che ci ha convinto, davvero ben fatto. Cottura della pasta perfetta, e quel sugo cos’era! E che profumo …

Puttanesca di baccalà Puttanesca di baccalà

E degli spaghetti aglio, olio, peperoncino, granella di nocciola e pan grattato. Un piatto davvero ben eseguito. Buonissimi!

Spaghetti quadrati aglio olio peperoncino granella di nocciole e pan grattato ok Ok Spaghetti quadrati aglio olio peperoncino granella di nocciole e pan grattato

Intanto esce a salutarci lo chef, bravissimo, che ci racconta un po’ quella che è la sua filosofia di cucina: riproporre i piatti del territorio, quelli della tradizione contadina locale, fatti con materie prime fresche e selezionate. Le migliori carni irpine ricercate, i prodotti dell’orto, i salumi locali e i formaggi con su tutti sua maestà il pecorino Carmasciano, il baccalà. Insomma un vero “santuario della cucina territoriale contadina”.
Dopo un po’ arriva il secondo: baccalà alla “pertecaregna” . Tradizione irpina pura... Poesia… La nostra è stata proprio un’ottima scelta.

Baccalà alla pertecaregnaBaccalà alla pertecaregna

Non possiamo chiudere il nostro pranzo senza un dessert e allora optiamo per un “castagnaccio”. Delicatissimo...

CastagnaccioCastagnaccio

E la mitica “coviglia”, (semifreddo alla nocciola), accompagniamo il dolce con del barolo chinato.

Coviglia semifreddo alla nocciolaCoviglia semifreddo alla nocciola

Chiediamo il conto e per il nostro pranzo paghiamo 60 euro in due. Davvero un ottimo rapporto qualità-prezzo.

La Corte dei Filangieri si conferma come un indirizzo sicuro, la creatura di Antonio Pertillo continua a crescere e va avanti non tradendo quelli che sono i suoi principi: qualità, tradizione ed attenzione maniacale alla scelta delle materie prime. Mauro Reda in cucina è il valore aggiunto. E’ un grande talento ed ha la capacità innata di dare un’anima moderna agli antichi piatti della tradizione contadina. Grazie alla sue sapienti “mani” il mallone, la trippa e fagioli, i mugnatielli, il baccalà in tutte le sue declinazioni, le zuppe, le paste fatte a mano, si vestono di una luce nuova, “moderna” senza dimenticarsi però della loro origine e della loro storia. E’ questa la forza della Corte dei Filangieri: la ricerca, la difesa, il culto della tradizione a tavola, senza compromessi. Una scelta che alla lunga paga. Chi viene qui sa cosa troverà e per cosa ritornerà, una grande cucina del territorio, ben eseguita con spunti di modernità e creatività. Il servizio è preciso e veloce. Il rapporto qualità-prezzo è ottimo.
E’ un indirizzo da segnare in agenda senza “se” e senza “ma”. Garanzia.

 

La Corte dei Filangieri
Via Fontanelle n.4
Candida (Av)
Tel. 0825 986414
Visita il sito web della Corte dei Filangieri

Mercoledì, 31 Ottobre 2018 10:00

Spaghetti con soffritto di polpo

Ricetta di Falernum, ristorante, pizzeria. Pomigliano d'Arco (Na)

Questo è un bel primo piatto ideato e realizzato dalo chef  Vito Mazzacane. Il soffritto di polpo è una interessante alternativa al classico sugo a base di carne. Non è una ricetta complicata a patto che si seguano alcuni importanti passi. Vediamo come prepararla..

Ingredienti per 4 persone:

- 400 gr. spaghetti
- 500 gr. di polpo verace
- 1 peperone rosso medio
- 750 ml di pomodoro san Marzano DOP
- 1 spicchio d’aglio
- Olio evo q.b.
- Vino bianco q.b.
- Alloro q.b. Peperoncino q.b.
 

Procedimento:

La prima operazione da fare è arrostire il peperone, bisogna poi pelarlo e frullarlo insieme al peperoncino. Occupiamoci adesso del nostro soffritto. In un tegame alto, bisogna far soffriggere olio, aglio e poi va aggiunto il polpo tagliato a pezzi grossolani, dopo 10 minuti sfumare con il vino bianco e aggiungere il peperone frullato, il pomodoro e le spezie. Lasciar cuocere per un ora e mezzo a fuoco molto lento. Quando ci siamo quasi, cuocere la pasta in abbondante acqua salata, appena pronta, unirla al sugo, mantecarla a dovere e buon appetito!


Falernum, pizzeria e ristorante
Via Trieste n. 18
Pomigliano d’Arco (Na)
Tel. 081 803 5117
Visita il sito web del ristorante pizzeria Falernum

Pagina 1 di 7

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search