Domenica, 25 Ottobre 2020 00:13

Hosteria del Gobbo. Sezze (Lt)

L’Hosteria del Gobbo si trova a Sezze, un piccolo comune in provincia di Latina, situato nel bel mezzo del territorio dei Monti Lepini. Sezze, è un borgo antico le cui tradizioni culinarie risalgono a tempi remoti e che sono state tramandate fino ai nostri giorni di generazione in generazione. Andando all’Hosteria del Gobbo vi sembrerà di essere stati invitati da una tipica famiglia setina per assaporare i piatti più tradizionali della gastronomia di questo angolo di terra pontina.
Il locale si trova in Via Colli I Tratto, raggiungibile in macchina a poca distanza dal centro storico di Sezze. In sala c’è Alessandro, il padrone di casa, a cui dovete affidarvi per gli ordini di cibo e vino, ed in cucina c’è la mamma, che mi sentirei di definire più che una cuoca, una “garanzia”. 
Accettando la proposta di Alessandro, iniziamo la nostra cena con la degustazione di antipasti. La prima portata è una tartare di manzo servita con marmellata di agrumi e maionese, tutto rigorosamente fatto in casa. Un abbinamento particolare ma gradevole.

Tartare di manzo con marmellata di agrumi e maionese
Tartare di manzo con marmellata di agrumi e maionese

Segue il tagliere con la mortadella artigianale al pistacchio. Le fette sono servite spesse, il colore è di un rosa intenso. Al palato è magnifica. Accompagnatela con la focaccia fatta in casa servita al posto del pane.

Mortadella artigianale al pistacchio
Mortadella artigianale al pistacchio

Successivamente arrivano delle portate di verdure: insalata di patate lesse, con cipolla rossa e carote. Deliziosa...

Insalata di patate lesse con cipolla rossa e carote
Insalata di patate lesse con cipolla rossa e carote

E carpaccio di zucca. Fresco e gustoso. Un vero piatto di stagione che vede come protagonista la zucca. 

Carpaccio di zucca
Carpaccio di zucca

La degustazione non finisce qui e procede con l’arrivo di piccoli tegamini di terracotta in cui è servita la parmigiana, uno dei piatti della tradizione italiana per cui, a mio avviso, vale la pena vivere. La parmigiana rappresenta l’emblema della cucina di casa e quella della signora mi ricorda i sapori dell’infanzia, in quanto le melanzane sono impanate e fritte, come vuole la tradizione campana.

Parmigiana di melanzane
Parmigiana di melanzane

Dopo la parmigiana è il momento dei peperoncini verdi dolci ripieni di carne, una vera golosità, e la minestra di pane con i fagioli. Un cenno particolare per questo piatto che ha delle origini antichissime, poichè probabilmente veniva apprezzata già al tempo dei romani. Gli ingredienti sono poveri e semplici: pane raffermo, fagioli e dell’ottimo olio d’oliva. Io lo definirei un piatto gratificante.

Minestra di pane e fagioli
Minestra di pane e fagioli

La degustazione di antipasti termina con un mini-panino con broccoletti e salsiccia. Secondo me quest’ultimo, rappresenta il pezzo forte di tutta la degustazione poiché in esso è racchiusa tutta la tradizione gastronomica setina. Dal pane, morbido e leggermente intriso di olio di oliva, strabordano i tipici broccoletti sezzesi su cui sono adagiati pezzetti di salsiccia con finocchietto. Il risultato è ovviamente un trionfo. Quando è il momento dell’ultimo morso stai già pensando che ne vorresti altri cento.

Panino con broccoletti sezzesi e salsiccia al finocchietto
Panino con broccoletti sezzesi e salsiccia al finocchietto

A questo punto Alessandro torna al nostro tavolo per elencare i primi ed i secondi che la mamma ha preparato per la serata. Scegliamo le làccane, o lacne, con i fagioli. Si tratta di una pasta fatta in casa a base di acqua e farina ed il nome deriva dal latino “laganum” e “lagana”, ossia lasagne. La pasta è callosa ma allo stesso tempo al palato si avverte la cremosità data dai fagioli cannellini. Chiedete dell’olio per aggiungerlo a crudo e vi assicuro che potrebbe essere una delle migliori “pasta e fagioli” che abbiate mai mangiato.

Làccane o lacne con i fagioli
Làccane o lacne con i fagioli

La nostra cena termina con l’arrivo della pasticceria secca, rigorosamente tipica, composta da crostatine alle visciole e ciambelline al vino. Abbiamo pagato 35 euro a persona bevendo un vino locale, il “Nero Buono” della cantina Pietra Pinta, al costo di 12 euro a bottiglia. Un rosso davvero interessante ottenuto da uve Nero Buono coltivate da tempo immemorabile nel territorio del comune di Cori. Davvero un ottimo rapporto qualità-prezzo. 

All’Hosteria del Gobbo troverete simpatia e professionalità, un servizio attento ed informale e una cucina casereccia, nel pieno rispetto della tradizione sezzese. Il locale è sobrio e pulito, non pretenzioso ma comunque curato.
Se avrete voglia di assaporare piatti semplici che affondano le proprie radici nelle tradizioni di tempi molto antichi o semplicemente se avrete voglia di mangiar bene dopo aver fatto un giro tra i borghi dei Monti Lepini, non vi resta che scegliere di fermarvi a Sezze, all’Hosteria del Gobbo. 

Hosteria del Gobbo
Via Colli I Tratto, n.6
Sezze (Lt)
Tel. 328 636 2656
Visita la pagina Fb dell'Hosteria del Gobbo

Pubblicato in Lazio
Sabato, 05 Settembre 2020 17:53

Ristorante da Santuccio. Sezze (Lt)

Ritornare da Santuccio ai Colli è per il sottoscritto un tuffo nel passato, un viaggio nella mia infanzia e nella mia adolescenza quando ad ogni fine estate mio nonno amava riunirsi con tutta la nostra famiglia in questo luogo;
tornare qui ha un non so che di magico, il cuore sembra sobbalzare nel ripercorrere le curve per risalire i Monti Lepini e raggiungere Sezze e nel frattempo nella mente si rincorrono i ricordi e le immagini prima sbiadite ed ora nitide delle tante giornate felici trascorse insieme nella giovane spensieratezza di quei tempi; Dopo più di 10 anni varcare quell’ingresso mi ha emozionato e ciò che più mi ha sorpreso è scoprire con profonda meraviglia che da Santuccio nulla è cambiato;
ad accoglierci la simpatia di Giannino e Sisto che dopo qualche scambio di battute, ci fanno accomodare ad un grande tavolo confortevole e ben distanziato dagli altri nel pieno rispetto delle normative anti covid.
Qui siamo in un ristorante storico nato quasi per caso nel lontano 1969 e divenuto punto di riferimento della tradizione culinaria lepina grazie alla bravura della signora Lina, che oggi novantenne, cucina ancora ed è ancora l’anima della cucina del ristorante; qui regna la tradizione nel rispetto dei tanti prodotti tipici di un territorio tutt’altro che avido ma ricco di frutti ed ortaggi di ogni tipo.
Dopo aver scelto un ottimo vino rosso del territorio, un Polluce IGT lazio della Cantina Agricola Cincinnato di Cori, iniziamo con un antipasto che costituisce uno dei punti di forza del ristorante; sempre vario in base alla stagionalità dei prodotti e poi sai quando inizia ma non sai mai quando finisce!
Assaggiamo una bruschetta con pomodorini freschi e basilico (entrambi coltivati dai proprietari nei terreni che circondano il ristorante) con olio extravergine di oliva del territorio versato rigorosamente al momento; bruschetta cotta al punto giusto, morbida ed eccezionale, di certo una delle migliori mai mangiate!

Bruschette
Bruschette

Continuiamo con ricottina locale, deliziosa...

Ricottine
Ricottine

E il prosciutto crudo di Bassiano, bello sapido e conil suo retrogusto leggermete affumicato (un must per chi conosce questo splendido territorio).

Prosciutto crudo di Bassiano
Prosciutto crudo di Bassiano

Dei sempre graditi peperoni arrostiti....

Peperoni arrostiti
Peperoni arrostiti

Un sorprendente e fresco melone speziato con rucola....

Melone speziato con rucola
Melone speziato con rucola

Delle gustosissime bruschette con salsa tartufata....

Bruschette con salsa tartufata
Bruschette con salsa tartufata

E ancora le frittelle di fiori di zucca con alici, che bontà !

Fiori di zucca con alici
Fiori di zucca con alici

L'antipasto è un crescendo di sapori e prodotti del territorio, ecco dei pomodori ripieni.

Pomodori ripieni
Pomodori ripieni

E ancora delle cipolle ripiene...

Cipolle ripiene
Cipolle ripiene

Funghetti ripieni al forno, particolari e buonissimi...

Funghetti ripieni
Funghetti ripieni

Dei profumatissimi peperoncini verdi romani.

Peperoncini verdi romani
Peperoncini verdi romani

E una zuppa di fagioli a dir poco eccezionale.

Zuppa di fagioli
Zuppa di fagioli

Abbiamo finito? Possiamo chiedere il conto? Assolutamente no, perché abbiamo solo terminato l’antipasto, un mix eccezionale di prodotti rigorosamente a km 0 nel pieno rispetto della stagionalità degli ortaggi (da provare nel periodo giusto in questo ristorante il tipico carciofo di Sezze) tutti sapientemente preparati. 
Per primo optiamo per le tagliatelle ai funghi porcini, servite nella stessa maniera di tanti anni fa, dal signor Sisto che ti raggiunge al tavolo e direttamente dalla padella ripiena i piatti; simpatia, rito e ricordi si intrecciano alla delizia del palato di un primo piatto della tradizione del territorio fantastico che consigliamo davvero a tutti. Noi abbiamo optato per questo primo piatto ma c’è ampia scelta e credetemi sarà difficile sbagliare perché la Signora Lina in cucina non sbaglia un colpo tanto che anche il grande attore Nino Manfredi, che amava mangiare in questo ristorante, lodava la cucina della Signora Lina che gli ricordava i sapori e gli aromi dei piatti cucinati dalla propria nonna…

Tagliatelle ai funghi porcini
Tagliatelle ai funghi porcini

Dopo un po’ di relax nella veranda e negli spazi verdi che circondano Santuccio, ritorniamo ad accomodarci in sala e gustiamo un’ottima grigliata di carni miste locali, sapientemente cotte alla brace che domina una delle sale dal bravissimo Giannino; assaggiamo abbacchio alla brace (tenero e cotto alla perfezione).

Abbacchio alla brace
Abbacchio alla brace

Delle squisite salsicce locali...

Salsicce alla brace
Salsicce alla brace

E un filetto di manzo alla brace spettacolare.

Filetto alla brace
Filetto alla brace

Dulcis in fundo, un buonissimo tiramisù rigorosamente artigianale...

Tiramisù
Tiramisù

E panna cotta, oltre a caffè generosamente offerto dai proprietari.

Panna cotta alla crema di visciole
Panna cotta alla crema di visciole

Costo del pranzo alla carta: 45 euro a persona, compreso di servizio e coperto con acqua e vino rosso della casa, antipasto, 1 primi, 1 secondo, 1 contorni, dolce, caffè.

Il Ristorante da Santuccio ai Colli è nel mio immaginario uno scrigno di ricordi e di emozioni, di momenti di gioia e felicità, è riassaporare sapori antichi di una cucina rurale e genuina, è l’immensa sorpresa che, nonostante il veloce corso degli anni, qui tutto si è fermato, come 10/15 anni fa e la bontà dei prodotti e delle pietanze servite non è cambiata ma semmai è addirittura migliorata; è una famiglia, dove appena entri sei accolto come se fossi uno di casa e dimentichi la vita e lo stress di tutti i giorni; è un racconto di un popolo, di un paese lì sui monti Lepini dove la natura e la vita dei campi domina su tutto, così come l’amore delle tradizioni; è l’amore di una nonna, che nonostante l’età, continua ad essere l’anima della propria creatura deliziando ogni palato…magari chissà, anche se da lontano, con il pensiero il grande Nino Manfredi starà assaporando questi piatti e ricordando i sapori e gli aromi della cucina di casa…..

Ristorante da Santuccio
Via Santi Sebastiano e Rocco n.95
Sezze (Lt)
Tel. 0773 888573
Visita la pagina Fb del Ristorante da Santuccio ai colli

Pubblicato in Lazio

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search