Campania

Siamo tornati a Sant’Agata de’ Goti e ci siamo fermati da Amaranto Agriturismo. Prima di pranzare, come al solito, abbiamo fatto una bella passeggiata nel centro storico di questo borgo che se senza dubbio è tra i più belli della Campania. Sant'Agata de' Goti ha origini antichissime ed il borgo antico conserva l'aspetto ed il fascino senza tempo di un paese medievale, situato in un contesto naturalistico di grande pregio. Osservando il centro storico santagatese dal Ponte sul Martorano si resta a bocca aperta ammirando le casette quasi arrampicate e aggrappate le une alle altre su una vera e propria terrazza tufacea a strapiombo due affluenti del fiume Isclero, il Martorano e il Riello. Nel centro storico ci sono diverse opere d'arte, Chiese ed palazzi antichi.

Il centro storico di SantAgata de Goti
Il centro storico di Sant'Agata de Goti

Sant’Agata de' Goti è un borgo di rilievo anche per sue bontà enogastronomiche, mele annurche, olio, e il vino su tutti (famosa la falanghina di Sant'Agata de' Goti), e ancora i formaggi ovini e caprini ed il miele. Per pranzo torniamo da Amaranto Agriturismo già visitato più volte in passato. La struttura si trova in Contrada San Paolo non lontano dal centro storico. La struttura è come la ricordavo, molto bella, in stile liberty immersa nella natura e nel contesto di un piccolo borgo agreste. La location è suggestiva, una bella casa di campagna che è tornata a nuova vita grazie alla lungimiranza e alla passione di chi ha creduto in questo progetto. Due le prerogative: buona cucina locale con prodotti del territorio e dell'azienda agricola di famiglia e squisita accoglienza. Infatti Amaranto Agriturismo dispone anche di camere confortevoli e ben arredate per chi volesse trattenersi e soggiornare qui.

Amaranto Agriturismo SAntAgata de Goti Insegna esterna
Amaranto Agriturismo. Sant'Agata de'Goti - Insegna esterna

All'interno ci sono tre ambienti, l’arredo è curato ed essenziale. Alle pareti e qua e là ci sono oggetti d'arredo che richiamano al mondo contadino. A fare gli onori di casa c'è Angela Ascierto, sempre gentile, appassionata e capace con la sua famiglia di ridare vita a quella che era la proprietà dei nonni. E' Domenica, c'è il pienone ma fortunatamente avevo prenotato per tempo il nostro tavolo. Ci accomodiamo nella sala con il bel camino in tufo e mattoncini. Il menù cambia di settimana in settimana in base alla disponibilità di prodotti e in base alla stagionalità. Nei giorni festivi viene presentato un menù fisso. Si comincia......

Amaranto Agriturismo Particolare della sala con camino
Amaranto Agriturismo - Particolare della sala con camino

Ci viene servito il buonissimo pane santagatese e un vino aglianico generoso. Si comincia con l'antipasto di Amaranto che prevede una serie di proposte con salumi, formaggio e verdure di stagione in gran parte provenienti dallo stesso agriturismo. Ecco un bel piatto di salumi del Sannio (prosciutto crudo di cantina, pancetta arrotolata artigianale, capocollo artigianale), formaggio semistagionato con miele di Sant'Agata de' Goti e una profumata e fragrante montanara con pomodoro e formaggio. Tra i salumi nota di merito per il prosciutto giustamente sapido e gustoso e per la pancetta. Ho trovato buono il formaggio, deliziosa la montanarina con il suo sapore rustico.

Salumi del Sannio formaggio con miele e montanara
Salumi del Sannio, formaggio con miele e montanara

Proseguiamo con un commovente pancotto con verdure di campo, fagioli, peperoncini verdi di fiume e peperoni beneventani. Mi ha conquistato il sapore intenso di questo pancotto che racconta davvero il territorio.

Pancotto con verdure di campo e peperoni fritti verdi e rossi
Pancotto con verdure di campo, fagioli, peperoncini verdi peperoni rossi beneventani

Altra proposta che è meravigliosa celebrazione della tradizione contadina è scannatura di maiale con peperoni in agrodolce.

Scannatura di maiale con peperoni sottaceto
Scannatura di maiale con peperoni sottaceto

E ancora i fiori di zucca sott'olio.

Fiori di zucca sottolio
Fiori di zucca sott'olio

Sorprendente e particolare è la verza marinata con il suo sapore caratteristico.

Verza marinata
Verza marinata

A chiudere la carrellata di antipasti, ci vengono servite delle verdure disidratate al sole sott'olio.

Verdure disidratate al sole sottolio
Verdure disidratate al sole sott'olio.

L’antipasto di Amaranto Agriturismo è un trionfo di prodotti e genuini piatti della cucina contadina. Il menù fisso della Domenica prevede anche due primi rigorosamente di pasta fresca.
Intreressanti le orecchiette fresche con salsiccia, conserva di datterino giallo e piennolo confit. Le orecchiette sono buonissime, tenaci al morso. Molto piacevole l'equilibrio che si crea tra il sentore dolciastro della conserva di pomodoro giallo e i pomodorini confit. A chiudere il tutto la gustosa e ruistica salsiccia che dona al piatto anche una lieve nota aromatica e croccantezza.

Le Orecchiette fresche con salsiccia conserva di datterino giallo e piennolo confit
Le orecchiette fresche con salsiccia, conserva di datterino giallo e piennolo confit

La lasagnetta con melanzane a funghetto, salsiccia secca e provola è goduriosa e appagante.

La Lasagnetta con melanzane a funghetto salsiccia secca e provola
La Lasagnetta con melanzane a funghetto,salsiccia secca e provola.

Prima del secondo, usciamo a fare due passi nel bel giardino della struttura per respirare un po' di aria pura e godere della tranquillità del luogo. Rientriamo giusto in tempo per gustare l'entrecote alla brace con patate al forno. La carne è eccellente. Complimenti.

Entrecote alla brace con patate al forno
Entrecote alla brace con patate al forno

Non possiamo non chiudere con un bel dolce. Ecco la sbriciolata con cioccolato e ricotta opera delle sapienti mani di Antonella.

Sbriciolata con ricotta e cioccolato
Sbriciolata con ricotta e cioccolato

Accompagniamo il dolce con caffè e liquorini vari. Costo del menù fisso da Amaranto Agriturismo è di 35 euro a persona, davvero un fantastico rapporto qualità – prezzo, soprattutto se consideriamo la genuinità e la varietà delle proposte.

Amaranto Agriturismo ormai è una certezza. Non è la prima volta che vengo qui. Mi piace la location, un bel villino di campagna in stile liberty, c'è anche un bel patio all'aperto dove durante la bella stagione si può pranzare o cenare fuori. Molto bello è anche il giardino e i terrazzamenti alle spalle della struttura con piante da frutto e ulivi. Fantastica l'accoglienza di Angela Ascierto che insieme alla sua famiglia ha ridato vita a quella che era la proprietà dei nonni. Le proposte di cucina affondano le radici nella tradizione contadina locale con prodotti e materie prime provenienti in gran parte dall'agriturismo stesso come l'olio e le conserve. La pasta è fatta a mano e la carne di grande qualità. Complimenti allo chef Salvatore, appassionato conoscitore di prodotti e ricette alla brigata di cucina e ad Antonella, la creatrice di dolci che profumano di buono e di casa. Ottimo il rapporto qualità prezzo. Amaranto Agriturismo a Sant'Agata de' Goti è un indirizzo da segnare in agenda. Da provare. Garantiamo noi .....




Amaranto Agriturismo
Contrada San Paolo
Sant’Agata de’Goti (Bn)
Tel. 327 452 4981
Visita il sito web di Amaranto Agriturismo

Pubblicato in Campania

Ritorniamo in Irpinia, terra che adoro, terra di antiche tradizioni, contraddistinta da bellezze paesaggistiche ed eccellenze gastronomiche. Qui in Irpinia si celano tesori da scoprire e da condividere. Il nostro viaggio alla scoperta degli indirizzi da non perdere ci porta a Grottaminarda, precisamente in contrada Filette. Qui c'è un vero gioiello: l'Azienda Agrituristica Giannasca, che nasce nel lontano 1830 e ancora oggi regala sapori, prodotti e profumi tipici dell'Irpinia.

Azienda agrituristica Giannasca Grottaminarda Insegna esterna
Azienda Agrituristica Giannasca. Grottaminarda - Insegna esterna

Arrivare qui è semplicissimo, il casello autostradale di Grottaminarda per chi proviene dalla A-16 dista cinque minuti. Siamo in aperta campagna, l'atmosfera bucolica e agreste è piacevole e regala serenità, ma a rapire gli occhi del visitatore è la meravigliosa struttura esterna: un casolare in pietra con una maestosa scala centrale che conduce alle tre camere dell'Agriturismo.

Azienda agrituristica Giannasca Grottaminarda La bellissima struttura in pietra
Azienda agrituristica Giannasca. Grottaminarda - La bellissima struttura in pietra

All'interno l'Agriturismo Giannasca si presenta come un gradevole casolare di campagna, il locale è gradevole, curato e dal sapore rustico con alcune pareti in pietra viva, legno e vari oggetti di vita contadina alle pareti. Ci sono due ambienti e una sala con bella vista sul verde della campagna e delle colline irpine. L'arredo è sobrio, la mise en place semplice. Prima di accomodarci, mi portano a visitare la cantina, quella che ho ribattezzato il “caveau” dell'Agriturismo Giannasca, dove vengono stagionati salumi, formaggi e vengono riposte conserve e marmellate. Che spettacolo...

Azienda agrituristica Giannasca Grottaminarda Un dettaglio della cantina
Azienda Agrituristica Giannasca. Grottaminarda - Un dettaglio della cantina

L'Agriturismo Giannasca prevede la Domenica e nei giorni festivi un ricco menù fisso al costo di 45 euro che prevede una serie infinita di antipasti di stagione, due primi, due secondi con contorni, frutta, dolce della casa e bevande incluse. Cominciamo con un aperitivo di benvenuto con una bollicina (rigorosamente irpina) e un piatto con un raviolo fritto ripieno di ricotta di Montella, delle zeppoline con rucola di campagna, una polpettina di melanzane e una bruschetta con ricotta di Montella e tartufo nero. Nota di merito per la paradisiaca bruschetta con la delicata e profumata ricotta di Montella nobilitata dal suadente tartufo nero. Anche il raviolo fritto ha il suo perché..

Raviolo fritto con ricotta di Montella bruschetta con ricotta e tartufo nero zeppoline con rucole e polpettina di melanzane
Raviolo fritto con ricotta di Montella, bruschetta con ricotta e tartufo nero, zeppoline con rucola e polpettina di melanzane

Ecco un piatto di salumi e formaggi provenienti dalla cantina di Giasnnasca: prosciutto irpino, soppressata, pancetta, pecorino giovne e una ricottina di Montella. I salumi sono di ottima fattura, in particolare il prosciutto e la soppressata. Eccezionale la ricotta di Montella profumata e suadente.

Salumi e formaggi irpini
Salumi e formaggi irpini

La zucca alla griglia è semplice e deliziosa, così come la melanzana. C'è tutto il sapore rustico della tradizione contadina nel prosciutto crudo a tocchetti sott'olio....

Zucca e melanzane alla griglia e prosciutto locale sottolio
Zucca e melanzane alla griglia e prosciutto locale sott'olio

Semplice e gustoso il cavolo lessato e passato un po' in padella con un giro di meraviglioso olio Evo di Ravece...

Cavolo dellorto lessato servito con olio ravece
Cavolo dell'orto lessato servito con olio ravece

La parmigiana di melanzane è una solida certezza. Una parmigiana ben eseguita e goduriosa.

Parmigiana di melanzane
Parmigiana di melanzane

Da non perdere poi la pizza di patate a tocchetti, che (è bene sottolinearlo) è cosa ben diversa dal “cittadino”gateau. La pizza di patate è deliziosa.

Tocchetti di pizza di patate
Tocchetti di pizza di patate

Visto che fa freddo ci sta a meraviglia la zuppa di fagioli cannellini, salsiccia e porcini. Purtroppo non posso farti sentire via web il profumo inebriante e invitante di questo piatto.

Zuppa di fagioli porcini e salsiccia
Zuppa di fagioli, porcini e salsiccia

Chiudiamo l'antipasto con un piatto tipico grottese: la ciambottella. Una vera delizia, un condimento, sugo che vede insieme peperoni, pomodori, un po' di peperoncino e in questo caso anche tocchetti di cotechino irpino. Godimento allo stato puro.....

Ciambottella grottese
Ciambottella grottese

Il nostro pranzo procede alla grande, tra un calice di buon aglianico irpino e una chiacchiera. E' il momento dei primi. Le tagliatelle fatte a mano con il ragù tradizionale di macinato fanno parte della liturgia della Domenica Irpina. Sono davvero ottime, poi il ragù tirato a regola d'arte è fantastico.

Tagliatelle fatte a mano con ragù di macinato
Tagliatelle fatte a mano con ragù di macinato

Se le tagliatelle mi sono piaciute con i ravioli fatti a mano ripieni di ricotta di Montella con i porcini e prezzemolo siamo a livelli siderali. Eccellenti è dire poco. Qui lo ammetto, ho fatto il bis. Ma non potevo esimermi.

Ravioli fatti a mano ripirni di ricotta di Montella con porcini e prezzemolo
Ravioli fatti a mano ripieni di ricotta di Montella con porcini e prezzemolo

Intanto passa a salutarci il padrone di casa Antonio, simpatico, affabile ed appassionato. Viene a sincerarsi che tutto stia andando per il verso giusto. Non potrebbe che essere così. Saremmo sazi ma incombono i secondi. Si comincia con un tris di carne, una grigliata mista con capocollo di maiale, agnello e salsiccia con patate dell’orto fritte. La carne era saporita e morbida. In particolare la carne di maiale era succosa e saporita. Ottima anche la salsiccia.

Tris di carne alla brace con patate fritte
Tris di carne alla brace con patate fritte

Ci servono una degustazione di tagliata di vitello con rucola e scaglie di parmigiano. Che faccio, non assaggio? Giammai rifiutare! Ed ho fatto benissimo perché la carne era davvero eccellente.

Tagliata con rucola e scaglie di parmigiano
Tagliata con rucola e scaglie di parmigiano

Come contorno poi non poteva mancare una bella insalata dell’orto ben condita e freschissima.

Insalata dellorto
Insalata dell'orto

Siamo quasi in dirittura di arrivo. Tempo di dessert. Prima ci servono un graditissimo sorbetto al limone.

Sorbetto al limone
Sorbetto al limone

Poi gustiamo una meravigliosa crostata handmade alla marmellata di fichi biologici. Questa crostata mi ha ricordato quella che faceva mamma, che buona!

Crostata handmade con confettura di fichi bio
Crostata handmade con confettura di fichi bio

Ancora dei cantuccini di loro produzione…. Li accompagniamo con il caffè e un giro di amari artigianali.

Cantuccini handmade
Cantuccini handmade

Paghiamo per il nostro luculliano pranzo all’Agriturismo Giannasca 45 euro a persona.

L’Azienda Agrituristica Giannasca è una vera istituzione. Questa struttura è molto antica (datata 1830). E’ un bel casolare di campagna ristrutturato, tutto in pietra, con tanto verde e campagna intorno. Qui puoi fermarti a dormire, a pranzare o cenare in un contesto agreste di grande suggestione. L’atmosfera è calda e familiare. Il cibo buonissimo, il menù cambia in base allo scorrere delle stagioni. I prodotti usati in cucina sono in gran parte provenienti dall’Azienda Agrituristica stessa. Gli antipasti sono un inno alla tradizione contadina irpina, da non perdere in particolare la zuppa di fagioli salsiccia e porcini, i salumi, la pizza di patate e la tipica ciambottella grottese. I primi sono ben eseguiti, eccezionali le taglitelle fatte a mano con il ragù di macinato, commoventi i ravioli handmade ripieni di ricotta di Montella con porcini e prezzemolo. Di qualità la carne. Buoni i dolci fatti da loro. Il servizio è professionale e veloce. Nota di merito per Rocco che ci ha servito, educato, preparato e disponibile. Il titolare Antonio Giannasca è un vero vulcano di idee e passione, ci ha fatto piacere conoscerlo e cambiare qualche chiacchiera con lui. Il conto è giusto e direi commisurato alla qualità e quantità della proposta gastronomica. Giannasca a Grottaminarda è un “Signor Agriturismo”, piccolo gioiello rurale, indirizzo da non perdere se ami la buona cucina contadina irpina. Garantiamo noi….

 

 

Azienda Agrituristica Giannasca
Contrada Filette n.23
Grottaminarda (Av)
Tel. 338 590 3359
Visita il sito web dell’Agriturismo Giannasca

Pubblicato in Campania

Torniamo sempre volentieri a Sant’Agata de’ Goti, uno dei borghi più caratteristici e suggestivi della Campania. Qui vengono tantissimi turisti e visitatori attratti dalle sue bellezze storiche, architettoniche e dalla generosa natura che la circonda. Su tutto, l’immagine che resta impressa appena si arriva qui, è quella del centro storico che si scorge dal Ponte sul Martorano. Un vero proprio “presepe” fatto di case cortina costruite a picco sul costone tufaceo a strapiombo sul fiume. Alle sue spalle si erge maestoso e bonario il Monte Taburno che pare ammirare e quasi sorvegliare dall’alto tanta bellezza. Dopo una bella passeggiata nel centro storico ricco di viuzze, chiese, palazzi antichi, slarghi e scorci pittoreschi, ci fermiamo a pranzo.

Sant Agata de Goti Centro storico dal ponte sul Martorano
Sant Agata de Goti - Centro storico dal ponte sul Martorano

Siamo tornati all’Agriturismo Buro, a parer nostro, in assoluto uno dei migliori visitati negli ultimi anni. Siamo in posizione dominante, in collina nella zona denominata “Pennino”. Da qui si può ammirare la vallata ed il centro storico da una posizione privilegiata. Abbiamo prenotato con dovuto anticipo il nostro tavolo all’Agriturismo Buro. Ad accoglierci c’è Mario, il proprietario, vulcanico, e sempre disponibile con gli ospiti della struttura. Con lui c’è dietro a questa realtà tutta la famiglia Buro che gestisce con passione, tenacia e bravura sia l’azienda agricola (da cui provengono molti dei prodotti usati in cucina), sia l’agriturismo. La struttura è molto bella e spaziosa, ci sono sue sale interne (una molto grande e luminosa), e poi una veranda che affaccia sul giardino. L’arredo è semplice, rustico ma curato. Alle spalle della struttura c’è un fantastico giardino dove potersi rilassare e dove i bambini possono giocare all’aria aperta.

Agriturismo Buro SantAgata de Goti Insegna Esterna
Agriturismo Buro Sant'Agata de' Goti - Insegna Esterna

Durante la settimana c’è un menù alla carta, quindi si può scegliere liberamente cosa mangiare oppure affidarsi ai consigli di Mario. La Domenica e durante i giorni festivi l’Agriturismo Buro propone ovviamente un menù fisso (scelta comprensibile data la grande presenza di clienti). Si comincia con un must di Sant’Agata de’ Goti: le mitiche ‘nfrennule che adoro. Questi tarallucci sono una bontà assoluta, fatti con ingredienti semplici e genuini: farina, vino bianco, olio e finocchietto selvatico. Sono protagoniste dell’aperitivo tipico del luogo da accompagnare con salumi e un buon bicchiere di vino.

Le nfrennule dellAgriturismo Buro
Le 'nfrennule dell'Agriturismo Buro

A proposito di vino, ci viene servito un ottimo aglianico locale. Cominciano le danze. Si parte con un tagliere con pecorino al tartufo e al pistacchio di Campoli del Monte Taburno, noci bio dell’azienda Agricola Buro e marmellata di fichi bio. Spettacolare in particolare il pecorino al tartufo con il suo profumo intenso. Ottime le noci bio…

Tagliere con formaggio noci e marmellata di fichi
Tagliere con pecorino al tartufo e al pistacchio, noci e marmellata di fichi

Poi ci viene servita una particolare polenta con la cicoria selvatica, che personalmente ho apprezzato molto.

Polenta con cicoria selvatica
Polenta con cicoria selvatica

Un trionfo di sapori contadini i funghi pioppini saltati in padella con pomodorini . Qui non potevo esimermi dall’accompagnarli con l’ottimo pane dell’Agriturismo Buro.

Funghi pioppini e pomodorini
Funghi pioppini e pomodorini

Una menzione particolare va al pane che viene prodotto qui, realizzato con il lievito madre. Uno spettacolo incredibile…E che profumo!

Pane al lievito madre in cottura nel forno a legna
Agriturismo Buro. Sant'Agata de' Goti - Pane al lievito madre in cottura nel forno a legna

L’antipasto continua come in un crescendo rossiniano, ecco un piatto di salumi locali e ricottina: prosciutto sannita, capocollo, pancetta, salame (di loro produzione) e una delicata e profumata ricottina.

Salumi locali e ricottina
Salumi locali e ricottina

Poi ci servono delle bruschette ancora calde con mentuccia e il lardo di Colonnata, che si scioglieva con il calore del pane…Che meraviglia…

Bruschette con lardo di colonnata e mentuccia
Bruschette con lardo di colonnata e mentuccia

La zucca in agrodolce è spettacolare…….

Zucca in agrodolce
Zucca in agrodolce

Così come la caciottina di pecora servita sempre con le noci bio…..

Formaggio di pecora e noci
Caciottina di pecora e noci

Intanto Mario, vulcanico e sempre disponibile, passa per sincerarsi che tutto stia andando per il meglio. Non può che essere così, si procede alla grande. Come resistere alle morbide e fragranti pizzette fatte con il lievito madre dell’Agriturismo Buro? Infatti non resistiamo....

Le pizzette dellAgriturismo Buro
Le pizzette dell'Agriturismo Buro

Pensi che l’antipasto dell’Agriturismo Buro sia terminato? Assolutamente no….Infatti dopo poco ecco una scarolina ripiena con pane raffermo, capperi olive e noci, panzerotto ripieno con caciocavallo e mortadella e peperoncino in pastella fritto. La scarolina ripiena sorprende ma il panzerotto ripieno con caciocavallo e mortadella è un piccolo trionfo di sapore.

Fagottino con caciocavallo e mortadella peperoncino in pastella e scarola ripiena
Pazerotto con caciocavallo e mortadella, peperoncino in pastella e scarola ripiena

L’antipasto si chiude con uno dei “must” di questo periodo dell’Agriturismo Buro: costine (tracchie) e patate al forno. Qui mi sono dovuto imporre lo stop, perché erano talmente buone che avrei fatto volentieri il bis….

Tracchie e patate al forno
Costine (Tracchie) e patate al forno

L’antipasto è stato eccezionale, ricco, opulento, realizzato con prodotti del territorio (molti provenienti dall’azienda agricola di famiglia). In attesa dei primi usciamo per passeggiare un po’ nel bel giardino della struttura. Siamo su una collinetta, per questo possiamo ammirare il centro storico di Sant’Agata de’ Goti da una prospettiva differente. Sempre stupendo.Torniamo al tavolo perché è il momento dei primi piatti. Si comincia con i paccheri melanzane, salsiccia e mozzarella su letto di parmigiano…

Paccheri con melanzane pomodori bio e mozzarella
Paccheri con melanzane, pomodori bio e mozzarella

Poi ci viene servita una pasta tipica di Sant'Agata de' Goti: le pacche (pasta fatta a mano) in questo caso con ceci, porcini del Taburno, aglio e olio.

Pacche con ceci e porcini
Pacche con ceci e porcini

Come se non bastasse, Mario ci regala anche la degustazione di un altro primo piatto: agnolotti ripieni con ricotta e pesto bio, su letto di parmigiano con una pioggia di caciocavallo e noci. Davvero notevoli....

Ravioli ripieni di ricotta e pesto con caciocavallo e noci su letto di parmigiano
Agnolotti ripieni di ricotta e pesto con caciocavallo e noci su letto di parmigiano

Con i secondi raggiungiamo l’apoteosi. Qui all'Agriturismo Buro la carne è davvero eccellente e viene cucinata a regola d’arte. Non potevamo non prendere una porzione di misto alla brace (salsiccia, coppa di maiale e agnello) con patatine. La carne è davvero superlativa, in particolare l’agnello era tenerissimo.

Agriturismo Buro SantAgata de Goti Misto alla brace IGP con patatine
Misto alla brace IGP con patatine

L’altro secondo è un maestoso arrosto di marchigiana. Che spettacolo… I meat-lovers di sicuro apprezzeranno anche solo guardando la foto….

Marchigiana alla brace
Marchigiana alla brace

Come contorno arriva una sempre gradita e fresca insalata bio dell’orto, condita in modo sublime.

Insalata di campo
Insalata di campo

“Dulcis in fundo” (quasi, perché c’è anche la frutta…) arriva il dessert. Mario ci tiene a farci assaggiare i baci di caprese, buoni davvero…

Baci di caprese
Baci di caprese

Ma l’Oscar dei dolci va alla mitica Pasqualina, una vera maga con torte e crostate. In questo caso ci fa gustare una fetta di crostata di frolla con marmellata di fichi bio, noci e cioccolato fondente.

Crostata di frolla con marmellata di fichi bio noci e cioccolato
Crostata di frolla con marmellata di fichi bio, noci e cioccolato

Poi ecco la frutta di stagione, (bella anche da vedere oltre che da mangiare). Prendiamo poi due caffè e due amari.

Frutta di stagione
Frutta di stagione

Per il nostro opulento pranzo all’Agriturismo Buro paghiamo poco più di 40 euro a persona.

Torniamo spesso all’Agriturismo Buro perché per noi rappresenta una certezza assoluta. Questo è un “signor Agriturismo”, nato da un’azienda agricola. Dietro c’è la storia della famiglia Buro, che con passione e grandi capacità, è riuscita nel tempo a creare una meraviglia. La location è suggestiva, grazie anche alla sua posizione dominante e panoramica da cui si può ammirare da una prospettiva davvero particolare il borgo antico di Sant’Agata de’ Goti.
Mario è il padrone di casa ed anche l’anima di questo luogo, che rispecchia il suo carattere generoso e verace. Qui all'Agriturismo Buro trovi meravigliosi piatti della tradizione contadina. L’antipasto di Buro è infinito e di qualità. In cucina c’è anche la mano della signora Teresa, custode di preziose ricette e piatti del territorio. Da non perdere la pasta fresca (tagliatelle, pappardelle e le mitiche pacche), i primi piatti sono conditi con ogni ben di Dio, dal sugo di pomodoro biologico, ai funghi porcini del Taburno, ai legumi e alle verdure dell’orto. Quasi tutti i prodotti usati in cucina le materie prime provengono dall’azienda agricola di famiglia o comunque da piccoli produttori e allevatori locali. La carne è un altro must dell’Agriturismo Buro. Ci sono tantissimi ospiti che fanno chilometri e chilometri per gustare la carne qui. Per i dolci devo fare i complimenti a Pasqualina, una vera “maga” in fatto di torte e soprattutto crostate. L’Agriturismo Buro a Sant’Agata de’ Goti è una garanzia. A parer nostro, uno dei migliori da noi visitati, decisamente da non perdere. Parola de I Templari del Gusto.

 


Agriturismo Buro
Via Pennino n. 15
Sant’Agata de’ Goti (Bn)
Tel. 0823 717006
Visita il sito web dell’Agriturismo Buro.

Pubblicato in Campania

E’ sempre piacevole tornare a Bovino, borgo gioiello della Daunia e ammirare le sue bellezze, il suo centro storico, il Castello, i palazzi antichi, i vicoletti caratteristici e le strade acciottolate e il Duomo (la Chiesa di Santa Maria Assunta) che risale addirittura al X secolo. La Daunia è un territorio che amo perché regala sempre emozioni, e poi perché qui certe tradizioni contadine sono ancora forti e radicate. Queste tradizioni si trovano anche in cucina. C’è un luogo a Bovino che per me rappresenta l’esaltazione della cucina contadina della Daunia, è l’Agriturismo Piana delle Mandrie.

Agriturismo Piana delle Mandrie Ingresso alla sala
Agriturismo Piana delle Mandrie. Bovino - Ingresso alla sala

Torno spesso e volentieri a trovare Nicola Consiglio e la sua famiglia. Nicola è l’anima di questo luogo, con annessa azienda agricola e caseificio e ha creato un piccolo capolavoro. Ma riavvolgiamo il nastro e cominciamo da principio. Piana delle Mandrie si trova poco fuori il borgo di Bovino sulla SP 121 in Contrada Padula proprio all’altezza del bivio Accadia – Panni.
Piana delle Mandrie è un fantastico agriturismo, con azienda agricola e caseificio. Qui producono e vendono formaggi meravigliosi e latticini, quelli che si possono degustare nel menù. Nicola Consiglio è il padrone di casa, il motore di Piana delle Mandrie. Sempre sorridente, ospitale come pochi, appassionato e preparato. Insieme alla moglie Agata e alla sua famiglia ha creato nel tempo un vero punto di riferimento, capace di richiamare persone da ogni dove. La cosa che colpisce è come riesca nonostante i tantissimi clienti a mantenere elevatissima la qualità delle proposte. Davvero complimenti.

Agriturismo Piana delle Mandrie Caratteristico scorcio esterno
Agriturismo Piana delle Mandrie - Caratteristico scorcio esterno

Da ricordare che Nicola Consiglio possiede anche il ristorantino La Cantina, piccola bomboniera nel centro storico di Bovino dove si trova una cucina più o meno simile a quella di Piana delle Mandrie ma con pochi coperti e in un contesto differente.
Cominciamo col dire che Piana delle Mandria è dotata di grande e comodo parcheggio.Quando arrivi qui, ti guardi intorno e vieni pervaso da una sensazione di pace. Intorno c’è verde, campagna, gli animali dell’azienda agricola che placidi si mostrano agli ospiti. La struttura è molto caratteristica, un casale di campagna costituito da più corpi. Domina la pietra viva e i colori come quelli della Provenza. Davanti all’ingresso poi macchia mediterranea, rosmarino, erbe spontanee e lavanda, che rendono poetico l’ambiente.

Agriturismo Piana delle Mandrie Bovino Caratteristica Insegna Esterna
Agriturismo Piana delle Mandrie. Bovino - Caratteristica Insegna Esterna

Da sottolineare come Nicola Consiglio abbia messo su anche un vasto campo di lavanda che in certi periodi dell’anno regala agli ospiti e ai visitatori un tocco di poesia.
Veniamo accolti con grande gentilezza e ci accompagnano al nostro tavolo. C’è il pienone (come sempre) ma si sta davvero bene. Adoro l’atmosfera da antica casa di campagna che c’è all’interno: gli arredi, il legno, la pietra, i mobili restaurati, gli oggetti antichi che raccontano la vita dei campi. Ci sono ben tre ambienti. Noi siamo nella sala con un bellissimo camino rivestito con cementine antiche. Spettacolo…Passa a salutarci Nicola (prima di ritornare in cucina), sempre gentile e ci spiega quello che è il menù del giorno e le proposte fuori carta.

I caciocavalli del caseificio dellAgriturismo Piana delle Mandrie a Bovino
I caciocavalli del caseificio dell' Agriturismo Piana delle Mandrie a Bovino

A differenza di ciò che abbiamo trovato in altri agriturismi dove quasi sempre c’è un menù fisso. Qui oltre all’antipasto del Contadino che varia sempre a seconda della stagioni e della disponibilità e reperibilità delle materie prime, c’è la possibilità di ordinare alla carta e di scegliere tra cinque primi e cinque secondi. A parer mio questa cosa è un valore aggiunto per il cliente, anche se risulta cosa assai impegnativa per la cucina (soprattutto la Domenica e nei giorni festivi o di grande presenza clienti). Comunque avere la possibilità di scegliere cosa mangiare e magari anche di gustare l’abbondante antipasto più solo un primo o un secondo, è una cosa davvero importante.
Da bere ci portano una minerale e un buonissimo vino della casa (in bottiglia), un Nero di Troia bello generoso e corposo. Cominciamo con due antipasti del Contadino, un vero trionfo di bontà. Cominciamo con delle frittelline di pasta cresciuta calde, calde, sempre gradite e invitanti...

Frittelle di pasta cresciuta
Frittelle di pasta cresciuta

 

Ecco poi un piatto con del meraviglioso salamino di maialino nero e una degustazione di formaggi prodotti dal Caseificio di Nicola Consiglio: formaggio al limone, uno al peperoncino e uno al rosmarino con una marmellata di mela annurca. Il salamino è semplicemente fantastico, così come i formaggi, quello aromatizzato al limone mi ha conquistato…

Salamino di maialino nero e formaggi
Salamino di maialino nero e formaggi

Poi ci servono una nostra vecchia conoscenza: la ricotta prodotta da loro. Una ricotta dal sapore unico, dolce, morbida, delicata. Da provare assolutamente…

La meravigliosa ricotta del Caseificio dellAgriturismo Piana delle Mandrie a Bovino
La meravigliosa ricotta del Caseificio dell'Agriturismo Piana delle Mandrie a Bovino

L’antipasto continua con un assaggio di parmigiana di melanzane (paradisiaca) e pizza di patate.

Parmigianina di melanzane e pizza di patate
Parmigianina di melanzane e pizza di patate

Poi un piatto che mi ha emozionato nella sua semplicità: polpette con pane e ricotta e un sugo di pomodoro che mi ha praticamente costretto alla scarpetta.

Polpette con pane e ricotta
Polpette con pane e ricotta

Ecco un piatto che forse più di ogni altro racconta la cucina contadina della Daunia: purè di fave con cicoria ripassata, crostini di pane, guanciale croccante e peperone crusco. Qui davvero siamo alla sublimazione di quelle che sono le tradizioni locali. Il purè di fave, profumato, delicato, aromatico si sposa a meraviglia con il sentore amarognolo della cicorietta ripassata in padella. Il crostini di pane regalano la nota croccante, il guanciale croccante con il suo sapore pieno e rustico esalta il tutto. A chiudere il cerchio il peperone crusco con il suo sapore inconfondibile che regala quella spinta in più.

Purè di fave con cicoria ripassata crostini di pane guanciale croccante e peperone crusco
Purè di fave con cicoria ripassata, crostini di pane, guanciale croccante e peperone crusco

Chiudiamo l’antipasto con il pancotto con patate e verdure di campo. Che meraviglia la presenza delle patate nel pancotto, proprio come si faceva un tempo. Altra pietanza della tradizione che ho gradito molto..

Pancotto con verdure di campo e patate
Pancotto con verdure di campo e patate

L’antipasto del contadino di Piana delle Mandrie non è un semplice antipasto, ma è una vera “sinfonia”, un compendio delle tradizioni contadine della Daunia, realizzato con prodotti in gran parte provenienti dell’azienda agricola di famiglia. Spettacolo allo stato puro. Ordiniamo anche due primi e la nostra scelta cade su un vero e proprio must di Piana delle Mandrie, un piatto amatissimo dai clienti e che è sempre in carta: i fusilli campani del Brigante con capocollo, pomodorino e cubetti di caciocavallo fuso. La cosa che colpisce di questo piatto è l’equilibrio dei sapori. Anzitutto va detto che la scelta del formato di pasta è azzeccata, infatti il fusillo irpino è tenace al morso, regala soddisfazione e si sposa a meraviglia con il sugo di pomodorino, la morbida nota del caciocavallo fuso e la sapidità rustica del capocollo. Un piatto talmente buono che qualche tempo fa abbiamo chiesto a Nicola Consiglio di regalarci la ricetta.

Fusilli irpini del Brigante
Fusilli irpini del Brigante

L’altro primo che degustiamo sono i cavatelli con cime di asparagi, pomodori secchi, cacioricotta e guanciale di maialino nero. Interessante l’abbinamento degli asparagi con i pomodori secchi. Il cacioricotta insieme al guanciale danno quella spinta sapida al piatto che lo rende gradevole e dal sapore quasi “rustico”.

Cavatelli con cime di asparagi pomodori secchi cacioricotta e guanciale
Cavatelli con cime di asparagi, pomodori secchi, cacioricotta e guanciale.

Siamo sazi ma decidiamo comunque si concederci un secondo in due. Optiamo per l’arrosto di maialino cotto a bassa temperatura con cicorietta ripassata. La carne era morbida, gustosa e succosa, si scioglieva letteralmente in bocca.

Arrosto di maialino cotto a bassa temperatura
Arrosto di maialino cotto a bassa temperatura con cicoria ripassata

Come contorno prendiamo delle rassicuranti patate al forno (che si stanno sempre bene).

Patate al forno
Patate al forno

Saltiamo il dolce, prendiamo un caffè e un nocino artigianale, davvero ottimo.

Il loro nocino artigianale
Il loro nocino artigianale

Paghiamo per il nostro pranzo da Piana delle Mandrie a Bovino 75 euro in due. Ottimo il rapporto qualità prezzo soprattutto se consideriamo la qualità e la generosità della proposta gastronomica.

l’Agriturismo Piana delle Mandrie è uno dei miei indirizzi preferiti. La location è suggestiva, particolare, caratteristica: un casolare di campagna restaurato immerso nella natura dove si respira la tradizione. Una tradizione che puoi vedere negli oggetti alle pareti che rimandano alla vita contadina, nei mobili antichi restaurati, nella proposta gastronomica che è eccellente.
Consiglio di non perderti l’antipasto del Contadino, vario e abbondante e che cambia in base alla stagionalità e disponibilità delle materie prime. Ottimi i formaggi del loro caseificio, le polpette con pane e ricotta con sugo di pomodoro mi hanno emozionato e fatto tornare in mente nonna. Il purè di fave con cicoria ripassata, crostini di pane, guanciale croccante e peperone crusco è poesia del territorio. Ottimo il pancotto con verdure di campo e patate. Tra i primi, nota di merito ai fusilli irpini del Brigante con pomodorini, capocollo e dadini di caciocavallo fuso. Assaggiandoli capirai perché sono uno dei piatti più amati dai clienti di Piana delle Mandrie. Qui anche i bambini hanno di che divertirsi grazie alla presenza di giochini e alla possibilità di ammirare gli animali della fattoria. La cucina di Piana delle Mandria è quella della tradizione contadina della Daunia che qui grazie a Nicola Consiglio, ad Agata e a tutta la loro squadra, trova la sua sublimazione. Ottimo il rapporto qualità – prezzo. Il servizio è dinamico, veloce e informale. Da provare anche la loro pizza che propongono la sera, pizza fatta in modo totalmente naturale con farine di grani autoctoni e ingredienti bio dell’agriturismo.
Piana delle Mandrie a Bovino è un indirizzo che non può mancare in agenda e si conferma nella nostra guida sul web, tra quelli che sono i migliori agriturismi in assoluto. Esperienza fantastica. Garantiamo noi.



Agriturismo Piana delle Mandrie
Sp. 121 – Incrocio Panni Accadia
Contrada Padula
Bovino (Fg)
Tel. 0881966406 – 3897897956
Visita la pagina Fb dell’Agriturismo Piana delle Mandrie

Pubblicato in Puglia
Venerdì, 26 Maggio 2023 16:26

Agriturismo Il Rivolo. Bagnoli Irpino (Av)

Il nostro viaggio alla scoperta degli indirizzi da non perdere ci porta a Bagnoli Irpino. Questo borgo irpino è un vero gioiello in cui storia e natura si fondono alla perfezione. Bagnoli è nota per la produzione del pecorino, è paese di tartufi (il nero di Bagnoli è una vera prelibatezza), di castagne. Il centro storico cattura il visitatore con le sue viuzze acciottolate, i palazzi antichi, le Chiese e per certi scorci che restano nella memoria. Bagnoli Irpino è famosa anche per la sua frazione Laceno, dove c’è il lago, meta di turisti e visitatori che giungono da ogni dove alla ricerca di pace, natura e tranquillità. Proprio qui a Bagnoli Irpino, nella contrada di Rosole poco fuori il paese ci siamo fermati a pranzo all’Agriturismo il Rivolo.

Agriturismo Il Rivolo Bagnoli Irpino Insegna esterna
Agriturismo Il Rivolo. Bagnoli Irpino - Insegna esterna

Faccio una premessa, non è la prima volta che veniamo qui. Siamo innamorati di questo posto, della genuina ospitalità di Alessandra e Vito, dell’amore per la sua terra e la sua abilità di casaro del signor Matteo e delle proposte di cucina dal bravissimo chef Maurizio Landolfi capace di presentare dei piatti incredibili con la genuina materia prima locale. Dopo la solita calorosa accoglienza che ci è stata riservata, ci accomodiamo al nostro tavolo con vista sul verde.

Agriturismo Il Rivolo Bagnoli Irpino il nostro tavolo con vista sul verde
Agriturismo Il Rivolo. Bagnoli Irpino - Il nostro tavolo con vista sul verde

Diamo uno sguardo al menù. L’Agriturismo Il Rivolo propone un menù alla carta, si può scegliere liberamente cosa mangiare, non c’è menù fisso. Le proposte sono varie, calibrate e hanno un minimo comune denominatore: freschezza e stagionalità. Cominciamo ordinando gli antipasti e una bottiglia di aglianico irpino dell’Azienda Agricola Boccella Rosa di Montemarano, un vino di un bel colore rosso intenso, con sentori di frutti di bosco e spezie, con un bel tannino e un equilibrio invidiabile. Davvero un’ottima scelta.

LAglianico dellazienda agricola Boccella Rosa
L'Aglianico dell'azienda agricola Boccella Rosa

Cominciamo con un entreé davvero notevole: bignè salato con ricotta, acciughe, limone e mantecato di baccalà con cialda di pane fritto. Meraviglioso e soffice come una nuvola il bignè salato, esaltato dalla ricotta che ben si legava alla sapidità delle acciughe. Il mantecato di baccalà con la sua morbida consistenza era accompagnato dal “crunch” del pane fritto.

Bignè salato con ricotta acciughe e limone e mantecato di baccalà con cialda di pane fritto
Bignè salato con ricotta, acciughe, limone e mantecato di baccalà con cialda di pane fritto

E ancora ecco una deliziosa parmigianina, e un mini bun con un classico irpino, la ciambottina di verdure. Tutto buonissimo.

Parmigianina di melanzane e mini bun con ciambottina di verdure 2
Parmigianina di melanzane e mini bun con ciambottina di verdure

La zuppa di fave con pancetta e pecorino bagnolese mi fa fare un tuffo nelle tradizioni contadine di un tempo.

Zuppa di fave con pancetta e pecorino bagnolese
Zuppa di fave con pancetta e pecorino bagnolese

L’uovo pochè con crema ai piselli e scaglie di pecorino bagnolese merita un applauso convinto. Piatto ben studiato ed eseguito alla perfezione.

Uovo poché con crema ai piselli e scaglie di pecorino bagnolese
Uovo poché con crema ai piselli e scaglie di pecorino bagnolese

Mi è piaciuto molto l’abbinamento dell’uovo con la delicata crema ai piselli. CI stava benissimo anche il pecorino bagnolese che regalava una bella nota saporita e sapida al tutto.

Uovo poché con crema ai piselli e scaglie di pecorino bagnolese Dettaglio
Uovo poché con crema ai piselli e scaglie di pecorino bagnolese - Dettaglio

Nell’antipasto non poteva mancare una degustazione di formaggi. Il caciocavallo di Bagnoli Irpino. Si trattava di un caciocavallo “giovane” con una stagionatura di quattro mesi.

Caciocavallo di Bagnoli Irpino
Caciocavallo di Bagnoli Irpino

E l’immancabile e delizioso pecorino Bagnolese, formaggio per cui ho un debole. Meraviglia del territorio.

Il pecorino bagnolese
Il pecorino bagnolese

Alessandra è sempre presente e precisa nel raccontarci pietanze e prodotti. Dopo queste delizie attendiamo i primi. Optiamo per un risotto mantecato alla crema di carciofi, fonduta di caciocavallo, pancetta croccante e chips di carciofi fritti.

Il risotto mantecato con salsa ai carciofi riduzione di caciocavallo pancetta croccante e chips di carciofi
Risotto mantecato con salsa ai carciofi riduzione di caciocavallo, pancetta croccante e chips di carciofi

Qui lo chef Maurizio Landolfi mostra tutto il suo talento. Il riso è mantecato alla perfezione, delicata la crema di carciofi, vellutata la fonduta di caciocavallo e bella la nota croccante della pancetta e delle chips di carciofi. Un piatto davvero eccezionale.

Risotto con salsa ai carciofi riduzione di caciocavallo pancetta croccante e chips di carciofi vista dallalto
Risotto con salsa ai carciofi, fonduta di caciocavallo, pancetta croccante e chips di carciofi - Vista dall'alto

Alessandra e Vito ci fanno assaggiare anche un altro primo in carta: i ravioli di porcini e patate con crema di porcini e tartufo. Buoni anche questi.

I ravioli di patate e porcini con crema ai porcini e tartufo nero
I ravioli di patate e porcini con crema ai porcini e tartufo nero

Come secondi optiamo per un delizioso agnello alla griglia con verdure di stagione.

Agnello alla griglia con contorni di stagione
Agnello alla griglia con contorni di stagione

E poi un maestoso e morbidissimo filetto di maialino panato al sesamo su fondo alla birra con contorni di stagione.

Il filetto di maialino panato al sesamo su fondo alla birra con contorni di stagione
Il filetto di maialino panato al sesamo su fondo alla birra con contorni di stagione

Dopo un pranzo così, chiudiamo in bellezza con due dessert degni di un Re. La spirale al cioccolato con crema ai lamponi è bella da vedere e buonissima.

Spirale al cioccolato con crema di lamponi
Spirale al cioccolato con crema di lamponi

Anche il semifreddo alla vaniglia su salsa al liquore fragolino mi ha convinto. Altro dessert ben concepito e presentato alla perfezione.

Semifreddo alla vaniglia su salsa al liquore fragolino
Semifreddo alla vaniglia su salsa al liquore fragolino

Facciamo un giro di amari e chiediamo il conto. Paghiamo per il nostro pranzo all’Agriturismo Il Rivolo 50 euro a persona. Rapporto qualità- prezzo adeguato alla proposta gastronomica di assoluto livello.

L’Agriturismo il Rivolo è una vera chicca, un luogo di eccellenza. Più che un agriturismo potremmo definirlo un piccolo ristorantino bio, dove i prodotti del territorio e le materie prime locali (molte di loro produzione) vengono esaltate dalle sapienti mani dello chef Maurizio Landolfi, un vero talento. I formaggi sono eccezionali (in particolare il pecorino bagnolese), l’uovo pochè con crema ai piselli e scaglie di pecorino bagnolese è un piatto incredibile, il risotto mantecato alla crema di carciofi, fonduta di caciocavallo, pancetta croccante e chips di carciofi fritti da solo vale la visita. Ottima la carne, strepitosi i dolci. Il rapporto qualità – prezzo è adeguato al contesto. Il servizio è professionale. Alessandra e Vito sono perfetti padroni di casa sempre presenti e puntuali nel venire incontro alle esigenze degli ospiti e ad illustrare prodotti e piatti. L’Agriturismo il Rivolo a Bagnoli Irpino entra di diritto nella nostra guida sul web degli indirizzi da non perdere. Segna in agenda e non fartelo scappare.

 

 

Agriturismo Il Rivolo
Contrada Rosole
Bagnoli Irpino (Av)
Tel. 320 880 6831
Visita la pagina Fb dell’Agriturismo Il Rivolo

Pubblicato in Campania
Sabato, 20 Maggio 2023 09:40

Agriturismo Le Tre Pigne. Ruviano (Ce)

Ruviano è un piccolo e pittoresco borgo che si trova ad una ventina di minuti da Caserta nel suggestivo scenario delle colline caiatine. Questo è un territorio fortunato e con una natura rigogliosa e antiche tradizioni agricole e rurali. Qui la campagna la fa da padrona regalando prodotti genuini e di eccellenza (olio e vino su tutti) e sapori altrove dimenticati. Noi siamo stati a pranzo proprio qui a Ruviano, all’Agriturismo Le Tre Pigne.

Agriturismo Le Tre Pigne Ruviano Particolare esterno
Agriturismo Le Tre Pigne. Ruviano - Particolare esterno

L’Agriturismo Le Tre Pigne si trova in Via Olivella in piena campagna, lo scenario è bucolico. Se vieni qui, dimentica lo stress cittadino, il caos e goditi il silenzio, la natura, l’ospitalità e la cucina genuina di questo luogo incantato.

Agriturismo Le Tre Pigne Ruviano Spazio esterno
Agriturismo Le Tre Pigne. Ruviano - Spazio esterno

In effetti, dall’esterno la sensazione è quella di trovarsi in una bella casa di campagna, il giardino è curato, gli ambienti esterni sono un invito al relax. Da notare come l’Agriturismo Le Tre Pigne abbia anche un minicaseificio aziendale con tanto di mucche, la cui vista farà la gioia di grandi e piccoli. 

Agriturismo Le Tre Pigne Ruviano Le mucche del loro allevamento
Agriturismo Le Tre Pigne. Ruviano - Le mucche del loro allevamento

All’interno invece dominano il legno e la pietra che regalano una sensazione di calore di genuina convivialità, alle pareti e intorno ci sono oggetti e richiami al mondo rurale e alla vita contadina. 

Agriturismo Le Tre Pigne Ruviano Bancone
Agriturismo Le Tre Pigne. Ruviano - Bancone

Noi ci accomodiamo e diamo il via alle danze. Da bere prendiamo una minerale e il genuino vino locale. Arrivano il loro pane e si comincia con gli antipasti. Ecco un piatto di salumi e formaggi locali, prosciutto, capocollo, caciotta di pecora, caciocavallo, olive caiazzane e una meravigliosa frittata di zucchine e cipolle.

Antipasto di salumi e formaggi olive caiazzane e frittata
Antipasto di salumi e formaggi, olive caiazzane e frittata

A seguire delle buonissime melanzane grigliate.

Melanzane grigliate
Melanzane grigliate

E poi il pancotto con i fagioli. Veri sapori contadini che ti riconciliano con il mondo.

Pancotto con i fagioli
Pancotto con i fagioli

Vista la giornata grigia ci sta alla grande anche la polenta servita con un fantastico sugo di pomodoro. Sempre gradite e invitanti le montanarine con il loro sapore rustico.

Montanarine
Montanarine

Notevole anche il rustico che abbiamo gustato in attesa del primo. 

Rustico
Rustico

Il primo piatto che abbiamo gustato all’Agriturismo Le Tre Pigne è uno dei piatti della Domenica, la lasagna della tradizione fatta a regola d’arte con la sfoglia tirata a mano, un condimento generoso e un sugo di pomodoro pazzesco.

La lasagna dellAgriturismo Le Tre Pigne
La lasagna dell'Agriturismo Le Tre Pigne

Come secondo ci servono una millefoglie di vitello con prosciutto e caciocavallo con un contorno di patate al forno, semplicemente deliziosa.

Millefoglie di vitello con prosciutto e caciocavallo e patate
Millefoglie di vitello con prosciutto e caciocavallo e contorno di patate

Rendiamo dolce il nostro pranzo con il loro dessert e delle invitanti graffette dolci.

Graffe dolci
Graffe dolci

Facciamo un geneoroso giro di liquorini e caffè e chiediamo il conto. Paghiamo per il nostro pranzo all'Agriturismo Le Tre Pigne 35 euro a persona. Il costo del menù bimbi è invece di 18 euro.

L’Agriturismo Le Tre Pigne rappresenta tutto quello che vorresti trovare in un Agriturismo: la natura, il verde, la tranquillità, la genuina accoglienza e una cucina del territorio di assoluto livello con prodotti in gran parte dello stesso agriturismo. La location è bellissima: una tenuta di campagna immersa nel verde e nella natura. I proprietari sono simpaticissimi e ospitali. Abbiamo visitato anche il minicaseificio e l’allevamento delle mucche, abbiamo avuto anche la fortuna di vedere come effettuavano la mungitura per il latte. La cucina poi è l’altra nota lieta, i piatti sono un compendio di bontà e genuinità. Fantastici i salumi e i formaggi (di loro produzione). Il pancotto di fagioli è poesia contadina. Meravigliosa la lasagna della tradizione così come la millefoglie di vitello che abbiamo gustato. L’Agriturismo Le Tre Pigne a Ruviano entra nella nostra guida sul web degli indirizzi da non perdere. Da provare e riprovare. Garantiamo noi.


 

Agriturismo Le Tre Pigne
Via Olivella
Ruviano (Ce)
Tel. 327 194 4198
Visita il sito web dell’Agriturismo Le Tre Pigne

Pubblicato in Campania

La magia di Sant’Agata de’ Goti ci sorprende ogni volta che veniamo in questo borgo, sicuramente uno tra i più belli della Campania. La generosa natura che lo circonda e il suo centro storico che si erge su una terrazza tufacea lo rendono davvero un luogo suggestivo. Sant’Agata per me è anche qualcosa di affettivo e di personale. Un luogo del cuore che ho sempre piacere di raccontare e descrivere per chi ha la pazienza di leggermi. Da queste parti non mancano gli indirizzi degni di nota e spesso e volentieri ne abbiamo parlato.

SantAgata de Goti Il centro storico visto dal Ponte
Sant'Agata de' Goti - Il centro storico visto dal Ponte

Di recente sono tornato da Amaranto Agriturismo a trovare Angela Ascierto e Salvatore e gustare la loro cucina fatta di passione, attenzione, cura e scelta sapiente dei prodotti, che seguono tutti rigorosamente la stagionalità. Siamo poco fuori il centro storico di Sant’Agata de’Goti in località San Paolo, la struttura è davvero bella: un villino in stile liberty immerso nella natura e tra le piante di ulivo (alcuni anche secolari). Qui a fare da protagonista è il verde della campagna, una campagna che rapisce e inebria e che cambia colori e profumi in base al periodo dell’anno e al susseguirsi delle stagioni. Grazie alla sua posizione poi, da alcuni locali di Amaranto Agriturismo e dal terrazzo è possibile ammirare in tutta la sua maestosa bellezza il centro storico di Sant’Agata che regala sempre emozione. Qualcuno poi vorrà sapere perché il nome Amaranto. Semplice, amaranto è una pianta spontanea che cresce nelle campagne santagatesi e che si fa notare per i suoi colori e le sue sfumature. 

Amaranto Agriturismo SantAgata de Goti Insegna Esterna
Amaranto Agriturismo Sant'Agata de Goti - Insegna Esterna

Come al solito veniamo accolti con gentilezza dal personale e dalla padrona di casa, Angela Ascierto motore e anima di questo luogo. Angela con la sua famiglia porta avanti con amore questo progetto e questo sogno che potrei riassumere così: ridare vita a questa struttura (l’antica casa e proprietà dei nonni), creando un riuscitissimo mix di calorosa accoglienza, genuina cucina locale e generosa ospitalità. L’agriturismo all’interno presenta ben 3 ambienti, con due sale. L’arredo è sobrio ma curato, alle pareti e in qualche angolo ci sono oggetti della vita contadina che fu. All’ingresso come al solito, il mio sguardo è rapito da una meravigliosa madia antica, che un tempo veniva utilizzata per impastare il pane ma anche per conservarlo, insieme alla farina e ad altri prodotti. Prima ho fatto un cenno all’ospitalità, non a caso, infatti Amaranto Agriturismo dispone anche di camere per gli ospiti e un totale di 14 posti letto. Insomma questa la location ideale per trascorrere un weekend di pace e tranquillità nella natura, godendo di una buona cucina locale. 

Amaranto Agriturismo Particolare della sala con camino
Amaranto Agriturismo. Sant'Agata de' Goti - Particolare della sala con il camino

Il menù cambia rigorosamente ogni settimana,ì in base alla stagionalità e alla disponibilità dei prodotti e delle materie prime, molte delle quali provenienti dallo stesso agriturismo. Ci servono il pane e un buonissimo vino aglianico locale. Si comincia con un piatto di salumi del Sannio (prosciutto di cantina, pancetta arrotolata, capocollo), formaggio semistagionato con miele, bruschettina con cime di rapa, pecorino e pinoli e provola appassita su foglia di limone.
Nota di merito per il prosciutto davvero meraviglioso, stuzzicante la bruschetta con cime di rapa, pecorino e pinoli e molto buona la provola appassita sulla foglia di limone con la sua nota aromatica.

Antipasto di salumi e formaggi
Antipasto di salumi e formaggi

Si continua con una maestoso tegamino di tracchie e patate al forno, veraci e goduriosi sapori contadini…

Costine e patate al forno
Costine e patate al forno

Sempre gradite le loro melanzane sott’olio, che mi ricordano la cucina di nonna e mamma.

Melanzane sottolio
Melanzane sott'olio

Teneri e freschissimi i broccoli appena lessati serviti olio a crudo e con i fagioli…

Broccoli e fagioli
Broccoli e fagioli

Sorprendente e dal sapore rustico il pancotto con ben sette verdure di campo e peperoni fritti…

Pancotto con verdure di campo e peperoni
Pancotto con verdure di campo e peperoni

L’antipasto di Amaranto Agriturismo non delude le nostre attese, un mix di sapori e genuini piatti della cucina contadina locale. Ecco che arriva il primo piatto, pasta fresca (le "pacche", formato di pasta tipico di Sant’Agata) cremosa con fagioli, porcini e salsiccia. La pasta è buonissima, tenace al morso e profumata, davvero azzeccato poi l’abbinamento dei fagioli con la loro cremosità con i porcini e la salsiccia. Confesso la mia colpa: ho fatto il bis.

Pasta fresca cremosa con porcini fagioli e salsiccia
Pasta fresca cremosa con porcini, fagioli e salsiccia

Angela e Salvatore mi viziano, ecco un secondo assaggio di primo, intriganti i ravioli ripieni di goduriosa genovese conditi con porcini e scaglie di caciocavallo.

Ravioli ripieni di genovese con funghi e caciocavallo
Ravioli ripieni di genovese con funghi e caciocavallo

In attesa del secondo ci alziamo per fare due passi in giardino e ammirare da qui il centro storico santagatese. Rientriamo giusto in tempo per gustare la spalla di maiale al forno con verdurine e patate. Dire che è buono credo sia riduttivo…

Spalla di maiale al forno con patate e verdure
Spalla di maiale al forno con patate e verdure

il nostro pranzo come sempre termina in dolcezza con la sbriciolata ricotta e cioccolato ovviamente fatta da loro e un biscotto con uvetta passa.

Sbriciolata al cioccolato e biscotto con luvetta
Sbriciolata al cioccolato e biscotto con l'uvetta

Accompagniamo il dessert con amari e liquorini vari e un buon caffè. Il costo del menù fisso per adulti è di 30 euro a persona, 20 invece il menù bimbi. Davvero un rapporto qualità – prezzo fantastico.

Amaranto Agriturismo è stata una fantastica conferma. Suggestiva la location, un villino di campagna in stile liberty con un patio esterno in legno dove durante la stagione calda si può pranzare o cenare all’aperto. La cucina conferma tutto ciò che di buono avevo scritto durante la mia precedente visita. I piatti sono convincenti, qui trovi una cucina della tradizione ben eseguita, realizzata con prodotti del territorio selezionati e materie prime in gran parte provenienti dall’agriturismo stesso come l’olio Evo, le passate di pomodoro, le conserve. I salumi sono fantastici (nota di merito per il prosciutto di cantina e la pancetta). I primi piatti sono realizzati sempre con pasta fresca fatta a mano. Di qualità la carne. Ottimi i dolci in particolare la sbriciolata ricotta e cioccolato. Il personale in sala è professionale e discreto. Meravigliosa l’accoglienza. Fantastico il rapporto qualità- prezzo. Complimenti ad Angela Ascierto perfetta padrona di casa e a Salvatore, profondo conoscitore di prodotti e materie prime e che in cucina si esprime con creatività e amore. In cucina poi ci sono anche l’inesauribile Giusy e Antonella che prepara i dolci e a cui prima o poi, chiederò la ricetta della sua mitica sbriciolata. Amaranto Agriturismo a Sant’Agata de’ Goti si conferma alla grande nella nostra guida sul web, tra quelli che sono a parer nostro gli agriturismi da segnare in agenda. Conferma assoluta.



Amaranto Agriturismo
Contrada San Paolo
Sant’Agata de’Goti (Bn)
Tel. 327 452 4981
Visita il sito web di Amaranto Agriturismo

Pubblicato in Campania

Sant’Agata de’ Goti è senza dubbio uno dei borghi più belli e caratteristici della Campania. Città dalla storia antichissima, è una meta che richiama turisti e visitatori grazie alla sua posizione, alla generosa natura che la circonda ed al suo centro storico che conserva tracce di storia disseminate in ogni dove: antichi palazzi, chiese, piccoli vicoletti e case che raccontano vicende affascinanti. Il centro storico di Sant’Agata de’ Goti è un vero e proprio spettacolo che si può ammirare dal ponte sul Martorano. L’immagine delle case cortina costruite sul costone tufaceo ed a strapiombo sul fiume, è davvero suggestiva. Dopo una bella passeggiata nel borgo antico, ci siamo fermati per pranzo all’Agriturismo Buro.

SantAgata de Goti Centro storico visto dal ponte sul Martorano
Sant' Agata de Goti - Centro storico visto dal ponte sul Martorano

Siamo non lontano dal centro, nella zona denominata “Pennino”, in una posizione dominante. Da qui, visto che siamo su una collina, si può ammirare la vallata, il centro storico di Sant’Agata e il maestoso Monte Taburno che come un bonario guardiano lo osserva dall’alto. E’ Sabato, ci siamo fermati all’Agriturismo Buro per pranzo. Dopo aver parcheggiato l’auto nel comodo e ampio parcheggio dell'Agriturismo, ci accomodiamo. A fare gli onori di casa c’è Mario, proprietario e motore inesauribile.
Con lui tutta la famiglia Buro si dedica con passione e dedizione sia all’azienda agricola che alla struttura. L’Agriturismo Buro è una bellissima struttura, ci sono grandi sale interne, una terza più piccola e poi una veranda luminosissima. L’arredo è semplice ma curato. C’è anche un bellissimo giardino esterno dove potersi rilassare all’aria aperta. Siamo in pratica su una collina rigogliosa e piena di ulivi, da cui si può ammirare il centro storico di Sant’Agata dei Goti da una prospettiva diversa.
Diamo un’occhiata al menù, c’è la possibilità di affidarsi a Mario o di scegliere alla carta. La Domenica e nei giorni festivi, data la incredibile presenza di ospiti, l’Agriturismo Buro propone chiaramente un menù fisso (scelta inevitabile e comprensibile). Negli altri giorni ed anche il Sabato si può invece anche ordinare alla carta. Noi optiamo per una sorta di menù guidato. Si comincia con un classico santagatese: le ‘nfrennule che tanto amo. Questi tarallucci fatti con farina, olio, vino bianco e finocchietto selvatico, sono eccezionali e creano dipendenza.

Le nfrennule dellAgriturismo Buro
Le 'nfrennule dell'Agriturismo Buro

Ovviamente le ‘nfrennule sono fatte da loro, così come tutti i prodotti da forno ed il pane (realizzato con il lievito madre), che prima, sbirciando in cucina, avevo visto in cottura nel forno a legna. Un vero spettacolo…

Pane al lievito madre in cottura nel forno a legna
Agriturismo Buro - Pane al lievito madre in cottura nel forno a legna

Da bere ci servono un ottimo vino aglianico della zona. Si comincia con l’antipasto, un trionfo di portate che raccontano il territorio. Si comincia con salumi locali: prosciutto del Sannio, pancetta, capocollo e una soppressata davvero notevole. Al centro una buonissima ricottina di bufala con il miele di acacia. Meravigliosi i salumi con una nota di merito per il prosciutto, delizioso. Sapido il giusto, profumato, buonissimo. La ricottina si scioglieva in bocca e si sposava a meraviglia con il miele di Sant’Agata.

Agriturismo Buro SantAgata De Goti Salumi del Sannio e ricottina
Agriturismo Buro SantAgata De Goti Salumi del Sannio e ricottina

Ci servono delle bruschette ancora calde con il soave lardo di Colonnata, che meraviglia…

v
Bruschette con il lardo

Poi ecco un buonissimo formaggio al tartufo nero (proveniente da Cautano, altro borgo del Sannio) servito con le noci.

Formaggio al tartufo nero e noci
Formaggio al tartufo nero e noci

Sempre con le noci arriva un altro formaggio, questa volta di pecora dell’azienda agricola Viscusi, altra interessante realtà di Sant’Agata.

Formaggio di pecora e noci
Formaggio di pecora e noci

A tambur battente arrivano le altre portate dell’antipasto dell’Agriturismo Buro, intanto Mario, vulcanico e presente, passa per sincerarsi che tutto stia andando per il meglio. Si procede alla grande. Come resistere alle morbide e profumate pizzette fatte con il lievito madre? Infatti non resistiamo.

Agriturismo Buro SantAgata DeGoti Pizzette fatte con lievito madre
Agriturismo Buro - Sant'Agata De'Goti - Pizzette fatte con lievito madre

La zucca in agrodolce è divina, accompagnata dalle olive verdi appena schiacciate.

Zucca in agrodolce e olive
Zucca in agrodolce e olive

Nel pancotto con cicoriette e cardilli e un po’ di “forte”, c’è tutto il sapore delle tradizioni contadine. Un piatto saporito e per certi versi rassicurante.

Pancotto con cicoriette
Pancotto con cicoriette e cardilli

L’antipasto di Buro ci regala ancora delle sorprese. Ecco che ci servono i peperoncini verdi in pastella che ho trovato sorprendenti e un godurioso fagottino fritto, ripieno di mortadella e caciocavallo, di una bontà inaudita.

Panzerottino cacicocavallo e mortadella e peperoncini verdi in pastella
Panzerottino cacicocavallo e mortadella e peperoncini verdi in pastella

Credi che l’antipasto sia finito qui? Ti sbagli di grosso. Arriva un altro piatto della tradizione contadina, costine e patate al forno. Che profumo e che bontà !

Costine e patate
Costine e patate

Mario poi ci regala una chicca: uova fresche appena fatte dalle galline rosse del pollaio, eccole all’occhio di bue. Semplici, gustose, genuine.

Uovo bio all occhio di bue
Uovo bio all'occhio di bue

E' il momento dei primi, ci servono delle meravigliose pappardelle con porcini del Taburno e guanciale. Un piatto a cui mancava solo la parola, con un'attenzione particolare anche all'impattamento (la qual cosa non guasta mai).

Pappardelle con porcini del Taburno e guanciale
Pappardelle con porcini del Taburno e guanciale

Poi ecco un primo piatto tipico di Sant'Agata de' Goti, che fa parte della tradizione locale: pacche e ceci, arricchite in questo caso con i porcini aglio e olio. Le pacche sono una pasta fatta a mano davvero gustosissima.

Pacche con ceci e porcini aglio e olio
Pacche con ceci e porcini aglio e olio

Mario Buro ci vizia, e ci fa assagiare anche gli agnolotti alla mela annurca con pioggia di cacio e noci. Decisamente intrigante nel ripieno, l’abbinamento della ricotta con la nota dolce della mela annurca. Il cacio regala al piatto un po’ di sapidità con la bella nota croccante delle noci tritate. Piatto sorprendente.

Agnolotti alla mela annurca con pioggia di cacio e noce
Agnolotti alla mela annurca con pioggia di cacio e noci

Il nostro pranzo all'Agriturismo Buro continua. Ordiniamo un secondo da dividere: misto alla brace (salsiccetta, coppa e agnello) con patatine. Ottima davvero la carne, menzione speciale per l'agnello tenerissimo.

Agriturismo Buro SantAgata de Goti Misto alla brace IGP con patatine
Agriturismo Buro. Sant'Agata de Goti - Misto alla brace IGP con patatine

Anche l'insalata dell'orto merita, fresca e ben condita.

Insalata dellorto
Insalata dell'orto

Non possiamo chiudere il nostro pranzo senza un dolce. Gustiamo la mitica torta cioccalto e pere di Pasqualina. Davvero eccezionale.

Torta pere bio e cioccolato
Torta pere bio e cioccolato

Accompagniamo il dolce con due amari alla scorzetta di arancia. E chiediamo il conto.

Amaro alla scorzetta darancia
Amaro alla scorzetta d'arancia

Paghiamo per il nostro pranzo all'Agriturismo Buro 32 euro a persona. Davvero ottimo il rapporto qualità – prezzo.

L’Agriturismo Buro per noi rappresenta una garanzia. Non è la prima volta che veniamo qui, e ogni volta è sempre una conferma. Più volte ve ne ho parlato e abbiamo scritto di questo Agriturismo, nato da un’azienda agricola. Il motore è la famiglia Buro che accoglie i suoi ospiti con gentilezza e cortesia facendoli sentire come a casa. Mario è un fantastico padrone di casa, così come la dolce Pasqualina, ma la cosa che colpisce è come tutta la famiglia sia pienamente coivolta in questo progetto. La location è davvero bella, grazie anche alla sua posizione panoramica da cui si può ammirare dall’alto il borgo antico di Sant’Agata de’ Goti.
Qui all'agriturismo Buro trovi piatti della tradizione contadina. La cucina si avvale delle sapienti mani della signora Teresa, custode di ricette e piatti del territorio. Meravigliosa la pasta fresca (cavatelli, tagliatelle, pacche e pappardelle), i primi sono conditi con ogni ben di Dio dal sugo di pomodoro biologico, alle verdure dell'orto, ai funghi porcini del Taburno.  I prodotti utilizzati e le materie prime provengono quasi tutti dall’azienda agricola di famiglia o comunque da piccoli produttori e allevatori locali. Per i dolci scende in campo anche Pasqualina, fantastica la sua mano. L’Agriturismo Buro a Sant’Agata de’ Goti è una certezza. A parer nostro un signor agriturismo, assolutamente da non perdere. Garantiamo noi.


 

Agriturismo Buro
Via Pennino n. 15
Sant’Agata de’ Goti (Bn)
Tel. 0823717006
Visita il sito web dell'Agriturismo Buro

Pubblicato in Campania
Mercoledì, 09 Novembre 2022 20:48

Amaranto Agriturismo. Sant'Agata de'Goti (Bn)

Siamo tornati a Sant’Agata de’ Goti. Questo borgo è tra i più belli della Campania, la sua origine si perde nel tempo e conserva tutto il fascino di un paese medievale incastonato in una natura rigogliosa. Il suo centro storico si trova infatti in bella e scenografica posizione su una sorta di terrazza tufacea, quasi un’isola tra due affluenti del fiume Isclero, il Martorano e il Riello i quali formano una specie di incrocio di profondissimi valloni. Tantissimi i monumenti e le opere d’arte presenti in questo luogo.

SantAgata deGoti Il centro storico dal ponte sul Martorano
Sant'Agata de'Goti - Il centro storico dal ponte sul Martorano

Sant’Agata dè Goti è un borgo da visitare anche per le bontà enogastronomiche, in primis le mele annurche, ma anche l’olio, i vini (famosa la falanghina del Taburno), il miele, i formaggi ovini, caprini. Noi dopo una bella passeggiata nel centro storico ci siamo spostati poco contano dal centro e ci siamo fermati per pranzo da Amaranto Agriturismo. Ci troviamo in contrada San Paolo. La struttura è molto bella, in stile liberty immersa in un piccolo borgo e nel verde della campagna. Una campagna che accoglie l’ospite con generosità e calore: grandi spazi, alberi di ulivo, alberi da frutto, piccoli terrazzamenti con muri a secco, ci sono anche spazi di svago e sentieri per passeggiare.

Amaranto Agriturismo SantAgata de Goti Insegna Esterna
Amaranto Agriturismo. Sant'Agata de' Goti - Insegna Esterna

Sistemata l’auto nel comodo parcheggio della struttura all’ombra degli ulivi, ci accomodiamo. Abbiamo prenotato il nostro tavolo per tempo. Veniamo accolti con grande garbo e gentilezza da Angela Ascierto, vera anima insieme alla sua famiglia di questo luogo. Questa era la proprietà dei nonni: un casale con annessa campagna che è rinato grazie alla lungimiranza, alla passione e all’impegno di chi ha creduto in questo progetto che fa della genuina accoglienza e della buona cucina locale un vero e proprio mantra. All’interno ci sono 3 ambienti, due sale. L’arredo è curato, ci sono qua e là oggetti che richiamano al mondo contadino di un tempo. In particolare all'ingresso ho notato una bella madia antica che un tempo veniva usata come supporto per impastare il pane ma anche per conservare farina ed altri prodotti. Noi ci accomodiamo nella sala con il camino. Siamo convinti che d’Inverno, con il fuoco acceso, pranzare qui sia davvero bello. Da sottolineare come Amaranto Agriturismo disponga anche di camere per gli ospiti per un totale di 14 posti letto.

Amaranto Agriturismo Particolare della sala con camino
Amaranto Agriturismo - Particolare della sala con camino

Il menù varia ogni settimana sulla base della disponibilità dei prodotti e della stagionalità. Si comincia… Arriva il pane e ci portano da bere minerale e un generoso aglianico locale. Ecco un piatto con salumi e formaggi del Sannio, prosciutto di cantina, pancetta arrotolata e capocollo. Buonissimo il prosciutto, sapido il giusto, davvero di alto livello. Nota di merito anche per il capocollo. Poi un formaggio semistagionato con miele e chicchi di melograno. Una bruschetta con formaggio di pecora e pomodori secchi e un tocchetto di rustico alle verdure.

Antipasto Amaranto
Antipasto Amaranto

Si continua con delle ottime mozzarelline. Che personalmente ho con grande piacere accompagnato al fantastico prosciutto di cui sopra….

Mozzarelline
Mozzarelline

Ci servono poi delle deliziose melanzane sott’olio homemade, fatte come si deve. Gustandole e chiudendo gli occhi, ho ricordato quando mamma e nonna le facevano a casa. Fantastiche…

Melanzane sottolio
Melanzane sott'olio

Se le melanzane ci sono piaciute con i bocconcini di maialino al forno con le patate raggiungiamo livelli siderali. Di un buono inaudito, veri sapori contadini, sapori rustici.

Bocconcini di maialino al forno con patate
Bocconcini di maialino al forno con patate

Gradito omaggio, ci vene servita una ciotolina con l’olio nuovo, prodotto in Agriturismo, dove sono presenti numerose piante di ulivo. L’olio prodotto da Amaranto Agriturismo è di pregevole fattura, profumato, con piacevoli note erbacee e fruttate. Confesso che ne ho provato un bel po’ con il buon pane locale che ci hanno portato. Non potevo esimermi....

Lolio nuovo bio
L'olio nuovo bio di Amaranto Agriturismo

L’antipasto di Amaranto Agriturismo è un piccolo compendio di sapori e genuini prodotti e piatti della cucina contadina locale. In attesa dei primi, ci alziamo a fare due passi e dalla finestra della sala, ammiriamo il centro storico di Sant’Agata de' Goti che in lontananza fa bella mostra di sé come in una meravigliosa cartolina che cambia colore e sfumature con il passare del tempo e delle stagioni. Si torna a tavola, perché sono arrivati i fusilli freschi arrotolati al ferretto con i funghi porcini. Piatto delizioso, la pasta è tenace e rustica, ben condita con un sughetto ai porcini a cui mancava solo la parola…

Fusilli freschi arrotolati al ferretto con funghi porcini
Fusilli freschi arrotolati al ferretto con funghi porcini

Ci intratteniamo a parlare piacevolmente con altri ospiti vicini al nostro tavolo che come noi stanno apprezzando il pranzo. Ecco che ci servono gli gnocchi al forno con formaggio filante e pomodoro. Piatto che è una garanzia, cucinato come si deve, buonissimi gli gnocchi handmade, per non parlare della passata di pomodoro prodotta in Agrtiturismo, profumatissima.

Gnocchi al forno con formaggio filante e pomodoro
Gnocchi al forno con formaggio filante e pomodoro

Anche il secondo piatto non delude le attese, anzi mi conquista. Morbida e profumata la spalla di maiale ai sapori dell’orto con patate al forno.

Spalla di maiale ai sapori dellorto con patate al forno
Spalla di maiale ai sapori dell'orto con patate al forno

"Dulcis in fundo", ecco la sbriciolata ricotta e cioccolato ovviamente handmade, talmente buona che avrei fatto volentieri il bis.

Sbriciolata con cioccolato e ricotta
Sbriciolata con cioccolato e ricotta

Altra chicca sono le caldarroste che ci vengono servite, le castagne che provengono dalle tenuta di famiglia, scaldano il cuore e mettono sempre di buonumore.

Caldarroste
Caldarroste

Chiudiamo il nostro pranzo con caffè e amaro. Chiediamo il conto e paghiamo 30 euro a persona. Questo è il costo del menù fisso per adulti, 20 euro invece per il menù bimbi. Un rapporto qualità prezzo davvero favoloso. Complimenti. 

Amaranto Agriturismo è stata una meravigliosa scoperta. Bella la location, un villino di campagna in stile liberty con tre ambienti e una bellissima sala con camino. C’è anche gradevole un patio esterno in legno dove durante la bella stagione si può pranzare o cenare all’aperto. La cucina sorprende con piatti e pietanze legati alla tradizione contadina e con prodotti provenienti in buona parte dall’Agriturismo, come l’olio Evo, le passate di pomodoro, le conserve (tanto per citarne qualcuno). Buoni i salumi, meraviglioso il prosciutto di cantina, i bocconcini di maiale al forno con patate conquistano. Di buona fattura i primi realizzati sempre con pasta fatta a mano. Di qualità la carne. Nota di merito per i dolci, quella sbriciolata mi è rimasta nella memoria. Il servizio in sala è preciso, veloce e informale. Perfetta l’accoglienza. Oserei dire sbalorditivo il rapporto qualità- prezzo. Angela Ascierto è una perfetta padrona di casa, discreta ma sempre presente nel consigliare gli ospiti. In cucina ci sono Giusy che è una certezza, Salvatore simpatico e innovativo, è l’esperto di prodotti del territorio e materie prime e poi Antonella che con sapienza e amore prepara i dolci. Amaranto Agriturismo a Sant’Agata de’ Goti è davvero una bella storia che merita di essere raccontata. Ci fa piacere essere noi i primi a cominciare a raccontarla. Amaranto Agriturismo entra di diritto nella nostra guida sul web tra quelli che sono a parer nostro gli Agriturismi da non perdere. Rivelazione.

 

 

Amaranto Agriturismo
Contrada San Paolo
Sant’Agata de’Goti (Bn)
Tel. 327 452 4981
Visita il sito web di Amaranto Agriturismo

Pubblicato in Campania
Martedì, 18 Ottobre 2022 22:06

Tenuta dei Quiriti. Alvignano (Ce)

I nostri itinerari gastronomici ci conducono questa volta ad Alvignano, un paesino dell’Alto Casertano, situato alle pendici dei Monti Trebulani, dal quale si ammira l’imponenza della catena montuosa del Matese. In questo paesino, che fu importante roccaforte dei Normanni e degli Angioini, è possibile visitare i resti dell’antico Castello e perdersi tra le viuzze intrise di storia, ma soprattutto assaggiare la mozzarella e la burrata per cui questo paese è molto conosciuto anche al di fuori dei confini nazionali.
A pochi chilometri dal centro storico di Alvignano, sorge, in un contesto rurale ed incantevole, l’agriturismo Tenuta dei Quiriti.

Tenuta dei Quiriti Alvignano Ingresso Agriturismo
Tenuta dei Quiriti. Alvignano - Ingresso Agriturismo

Appena arrivati, restiamo sorpresi in positivo dai grandi spazi esterni dove il verde ed il colore dei fiori prevale; c’è anche una funzionale e comoda area giochi per i bambini e una zona dedicata al campeggio.I rumori ed il caos della routine quotidiana sono già un lontano ricordo, i nostri sensi sono ora pervasi solo dal silenzio della natura e dai profumi che provengono dalla cucina e che ci invitano a sederci a tavola.

Tenuta dei Quiriti Sentiero che porta allingresso dellAgriturismo
Tenuta dei Quiriti - Sentiero che porta allingresso dell'Agriturismo

Particolare è la scelta del nome di questo luogo Tenuta dei Quiriti, che richiama alla “Romanitas”, una concezione quasi sacra della vita e dell’uomo. Una sorta di dimensione che privilegia la natura, il silenzio, la bellezza e l’armonia della vita semplice. La Tenuta dei Quiriti è un luogo ameno, dove poter gustare in un clima di convivialità cibo sano e una genuina cucina della tradizione. Il personale ci accoglie con cortesia e disponibilità, ci vengono illustrati i piatti compresi nel menù fisso della Domenica.

Tenuta dei Quiriti Alvignano Particolare sala interna
Tenuta dei Quiriti. Alvignano - Particolare sala interna

Ci servono acqua e vino di loro produzione (ottimo), un buonissimo pane locale e si comincia con l’antipasto della casa che è ricco di tantissime portate con prodotti del territorio, tutti rigorosamente a km 0, molti dei quali coltivati con passione dagli stessi proprietari; il menù è fisso e varia di settimana in settimana nel pieno rispetto della stagionalità dei prodotti coltivati; iniziamo con prosciutto crudo, capocollo, lonzino di maialino pezzato, pecorino di Don Luigi un mix di sapori deciso e squisito, che viene arricchito poi di altre portate, quali mozzarelline di bufala (tipiche del territorio di Alvignano).

Antipasto dei Quiriti Salumi e formaggi
Antipasto dei Quiriti Salumi e formaggi

E poi ecco degli involtini di melanzane, rustico napoletano e degli squisiti funghi prataioli ripieni, una vera e propria delizia.  

Involtini di melanzane rustico napoletano e prataioli ripieni
Involtini di melanzane, rustico napoletano e funghi prataioli ripieni

E’ la stagione delle zucche e allora ecco una semplice e squisita zucca alla griglia.

Zucca alla griglia
Zucca alla griglia

Abbiamo poi apprezzato molto la zuppetta di fagioli con scarole perfetta per equilibrio e gusto.

Zuppetta di borlotti e scarola
Zuppetta di borlotti e scarola

Il menu domenicale prevede un assaggio di due primi piatti, diversi nelle loro peculiarità ma entrambi superbi: si inizia con una crepes ripiena con trito di scottona, mozzarella e ricotta di bufala in guazzetto di pomodori datterini, un piatto davvero notevole.

Crepes con trito di scottona mozzarella e ricotta di bufala in guazzetto di datterini
Crepes con trito di scottona, mozzarella e ricotta di bufala in guazzetto di datterini

Ma raggiungiamo l’apoteosi con gli scialatielli in vellutata di patate, pancetta di nero e caciocavallo, anche questo sapientemente cucinato, con un giusto equilibrio di sapori e una meravigliosa pancetta di nero casertano.

Scialatielli in vellutata di patate pancetta di nero e caciocavallo podolico
Scialatielli in vellutata di patate, pancetta di nero e caciocavallo podolico

Ci concediamo una pausa, prima sdraiandoci sulle panche immerse nel verde e poi girando tra gli ampi spazi ed i giardini dal verde rigoglioso che circondano la tenuta. Torniamo al tavolo e, per secondo, mangiamo reale di podolica cotta lentamente a bassa temperatura con patate al rosmarino…eccezionale!

Podolica cotta a bassa temperatura con patate al rosmarino
Podolica cotta a bassa temperatura con patate al rosmarino

Infine, (per chi non fosse ancora sazio), ecco una bella macedonia di frutta.

Macedonia di frutta
Macedonia di frutta

Non vuoi poi assaggiare la loro mitica torta di mele? Accompagniamo il dessert con caffè e liquore artigianale.

Torta di mele
Torta di mele

Costo del nostro pranzo alla Tenuta dei Quiriti: 35 euro a persona per gli adulti, 15 euro a persona per i bambini, compreso di bevande e di un ottimo vino di produzione propria.

La Tenuta dei Quiriti ad Alvignano è stata una meravigliosa scoperta. Questo è un meraviglioso agriturismo che si estende su una superficie di oltre 10 ettari. All’interno la struttura presenta due belle sale, all’esterno c’è un’area relax di 1000 mq con piscina, e in più c’è un’area gioco attrezzata per i più piccoli. Qui poi c’è ampio spazio per gli amici a 4 zampe. Da sottolineare la presenza di un’area dedicata al campeggio e di un parcheggio custodito. A tutto ciò si aggiunga una cucina di ottimo livello con prodotti stagionali, pani, rustici e focacce realizzate nel loro forno a legna. Il servizio è preciso e veloce e abbiamo trovato giusto il rapporto qualità-prezzo. La Tenuta dei Quiriti è un luogo in cui lasciarsi andare alla armonia delle cose semplici, del silenzio dei monti e della natura accompagnati da una cucina rurale che non delude ma che anzi, utilizzando i prodotti del territorio, sperimenta in un mix decisamente riuscito. Noi Templari del Gusto lo consigliamo assolutamente.

 

 


Tenuta dei Quiriti
Via Casa Lorenzo, n.8
Alvignano (Ce)
Tel. 334 7742648
Visita il sito web della Tenuta dei Quiriti

Pubblicato in Campania
Pagina 1 di 4

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

fake rolex uk kopi klokker orologi replica replica watches uk zegarki repliki

Search

In the early stage of starting a business, a large amount of financial support is required. To keep my company up and running. I tend to buy some cheap stuff online. For example, buying fake rolex can not only show your economic strength, but hardly affect your quality of life.