Campania

Lunedì, 02 Marzo 2020 17:27

La Sirena. Avellino

Siamo ad Avellino e per cena abbiamo deciso di mangiare a base di pesce, si avete capito bene! Ad Avellino ci sono alcuni indirizzi dove poter gustare ottima cucina di mare, uno di questi è La Sirena. Siamo in centro in Via Mancini. Da quasi un anno La Sirena si è spostata qui dalla precedente sede di Via Nazionale Torrette a Mercogliano ma le prerogative sono le stesse: proposte di pesce curate e ben eseguite, piatti della tradizione rivisitati con buona originalità. Il plus sta nel fatto che il pesce e quindi la materia prima proviene dalle pescherie della stessa proprietà.

Il locale è un mix di semplicità e modernità, colori chiari, il blu e il grigio. Ci accompagnano al nostro tavolo.
Diamo un rapido sguardo al menù, ben costruito e semplice da consultare: gli antipasti, i crudi, i primi e vari secondi. Da bere una minerale e due vini davvero interessanti: Maremma Toscana Vermentino DOC Acqua giusta della Tenuta La Badiola, un bianco da uve vermentino al 100 %, un vino con belle note floreali e fruttate, un vino fresco, morbido, con una buona mineralità. Davvero piacevole.

Maremma Toscana Vermentino DOC Acqua giusta Tenuta La Badiola
Maremma Toscana Vermentino DOC Acqua giusta Tenuta La Badiola

E un vino spumante brut Müller Thurgau quota 650 di Mezzacorona, un vino con sentori fruttati e floreali, in bocca è pieno con una buona acidità, una buona nota minerale. Anche questa è stata un’ottima scelta.

Müller Thurgau spumante quota 650 Mezzacorona
Müller Thurgau spumante quota 650 Mezzacorona

Spazio agli antipasti, visto che siamo in tanti prendiamo diverse cose da assaggiare tutti. Si comincia con il salmone marinato con mandorle e bacche di goji. Piacevolissimo l’abbinamento del salmone con la nota croccante della mandorla e delle bacche di goji.

Salmone marinato con mandorle e bacche di goji
Salmone marinato con mandorle e bacche di goji

Dei gamberi con scaglie di grana, balsamico e spinacini freschi.

Gamberi con spinaci e grana
Dei gamberi con scaglie di grana, balsamico e spinacini freschi.

Poi arriva una proposta di antipasto che ho apprezzato molto: burrata con acciughe del Cantabrico (eccellenti), gamberi e tartufo.

Burrata con gamberi alici e tartufo
Burrata con gamberi acciughe del Cantabrico e tartufo

Non le si trova dovunque e ho trovato meraviglioso e azzeccato l’abbinamento con la burrata, la sua morbidezza e grassezza ben si bilancia con il sapore sapido e voluttuoso delle acciughe. E’ stato divertente comporre i nostri crostini.

Crostino con burrata e acciughe
Crostino con burrata e acciughe

Se acciughe e burrata mi sono piaciute non da meno è stata la mozzarella di bufala con salmone affumicato. Divina la mozzarella e l’abbinamento con il salmone ci sta tutto.

Mozzarella di bufala e salmone affumicato
Mozzarella di bufala e salmone affumicato

E ancora un po’ di gamberi in salsa rosa. Nella media.

Gamberi in salsa rosa
Gamberi in salsa rosa

E un pò di alici fritte.

Frittura di alici
Frittura di alici

 E’ il momento dei primi. Buonissimi i ravioli di ricotta con gamberi e tartufo. Di ottima fattura i ravioli, meraviglioso l’abbinamento con gamberi e la nota del tartufo nero. Gran piatto.

Ravioli di ricotta gamberi e tartufo
Ravioli di ricotta gamberi e tartufo

E degli scialatielli ai frutti di mare, buoni, con frutti di mare in abbondanza ma forse andavano impiattati in modo diverso e più accativante.

Scialatielli ai frutti di mare
Scialatielli ai frutti di mare

 Spazio ai secondi! Una spigola all’acqua pazza, una grigliata (gambero, seppia e spada).

Grigliata
Grigliata

Un paio di fritture di calamari molto gradevoli, fritto ben fatto e asciutto.

Fritturina di calamari
Fritturina di calamari

Un calamaro alla brace che ha sempre il suo perché.

Calamaro alla griglia
Calamaro alla griglia

E un piatto di gamberoni alla griglia. Piccola incomprensione “con il personale di cucina” sulla provenienza dei gamberoni successivamente chiarita dalla attentissima titolare Carmen.

Gamberoni alla griglia
Gamberoni alla griglia

Chiudiamo in bellezza con dei cantuccini e cioccolato fondente ad accompagnare un vero nettare ….

Cantuccini e cioccolato
Cantuccini e cioccolato

Un whisky giapponese favoloso: il Nikka Whisky from the barrel, un blend che vede il connubio dei single malt insieme ai whisky di grano giapponesi, provenienti dalle distillerie Yoichi e Miyahikyo.

Nikka Whisky From The Barrel
Nikka Whisky From The Barrel

51,4 gradi di estasi, di un bel colore giallo ambrato, con setore di frutta e spezie, un profumo inebriante, bello corposo con un finale deciso. Scelta meravigliosa ..

Nikka Whisky From The Barrel Dettaglio
Nikka Whisky From The Barrel Dettaglio

Al Ristorante La Sirena per un pasto medio si paga intorno ai 50 euro a persona (vini esclusi), e il rapporto qualità-prezzo è assolutamente corretto.

La Sirena è un ottimo indirizzo se si vuol mangiare a base di pesce ad Avellino. Il locale è gradevole e centrale, le proposte di cucina sono interessanti. Ho mangiato bene e le aspettative non sono state disattese. Nota di merito in particolare per quei ravioli gamberi e tartufo, superlativi. E poi mi ha fatto piacere gustare le acciughe del Cantabrico (una bontà), non le mangiavo dalla mia visita a Barcellona, abbinate alla burrata poi erano una meraviglia. Fornita e non banale la carta dei vini con alcune etichette davvero importanti italiane ed estere.
La titolare Carmen è presente, cordialissima e attenta alle esigenze dei clienti, si vede che ci sa fare. Forse è un pò da migliorare il servizio, il personale è cortese, giovane e volenteroso ma andrebbe erudito un po’ di più sui prodotti e la loro provenienza. Corretto il rapporto qualità prezzo se consideriamo la proposta di cucina. Sicuramente un indirizzo da segnare in agenda per mangiare una buona cucina di mare ad Avellino. Consigliato.

La Sirena
Via Pasquale Stanislao Mancini n. 136
Avellino
Tel. 338 373 2506
Visita la pagina Fb del ristorante La Sirena

Pubblicato in Campania
Giovedì, 24 Ottobre 2019 09:18

Triglia Trattoria di Mare. Avellino

Siamo ad Avellino, siamo venuti nel capoluogo irpino per mangiare pesce. No, non siamo impazziti, qui infatti c’è un indirizzo da non perdere se amate la cucina di mare, parliamo di Triglia Trattoria di Mare.

Triglia AvellinoTriglia Avellino

Torniamo sempre volentieri da Triglia, ci piacciono le loro proposte di cucina ma anche l’atmosfera che si respira in questo locale “tematico”, un concept davvero innovativo ed accattivante che fa tendenza: una cucina di mare con pesce freschissimo e proposte gourmet che strizzano l’occhio alla creatività pur mantenendosi nel segno della tradizione irpina (grazie all’uso di molti prodotti del territorio).
Siamo in Via Cristoforo Colombo a pochi metri dal Bogart caffè, parcheggiamo l’auto a pochi passi dal locale. Entriamo, ci accoglie da par suo Lucio de Feo sempre gentile e garbato, ci accompagnano al nostro tavolo, siamo in due. Il locale all’interno è molto bello come ricordavamo, ci sono poco più di 40 coperti, si presenta moderno, contemporaneo, con una bellissima cucina a vista con la brigata all'opera (capitanata dal talentuoso chef Salvatore Tarantino). Nel complesso regala una sensazione piacevole, domina il bianco dei tavoli e delle sedute e poi i colori tipici dei ristoranti di mare ossia il blu, il verde . Bella l’idea delle lampade posizionate su ogni tavolo. Semplice ma d’effetto la mise en place.

Un angolo del localeUn angolo del locale

Il Deus ex machina di Triglia è il bravissimo chef Mirko Balzano a parer nostro uno degli chef di cucina gourmet migliori del panorama nazionale.
Diamo un’occhiata al menù che cambia in base alla stagionalità e alla disponibilità del pescato. Si può ordinare a la carte ma si può optare anche per un menù degustazione (a 50 euro bevande escluse).
Decidiamo di ordinare “a la carte”, intanto arriva il pane e da bere prendiamo una minerale e due calici di un interessante bianco: il Greco di Tufo DOCG di Vadiaperti. Un bel vino bianco secco ma che denota un’ottima freschezza e persistenza e sentori di frutta matura ed erbe aromatiche. Bella e spiccata la nota minerale. Un bianco del territorio irpino ideale per accompagnare la nostra cena

Greco di Tufo di VadiapertiGreco di Tufo di Vadiaperti

Arriva un graditissimo entrée: una montanarina con ragù di mare. Divina

Montanarina con ragù di mareMontanarina con ragù di mare 

Cominciano le danze, ordiniamo due antipasti denominati Triglia, cinque portate di mare di grande interesse. Nel dettaglio c’è polpo con rapa rossa e maionese di polpo. Ottimo incipit e delizioso l’abbinamentocon rapa e la mayo di polpo…

Polpo rapa rossa e maionese di polpoPolpo rapa rossa e maionese di polpo

Polpettina di totani con sfoglia di papaccelle. Buonissima con un perfetto equilibrio di sapori ….

Polpetta di totani con sfoglia di papaccellePolpetta di totani con sfoglia di papaccelle

Poi una chicca: sgombro nella rete di maiale (a mo’ di salsiccia) affumicato all’alloro. Spettacolo puro…

Sgombro nella rete di maiale affumicato allalloroSgombro nella rete di maiale affumicato allalloro

Belli da vedere e gustosissimi i panini al vapore con salsiccia di tonno con provola e peperoni. Una sorta di sandwich di mare da leccarsi i baffi.

Panino al vapore con provola peperoni e salsiccia di tonnoPanino al vapore con provola peperoni e salsiccia di tonno

A chiudere l’antipasto una commovente parmigiana di triglia con crema di melanzana marinata e pomodoro confit. Delicata, equilibrata, sorprendente …

Parmigiana di triglia con crema di melanzana marinata e pomodoro confitParmigiana di triglia con crema di melanzana marinata e pomodoro confit

L’antipasto Triglia ci ha sorpreso in positivo. L’abbiamo trovato davvero notevole, con piatti molto ben concepiti, presentati in modo impeccabile.
Dopo un po’ di piacevole attesa è il momento dei primi ecco uno dei “must” di Triglia, uno dei primi piatti che riscuotono maggior successo (infatti difficilmente esce dalla carta): pasta patate, provola e seppia. Assolutamente sorprendente, buonissima. Da sola questa pasta e patate merita la visita. Perfetta la cottura della pasta, un giusto equilibrio di sapori, la dolcezza avvolgente della provola, la seppia con la sua nota leggermente sapida. Un piatto davvero top!

Pasta patate provola e seppiaPasta patate provola e seppia

Non da meno l’altro primo: spaghetti alla chitarra ai lupini di mare. Erano mesi che non mangiavo un piatto di spaghetti così. Gustosi, sapientemente eseguiti con questa cremosità suadente. Semplicemente perfetto!

Spaghetti alla chitarra con lupini di mareSpaghetti alla chitarra con lupini di mare

Prendiamo anche un secondo in due: spiedino di mare con insalatina mista. Anche con questa proposta hanno fatto centro. Gustoso nella sua semplicità merito anche di una materia prima davvero eccellente.

Spiedino di mareSpiedino di mare

Lucio de Feo ci offre un dolcetto: due bignè cn crema pasticcera al limone. Meravigliosi.

DessertDessert

Prendiamo un caffè, un limoncello e chiediamo il conto: paghiamo 50 euro a testa. Rapporto qualità prezzo corretto e per certi versi sorprendente se consideriamo la qualità della proposta di cucina, e la materia prima freschissima.
Facciamo i complimenti allo chef Salvatore Tarantino, davvero bravo e alla giovanissima brigata di cucina. E chiaramente a Mirko Balzano, in lui talento e passione si fondono, un vero vulcano di idee.

Triglia Trattoria di mare rappresenta un piccolo gioiello in Irpinia, qui trovate un locale giovane, moderno, raffinato nella sua civettuola semplicità. La cucina poi è eccellente, una cucina di mare di livello. La materia prima è scelta con cura ed attenzione maniacale, i fornitori sono selezionati con cura, i piatti sono concepiti e preparati con estro e creatività, unendo il mare ai buoni prodotti irpini. Il personale è gentile, professionale, preparato e mai invadente. Buona la carta dei vini con etichette anche di piccole realtà (ma di elevata qualità). Rapporto qualità - prezzo corretto. Cosa volete di più? Ah....la firma è dello chef Mirko Balzano. Garanzia!


Triglia Trattoria di Mare
Via Cristoforo Colombo n. 33
Avellino
Tel. 0825 702123
Accetta carte di credito: SI
Prezzo Medio
Visita la pagina facebook di Triglia Trattoria di Mare

Pubblicato in Campania
Martedì, 31 Luglio 2018 16:36

Triglia Trattoria di Mare. Avellino

Ci siamo concessi il bis. Garanzia. Grande cucina di mare in Irpinia

Siamo tornati da Triglia trattoria di mare ad Avellino. Confessiamo che dopo la fantastica esperienza della scorsa volta abbiamo voluto riassaporare la loro cucina e soprattutto qualcuna delle proposte del menù estivo di Mirko Balzano ed il suo giovane e fantastico team. Parcheggiamo a pochi metri dal locale, ci accomodiamo al nostro tavolo da due, accompagnati in sala da Luca, garbato, educato, professionale. Mirko (il“Deus ex machina”Triglia) è fuori per un banchetto in villa, ma la brigata di cucina capitanata dal giovane e bravissimo chef Salvatore Tarantino è più operativa che mai.

Il locale regala un’atmosfera sempre piacevole, intimo, raccolto,  bellissima la cucina a vista, domina il bianco dei tavoli e delle sedute e poi i colori tipici delle location marinare: il blu, il verde. Il concept è accattivante, cucina di mare con pesce freschissimo, proposte gourmet e prodotti irpini.
Da bere ordiniamo una minerale e due calici di Fiano dell’azienda Villa Matilde del 2015. Eccellente, un vino profumato, delicato ma persistente dai sentori floreali e fruttati. Ottimo per accompagnare la nostra cena.
Arrivano i pani. Intanto guardiamo il menù che cambia sulla base della stagionalità e della disponibilità del pescato. Si può ordinare a la carte ma si può optare anche per due menù degustazione di 4 e 5 portate (a 35 e 40 euro bevande escluse). Noi optiamo per due menù degustazione da 4 portate (un antipasto, un primo, un secondo e il dessert).
Ecco l’antipasto, sono tre proposte stuzzicanti: una deliziosa montanarina con ragù di mare (denominata “alla marinara”). Buonissima e che profumo quel meraviglioso ragù!

Montanarina con ragù di mare
Montanarina con ragù di mare

Una triglietta con gazpacho di pomodori. Il pesce freschissimo e il gazpacho davvero eccellente con un equilibrio di gusto che non è facile trovare.

Triglietta con gazpacho di pomodori
Triglietta con gazpacho di pomodori

A chiudere il trittico di antipasti un accattivante cuoppo di totani e gamberi. Anche questo eccellente.

Cuoppo di totani e gamberi
Cuoppo di totani e gamberi

Abbiamo ordinato due primi differenti, in modo tale da poter degustare due differenti proposte. Ecco una commovente pasta e patate con provola e seppia (con tanto di nero di seppia sopra). Sapete che non amo esagerare ma questa è stata una delle più buone"pasta e patate"mai mangiate. Delicata, gustosa, equilibrata con quel gusto di mare dato dalle seppie tagliate sottili sottili e la spuma di provola. Per quanto mi riguarda per la nostra serata anche solo questo piatto valeva la visita. Complimenti!

Pasta e patate con provola e seppia
Pasta e patate con provola e seppia

Altro primo è una sorta di rivisitazione della puttanesca: cavatelli con pescatrice, pomodori, e olive e capperi disidratati. Anche questo piatto è perfetto. Ben eseguito e dal gusto deciso.

Cavatelli con pescatrice, pomodori, olive e capperi disidratati
Cavatelli con pescatrice, pomodori, olive e capperi disidratati

La nostra serata trascorre piacevolmente, il servizio in sala è preciso, puntuale, veloce. Il maitre Luca sa il fatto suo e mi omaggia di un calice di Greco di Tufo Contrada Marotta (2015) sempre dell’azienda Villa Matilde. Di un bel giallo dorato con sentori fruttati e una spiccata nota minerale. Ottimo.

E’ il momento del secondo. Signori ecco sua maestà il Tonno scottato, con varie declinazioni di cipolla (arrostita, alla genovese e in agrodolce), questa dolcezza della cipolla viene contrastata della scarola saltata con capperi ed olive nere e una salsa di olive nere, c’è anche un ciuffo di maionese light fatta sempre da loro. Piatto fantastico. Chapeau!

Tonno scottato cipolle e scarola
Tonno scottato cipolle e scarola

Il nostro menù termina con uno spiedino di Pesca al Fiano.

 

Spiedini di pesca al fiano
Spiedini di pesca al fiano

Per finire io prendo un rum mauriziano della Rhumerie de Charamel: il VSOP. Spettacolare.

Rum Mauriziano
Rum Mauriziano

Arrivano anche delle praline di cioccolato bianco e fondente. Chiediamo il conto e paghiamo per la nostra cena 90 euro in due. Rapporto qualità prezzo corretto per la qualità delle materie prime e il livello delle proposte.

Dobbiamo ripeterci ma come dicevano i latini “repetita iuvant”. Confermiamo in pieno il giudizio dato già un mese fa. Triglia trattoria di mare rappresenta un unicum ad Avellino. Un indirizzo sicuro dove gustare una cucina di pesce di alto livello. Le proposte sono studiate, non banali, la materia prima freschissima e scelta con cura ed attenzione maniacale. La regia di Mirko Balzano c’è e si vede, la brigata di cucina sa il fatto suo, una menzione particolare per lo chef Salvatore Tarantino, giovane e talentuoso. Sentirete parlare di lui. Luca in sala è impeccabile. Il servizio è veloce e professionale. Il locale gradevole con il plus della cucina a vista che ha sempre il suo perché.
Bravissimi! Continuate così. Fateci un salto, garantiamo noi….


Triglia Trattoria di Mare

Via Cristoforo Colombo n. 33
Avellino
Tel. 0825 702123
Accetta carte di credito: SI
Prezzo Medio
Visita la pagina facebook di Triglia Trattoria di Mare

Pubblicato in Campania

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search