Campania

Mercoledì, 04 Marzo 2020 18:44

L' Ape e il Girasole. Castel Campagnano (Ce)

Oggi il nostro viaggio enogastronomico ci conduce a Castel Campagnano, più precisamente nella frazione di Squille, che si estende lungo le propaggini del Monte Maggiore in un territorio di confine tra l’alto casertano ed il beneventano; in questo luogo incantato circondato dal verde, dalle montagne e bagnato dal fiume Volturno, ad una altitudine di circa 200 metri, sorge il bio agriturismo l’Ape e il Girasole, una vera e propria azienda agricola che si estende su una superfice di circa 20 ettari, dove le coltivazioni sono effettuate rigorosamente con metodiche di agricoltura biologica;

L'Ape e il Girasole Campagnano Ce
L'Ape e il Girasole Castel Campagnano

In azienda vengono allevati maiali di razza nera casertana, bovini di razza alifana nonché animali di fattoria, come polli, oche ed anatre; l’azienda si distingue inoltre per aver recuperato la coltivazione di antiche varietà di ortaggi tipici del territorio, quali il pomodoro San Marzano, il Principe di borghese, il peperone beneventano, le classiche papaccelle, le melanzane, le zucchine San Pasquale, antica varietà dalle striature bianche e verdi; Un capitolo a parte merita anche la produzione vitivinicola, in particolare del Pallagrello nero e bianco ottenuto dalle uve coltivate dall’azienda agricola nei dolci terreni di Squille, alle pendici del Monte Maggiore, proveniente da un antico ceppo coltivato in questi luoghi e che si tramanda da secoli nelle generazioni. Dulcis in fundo in fattoria si produce anche dell’ottimo olio di oliva ottenuto dalle olive tipiche del territorio, in particolare quelle della varietà caiazzana e leccino; olio di oliva delle Colline Caiatine che ha anche ottenuto con successo il riconoscimento del marchio DOP.

LApe e il Girasole Dettaglio esterno
L'Ape e il Girasole Dettaglio esterno

Entrando nella tenuta, si è subito immersi in luogo magico, ricco di fauna in cui sembra regnare la pace e il silenzio interrotto a tratti dal dolce rumore del ruscello che scorre, dal ronzare delle api o dal cinguettio degli uccelli; da un lato gli enormi spazi verdi, dall’altro il parco giochi per bambini, dall’altro ancora l’ingresso per il vicino bosco che consente, per gli amanti della natura, passeggiate naturalistiche alla ricerca di frutti ed erbe selvatiche o solo per ammirare lo spettacolo della fauna e della natura.
Una volta entrati all’interno del bio agriturismo gestito con amore dalla Famiglia Coscia veniamo accolti dal gentile personale di sala che ci fa accomodare in una sala imponente nella quale domina un grande camino che riscalda l’ambiente e ci invita a degustare le delizie del posto;
Ci servono acqua e vino rosso di produzione propria (il pallagrello nero delle cui spiccate qualità abbiamo già parlato in precedenza), e si comincia con l’entrèe costituito da uno sformato di broccoli e formaggio, tutto rigorosamente di produzione propria;

Entrèe
Entrèe

L’antipasto continua con un flan di scarola paesana imbottito con olive ed emulsione di papacelle.... Delizioso.

Flan di scarola con crumble di olive ed emulsione di papaccella
Flan di scarola con crumble di olive ed emulsione di papaccella

E un tagliere di selezione di salumi di maialino nero casertano rigorosamente home made così come i formaggi e la marmellata di produzione propria;

Tagliere di salumi e formaggi
Tagliere di salumi e formaggi

Tutti i piatti sono ben presentati e dal sapore genuino. Dopo aver assaggiato gli ottimi antipasti, viene servito il primo piatto, con precisione gli agnolotti patate e pancetta con carciofi, colatura di pecorino bagnolese e polvere di carciofi, un piatto originale che mescola in maniera perfetta ortaggi coltivati con metodi biologici dalla famiglia Coscia nei fertili terreni di Squille.

Agnolotti patata e pancetta con carciofi colatura di pecorino bagnolese e polvere di carciofi
Agnolotti patata e pancetta con carciofi colatura di pecorino bagnolese e polvere di carciofi

Dopo una breve passeggiata lungo i vasti spazi aperti dell’agriturismo nei quali è prevista anche l’animazione per i più piccoli, ritorniamo ad accomodarci in sala e viene introdotto il secondo piatto, ovvero la vitellina da latte alle erbe di montagna con riduzione di falerno e cavolfiore; anche in questo caso non possiamo esimerci dal fare i complimento allo chef per aver cotto in modo sapiente ed attraverso una cottura rigorosamente lenta la carne di vitello nonché per l’abbinamento che crea il giusto contrasto di sapori tale da risultare irresistibile al palato.

Vitellina alle erbette di montagna con riduzione di falerno
Vitellina alle erbette di montagna con riduzione di falerno

Dulcis in fundo, un dolce artigianale squisito (avremmo fatto volentieri il bis) fatto con ricotta di bufala, cocco e crema nocciolata.

Ricotta di bufala cocco e crema nocciolata
Ricotta di bufala cocco e crema nocciolata

Costo del nostro pranzo 30 euro a persona per gli adulti compreso di servizio e coperto ma escluso di bevande e vino; 15 euro a persona per il menù bimbi. Il menù degustazione cambia settimanalmente ed è sconsultabile sul sito e sulle pagine social dell'Agriturismo, cosa questa molto comoda in fase di prenotazione. 

Una ultima menzione spetta alla Fattoria Didattica, altro fiore all’occhiello della Azienda Bio Agritustica l’Ape e il Girasole; ogni Domenica è previsto un evento molto interessante per i bambini che, accompagnati e guidati dai bravi e simpatici animatori, condurrà i piccoli ospiti della fattoria a scoprire le meraviglie della natura, dei prodotti tipici, delle tecniche di coltivazione e di preparazione dei tanti prodotti home made; i nostri bambini ad esempio si sono cimentati nell’arte di impastare e di preparare la pizza!
L’Ape e il Girasole è un microcosmo talmente variegato che, vissuto intensamente, lascia dentro emozioni che difficilmente potranno essere dimenticate; potremmo perderci per ore in questo piccolo mondo senza mai annoiarci né stancarci; un’azienda di famiglia condotta con estrema dedizione e cura dai proprietari, che nel ricordo delle tradizioni dei loro antenati, hanno continuato e ripreso con maestria le coltivazioni di prodotti tipici del territorio facendo dell’agricoltura biologica ed ecosostenibile un punto fermo da cui partire.

Agriturismo l'Ape e il Girasole
Via Fusco, n. 15
Castel Campagnano (Frazione Squille)
Tel. 335 102 2433
Visita il sito web dell’agriturismo L’Ape e il Girasole

Pubblicato in Campania
Venerdì, 21 Febbraio 2020 20:02

Agriturismo Monte Maggiore. Formicola (Ce)

Dopo una bella passeggiata tra il verde di alberi secolari, giungiamo nel territorio di Formicola, un piccolo paesino situato in una lussureggiante vallata circondata dalla catena dei monti dell’Alto Casertano, i monti denominati Trebulani; precisamente, in località Fondola, ai piedi di uno di questi monti, il Monte Maggiore, immerso in una cornice bucolica ricca di boschi e fauna selvatica, nasce l’ Agriturismo Monte Maggiore, un luogo senza tempo nel quale è possibile lasciarsi alle spalle lo stress della quotidianità e rilassarsi ascoltando il silenzio della natura e ammirando la maestosità dei monti che circondano la valle riuscendo a scrutare, nei giorni più limpidi, anche la cima del Vesuvio; a pochi chilometri, inoltre, è possibile raggiungere il caseggiato di Croce e, per i più avventurieri, iniziare un’emozionante scalata a piedi verso il Monte Maggiore.

Panorama dallAgriturismo Monte Maggiore
Panorama dall'Agriturismo Monte Maggiore

Una volta entrati all’interno dell’Agriturismo rigorosamente a conduzione familiare (proprietaria e personale tutti gentilissimi), i nostri sensi restano persuasi da odori d’altri tempi; il caminetto acceso nell’ampia sala rustica e accogliente emana un calore avvolgente che riscalda i cuori contribuendo a creare la migliore atmosfera per lasciarsi andare ai piaceri del palato.

Agriturismo Monte Maggiore Formicola Ce
Agriturismo Monte Maggiore - Formicola

Poco dopo ci servono acqua e vino rosso di produzione propria. Poi si comincia con l’antipasto della casa che è ricco di tantissime portate di prodotti del territorio locale, tutti rigorosamente a km zero come il prosciutto crudo, la pancetta, con dadini di zucca marinati con aglio e peperoncino. Sapido e gustoso il prosciutto, bello l’abbinamento con la zucca marinata.

Prosciutto pancetta e dadini di zucca marinati
Prosciutto pancetta e dadini di zucca marinati

Un assaggio di formaggi giovani della casa con miele.

Formaggi e miele
Formaggi e miele

Il gateau di patate cotto al forno. Che cosa era…Buonissimo.

Gateau di patate
Gateau di patate

La zuppa di cipolle, trionfo dei sapori contadini. Le buonissime cotiche con fagioli e crostini di pane.

Fagioli con cotiche
Fagioli con cotiche

La polenta fritta speziata, sempre gradevole.

Polenta fritta
Polenta fritta

Dei tranci di frittatina fatti con le uova fresche.

Frittatina
Frittatina

E un rustico con salumi e formaggi; un antipasto infinito che da solo vale già il prezzo del “biglietto”, un ottimo assaggio di prodotti esclusivamente a km Zero.

Rustico con salumi
Rustico con salumi

Dopo aver deliziato i nostri sensi con gli innumerevoli antipasti, ci viene servito il primo assaggio dei due primi piatti previsti: paccheri artigianali di grano duro al ragù di cinghiale; piatto tipico del territorio del medio Volturno che risulta essere molto gradevole e ben cucinato.

Paccheri al ragù di cinghiale
Paccheri al ragù di cinghiale

 L’altro primo piatto sono delle pappardelle tartufate con salsiccia. Qui abbiamo fatto il bis, approfittando del ripasso del gentilissimo personale dell’agriturismo che qui (udite udite) è previsto sia per i primi che per i secondi piatti !

Pappardelle con salsiccia e tartufo
Pappardelle con salsiccia e tartufo

Dopo una breve passeggiata lungo i vasti spazi aperti dell’agriturismo nei quali è prevista anche l’animazione per i più piccoli, ritorniamo ad accomodarci in sala ed assaggiamo il primo dei due secondi: costoletta di maiale cotta con salsa dello chef e mela annurca; ricetta davvero deliziosa con tanto di complimenti da riportare in cucina;

Costoletta di maiale con salsa dello chef e mela annurca
Costoletta di maiale con salsa dello chef e mela annurca

E per concludere ci viene servito un piatto di involtini di maialino nero casertano ripieni di provola e cotti nel vino rosso di produzione locale (buonissimo).

Involtini di carne con provola cotti al vino rosso
Involtini di carne con provola cotti al vino rosso

Infine, macedonia di frutta fresca, ci voleva proprio...

Macedonia di frutta
Macedonia di frutta

La torta caprese di produzione propria (eccellente) , oltre a caffè e amaro artigianale.

Caprese
Caprese

Costo del pranzo solo 28 euro a persona per gli adulti; 15 euro a persona per il menù bimbi. Tutto compreso di bevande, un ottimo vino di produzione propria e bis. Rapporto qualità - prezzo incredibile. 

L’Agriturismo Monte Maggiore è un indirizzo che non può mancare tra gli agriturismi in agenda. Un viaggio tra i boschi, tra i sentieri ricchi di fauna e vegetazione, una piacevole sosta prima di iniziare un percorso di trekking alla volta del Monte Maggiore, un invito a trascorrere un giorno da dedicare a sé stessi e a chi si ama, in un luogo quasi incantato assaggiando piatti deliziosi della cucina contadina locale anche nella loro semplicità dei quali difficilmente riuscirete a non concedervi un bis. Da provare almeno una volta nella vita. Consigliatissimo.

 

Agriturismo Monte Maggiore
Via Fondola
Formicola (Località Fondola)
Tel. 347 168 3363
Visita il sito web dell’Agriturismo Monte Maggiore

Pubblicato in Campania
Martedì, 21 Gennaio 2020 20:39

Agriturismo Buro. Sant'Agata de' Goti (Bn)

Siamo tornati nella splendida Sant’Agata de’ Goti, uno dei borghi più belli della Campania con il suo centro storico, vero gioiello architettonico che viene ammirato da tanti turisti che dal Ponte sul Martorano ammirano e fotografano l’immagine spettacolare delle case cortina a strapiombo sul fiume. Dopo una bella passeggiata ci aiamo fermati per pranzo all’Agriturismo Buro. Ci siamo spostati di poco rispetto al centro storico, siamo in zona Pennino, in posizione dominante da qui si può ammirare la vallata, le colline circostanti, il centro storico di Sant’Agata e l’austero Monte Taburno che come un guardiano bonario e paterno lo guarda dall’alto. Spettacolo puro.
Nonostante sia  Domenica, siamo riusciti miracolosamente a trovare un tavolo da due. Arriviamo e parcheggiamo l’auto nell’ampio e comodo parcheggio dell'Agriturismo.
L’Agriturismo Buro è una bellissima struttura, ci sono due grandi sale interne, una terza più piccola e una veranda luminosissima. L’arredo è semplice ma curato. C’è anche un bel giardino esterno dove potersi rilassare all’aria aperta, per i bimbi c'è un piccolo parco giochi (con tanto campo e porte da calcetto).
Siamo in pratica su una collina verdeggiante e piena di ulivi da cui si può ammirare il centro storico di Sant’Agata dei Goti da un’altra prospettiva, meraviglioso.  
Noi ci accomodiamo nella saletta piccola interna. Veniamo accolti con molto garbo e gentilezza.
La Domenica e nei giorni festivi l’Agriturismo Buro propone un menù fisso (scelta inevitabile data la presenza massiccia di ospiti), negli altri giorni si può invece anche ordinare alla carta.
Arriva la minerale, un ottimo aglianico locale e il loro pane (fatto in casa come tradizione contadina vuole). 
Ci servono subito le 'nfrennule di loro produzione (i tarallini tipici di Sant’Agata de’ Goti fatti con farina, olio, vino bianco e finocchietto selvatico). Le conosciamo bene, buonissime e ottime da mangiare da sole, con i salumi o accompagnandole al vino.

nfrennule
'nfrennule

Diamo il via alle danze. A tambur battente ci servono un piatto di salumi locali: prosciutto del Sannio (sapido e morbido), pancetta (dolce, scioglievole), capocollo e una soppressata davvero notevole. Al centro una buonissima ricottina con miele di Sant’Agata.

Salumi e ricottina
Salumi e ricottina

A seguire delle melanzane grigliate sott’olio con aglio e peperoncino (ah le sapienti mani della signora Teresa…).

Melanzane grigliate sott'olio
Melanzane grigliate sott'olio

Delle pizzette morbide e fragranti (sempre piacevoli).

Pizzette
Pizzette

 Un caprino abbinato ad una marmellata di pere. Buonissimo e poi si sa l’abbinamento pere e formaggio è un must, del resto il proverbio parla chiaro: “al contadino non far sapere quant'è buono il formaggio con le pere”. Pensate l’abitudine di abbinare il formaggio alle pere risale addirittura al Medioevo.

Caprino con marmellata di pere
Caprino con marmellata di pere

Eccezionale la bruschetta con il suadente lardo di Colonnata. Ma non finisce qui ….

Bruschette con lardo di Colonnata
Bruschette con lardo di Colonnata

In un “crescendo rossiniano” ecco dei panzerotti con emmental e mortadella (delizioso), frittella con le alici (leggera e sapida al pinto giusto) e fungo ripieno.

Panzerotti frittelle con le alici e funghi ripieni
Panzerotti frittelle con le alici e funghi ripieni

Qui poi silenzioso e religioso silenzio di fronte a questo piatto succulento della tradizione contadina: tracchie di maiale con patate al forno. Che profumo e che bontà!

Tracchie di maiale con patate al forno
Tracchie di maiale con patate al forno

Poi ci fanno assaggiare una chicca: delle melanzane nane biologiche sott’olio con capperi, aglio e peperoncino. E’ la prima volta che mangio le melanzane nane, sono particolari e buonissime (una rivelazione). 

Melanzane nane con aglio capperi e peperoncino
Melanzane nane con aglio capperi e peperoncino

L’antipasto è stato vario e abbondante. Gentilissima la cameriera che ci ha servito. Da notare poi come Pasqualina Buro sia venuta spesso al tavolo a sincerarsi che tutto andasse per il meglio. 

Da notare come su richiesta si potesse fare il bis di qualche pietanza. Noi abbiamo evitato, visto che il pranzo riservava ancora parecchie sorprese ..
Usciamo 10 minuti per goderci il verde e lo splendido panorama che si può ammirare all’esterno. Resto rapito dal centro storico di Sant’Agata che placido si staglia all’orizzonte, con il maestoso Monte Taburno dietro. Una vera cartolina.

Rientriamo perché è arrivato il primo assaggio di primo: paccheri con pomodori, melanzane, salsiccia con parmigiano e bufala. Davvero buonissime. Perfetta e gradevole la cottura al dente della pasta, nota di merito per la salsiccia usata per il sugo, eccellente.

Paccheri con pomodori melanzane salsiccia bufala e parmigiano
Paccheri con pomodori melanzane salsiccia bufala e parmigiano

Dopo poco arriva il secondo primo: pasta fresca (una versione più piccola delle pacche) con ceci, porcini e un po’ di peperoncino. Molto buona anche questa proposta.

Pasta fatta a mano con ceci e porcini
Pasta fatta a mano con ceci e porcini

Dalla cucina decidono di viziarci e farci assaggiare anche un altro primo piatto: raviolone con ricotta, mela annurca con nocciole e scaglie di caciocavallo. Ho trovato interessante l’abbinamento della ricotta con la nota dolce della mela annurca, e azzeccatissima la presenza del caciocavallo che dona al piatto un po’ di sapidità con la nota croccante delle nocciole tritate. Piatto intrigante.

Raviolone con ricotta e mela annurca
Raviolone con ricotta e mela annurca

Il nostro pranzo prosegue davvero alla grande. E’ il momento del secondo. Ci servono un ottimo tris di carne: vitello, agnello e salsiccetta di maiale con patatine e un contorno di insalata. La carne era ottima, in particolare spettacolare e morbido l’agnello.

Tris di carne
Tris di carne

La carne era ottima, in particolare spettacolare e morbido l’agnello. Siamo sazi e soddisfatti, ma il nostro pranzo non è ancora terminato. Ci portano la frutta: mandarini, due mele e due mele annurche di Sant’Agata de’ Goti, uno dei prodotti d’eccellenza della zona. Squisite. 

Frutta
Frutta

E per chiudere in dolcezza un pan di Spagna ai frutti di bosco e dei brutti ma buoni con gocce di cioccolato. Accompagniamo il dolce con limoncello, mandarinetto di loro produzione e due caffè.

Dolce
Dolce

Paghiamo per il nostro pranzo 32 euro a persona. Questo è il costo del menù à fisso adulti nei giorni festivi (li vale tutti perché è un menù vario e ricco). Negli altri giorni si può anche scegliere alla carta.

L’Agriturismo Buro a parer nostro rappresenta una certezza. Nato da un’azienda agricola ne porta avanti con passione e tenacia i principi. La famiglia Buro accoglie i suoi ospiti con gentilezza e cortesia facendoli sentire come a casa. La location è bellissima soprattutto grazie alla sua posizione panoramica: una verdeggiante collina da cui si può ammirare dall’alto il bellissimo borgo antico di Sant’Agata de’ Goti.
La cucina propone piatti della tradizione contadina e locale e si avvale delle sapienti mani della signora Teresa, custode di ricette e preparazioni antiche. Da non perdere la sua pasta fresca (cavatelli, tagliatelle, pacche e pappardelle) conditi con ogni ben di Dio dal sugo di pomodoro, alle verdure ai funghi porcini del vicino Taburno. I prodotti e le materie prime utilizzate provengono dall’azienda agricola di famiglia o da piccoli contadini, produttori e allevatori locali, quindi sono garantiti qualità e freschezza a Km zero. Per i dolci oltre a Teresa scende in campo anche Pasqualina che la affianca in cucina con fantasia e creatività.
L’Agriturismo Buro a Sant’Agata de’ Goti è una garanzia, indirizzo sicuro per mangiare bene, in un contesto piacevole e sentirsi a casa. Un signor agriturismo, da non perdere.

 

Agriturismo Buro
Via Pennino n. 101
Sant’Agata de’ Goti (Bn)
Tel. 0823717006
Visita il sito web dell'Agriturismo Buro

Pubblicato in Campania
Lunedì, 22 Luglio 2019 00:06

Eccellenze Nolane. Nola (Na)

Il progetto di Eccellenze Nolane è lodevole: valorizzare il proprio territorio partendo da un vero e proprio patto etico, che dia valore primario all’agricoltura. Nasce così la comparativa agricola che ha vinto la sua grande scommessa: far crescere il San Marzano DOP sui terreni dell’agro nolano laddove lo coltivavano i propri nonni. Così tanti terreni un tempo incolti sono tornati ad essere vivi e a produrre ortaggi e pomodori assolutamente biologici. Poi è nato anche il punto vendita e quello che hanno definito “Agriturismo di città”, dove poter acquistare i prodotti e degustare la cucina realizzata con gli ortaggi della cooperativa.

Eccellenze Nolane. Nola (Na)Eccellenze Nolane. Nola (Na)


Siamo nella centralissima Via Mario De Sena a due passi dalla stazione della Circumvesuviana di Nola. Il locale è gradevole, non grandissimo, prevale il legno, ti dona un senso di rassicurante familiarità e ospitalità “agreste” eppure siamo in città.
Ci accomodiamo, da bere una minerale e due calici di aglianico Janare della Guardiense un bel vino rosso con bella nota di frutti rossi e gusto pieno, morbido e avvolgente.
diamo un’occhiata al menù dove trionfa quella che definiscono cucina “eubiotica”, ossia del vivere bene, tutte proposte realizzate con i prodotti biologici dei loro campi e senza uso di pesticidi chimici. Ma per la nostra cena ci affidiamo al simpatico chef Giuseppe e ordiniamo un antipasto da dividere in due. 
Ecco le zucchine marinate con una crema di nocciola e granella. Interessante

Zucchine marinate con crema di nocciola e granellaZucchine marinate con crema di nocciola e granella

E immancabili ( e graditissime) le bruschette con il loro pomodoro pachino e un ottimo olio Evo, deliziose…. E che bontà quel pomodoro.

Bruschetta con pomodoro pachino di Eccellenze NolaneBruschetta con pomodoro pachino di Eccellenze Nolane

A seguire una parmigianina di zucchine, delicata, buonissima..

Parmigiana di zucchineParmigiana di zucchine

Delle polpettine di melanzana….

Polpette di melanzanePolpette di melanzane

A tambur battente arriva poi un involtino di zucchine, speck, mozzarella su pomodoro San Marzano, eccezionale…

Involtino di zucchine, speck e mozzarella su letto di San MarzanoInvoltino di zucchine, speck e mozzarella su letto di San Marzano

Credete sia finita qui? No, affatto. Ecco un filoche (“filoscio”) con mozzarella e melanzane, delicato, gustoso..

Filoche con mozzarella e melanzaneFiloche con mozzarella e melanzane

E a chiudere il nostro antipasto dei fiori di zucca (solo bolliti) con una meravigliosa ricotta di fuscellasu granella di nocciole.

Fiori di zucca con ricotta di fuscella e granella di nocciola

Prendiamo due primi e la scelta ricade su due piatti di spaghetti al pomodoro, realizzati a regola d’arte e che profumino quel pomodorino fresco. Davvero un’ottima scelta.

Spaghetti con pomodorini freschi

Non siamo sazi prendiamo anche un secondo in due. Ecco una tagliata di marchigiana beneventana, carne davvero eccellente, morbida, gustosa.

Tagliata di marchigiana beneventana

Come contorno ci siamo concessi una porzione di patate (in triplice cottura) e papaccelle napoletane, che ve lo dico a fare …

Patate e papaccellePatate e papaccelle

 

Si è fatto tardi, siamo sazi, nostro malgrado saltiamo il dolce e chiediamo il conto. Abbiamo pagato in due solo 53 euro. Davvero un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Eccellenze Nolane è un vero agriturismo di città, nel senso che troverete una buona cucina di “campagna” realizzata con prodotti genuini, le verdure e gli ortaggi degli orti della Cooperativa. La cucina è senza orpelli, senza fronzoli, è buona. Una cucina eubiotica che strizza l’occhio alla salute. L’ambiente è gradevole, il locale pur non essendo molto grande è bello e rustico. Bella idea quella di dare la possibilità di acquistare i prodotti della cooperativa tra cui il meraviglioso San Marzano DOP di Eccellenze Nolane. Altra cosa non trascurabile, il rapporto qualità prezzo, davvero fantastico. Il vostro portafogli vi ringrazierà. Fateci un salto, Indirizzo interessante, un vero agriturismo ma …. in città!


Eccellenze Nolane
Via Mario de Sena n.247
Nola (Na)
Tel. 081 1874 6505
Visita il sito di Eccellenze Nolane

Pubblicato in Campania

Domenica di Carnevale, con il nostro gruppo di amici abbiamo deciso di pranzare (prenotando per tempo) all’Agriturismo Le Campestre. Siamo a Castel di Sasso paese formato da tante frazioni immerse in un verde intenso, un verde che stupisce, tutto intorno il silenzio e il rumore della natura. Dall’alto domina l’antico borgo di Sasso, pittoresco con le sue case in pietra, gli stretti vicoli, una chiesa e l’antica torre medievale. Questa è una zona ricca di prodotti eccellenti, dalle olive (varietà caiazzana su tutte) e il vino (il Casavecchia). E’ una bella giornata di sole e le premesse di trascorrere una grande giornata ci sono tutte. 

Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso CeAgriturismo Le Campestre. Castel di Sasso (Ce)

Arriviamo puntuali ci accoglie Manuel Lombardi, il padrone di casa. Manuel, grande comunicatore è il contadino 2.0, spesso ospite anche in Tv e su varie testate come narratore di un territorio e delle sue eccellenze. Manuel è prodigo di consigli, ci spiega la filosofia delle Campestre, un luogo dove il rispetto della natura e dei suoi tempi è tutto: piatti con materie a metri zero, tutte di stagione, coltivate da Franco, un menù con i prodotti dell’azienda in primis il mitico pecorino conciato romano. In cucina c’è la dolce Eulalia l’agrichef, supportata dalla signora Liliana (un vero portento).

Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso Ce In campana amici Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) - In campana amici....

Intorno natura e poesia. Il tutto a creare un’alchimia unica. Si ha davvero l’impressione di calarsi in una realtà “agreste” che ti riporta all’essenza.

Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso Ce DettaglioAgriturismo Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) - Dettaglio

Ci accomodiamo, non c’è menù a la carte ma un menù fisso che per l’occasione prevede tra i primi anche la lasagna (gnam..)

Agriturismo Le Campestre. Castel di Sasso Ce Dettaglio esternoAgriturismo Le Campestre. Castel di Sasso (Ce) - Dettaglio esterno

Si comincia…..Ecco olive caiazzane, frittatine di ricotta e porri, cavolo sottaceto, affettati di suino di razza casertana, salsiccia e pancetta. Il territorio in un piatto…

Olive caiazzane frittatine di ricotta e porri cavolo sottaceto affettati di suino di razza casertana salsiccia e pancettajpgAntipasto

Poi ci servono del formaggio vaccino primo sale con pomodorini, accompagniamo il tutto col buonissimo pane delle Campestre.

Formaggio vaccino primo sale con pomodoriniFormaggio vaccino primo sale con pomodorini

A proposito di pane, ci fanno degustare l’olio extravergine di oliva caiazzana con pane integrale … E ancora una zuppa gustosissima: zuppa di fagioli ceci e castagne….

Zuppa di fagioli ceci e castagneZuppa di fagioli, ceci e castagne

Di tanto in tanto ci alziamo godendoci i dettagli interni, il bel camino a vista centrale nella sala interna.  il tempo che scorre lento e piacevole, ammirando tanti dettagli di questo luogo meraviglioso e della natura che lo circonda.

Azienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso Ce Camino centrale nella sala internaAzienda agricola Le Campestre. Castel di Sasso (Ce). Camino centrale nella sala interna

E’ il momento dei primi, ci servono un primo piatto sorprendente: ditali al "Cavolo Conciato" con cavolo rapa bianco e pecorino conciato romano. Un piatto equilibrato e davvero ben riuscito con il sapore dolciastro del cavolo che ben si sposa con il sapore sapido e pungente del conciato romano. Davvero buono…

Ditali al Cavolo Conciato con cavolo rapa bianco e pecorino conciato romanoDitali al Cavolo Conciato con cavolo rapa bianco e pecorino conciato romano

Con la seconda proposta siamo nella tradizione carnascialesca: ecco la lasagna campestre. Un’appagante e goduriosa lasagna piena di ogni ben di Dio.

Lasagna Le CampestreLasagna Le Campestre

Prima dei secondi ci affacciamo alla stupenda terrazza affacciati sul verde. Il paesaggio agreste del luogo ci riconcilia col mondo.
Ci riaccomodiamo a tavola. Ci servono l’agnello campestre al forno aromatizzato al mirto su crema di patata del monte Maiulo. Sublime ….

Agnello Campestre al forno aromatizzato al mirto su crema di patata del monte MaiuloAgnello Campestre al forno, aromatizzato al mirto su crema di patata del monte Maiulo

Non da meno l’altra proposta di carne: dadolata di stracotto di suino di razza casertana al mosto cotto di vino Casavecchia, adagiata su crema di patata.. Nota di merito per la carne, morbida, profumata … davvero eccellente …

Dadolata di stracotto di suino di razza casertana al mosto cotto di vino Casavecchia adagiata su crema di patataDadolata di stracotto di suino di razza casertana al mosto cotto di vino Casavecchia su crema di patata

Ci avviamo alla parte “dolce” del nostro pranzo. Ecco il Re dell’Azienda Le Campestre: degustazione di pecorino conciato romano (8 mesi di stagionatura) abbinato alla melannurca campana igp, cotta al forno e caramellata con Terre del Volturno igt Asprino d'Aversa frizzante. Chapeau!

Degustazione pecorino conciato romano abbinato alla melannurca campana igp cotta al forno e caramellata con Terre del Volturno igt Asprino daversa frizzantePecorino conciato romano con melannurca campana igp cotta al forno e caramellata

E vogliamo parlare del migliaccio con cioccolato e scorzette d'arancia? Che cos’è … Un tripudio di sapori.

Migliaccio con cioccolato e scorzette daranciaMigliaccio con cioccolato e scorzette darancia

Accompagniamo il dolce con un liquore delle campestre al basilico limonato.

Liquore al basilico limonatoLiquore al basilico limonato

Pranzo completo con acqua della fonte (rigorosamente non gassata), vino rosso pallagrello nero (2016) e caffè a 30 euro a persona. Fantastica occasione per gustare (a prezzo fisso) un menù dove trionfano le materie prime e i fantastci prodotti delle Campestre e del territorio.

L’Agriturismo Le Campestre rappresenta un punto fermo. E’ una filosofia di vita fatta di natura, di scelte nette, di persone che amano in modo viscerale la propria terra e i suoi prodotti. Chi viene qui vivrà un’esperienza a 360 gradi. Potrete gustare piatti fatti con prodotti e ingredienti a “metri zero”, nel rispetto della stagionalità e di ciò che la terra offre. Chiaramente chi viene qui non può esimersi dal degustare il Re, il conciato romano pecorino eccellente prodotto qui con passione e attenzione. Un formaggio fatto esclusivamente con latte di pecora, le formette realizzate artigianalmente vengono, pressate, asgiugate e "stagionate", conciate in anfore di terracotta con l'acqua delle pettole (pasta fatta a mano), olio, timo, vino e peperoncino. 

Anfora di terracotta dove viene stagionato il conciato romanoAnfora di terracotta dove viene stagionato il conciato romano

La famiglia Lombardi vi accoglierà con il sorriso di chi fa le cose perbene e Manuel è un perfetto padrone di casa, appassionato, preparato e sempre pronto a fornire informazioni e dettagli su quello che l’Agriturismo Le Campestre offre. Un agriturismo da non perdere, dove c’è un menù “a la terre” come lo definiscono e non a la carte, un percorso di gusto dove assaporare anche le pause, nel vero rispetto della filosofia dello slow food. Eccellenza.


Agriturismo Le Campestre
Via Buonomini, n.3
Castel di Sasso (Ce)
Tel. 0823 878277

Pubblicato in Campania
Lunedì, 24 Dicembre 2018 22:27

Agriturismo Le Fontanelle. Pontelatone (Ce)

Il trionfo della cucina contadina. Certezza.

Siamo a Pontelatone, nell’area trebulana (che oltre a Pontelatone comprende tra gli altri anche i comuni di Liberi, Formicola, Castel di Sasso). Questa è una zona ricca di verde con boschi, campagne, piccole masserie e aziende agricole. Siamo in una zona fertile, questa è una terra generosa con incredibili risorse enogastronomiche, grandi tradizioni agricole, storiche e bellezze naturalistiche ed architettoniche. Qui si arriva comodamente, in auto via autostrada (A1 uscita Santa Maria Capua Vetere). Per cena siamo stati all’Agriturismo Le Fontanelle. Non è la prima volta che veniamo qui. Abbiamo sempre gustato un’ottima cucina del territorio, ci manchiamo da un po’, siamo tornati per gustare il menù di stagione.

Mi accoglie Pasquale Izzo, perfetto Cicerone, sempre gentile, preparato e innamorato della sua terra e delle sue tradizioni, glielo leggi negli occhi che tradiscono un entusiasmo quasi fanciullesco quando si parla di campagna, di prodotti, di piatti e naturalmente di vino. Qui alle Fontanelle si producono due grandi vini il Casavecchia Petronilla, un rosso giovane, fruttato, morbido e fresco al palato. Un vino elegante con un preciso sentore di spezie e frutti rossi, e poi il riserva San Laro un Casavecchia in purezza, è un vino a produzione limitata, con fermentazione di 10/12 giorni in tini di legno e un affinamento in botti di rovere da 15 a 18 mesi. Un rosso spettacolare, che denota grande personalità.

Il Casavecchia pteronilla delle Fontanelle
Il Casavecchia pteronilla delle Fontanelle

Da bere prendiamo una minerale e una bottiglia di Petronilla. Decidiamo di optare per il menù degustazione (con un solo primo) ma decidiamo di integrarlo con la scelta del secondo alla carta come vedrete ….

Cominciamo con l’antipasto delle Fontanelle: cinque proposte.

Ecco il loro tagliere con prosciutto crudo, capocollo, salame dell’azienda Tomaso salumi e poi ricotta e formaggio di pecora.. Ottimo inizio ….

 Tagliere
Tagliere

Degli “impenitenti” fiori di zucca ripieni di ricotta di bufala e salame. Meravigliosi …

Fiori di zucca fritti
Fiori di zucca fritti

Poi dei buonissimi involtini di zucchine ripieni di provola.

Involtini di zucchine ripieni di provola
Involtini di zucchine ripieni di provola

Poi scende in campo l’artiglieria pesante: una eccellente parmigiana di melanzane (qui la fanno mettendoci anche la carne macinata).

La Parmigiana di Melanzane
La Parmigiana di Melanzane

E poi il piatto per eccellenza dell’Agriturismo le Fontanelle: la loro mitica (e imitatissima) zuppa di cipolle di Alife con la provola e il pane, da noi già premiata con una targa nel 2017 come piatto che meglio rappresenta il territorio. La Zuppa di cipolle è una certezza, un piatto che se venite qui non potete non assaggiare. Ve ne innamorerete ….

La mitica Zuppa di cipolle delle Fontanelle
La mitica Zuppa di cipolle delle Fontanelle

Di tanto in tanto viene al nostro tavolo Pasquale Izzo sempre prodigo di consigli e pronto a soddisfare le nostre curiosità su piatti e prodotti.

Arriva il primo e che primo! Ravioli fatti a mano ripieni di noci e caprino con pomodorini di collina infornati e basilico. I ravioli sono perfetti, saporiti e ben si sposano con la dolcezza dei pomodorini. Piatto semplicemente divino nella sua solo apparente semplicità.

Ravioli ripieni di noci e caprino con pomodorini infornati e basilico
Ravioli ripieni di noci e caprino con pomodorini infornati e basilico

Come detto deroghiamo dal menù degustazione per il secondo. (Prevedeva il maialino al forno con le patate) e scegliamo una meravigliosa costoletta di vitello alla brace.

Costoletta di vitello alla brace
Costoletta di vitello alla brace

Spettacolare, gustosa, succosa il giusto.

Costoletta di vitello alla brace Dettaglio
Costoletta di vitello alla brace Dettaglio

E capocollo di maialino bianco con una crema di papaccelle. Anche questo piatto ci ha convinto. Perfetto poi l’abbinamento della carne di maiale con il sapore delle “papaccelle”. Come tradizione vuole la carne di maiale chiama i peperoni e viceversa. Le papaccelle poi….spettacolo.

capocollo di maialino bianco con una crema di papaccelle
Capocollo di maialino bianco con una crema di papaccelle

A chiudere la nostra cena una fetta di torta home made ed un limoncello. Noi paghiamo in due 60 euro ma come vi dicevo. Qui all’Agriturismo le Fontanelle si può scegliere il menù completo (a 30 euro con antipasto delle Fontanelle, due primi, secondo contorno, frutta dolce e caffè-amari), il menù degustazione ( a 26 euro come il precedente ma con un solo primo e senza frutta). Si può anche senza problemi pranzare o cenare alla carta. Nulla mi vieta ad esempio di mangiare un antipasto e una mega bistecca tanto per gradire.   

Dobbiamo fare i complimenti a Pasquale e Francesco Izzo che continuano con tenacia a portare avanti una cucina dove regna la qualità sempre e comunque ed un uso sapiente dei prodotti del territorio ottimamente trasformati dallo chef Enrico Sabino, giovane e talentuoso. Servizio attento e puntuale.

Spesso anche in passato vi ho parlato dell’Agriturismo le Fontanelle, questo non è solo un luogo dove mangiare bene e gustare pietanze e prodotti del territorio. Qui c’è una sorta di “genius loci “ particolare. C’è l’anima di un luogo che si traduce in una cucina generosa, sincera che cerca di valorizzare prodotti della terra e quelli di piccoli ma validi produttori locali.

L’Agriturismo Le Fontanelle è un luogo dove ritemprarsi totalmente, qui si può sentire quasi un suono lontano, ancestrale che ti riporta alle radici, all’essenza. Da provare. Consigliatissimo…

 

Agriturismo Le Fontanelle
Via Salomoni n. 14
Pontelatone (Ce)
Tel. 0823 65 92 63 – 347 29 26 204 – 347 71 05 566
Visita il sito web dell’Agriturismo Le Fontanelle

 

Pubblicato in Campania

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search