Siamo in Irpinia a Paternopoli, paese di antiche e radicate tradizioni, famoso perché qui ci sono fantastiche realtà vitivinicole e per il broccolo aprilatico (presidio Slow Food). Nel centro storico di Paternopoli c’è un gioiello assoluto: Pater Familias Ristorante che si trova in un antico edificio che risale al 1836, anticamente era la dimora della famiglia Famiglietti, dopo anni di restauro e recupero grazie agli sforzi di Francesco Anziano (il patron), questo edificio è tornato allo splendore di un tempo.

Pater Familias Ristorante Paternopoli Esterno

Pater Familias Ristorante. Paternopoli - Ingresso

Pater Familias Ristorante lo abbiamo visitato e recensito più volte, ma ogni volta che torniamo qui riusciamo sempre a cogliere dei dettagli, delle sfumature, dei particolari nuovi.

Pater Familias Ristorante Paternopoli Av Suggestivo angolo interno
Pater Familias Ristorante. Paternopoli - Suggestivo angolo interno

Veniamo accolti dal personale e da Francesco Anziano che ci accompagna per una rapida visita delle sale, raccontandoci dettagli storici e aneddoti legati alla sua famiglia e a questo luogo che ha un’anima quasi ancestrale. Chi è amante del bello e della storia non potrà non apprezzare Pater Familias. In particolare ha catturato la mia attenzione una cucina antica con tanto di "fornacella", che spettacolo...

Pater Familias Ristorante Paternopoli Av Cucina antica con fornacella
Pater Familias Ristorante. Paternopoli -Cucina antica con fornacella

In quelle che erano un tempo le cantine del palazzo c’è il ristorante con le sue sale suggestive. Domina la pietra, e poi oggetti, portali antichi, soffitti con volte a botte e a crociera, cotto antico. Insomma un luogo che regala emozioni..

Pater Familias Ristorante Paternopoli Suggestivo angolo interno
Pater Familias Ristorante. Paternopoli - Suggestivo angolo interno

Le stesse emozioni le viviamo a tavola. Qui infatti trionfa la buona cucina irpina della tradizione, presentata però in chiave contemporanea. Il menù segue il ritmo delle stagioni e cambia 4 volte l’anno. Si può optare per il menù degustazione che prevede quattro portate a discrezione dello chef, noi decidiamo di ordinare a la carte. Ci sono cinque proposte di antipasto, cinque primi, quattro di secondi e i dolci. Noi da bere ordiniamo una bottiglia di “Ion” di Stefania Barbot Irpinia Campi Taurasini DOC, un aglianico potente e strutturato, morbido e corposo, con sentori di frutti rossi e spezie e un tannino piacevolissimo. Fantastica scelta….

Ion Irpinia Campi Taurasini di Stefania Barbot
Ion Irpinia Campi Taurasini di Stefania Barbot

In attesa degli antipasti l’entreé di Pater Familias Ristorante, la “pizzella col pomodoro”, una montanarina profumata e gustosa. Nota di merito per la frittura, asciutta, non unta e per il sughetto di pomodoro, paradisiaco….

Pizzella fritta con sugo di pomodoro
Montanarina (pizzella fritta) con sugo di pomodoro

Come antipasti optiamo per la parmigiana scomposta, delicata, profumata e goduriosa.

Parmigiana di melanzane scomposta
Parmigiana di melanzane scomposta

E per la crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli Irpino su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolato. La crocchetta è super, patate e tartufo fanno l’amore su un letto avvolgente di fonduta di caciocavallo. Piacevole la nota croccante del pane aromatizzato al prezzemolo.

Crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolato
Crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolato

Gli antipasti ci hanno convinto. Un trionfo di prodotti del territorio irpino dai sapori netti, semplici ma armonizzati alla perfezione. E’ il momento dei primi piatti. Ecco i cavatelli con crema di broccoli, ricotta salata e peperone crusco. In un primo piatto l’abbinamento di broccoli (trasformati in una suadente crema) e peperone crusco con la nota leggermente sapida della ricotta salata.

Cavatelli in crema di broccoli ricotta salata e peperone crusco
Cavatelli in crema di broccoli, ricotta salata e peperone crusco

L’altro primo è un piatto che vede come protagonista lui: il baccalà, il “pesce di montagna”, infatti un tempo era l’unico tipo di pesce che si poteva consumare in certi luoghi, grazie al suo metodo di conservazione. I mezzi paccheri con baccalà, olive nere e pomodorino sono fatti a regola d’arte. Chapeau.

Mezzi paccheri con baccalà olive nere e pomodorino
Mezzi paccheri con baccalà, olive nere e pomodorino

Francesco Anziano poi ci delizia con un assaggio di maccaronara al pomodoro. La maccaronara per chi non lo sapesse, è un tipo di pasta fresca tipica della tradizione irpina, simile a degli spaghetti alla chitarra ma con un diametro più grande.
Qui faccio un ode alla maccaronara di Pater Familias Ristorante: paradisiaca. L’abbiamo provata con un sugo profumato e leggero di pomodoro, ma quando le temperature sono più rigide la maccaronara viene rigorosamente condita con il ragù della tradizione.

Maccaronara al pomodoro
Maccaronara al pomodoro

Siamo sazi ma non possiamo non assaggiare un secondo da dividere, optiamo per il capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate. La carne è eccellente, morbida e succosa e si accompagna divinamene alla patata schiacciata grossolanamente.

Capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata dipatate e verdurine saltate
Capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate

Che pranzo sarebbe senza un dessert? Detto fatto. Scegliamo una cheesecake al caramello e arachidi.

Cheesecake al caramello e arachidi
Cheesecake al caramello e arachidi

Una buonissima cheesecake ai frutti rossi e anche una bella fetta di caprese che non guasta mai, anzi. Accompagniamo il dessert con caffè e un giro di grappa barricata.

Cheesecake ai frutti rossi
Cheesecake ai frutti rossi  

Per il nostro pranzo da Pater Familias Ristorante a Paternopoli paghiamo 45 euro a persona. Ho trovato il rapporto qualità – prezzo corretto, soprattutto se teniamo conto della location e della qualità delle proposte di cucina e della materia prima.

"Repetita Iuvant" recitava un detto latino, mai cosa fu più giusta se consideriamo Pater Familias Ristorante. Spesso siamo venuti qui e lo abbiamo recensito e pubblicato proprio perché questo è un luogo di eccellenza. La location ti lascerà a bocca aperta: un antico palazzo gentilizio che risale al 1836, restaurato in modo certosino e con amore. La struttura è ideale anche per eventi, convegni, ricevimenti, manifestazioni ed eventi culturali. La cosa che colpisce oltre alla struttura è la cucina, una cucina del territorio nel senso più nobile ed alto, che racconta l’Irpinia e lo fa attraverso prodotti, piatti e ricette presentate in chiave contemporanea ma senza tradire le radici. Il menù cambia seguendo il corso delle stagioni, tra gli antipasti la crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli Irpino su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolato è una chicca del territorio, ottimi i paccheri con baccalà olive nere e pomodorino, la maccaronara di Pater Familias è da Oscar. Il capocollo di maiale cotto a bassa temperatura è morbido, delicato e gustoso. Buoni i dolci (in particolare la cheesecake ai frutti rossi). Ho trovato il servizio veloce, informale ma professionale. Ottimo il rapporto qualità – prezzo. Fornita e curata la carta dei vini con prevalenza (ovvio) di etichette irpine. Il “puls” di Pater Familias è Francesco Anziano, l’anima e il motore di questo luogo, ha messo tutto il suo impegno ed amore in questa avventura e merita il successo che sta ottenendo. Pater Familias Ristorante a Paternopoli si conferma alla grande nella nostra guida sul web dei locali da non perdere. Eccellenza irpina. Da provare assolutamente.



Pater Familias Ristorante
Corso Vittorio Emanuele
Paternopoli (Av)
Tel. 349 672 0077
Visita il sito web di Pater Familias Ristorante

Pubblicato in Campania
Mercoledì, 27 Settembre 2023 21:24

Il Riccio Ristorante. Mirabella Eclano (Av)

Al Riccio Ristorante sono già stato anni fa, mi intrigava all’epoca l’idea di un locale che proponesse una cucina di mare in un luogo vocato per tradizione e posizione geografica ad una cucina chiaramente di terra. A distanza di tempo, la curiosità di provare nuovamente le loro proposte era forte e visto che ero in zona, sono ritornato a pranzo. Siamo a Mirabella Eclano, precisamente al Passo di Mirabella. Il casello di Grottaminarda dell’A-16 dista davvero pochi Km, arrivare qui è davvero semplice.

Il Riccio Ristorante Mirabella Eclano Insegna esterna
Il Riccio Ristorante. Mirabella Eclano - Insegna esterna

Il locale è come lo ricordavo, anzi anche più bello, perché ha raddoppiato il suo spazio: due belle sale curate e con un arredo sobrio. Dominano la pietra e il legno. Bella, semplice ma al contempo raffinata la mise en place. Molto caratteristica è la parte che da una sala conduce all’altra, qui troneggia un bel camino. D’Inverno o comunque nelle serate fredde con il fuoco acceso deve essere davvero uno spettacolo.

Il Riccio Ristorante Mirabella Eclano Particolare interno con camino
Il Riccio Ristorante. Mirabella Eclano - Particolare interno con camino

Veniamo accolti con grande gentilezza e professionalità da Franco (il maître e responsabile di sala). Ci accomodiamo al nostro tavolo. Come al solito riservo un interessato sguardo alle proposte in carta. La prima cosa che mi colpisce è che ci sono poche proposte ma curate, segno di una cucina espressa e di materie prime sempre e un pescato sempre freschi. Ci sono due proposte di tartare, quattro antipasti, tre primi e quattro secondi. Noi cominciamo ordinando una minerale e due calici di rosato Centoviti di Nativ. Un vino ottenuto da uve di aglianico di un bel colore rosa intenso, con sentori floreali e di ciliegia. Al palato è equilibrato e ben strutturato. Davvero un vino interessante.

Rosato Centoviti di Nativ
Rosato Centoviti di Nativ

Intanto arriva un graditissimo benvenuto della chef Imma Dichiara, un cous cous di verdurine e gamberi servita su una maionese vegetale handmade, aromatizzata al limone. Una proposta stuzzicante e fresca. Buonissima...

Entreé
Entreé

Cominciamo con due antipasti. Il baccalà cotto a bassa temperatura con scarola riccia, alici di Cetara e olive caiazzane è una poesia. Delicato, morbido e saporito il baccalà che fa l’amore con la “scarulella” ed è esaltato dalla sapida alice di Cetara e dalla aromatica oliva caiazzana.

Baccalà cotto a bassa temperatura con scarola riccia alici di Cetara e olive caiazzane
Baccalà cotto a bassa temperatura con scarola riccia, alici di Cetara e olive caiazzane

Di ottima fattura anche il polpo grigliato con pomodorini, stracciata di bufala e olive caiazzane. Non è semplice cuocere il polpo alla griglia, il rischio che resti un po’ duro è alto. Qui la chef Imma Dichiara è stata bravissima, cottura perfetta, polpo morbido e gustoso.

Polpo grigliato con pomodorini stracciatella olive caiazzane e pane croccante
Polpo grigliato con pomodorini, stracciatella, olive caiazzane e pane croccante

L’incipit è stato di tutto rispetto e non fa altro che alzare l’asticella delle aspettative. Ecco i primi che abbiamo scelto. Le linguine con bottarga di muggine, tartare di gamberi viola e lime sono un’esplosione di gusto con un gioco di caldo – freddo sapiente e piacevolissimo, un equilibrio studiato e riuscito tra il dolce della tartare e il sapido marino della bottarga. Davvero un ottimo piatto.

Linguine con bottarga di muggine tartare di gamberi viola e lime
Linguine con bottarga di muggine, tartare di gamberi viola e lime

Gli spaghetti alle vongole e fiori di zucca sono eccezionali: cremosi, profumati. Le vongole (veraci) sono uno spettacolo e l’abbinamento con i fiori di zucca risulta vincente. Ho trovato perfetta anche la cottura della pasta. Che gli vuoi dire ad un piatto così? Bisogna solo gustarlo in religioso silenzio.

Gli spaghetti alle vongole e fiori di zucca
Gli spaghetti alle vongole e fiori di zucca

Prendiamo anche un secondo in due e la scelta cade su calamaro alla griglia con zucchine alla scapece.

Calamaro grigliato con zucchine alla scapece
Calamaro grigliato con zucchine alla scapece

Prendiamo un rinfrescante sorbetto al limone con le fragole bio (dell’azienda agricola Le Rosse di Bosco di Valentina Memmolo, altra bellissima realtà del territorio).

Sorbetto al limone e fragole
Sorbetto al limone e fragole

Ci concediamo un giro di amari e chiediamo il conto. Per il nostro pranzo al Ristorante il Riccio paghiamo 47 euro a testa. Ho trovato corretto il rapporto qualità – prezzo.

Il Riccio Ristorante è stata una fantastica sorpresa e per certi versi una conferma. La location è intima e curata e trasmette un senso di calore e raffinata familiarità. Poi io ho un debole per la pietra quindi…. Le proposte di cucina della chef Imma Dichiara e della sua brigata sono convincenti, realizzate con materie prime di grande qualità e un pescato sempre fresco che arriva praticamente tutti i giorni. Le origini stabiesi della chef Imma Dichiara vengono fuori alla grande, ed è singolare la sua storia, Imma in pratica è diventata chef con il tempo, coltivando la sua passione e formandosi un passo alla volta. La sua abilità e dote principale a mio avviso stanno nel cucinare in modo semplice, partendo dal rispetto assoluto per la materia prima e per il pesce che viene in questo modo esaltato. Gli ingredienti (tutti freschi e di qualità) si sentono tutti, in ogni piatto e pietanza. Complimenti davvero. Qui al Ristorante il Riccio ho mangiato davvero bene, il baccalà cotto a bassa temperatura con scarola riccia, alici di Cetara e olive caiazzane da solo vale il viaggio, il polpo grigliato è morbido e saporito, tra i primi ho trovato fantastiche le linguine con bottarga di muggine, tartare di gamberi viola e lime, cremose e perfettamente equilibrate. Gli spaghetti alle vongole e fiori di zucca creano dipendenza. Il servizio è professionale e attento. Franco Ballarano è perfetto in sala, preparato e sempre pronto ad ascoltare e consigliare gli ospiti. Ho trovato corretto anche il rapporto qualità – prezzo. Il Riccio Ristorante merita assolutamente la visita, qui oltre a trovare una convincente cucina di mare pare ci sia anche una fantastica pizza (passeremo a provarla a breve). Il Riccio mare e pizza a Mirabella Eclano entra di diritto nella nostra guida sul web tra gli indirizzi da non perdere. Rivelazione.



Il Riccio Ristorante
SS90, Passo di Mirabella-pianopantano. Mirabella Eclano (Av)
Tel. 0825 449469
Visita il sito web del Riccio Ristorante

Pubblicato in Campania

La “Voria” in dialetto è il vento, quel vento che a Cairano soffia quasi sempre e contribuisce a rendere ancora più magico questo paese, quasi arrampicato su una rupe. Siamo in Irpinia, a pochi km da Calitri, dal lago di Conza e dal confine con la Basilicata. Cairano è un borgo da visitare senza fretta e che ti regalerà emozioni. Qui tutto sembra sospeso nel tempo, certi suoi scorci ti restano dentro, così come gli sguardi dei pochi abitanti che ti regalano sempre una parola e un sorriso. Questo è un borgo quasi ancestrale che parla all’anima e racconta storie passate e un presente che profuma di incanto. Nella parte più alta del paese, inserito alla perfezione nel suggestivo borgo biologico, progetto meraviglioso di rigenerazione urbana, c’è Voria Osteria.

Voria Osteria Cairano Ingresso
Voria Osteria. Cairano - Ingresso

Voria Osteria è il progetto ed anche il sogno  divenuto realtà dello chef Arcangelo Gargano, di sua moglie Pierangela e di tutto un team. Qui si porta avanti una sintesi perfetta di raffinata accoglienza, passione per il proprio lavoro ed un legame fortissimo con il territorio. Il tutto si traduce in proposte di cucina superbe, realizzate con prodotti del territorio, sempre freschi e selezionati, un'invidiabile tecnica e un'attenzione assoluta anche alla presentazione dei piatti.

Voria Osteria Cairano Particolare interno
Voria Osteria. Cairano - Particolare interno

Voria Osteria è un luogo fantastico, la location ti lascerà senza fiato, il locale come già ricordato, si inserisce alla perfezione nel borgo biologico di Cairano, le sale sono accoglienti, intime, calde, dominano i colori naturali, la pietra, il legno. Ogni dettaglio, arredo, oggetto sono stati scelti con cura e amore. Il resto lo fa il panorama davvero spettacolare, siamo infatti nella parte più alta del borgo e da qui sembra quasi di toccare i monti, le colline ed anche la vicina terra lucana.

Voria Osteria Cairano Dettaglio tavolo e panorama
Voria Osteria. Cairano - Dettaglio tavolo e panorama

Da bere ordiniamo una minerale e una bottiglia di Pinot Noir Rosé “Fallwind” di San Michele Appiano (St. Michael Eppan). Questo rosato ottenuto da uve Pinot Nero è un vino DOC dell’Alto Adige, è sorprendente di un bel colore rosa delicato, presenta sentori di frutti rossi, al palato è equilibrato, con una spiccata personalità. Si rivelerà un meraviglioso compagno per il nostro pranzo.

Pinot Noir Rosé Fallwind DOC della cantina St Michael Eppan
Pinot Noir Rosé Fallwind DOC della cantina San Michele Appiano (St Michael Eppan)

Diamo uno sguardo al menù. Vale la regola del quattro, infatti quattro sono le proposte di antipasti, quattro i primi, i secondi e i dessert. C’è la possibilità di optare per i percorsi degustazione dello chef (di quattro o sei portate con abbinamento di vini al calice). Noi scegliamo di ordinare “a la carte”. Intanto arrivano i pani e un entreé dello chef Arcangelo Gargano: una versione creativa di pane, pomodoro e mozzarella. Mollica di pane, acqua di pomodoro e spuma di mozzarella. Un entreé di benvenuto fresco e particolare.

Entreé dello chef Arcangelo Gargano
Entreé dello chef Arcangelo Gargano

Cominciamo con gli antipasti. La tartare di vitello con colatura di alici, il tuorlo d’uovo marinato ed il tartufo è una poesia. Un piccolo viaggio circolare che parte con la carne eccelsa, profumata, sublimata dalla sapida colatura di alici, il tuorlo d’uovo marinato è il plus di questo piatto che poi ritorna al territorio (e quindi il cerchio si chiude), grazie alla presenza delle lamelle di tartufo. Chapeau.

Tartare di vitello con colatura di alici tuorlo duovo marinato e tartufo
Tartare di vitello con colatura di alici, tuorlo d'uovo marinato e tartufo

Altra espressione del territorio irpino è il caciocavallo, in questo antipasto viene servito “in carrozza” come si fa con la mozzarella, appoggiato su un soffice letto di maionese "handmade" agli agrumi ed erbette di campo. Un piatto voluttuoso e gustoso.

Caciocavallo in carrozza maionese agli agrumi ed erbe di campo
Caciocavallo in carrozza con maionese agli agrumi ed erbe di campo

I primi che abbiamo scelto sono un vero tripudio. Due piatti di riso carnaroli con ortiche, scampi e barattiere. Questo risotto è bello da vedere e meraviglioso da gustare. Bello l’abbinamento degli scampi con le ortiche ma la chicca è la presenza del barattiere, un ortaggio pugliese a metà strada tra un melone e un cetriolo con proprietà incredibili ma soprattutto rinfrescante. Infatti la sua presenza donava una grande freschezza finale al piatto.

Riso carnaroli con ortiche scampi e barattiere
Riso carnaroli con ortiche, scampi e barattiere

Gli spaghettoni con pomodorini gialli e baccalà mantecato rientra a pieno titolo nella categoria di quei piatti che restano nella memoria. Di un buono con pochi eguali.

Spaghettoni con pomodorini gialli e mantecato di baccalà
Spaghettoni con pomodorini gialli e mantecato di baccalà

Le orecchiette di grano arso, scarola, burrata e pane alle acciughe è un altro piccolo capolavoro. Perfetta la cottura della pasta, perfetto anche il matrimonio tra gli ingredienti. Scarola, burrata e pane alle acciughe creano una sinfonia di gusto e un equilibrio assoluto: il sentore quasi amarognolo della scarola, la morbida burrata e la nota sapida del pane alle acciughe che regala anche una piacevole croccantezza. Piatto da copertina.

Orecchiette di grano arso con scarola burrata e pane alle acciughe
Orecchiette di grano arso con scarola burrata e pane alle acciughe

Il nostro pranzo da Voria Osteria procede in modo fantastico, di tanto in tanto usciamo per goderci l’aria pura ed il panorama meraviglioso che si ammira dal borgo biologico di Cairano. Intanto arrivano i secondi che abbiamo scelto. L’agnello con cardoncelli e olio al prezzemolo è una solida certezza. Morbida e delicata la carne di agnello, piacevole la presenza dei tenaci e saporiti cardoncelli il tutto legato dall’olio aromatizzato al prezzemolo che esalta il tutto.

Agnello con cardoncelli e olio al prezzemolo
Agnello con cardoncelli e olio al prezzemolo

Prendiamo anche due piatti di baccalà al tegamino con pomodorini, capperi e olive taggiasche. Me lo sto ancora sognando questo baccalà, il suo profumo intenso..... e quel sughetto con i capperi e le olive che ci ha costretto alla “scarpetta”. Si lo so, non sarà elegante ma non potevamo esimerci.

Baccalà al tegamino con pomodorini capperi e olive
Baccalà al tegamino con pomodorini, capperi e olive

Intanto passa a salutarci Pierangela, la moglie di Arcangelo. Una donna colta, raffinata, innamorata di Cairano e di questo progetto: Voria. L’amore per questi luoghi lo si legge sul suo volto e lo si percepisce nel suo sguardo e nelle sue parole.
Non possiamo terminare il nostro pranzo senza un dessert. Scegliamo una ricotta con pesche e biscotto alle mandorle. Delicatissima e soave come una carezza...

Ricotta con pesche e mantecato alle mandorle
Ricotta con pesche e biscotto alle mandorle

E una superlativa millefoglie con crema pasticcera (super) e frutti di bosco.

Millefoglie con crema pasticcera e frutti di bosco
Millefoglie con crema pasticcera e frutti di bosco

Ci concediamo un giro di amari e chiediamo il conto. Siamo in quattro e per il nostro pranzo da Voria Osteria a Cairano paghiamo circa 57 euro a testa. Ho trovato il rapporto qualità – prezzo corretto e comunque adeguato al contesto e alla proposta di cucina.

Voria Osteria è uno di quegli indirizzi dove davvero puoi vivere un’esperienza. Qui tutto incanta, dal borgo biologico di Cairano con la sua struttura particolare, ai meravigliosi panorami con le verdi colline, le vallate e i monti che si stagliano all’orizzonte. Dal recupero superbo della parte più antica del paese in cui si inserisce il ristorante, alla location di Voria Osteria: un mix di raffinatezza, charme, cura dei dettagli e amore, fino alla cucina dello chef Arcangelo Gargano e della sua brigata. Una cucina che è una sintesi perfetta di tecnica, conoscenza, passione e amore per il territorio. Tra gli antipasti la tartare di vitello con colatura di alici, il tuorlo d’uovo marinato ed il tartufo è una meraviglia assoluta, gli spaghettoni con pomodorini gialli e baccalà mantecato sono il piatto che resta nella memoria, le orecchiette di grano arso con scarola, burrata e pane alle acciughe sono un piccolo compendio di bontà. Tra i secondi il baccalà al tegamino con pomodorini, capperi e olive taggiasche mi ha conquistato. Ottimi anche i dolci. Pierangela poi è una meravigliosa padrona di casa, la sua squisita accoglienza e quella del personale sono senza eguali. Il personale è professionale e veloce, il servizio è impeccabile. Ho trovato fornita e curatissima anche la carta dei vini. Voria Osteria a Cairano a parer mio è un “diamante culinario” di inestimabile valore. Eccellenza irpina.

 

 

 

Voria Osteria
Via S. Leone, n.99
Cairano (Av)
Tel. 347 7032260
Visita il sito web di Voria Osteria

Pubblicato in Campania

Ci sono dei luoghi capaci di trasmettere emozioni, vuoi per la proposta gastronomica, vuoi per la location, vuoi per quella strana alchimia che invita alla convivialità e allo star bene. Rocco Caggiano a Grottaminarda mette insieme tutte e tre queste componenti. Per noi venire da Rocco Caggiano è sempre un’esperienza meravigliosa. Siamo stati forse i primi a raccontarti di questo posto, della meravigliosa carne che puoi gustare qui, dell’amore che Rocco, Iole e tutto il team mettono in questo progetto, della filosofia che c’è dietro. Di tutto ciò andiamo fieri, perché sono tantissimi i nostri lettori e follower che hanno scoperto questo luogo e se ne sono innamorati. Sono convinto che questo sia uno di quegli indirizzi che restano nella memoria, infatti è uno dei miei preferiti in assoluto.

Rocco Caggiano Grottaminarda Particolare Esterno
Rocco Caggiano. Grottaminarda - Particolare Esterno

Rocco Caggiano è un vero gioiello, a partire dalla location. Cenare in una ex dogana aragonese del 1467 è qualcosa di magico. Tutto è stato recuperato con amore e competenza. Il suo restauro è stato certosino e incredibile. Domina la pietra, una pietra che rassicura e racconta, e poi il legno a cominciare dalle antiche e stupende doghe del pavimento provenienti dalla Toscana. Il locale si sviluppa in due ambienti, uno superiore con cucina e forno Josper a vista ed uno al piano inferiore a cui si accede attraverso delle scale (ovviamente) in pietra. La sala inferiore è una sala "cantina" e c’è anche una sorta di “caveau”, una dispensa con salumi, formaggi e conserve. C’è anche un piccolo spazio esterno dove durante la bella stagione si può stare all’aperto.

Dispensa con salumi e formaggi
Dispensa con salumi e formaggi

A rendere ancora più magico il tutto, il tocco di Iole (la moglie di Rocco), vera anima di questo luogo, la scelta sapiente e appassionata degli utensili, degli oggetti, le sedie, i tavoli di recupero e la scelta di un’illuminazione calda e discreta regalano davvero sensazioni uniche. Per non parlare della mise en place: meravigliosa......

La fantastica mise en place di Rocco Caggiano
La fantastica mise en place di Iole

Stare qui da Rocco Caggiano ti dà proprio l’impressione di essere “altrove”, fuori dal tempo, in un luogo dove regna sovrana ...l’emozione.

Rocco Caggiano Grottaminarda Insegna Esterna
Rocco Caggiano. Grottaminarda - Insegna Esterna

Chiaramente l’emozione continua anche a tavola. Cominciamo col dire che il locale si trova proprio accanto alla Macelleria di famiglia, quindi la tradizione e l’amore per carne sono radicati nel tempo. Rocco ha portato al progetto un “plus”, la sua sapienza nel saper scegliere la carne e le materie prime, anche le verdure. Tutto parte dalla collaborazione con agricoltori e allevatori selezionati in modo quasi scientifico. L’altra grande dote di Rocco è il saper padroneggiare la sapiente arte della frollatura, perché di arte si tratta. Dietro c’è tanto studio, tanta passione e un aggiornamento continuo. Venire qui significa entrare in un mondo a parte, anche per quello che riguarda la cucina. Tutto infatti (dall’antipasto al dolce) viene braciato e cotto sul fuoco del mitico Josper. Cucina sul fuoco quindi, una sorta di richiamo ancestrale e primordiale.  

Rocco Caggiano Ingresso
Rocco Caggiano - Ingresso

Ci accomodiamo al nostro tavolo e diamo uno sguardo al menù. La carta di Rocco Caggiano meriterebbe un articolo a parte, perché è un piccolo compendio, qui puoi scoprire le caratteristiche e le particolarità delle carni che andrai a scegliere e degustare. La carta è un inno alla gioia per i meat lovers. Oltre agli antipasti, i mitici taglieri e le proposte denominate cucina sul fuoco, il pezzo forte è la carne. Qui trovi davvero il meglio, dalla Chianina IGP alla Marchigiana Igp, dalla Podolica alla Maremmana, dalla Bruna alla Modicana, e poi anche carni dal mondo come il pregiato Wagyu di Kobe e ancora i filetti (Frisona, Rubia Gallega, Simmenthal, Angus) e via discorrendo... Ci vorrebbe un capitolo a parte solo per illustrarti la carta. Insomma se ami la carne, qui da Rocco Caggiano avrai di che godere. Intanto ci servono un graditissimo entreé: acqua aromatizzata al limone e rosmarino e pane raffermo al Josper con della bietola braciata e una crema di peperoni.

Entreé Pane raffermo al Josper con bietola braciata e crema di peperoni
Entreé - Pane raffermo al Josper con bietola braciata e crema di peperoni

Da bere ordiniamo una minerale e un calice di Taurasi “Padre” DOCG dell’azienda La Cantina di Enza, un vino poderoso, il fiore all’occhiello di questa cantina artigianale che ha sede a Montemarano. Il Taurasi della Cantina di Enza ha una spiccata personalità con sentori di frutta rossa, prugna ma anche liquirizia. Un rosso intenso e strutturato con un bel tannino e belle note minerali. Scelta meravigliosa…

Taurasi Padre della Cantina di Enza
Taurasi Padre della Cantina di Enza

Ogni cena qui da Rocco per me comincia con il tagliere. E allora via alle danze! Cominciamo con il mitico tagliere della casa. Anche i salumi qui sono speciali: culatello, capocollo, guanciale, salsiccia e soppressata. Il culatello era paradisiaco, lavorato a regola d’arte, dolce al palato, per non parlare del guanciale. Che profumo e che bontà….

Il meraviglioso tagliere di salumi di Rocco Caggiano
Il meraviglioso tagliere di salumi di Rocco Caggiano

Accompagniamo i salumi con il pane azzimo al Josper (e credimi, ci stanno divinamente insieme…).

Pane Azzimo al Josper
Pane Azzimo al Josper

Gustiamo poi un piatto tipico dell’Alta Irpinia (la zona di Lioni, Teora) la Tommacella, in pratica una sorta di polpettina fatta con guanciale, pepe, formaggio, rafano. Davvero particolare e gustosa. Una chicca della tradizione…

Tommacella dellAlta Irpinia
Tommacella dell'Alta Irpinia

Poi chiudiamo il trittico di antipasti con l’uovo di Paolo Parisi (vera eccellenza) al Josper con la ciambottella grottese. Per chi non lo sapesse, la ciambottella (A’ Ciambuttell) tipica di Grottaminarda è una ricetta che in ogni famiglia grottese che si rispetti non può mancare, in pratica è un sugo con cui si può condire la pasta o che si può gustare come contorno o per le bruschette fatto con pomodori, peperoni (rossi e verdi), aglio, peperoncino e basilico. 

Uovo di Paolo Parisi con ciambottella di Grottaminarda
Uovo di Paolo Parisi con ciambottella di Grottaminarda

E’ il momento della carne. Opto per una tagliata di pezzata rossa, allevata in Irpinia, con grasso molto saporito, una carne con 160 giorni di maturazione. Quindi una frollatura importante che dona alla carne qualità incredibili: la carne diventa altamente digeribile, morbida, i grassi esaltano il sapore della carne. Davvero una poesia.

Tagliata di pezzata rossa
Tagliata di pezzata rossa

Come contorno ecco le mitiche verdure braciate al Josper. I peperoncini verdi….

Peperoncini verdi braciati al Josper
Peperoncini verdi braciati al Josper

Le melanzane che sono divine cotte così, perché viene fuori proprio il loro sapore naturale e la particolarità del sedano braciato al Josper.

Melanzane braciate al Josper
Melanzane braciate al Josper

Chiudiamo in bellezza con un tiramisù alla fragole. Un dolce che crea dipendenza…..meraviglioso.

Tiramisù alle Fragole
Tiramisù alle Fragole

Accompagno il dolce con un bicchierino di di Chartreuse Verte, liquore francese che adoro, creato in un’antica Abbazia d’oltralpe, e ottenuto dall’infusione di oltre 130 diverse tipologie di piante officinali.

Amaro francese
Liquore francese Chartreuse Verte

Chiediamo il conto e paghiamo intorno ai 65 euro a persona per la nostra esperienza da Rocco Caggiano.

Rischio di ripetermi ma corro volentieri il rischio. Rocco Caggiano si conferma alla grande nella nostra guida sul web tra i migliori indirizzi. Questo è un piccolo gioiello, un meraviglioso scrigno che ti farà vivere emozioni vere, partendo dalla location davvero particolare: una ex dogana aragonese del 1467 dove anticamente i pellegrini e i viandanti si riposavano e rifocillavano. Il locale è unico nel suo genere. Domina la pietra e poi c’è il legno. Ogni utensile, ogni sedia, ogni tavolo, ogni dettaglio è studiato nei particolari. Poi c’è la parte gastronomica che non è da meno. Qui chi ama la carne troverà il suo Paradiso in terra: tagli scelti, lavorati a regola d’arte, la sapiente arte della frollatura che Rocco Caggiano padroneggia in modo sublime e un metodo di cottura “sul fuoco” grazie al Josper che dona ad ogni piatto un plus incredibile. Il servizio è impeccabile e professionale. Buona la carta dei vini e distillati. Piccola raccomandazione: all’interno ci sono poco meno di una quarantina di posti, quindi il mio consiglio è quello di prenotare sempre per tempo. Rocco Caggiano a Grottamninarda è un indirizzo imperdibile. Poesia della carne e magia ancestrale del fuoco.

 

 

Rocco Caggiano Braceria
C.so Vittorio Veneto, n.320
Grottaminarda (Av)
Tel. 351 753 2244
Visita la pagina Fb di Rocco Caggiano

Pubblicato in Campania
Sabato, 15 Luglio 2023 21:46

Tenuta Vittoria. Caposele (Av)

Siamo in una zona d’Irpinia ricca di verde e bellezze paesaggistiche, precisamente a Caposele nell’alta Valle del Sele. Siamo venuti qui per pranzare alla Tenuta Vittoria. E’ stata davvero una meravigliosa scoperta.
Tenuta Vittoria è una vera oasi di pace e relax. Già quando arrivi ti rendi conto di essere in un luogo incantato, l’ingresso della Tenuta è maestoso, un vialetto circondato da alberi ci porta alla struttura, una sorta di casale di campagna finemente ristrutturato e ben inserito nella natura circostante. Tenuta Vittoria dispone di circa dieci ettari, qui davvero puoi staccare la spina vivere il relax a contatto con la natura.

Il maestoso ingresso di Tenuta Vittoria a Caposele
Il maestoso ingresso di Tenuta Vittoria a Caposele

Tenuta Vittoria è anche un’azienda agricola, dispone di quattro camere per gli ospiti che volessero pernottare e trattenersi, e naturalmente ha un piccolo ristorante attrezzato dove poter pranzare o cenare anche alla carta. Il ristorante presenta poco più di 30 coperti all’interno e una sessantina all’esterno.

Tenuta Vittoria Caposele Av Particolare sala interna
Tenuta Vittoria Caposele - Particolare della sala interna

L’arredo è sobrio, essenziale ma raffinato. La cucina proposta dal ristorante di Tenuta Vittoria è una cucina semplice come concetto, sono piatti legati al territorio, alla tradizione ma presentati con un’attenzione anche all’estetica. La cosa importante qui, è che la cucina segue il ritmo delle stagioni, i prodotti sono sempre freschi e provenienti dalla struttura o da produttori locali. In cucina la chef, la signora Annalisa dispensa bontà grazie alla sua abilità e profonda conoscenza delle materie prime. L’anima di Tenuta Vittoria sono due ragazzi di Avellino: Valeria e Umberto. Avevano un sogno che si è realizzato in questo angolo di Irpinia: ossia dare vita ad un luogo che celebrasse la natura e il territorio e poi portare in tavola una cucina genuina, sincera, realizzata con i meravigliosi prodotti locali ma con un occhio anche alla contemporaneità. Quindi c'è attenzione anche alla preparazione, all’estetica dei piatti e ai dettagli. Le materie prime e i formaggi provengono da piccoli produttori locali, i salumi sono del Salumificio Ciarcia, le ricotte di loro produzione così come l’olio extravergine. Quindi va sottolineata l’attenzione e la ricerca dei prodotti e il desiderio di far riassaporare agli ospiti, quelli che erano i sapori di un tempo ma il tutto in una chiave contemporanea. Ci accompagnano al nostro tavolo e diamo un’occhiata al menù. Il numero magico è il quattro. Quattro sono infatti le proposte di antipasto, quattro i primi e i secondi. Ci sono poi i dolci e la degustazione di formaggi accompagnati dalle loro composte artigianali. C’è di che divertirsi.

Tenuta Vittoria Caposele Av Particolare esterno
Tenuta Vittoria Caposele - Particolare esterno

Ordiniamo una minerale e una bottiglia di buon aglianico irpino di loro produzione. Ci servono un graditissimo entreè in giardino, un sorprendente (e buonissimo) gelato al parmigiano con cialda sempre al parmigiano. Una proposta fresca e intrigante.

Gelato al parmigiano e cialda al parmigiano
Gelato al parmigiano e cialda al parmigiano

Si comincia con gli antipasti, ecco il meraviglioso Tagliere di Tenuta Vittoria, un trionfo di salumi e formaggi. Nota di merito per il prosciutto (del prosciuttificio Ciarcia) per la pancetta arrotolata, per i crostini con il lardo, che si scioglieva in bocca e per le ricottine di loro produzione.

Tagliere di tenuta Vittoria
Tagliere di tenuta Vittoria

A seguire ecco i fiori di zucca ripieni di ricotta e pesto alla menta. Semplicemente deliziosi.

Fiori di zucca ripieni di ricotta e pesto alla menta
Fiori di zucca ripieni di ricotta e pesto alla menta

L’altra proposta è originale e super buona: una cheesecake ma salata, con i fichi e il prosciutto crudo di Ciarcia. Bellissimo l’abbinamento del dolce dei fichi con il prosciutto e la sua nota sapida.

Cheesecake salata con fichi e crudo di Ciarcia
Cheesecake salata con fichi e crudo di Ciarcia

Il nostro pranzo procede alla grande. Passa spesso anche Valeria a controllare che tutto stia andando bene. E’ il momento dei primi. Prendiamo i tagliolini fatti a mano al profumo di limone. Delicati, profumati, aromatici. In una parola: ottimi.

Tagliolini fatti a mano al profumo di limone
Tagliolini fatti a mano al profumo di limone

L’altro piatto è davvero interessante. Sono i ravioli fatti a mano ripieni con ricotta con crema di zucchine, basilico e taralli sbriciolati.

Ravioli ripieni di ricotta fatti a mano con crema di zucchine basilico e taralli sbriciolati
Ravioli ripieni di ricotta fatti a mano con crema di zucchine, basilico e taralli sbriciolati

I secondi vedono in carta in prevalenza la presenza della carne (ovviamente). Per questo decidiamo di provare la bistecca di scottona. Gustosa, di ottima fattura la carne che si è mantenuta succosa.

Bistecca di scottona
Bistecca di scottona

Accompagniamo la carne con delle belle patatine fritte (ci andava così…).

Patatine fritte
Patatine fritte

Il maialino agli agrumi e salsa allo yogurt è delicato e aromatico. Bella l'idea della gelatina (a forma di arancia) a richiamare uno degli ingredienti del piatto.

Mailaino agli agrumi e salsa allo yogurt
Mailaino agli agrumi e salsa allo yogurt

L’altro secondo che ci incuriosiva era il tuorlo croccante con fonduta di caciocavallo podolico della Valle del Sele. Decidiamo di provarlo e abbiamo fatto bene.

Tuorlo croccante con fonduta di caciocavallo podolico della Valle del Sele
Tuorlo croccante con fonduta di caciocavallo podolico della Valle del Sele

Che pranzo sarebbe senza dolce ? E allora ecco la mousse alla nocciola irpina, delicata….

Mousse artigianale alla nocciola irpina
Mousse artigianale alla nocciola irpina

E i biscotti (tipo cantucci) con il vino passito Mel di Antonio Caggiano, un grande passito irpino, fantastico… con il suo sentore miele, agrumi e albicocca. Eccellenza del territorio ..

Cantucci e passito Mel di Antonio Caggiano
Cantucci e passito Mel di Antonio Caggiano

 Paghiamo per il nostro pranzo da Tenuta Vittoria a Caposele 45 euro a persona. Corretto il rapporto qualità – prezzo.

Tenuta Vittoria è stata una bellissima scoperta. Valeria e Umberto sono due giovani ragazzi di Avellino che hanno investito in questa struttura creando una vera eccellenza. Tenuta Vittoria è una vera oasi di pace e relax, la tenuta ha ben 10 ettari di terreno ed è azienda agricola (produce tra le altre cose un ottimo olio Evo), dispone anche di 4 camere per il pernottamento e soprattutto ha anche un piccolo Ristorante che offre una proposta gastronomica di grande livello. Una cucina semplice come concetto: piatti della tradizione, rivisitati e presentati in chiave contemporanea realizzati con prodotti del territorio propri o di piccoli produttori locali. Qui chi cerca la buona cucina irpina non resterà deluso. In cucina c’è Annalisa, la chef dotata di grande talento e profonda conoscitrice di prodotti e materie prime. Il servizio è professionale, corretto il rapporto qualità – prezzo. Tentuta Vittoria a Caposele non può mancare nella guida sul web dei Templari del Gusto dei migliori ristoranti irpini. Alla prossima…



Tenuta Vittoria
Contrada Buoninventre, Snc
Caposele (Av)
Tel. 0827 188 5779
Visita il sito web di Tenuta Vittoria a Caposele

Pubblicato in Campania

Rieccoci a distanza di un anno da Pater Familias Ristorante. La precedente esperienza è stata fantastica, così abbiamo deciso di ritornare, per gustare le loro proposte di cucina e rivivere la fantastica atmosfera che si respira qui. Siamo a Paternopoli, paese irpino ricco di tradizioni contadine e vitivinicole. Paternopoli è famoso per il vino ma anche per il broccolo aprilatico presidio Slow Food. Pater Familias Ristorante si trova nel centro storico. La location ti lascerà senza fiato: un meraviglioso palazzo gentilizio che risale al 1836, anticamente era la dimora della famiglia Famiglietti. Dopo un certosino lavoro di recupero e di restauro grazie a Francesco Anziano (il patron), questo luogo ha ripreso il fasto e lo splendore di un tempo.

Pater Familias Ristorante Paternopoli Esterno
Pater Familias Ristorante. Paternopoli - Esterno

Proprio nelle antiche cantine del palazzo c’è il ristorante, che regala angoli davvero caratteristici. Intorno è tutto un trionfo di pietra, antichi portali e soffitti con volte a botte e a crociera, insieme ad elementi moderni. Un riuscito mix che conquista gli ospiti. Pranzare o cenare qui, ti trasporterà davvero indietro nel tempo e ti regalerà una piacevole sensazione di serenità. 

Pater Familias Ristorante Particolare ambiente interno
Pater Familias Ristorante - Particolare ambiente interno

Ma ad essere ancora più interessante è la proposta di cucina. C’è la possibilità di optare per un menù degustazione di quattro portate su proposta dello chef. Noi invece decidiamo di ordinare alla carta. Ci sono cinque proposte di antipasti, cinque di primi, sei secondi e poi i dessert. La carta dei vini è ricca e presenta in prevalenza cantine e aziende irpine e qualche proposta dal vicino Sannio. Noi da bere ordiniamo una minerale e un rosso: l’aglianico del Taburno DOCG millenovecentodieci di Ocone Vini. Un rosso ottenuto da uve aglianico in purezza, di un colore rosso rubino intenso, con note di frutti rossi, uno spiccato tannino, grande equilibrio e personalità. Ottima scelta.

Aglianico del Taburno DOCG Mille Novecento Dieci di Ocone Vini
Aglianico del Taburno DOCG Millenovecento dieci di Ocone Vini

In attesa degli antipasti, ci servono un graditissimo entreé, una montanara calda calda, profumata e invitante…

Montantara
Montantara

Ordiniamo la crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolato, stuzzicante, aromatica. Anche in questa proposta è presente il territorio grazie al tartufo nero di Banoli e alla fonduta caciocavallo. Ottima.

Crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolatojpg
Crocchetta di patate e tartufo nero di Bagnoli su fonduta di caciocavallo e pane prezzemolato

Continuiamo con un delicato e morbido tortino di patate ed ortaggi e fonduta di caciocavallo.

Tortino di patate ed ortaggi e fonduta di caciocavallojpg
Tortino di patate ed ortaggi e fonduta di caciocavallo

Come primo optiamo per una pasta ripiena, i ravioli in crema di carmasciano e noci. Giusta consistenza, ripieno super e che che bontà quella cremina di carmasciano e noci… Squisiti.

I Ravioli
Ravioli in crema di carmasciano e noci

Il nostro pranzo fila via che è una bellezza, nobilitato anche dalla suggestiva location che regala piacevoli sensazioni. Ecco i secondi. Abbiamo scelto il capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate. Menzione particolare per il capocollo, la cottura perfetta lo hanno reso morbido e delicato. Perfetto l’abbinamento con la schiacciata di patate.

Capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate
Capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate

L’altro secondo è la tagliata podolica al rosmarino e verdurine ripassate. Davvero ottima la carne.

Tagliata podolica al rosmarino e verdurine ripassate
Tagliata podolica al rosmarino e verdurine ripassate

Non possiamo non chiudere in dolcezza ed ecco una bella frolla alla mela annurca caramellata, un dessert ben studiato, in particolare la annurca caramellata era deliziosa. Ci hanno gentilmente offerto caffè e liquore al finocchietto.

Frolla alla mela annurca caramellatajpg
Frolla alla mela annurca caramellata

Paghiamo per il nostro pranzo da Pater Familias Ristorante 85 euro in due. Ottimo il rapporto qualità prezzo, soprattutto se consideriamo la splendida location, la qualità delle materie prime e dei prodotto e il livello delle proposte di cucina. Complimenti.

Pater Familias Ristorante è un’assoluta certezza. Il ristorante si trova all’interno di un meraviglioso palazzo gentilizio del 1836 riportato al suo antico splendore grazie ad un accurato e certosino restauro. In quelle che erano le cantine del palazzo ci sono le sale, suggestive con pareti di pietra e soffitti con volte a botte e a crociera. Francesco Anziano il titolare, è un perfetto padrone di casa. Le proposte di cucina raccontano l’Irpinia grazie all’uso di prodotti ed eccellenze del territorio. Si parte sempre dalla tradizione in parte rivisitata ma senza eccessi. Ottimo mix di tradizione e creatività. Il servizio è puntuale e professionale. A dir poco fantastico il rapporto qualità – prezzo. Pater Familias Ristorante a Paternopoli si conferma nella nostra guida sul web di quelli che sono a parer nostro, i migliori indirizzi in Irpinia. Da non perdere…

 

Pater Familias Ristorante
Corso Vittorio Emanuele
Paternopoli (Av)
Tel. 349 672 0077
Visita il sito web di Pater Familias Ristorante

Pubblicato in Campania

Siamo in Irpinia, precisamente a Castelfranci, suggestivo borgo della Valle del Calore che si trova su una collina circondato da ricchi vigneti e uliveti. Questo è un territorio fortunato e fertile, naturalmente la produzione di vino e olio sono tra i caratteri distintivi di questo luogo, il cui centro storico regala interessanti edifici e testimonianze del passato, come Palazzo Vittoli. Questa meravigliosa dimora storica risale al 1818 come si può leggere sul portale all’ingresso. Palazzo Vittoli è la perfetta location per eventi e momenti da ricordare, grazie alla struttura, al verde che lo circonda, alle sale eleganti e raffinate dove si respira il passato. Qui si può anche pernottare, ci sono infatti 3 suite arredate con gusto e cura dei particolari. Ma Palazzo Vittoli ha anche un ristorante fantastico, dove poter gustare una cucina irpina presentata con un tocco di modernità ma senza tradire le radici.
Noi siamo stati qui a pranzo e siamo capitati nel giorno in cui si celebrava un "must irpino" ossia la maccaronara, pasta tipica della zona preparata ancora come tradizione vuole. Ci accomodiamo al nostro tavolo e diamo un’occhiata al menù. C’è la possibilità di optare per 3 percorsi degustazione (di tre, quattro o sei portate) oppure si può ordinare alla carta. Ci sono ben otto proposte di antipasti, una sezione dedicata alla maccaronara con quattro proposte, sei primi tre secondi e tre dessert. La cosa che balza all’occhio è la presenza costante dell’Irpinia con prodotti e materie prime di questo territorio meraviglioso (dai salumi irpini, al pecorino Carmasciano, al tartufo nero, per citarne qualcuno). In attesa di ordinare ecco il benvenuto dello chef: crocchè di patate con fonduta di pecorino Carmasciano e polvere di mortadella, davvero spettacolare soprattutto la fonduta di Carmasciano che si sposava a meraviglia con il crocchè.

Crocchè di partate con fonduta di pecorino Carmasciano e polvere di mortadella
Crocchè di partate con fonduta di pecorino Carmasciano e polvere di mortadella

Da bere prendiamo una minerale e una bottiglia di Fiano Casefatte dell’Azienda agricola Boccella, un bianco ricco di personalità con sentori di agrumi e pesca. Al palato questo Fiano mostra un bel corpo e un finale lungo e sorprendente. Come antipasti cominciamo da un piatto della tradizione, il mitico baccalà alla Pertecaregna servito su vellutata di scarola all'irpina e polvere di peperone crusco. Lo chef Antonio Guerriero è stato bravissimo a dare alla proposta una nuova veste e a presentare questo piatto tipico irpino in un modo creativo e accattivante. Interessante l’abbinamento con vellutata di scarola. Il peperone crusco altro ingrediente immancabile nel baccalà alla Pertecaregna è presente ma in polvere. Giusto per dargli il sapore e non discostarsi troppo dalla ricetta originaria.

Baccalà alla Pertecaregna su vellutata di scarola allirpina e polvere di peperone crusco
Baccalà alla Pertecaregna su vellutata di scarola all'irpina e polvere di peperone crusco

L’altro antipasto è davvero particolare, un cestino di pasta sfoglia con yogurt di Carmasciano fave e pancetta irpina. Anche qui c’è il territorio grazie alla presenza della pancetta irpina ma soprattutto del Carmasciano servito a mo’ di yogurt. Idea geniale….

Cestino di pasta sfoglia con yogurt di Carmasciano fave e pancetta irpina
Cestino di pasta sfoglia con yogurt di Carmasciano fave e pancetta irpina

Visto che c’era in carta la sezione dedicata alla maccaronara, decidiamo di gustarla, in due diverse verioni. La classica maccaronara al ragù irpino della tradizione. Buonissimo il ragù, bello tirato, fatto come si deve.

Maccaronara al ragù irpino della tradizione
Maccaronara al ragù irpino della tradizione

E poi una spettacolare e cremosa maccaronara al tartufo nero di Bagnoli e fonduta di Carmasciano.

Maccaronara al tartufo nero di Bagnoli e fonduta di Carmasciano
Maccaronara al tartufo nero di Bagnoli e fonduta di Carmasciano

Decidiamo anche di prendere un secondo da dividere: lombatina di vitello sfumata al Fiano con salsa in agrodolce e mousse di patata. La lombatina di vitello era spettacolare, morbida e gustosa.

Lombatina di vitello sfumata al Fiano con salsa in agrodolce e mousse di patata
Lombatina di vitello sfumata al Fiano con salsa in agrodolce e mousse di patata

Chiudiamo con due dessert, una pasta sfoglia con crema, amarena e Don Fa (vino fortificato e aromatizzato alle foglie di amarena). Divino.

Pasta sfoglia con crema amarena e Don Fa
Pasta sfoglia con crema amarena e Don Fa

E una ricotta mantecata su frolla alla cannella e granella di pistacchio. Questo dolce mi ha rapito, grazie alla gustosa ricotta di capra locale lavorata dallo chef in modo sublime.

Ricotta mantecata su frolla alla cannella e granella di pistacchio
Ricotta mantecata su frolla alla cannella e granella di pistacchio

Facciamo un giro di amari e chiediamo il conto. Paghiamo per il nostro pranzo da Palazzo Vittoli Ristorante poco più di 50 euro a persona. Fantastico davvero il rapporto qualità – prezzo.

Palazzo Vittoli Ristorante a Castelfranci è un piccolo gioiello. La location è unica, si tratta infatti di una dimora storica datata 1818, inserita nel cuore del borgo, ideale per eventi, momenti da ricordare e dove si può anche pernottare grazie alle 3 suite raffinate e curate in ogni dettaglio. Il Ristorante splende di luce propria grazie alla bravura del giovane chef Antonio Guerriero, capace di dare un abito nuovo e creativo ai piatti della tradizione irpina. Buona e fornita la carta di vini, in prevalenza irpini. Il servizio è impeccabile. Fantastico il rapporto qualità – prezzo. Palazzo Vittoli Ristorante entra nella nostra guida sul web degli indirizzi da non perdere. Fantastica scoperta. Garantiamo noi.

 

 

Palazzo Vittoli – Ristorante
Via Roma, n.28
Castelfranci (Av)
Tel. 347 981 1798
Visita il sito web di Palazzo Vittoli

Pubblicato in Campania
Lunedì, 15 Maggio 2023 16:24

24 posti. Avellino

Avellino ci sta regalando incredibili sorprese. Il capoluogo irpino presenta alcuni indirizzi davvero notevoli e una proposta gastronomica ampia e variegata, capace di venire incontro alle esigenze di tutti. 24 Posti per noi è stata davvero una rivelazione. Il locale si trova in via Gabriele Speranza, in zona centrale. L’impatto è decisamente positivo, 24 Posti è piccolo, accogliente curato, lo stile è moderno, direi essenziale o minimal. C’è un unico ambiente con illuminazione studiata e soffusa che regala sicuramente un’atmosfera raccolta e per certi versi intima. C’è anche la cucina a vista che dà sulla sala. Da sottolineare come il locale abbia anche alcuni posti esterni sotto il porticato dove è possibile pranzare o cenare durante la bella stagione. Qualcuno poi vorrà sapere perché la scelta del nome 24 Posti. Mai risposta fu più facile: semplicemente perché all’interno ci sono giusto 24 coperti. Noi abbiamo prenotato in anticipo il nostro tavolo. Siamo stati qui a cena. 

24 Posti Avellino Insegna Esterna
24 Posti. Avellino - Insegna Esterna

Come sempre diamo un rapido sguardo alla carta che presenta poche proposte ma ben studiate e calibrate. La cucina è prevalentemente di mare ma non manca qualche proposta di terra. Ordiniamo una minerale e due calici di Fiano della Cantina Giovanni Molettieri, un bianco ottenuta da uve di Fiano in purezza, di un bel colore giallo paglierino vivo, sentori di frutta e una buona acidità al palato. Cominciamo con due antipasti, ecco una bella insalata di mare, davvero ottima, ben condita, in particolare ho trovato morbido e gustoso il polpo, era da un pò che non mangiavo un'insalatina di mare così buona.

Insalata di mare
Insalata di mare

L’altro antipasto che abbiamo scelto in carta è denominato Delizie 24 Posti. In pratica una mozzarellina di bufala con gamberi rossi di Mazara e tartufo nero, burratina pugliese con acciughe del Cantabrico e crostini di pane e una polpetta di baccalà. Spaziale l’abbinamento della mozzarella di bufala con il soave gambero rosso di Mazara e le lamelle di tartufo. Quello tra la burrata e le alici del Cantabrico è un matrimonio d’amore sensuale. La polpetta di baccalà non delude le attese e chiude alla grande questo trittico di delizie.

Delizie 24 Posti
Delizie 24 Posti

I due antipasti non fanno altro che far aumentare le aspettative in attesa dei primi. Continuiamo con proposte di mare, ecco un paradisiaco risotto alla pescatora, opulento, gustoso e “ricco” di pesce. Complimenti allo chef.

Risotto alla pescatora
Risotto alla pescatora

Se il risotto ci è piaciuto, non sono da meno gli spaghetti con cozze, cacio e pepe. Altro abbinamento azzeccato. La sapidità delle cozze si sposa a meraviglia con quella del cacio e pepe e con la sua cremosità. Nel complesso un ottimo primo piatto.

Spaghetti con cozze cacio e pepe
Spaghetti con cozze, cacio e pepe

Decidiamo di provare anche un secondo da dividere. La nostra scelta cade sulla tagliata di filetto di tonno. Anche qui bisogna dire che la materia prima è eccellente e la mano dello chef non fa altro che esaltarla.

Tagliata di filetto di tonno
Tagliata di filetto di tonno

Siamo sazi, nostro malgrado saltiamo il dessert. Facciamo un giro di limoncello artigianale e chiediamo il conto. Paghiamo per la nostra cena da 24 Posti, poco più di 45 euro a persona. Direi assolutamente corretto il rapporto qualità – prezzo, adeguato alla qualità della proposta gastronomica.

24 Posti è stato davvero una bella scoperta. Questo locale dallo stile moderno ed essenziale con cucina a vista, si trova ad Avellino centro. Si chiama così perché all’interno ci sono effettivamente 24 coperti (per cui è sempre preferibile prenotare). Qui trovi un’ottima cucina prevalentemente di mare con una materia prima di qualità, ma non manca qualche proposta di terra. Insalata di mare eccellente. Meraviglioso il risotto alla pescatora che abbiamo gustato. Il servizio è professionale e veloce. Buona la carta dei vini. Corretto il rapporto qualità prezzo. 24 Posti ad Avellino è decisamente un indirizzo da segnare in agenda ed entra di diritto nella nostra guida sul web di quelli che sono i locali da non perdere. Rivelazione.


 

24 Posti
Via Gabriele Speranza, n.12
Avellino
Tel. 348 746 7404
Visita la pagina Fb di 24 Posti

Pubblicato in Campania
Giovedì, 11 Maggio 2023 19:58

La Locanda dell'Arco. Calitri (Av)

Calitri è un borgo gioiello dell’Alta Irpinia, situato quasi al confine con la Basilicata. Calitri rappresenta un “unicum” per la sua storia, per le sue tradizioni e per la sua conformazione urbanistica che la rendono molto interessante. Particolarmente suggestiva infatti è la vista del suo centro storico, con le case colorate che sembrano abbracciarsi e reggersi le une sulle altre. Dalla parte più alta dove c’è il Castello è possibile poi ammirare panorami incredibili che restano nella memoria. Altra importante caratteristica di Calitri è la tradizione della ceramica, un’arte tramandata addirittura dal periodo medievale. 

Calitri centro storico
Calitri - Centro storico

Calitri e questa parte di Irpinia regalano davvero grandi spunti e una gastronomia sincera, con una radicata tradizione e prodotti unici. In particolare la cucina calitrana è molto apprezzata. Noi ci siamo fermati a pranzo in un locale che è una vera istituzione: la Locanda dell’Arco.

La Locanda dellArco Calitri Insegna esterna
La Locanda dell'Arco. Calitri - Insegna esterna

La Locanda dell’Arco si trova quasi al principio del centro storico calitrano in Via Arco Zampaglione proprio nelle vicinanze dell’omonimo Palazzo storico. Il locale è caratteristico con due ambienti e una sala superiore. Domina la pietra, una pietra che rassicura e conquista, l’arredo è sobrio e caratteristico nella sua semplicità. Particolare e suggestiva poi è la sala della grotta, dove si può pranzare o cenare in uno scenario davvero unico. Noi abbiamo prenotato (fortunatamente) il nostro tavolo con doveroso anticipo e ci accomodiamo. Come al solito diamo uno sguardo al menù. In carta è un trionfo di piatti e prodotti del territorio, ci sono cinque proposte di antipasto, sei primi e sei secondi, oltre ai contorni e ai dolci. Da bere prendiamo due minerali e una bottiglia di aglianico della casa, davvero eccezionale. E cominciamo due antipasti locali con prosciutto crudo, ricottina, mozzarelline e ovviamente caciocavallo di Calitri, salamino piccante e soppressata, pancetta e capocollo. Meraviglioso il prosciutto, per non parlare ovviamente del caciocavallo che avremo modo di apprezzare anche dopo.

Antipasto locale
Antipasto locale

Ecco infatti due porzioni di caciocavallo alla piastra. Davvero paradisiaco, profumato, gustoso e piastrato alla perfezione.

Caciocavallo alla piastra
Caciocavallo alla piastra

Gli antipasti non hanno deluso le nostre aspettative, ma noi siamo venuti qui alla Locanda dell’Arco soprattutto per le cannazze. Piccola premessa, le “cannazze” sono una pasta tipica calitrana dalle origini antiche. Un tempo questo tipo di pasta lunga, per certi versi simili agli ziti napoletani, si metteva ad essiccare proprio su delle canne (da qui ha origine il nome). Anni fa le cannazze erano il piatto che si cucinava durante i matrimoni, si servivano condite con il ragù e abbondante formaggio grattugiato. E alle cannazze è da sempre associata l’idea della festa, della convivialità.

Cannazze al ragù della tradizione
Cannazze al ragù della tradizione

Qui alla Locanda dell’Arco mancavamo da tempo e siamo tornati per gustare nuovamente le loro cannazze al ragù della tradizione. Le abbiamo trovate davvero eccellenti: perfetta la cottura, fantastico il ragù bello tirato e gustoso, generosa la presenza del formaggio. Poi chiaramente ogni commensale può decidere in autonomia la quantità della sua porzione e può condirla con altro formaggio grattugiato e anche peperoncino in polvere.

 Le Cannazze al ragù della tradizione della Locanda dellArco di Calitri
Le Cannazze al ragù della tradizione della Locanda dell'Arco di Calitri

Decidiamo di provare anche un altro primo, i vermicelli alla “Pasciut” con pomodoro, colatura di alici e peperoncino, dal sapore aromatico e intenso.

Vermicelli alla Pasciut
Vermicelli alla Pasciut

I primi ci hanno deliziato e saziato, ma che fai, vieni alla Locanda dell’Arco a Calitri e non assaggi anche l’involtino di vitello? Giammai. Infatti cediamo volentieri alla tentazione e abbiamo fatto benissimo. L’involtino di vitello (vrasciola) è super. Ottima la carne che, cotta a lungo nel soave ragù, diventa morbidissima. Lo ammettiamo, abbiamo fatto anche la scarpetta. Non sarà elegante ma non potevamo esimerci.

Involtino di vitello Vrasciola
Involtino di vitello (Vrasciola)

Guardando anche ai tavoli vicini, ci aveva colpito la salsiccia alla piastra che stavano servendo. E visto che noi Templari del Gusto siamo dei gaudenti, decidiamo di provare anche questa. Bene abbiamo fatto, la salsiccia con peperoncino e aromi era ottima.

Salsiccia locale alla piastra
Salsiccia locale alla piastra

La accompagniamo con due porzioni di patate al forno.

Patate al forno con aromi
Patate al forno con aromi

Gustiamo anche un particolarissimo e sorprendente caciocavallo in pasta fillo con miele e semi di sesamo. 

Caciocavallo in pasta fillo con miele e semi di sesamo
Caciocavallo in pasta fillo, con miele e semi di sesamo

Siamo davvero sazi, saltiamo il dolce, ci concediamo un giro di ottimo nocino di loro produzione, due caffè e chiediamo il conto. Paghiamo per il nostro pranzo 35 euro a persona. Rapporto qualità prezzo davvero fantastico. Complimenti.

La Locanda dell’Arco a Calitri non può mancare in agenda. Il locale si trova nel centro storico calitrano ed è ricavato in quelle che un tempo erano i locali e le cantine di un antico palazzo nobiliare. La struttura è suggestiva, con archi in bellavista e pietra a farla da padrona. Bellissima in particolare una sala ricavata in una grotta naturale. La cucina della Locanda dell’Arco presenta il meglio dei piatti e dei prodotti locali, una cucina generosa, sincera. Ottimi i salumi, il caciocavallo (anche stagionato in grotta) è sublime, da non perdere se passi di qui il caciocavallo alla piastra. Le cannazze al ragù della tradizione da sole valgono la visita così come l’involtino di vitello (la Vrasciola) che si scioglie in bocca dopo una sapiente e lenta cottura di almeno 3-4 ore. Il servizio è informale e veloce. Fantastico il rapporto qualità prezzo. La Locanda dell’Arco a Calitri entra di diritto nella nostra guida sul web di quelli che sono gli indirizzi da non perdere. Poesia del territorio.

 

 

 

La Locanda dell’Arco
Via dell'Arco Zampaglione n. 5
Calitri (Av)
Tel. 0827 310951
Aperto dal Giovedì al Sabato - Pranzo e Cena
Domenica e festivi solo a Pranzo

Visita la pagina FB della Locanda dell’Arco

Pubblicato in Campania

Torno sempre volentieri a Gesualdo, borgo irpino di grande fascino e suggestione, dominato dal maestoso Castello che fu di Carlo Gesualdo, il famoso madrigalista del ‘500. Il centro storico gesualdino poi è decisamente interessante da visitare. Certi paesaggi, le tortuose e strette stradine, alcune case e palazzi antichi ti resteranno impressi nella memoria, così come la natura circostante che, soprattutto nelle belle giornate, regala uno spettacolo incredibile. Qui a Gesualdo sono tornato per provare nuovamente le proposte di Decanta, memore della nostra passata esperienza decisamente positiva.

Decanta Gesualdo Particolare sala interna
Decanta. Gesualdo - Particolare sala interna

Decanta si trova quasi al principio del centro storico, a poche centinaia di metri dal Castello. Sistemata l’auto proprio di fronte al locale, ci accomodiamo. All’interno il locale si sviluppa in due grandi ambienti, il suo stile è essenziale, minimal ma decisamente curato, molto caratteristica è la scelta dei colori e la presenza dove sono le pareti di fronte all’ingresso, di un’esposizione di prodotti del territorio eccellenze irpine, molte di alcune aziende locali. Il concetto è molto semplice: qui da Decanta il cliente, anzi mi piace definirlo ospite, può anche decidere di acquistare e portarsi a casa un prodotto del territorio, magari protagonista di uno dei piatti in carta. Qui trovi dalla pasta, alle conserve, dai vini a liquori artigianali particolari, e non può mancare il “sedano di Gesualdo”, presidio Slow food. Ad accoglierci stavolta sono Dora e Ivo, che avevo già conosciuto nella mia precedente esperienza da Decanta insieme ad Antonio. Questi ragazzi meritano davvero fortuna e soddisfazioni perché in questo progetto credono tanto e hanno investito risorse e tempo. Alla base di tutto c’è l’amore per la propria terra e la volontà di raccontarla in modo informale ma senza compromessi e senza mai dimenticare le radici.
Altro motivo che mi ha spinto a tornare qui, la voglia di provare nuovamente le proposte della chef Emilia Damaso, talento assoluto e creativo, artefice di una cucina semplice come concetto ma di grande carattere e personalità. Come al solito diamo uno sguardo al menù che cambia praticamente ogni settimana in base alla stagionalità e alla reperibilità e disponibilità delle materie prime. In carta ci sono poche proposte ma studiate alla perfezione. Arriva subito un gradito entreé della chef Emilia Damaso: crocchettina di patate con ripieno di caciocavallo fuso, crema di barbabietola, spinacino e pancetta arrotolata croccante. Un piccolo capolavoro dove regna l’equilibrio tra i sapori e tra le diverse consistenze.

Entrée
Entrée della chef Emilia Damaso

L’incipit è davvero notevole. Intanto arriva il buon pane di Gesualdo, fragrante e saporito (proveniente dal forno Pane e Dintorni).

Il Pane di Gesualdo
Il Pane di Gesualdo

Da bere ordiniamo una minerale e due calici di ottimo aglianico irpino. Cominciamo ordinando due antipasti. La scorsa volta non avevo gustato i formaggi. Oggi ho voluto appagare questa mia voglia, ecco dunque una selezione di formaggi: pecorino di Carmasciano, caprino stagionato e caciotta vaccina affinata nel peperone, abbinati ad una composta di fichi rossi di San Mango e mandorle di Terramater. Quasi pleonastico dire che il pecorino di Carmasciano è spaziale, con il suo gusto inconfondibile, all’inizio quasi delicato e morbido per poi esplodere in una nota quasi piccante nel finale. Anche il caprino è notevole. Perfetto l’abbinamento con la composta che esalta soprattutto il formaggio stagionato.

Selezione di formaggi con composta di fichi e mandorle
Selezione di formaggi con composta di fichi e mandorle

Le sublimi alici del Cantabrico con crostini e burro di Normandia sono l’altra nostra scelta come antipasto. Sarà che ho un debole per questo abbinamento.

Alici del Cantabrico con crostini e burro di Normandia
Alici del Cantabrico con crostini e burro di Normandia

La spiccata sapidità ed il gusto delle alici fa quasi l’amore con il morbido e delicato burro di Normandia, il tutto esaltato dai crostini di pane di Gesualdo appena tostati. Il Paradiso in terra….

Crostino con burro di Normandia e alici del Cantabrico
Crostino con burro di Normandia e alici del Cantabrico

Di tanto in tanto, la gentile Dora e Ivo passano a controllare che tutto stia andando bene. Intanto arrivano i due primi che abbiamo ordinato. Ai mezzi paccheri alla puttanesca di baccalà mancava solo la parola. Piatto eccezionale, reso ancora più gustoso e particolare dalla presenza della tartare di baccalà a donare freschezza e sapidità.

Mezzi paccheri alla puttanesca di baccalà
Mezzi paccheri alla puttanesca di baccalà

Con le tagliatelle con piselli, crema di piselli, menta e battuto di gambero viola marinato, raggiungiamo livelli siderali. Il piatto è stato concepito in maniera perfetta, c’è tutto qui: si sente la Primavera grazie al colore, al gusto, e alla freschezza del battuto di gambero viola marinato che regala al piatto una spinta creativa notevole. Chapeau !

Le Tagliatelle con piselli crema di piselli menta e battuto di gambero viola marinato
Le Tagliatelle con piselli, crema di piselli, menta e battuto di gambero viola marinato

Prendiamo anche un secondo in due. La nostra scelta ricade sull’uovo pochè su patata al limone, menta asparagi e insalatina di radicchio. Anche questo piatto è convincente e ben eseguito.

Uovo pochè su patata al limone menta e asparagi
Uovo pochè su patata al limone, menta e asparagi

“Dulcis in fundo” è proprio il caso di dire così, non mi faccio mancare i mitici cannoli di ricotta di Carmasciano, pistacchio e arancia amara, che ho già provato la volta scorsa qui da Decanta e di cui mi sono follemente innamorato.

Cannoli di ricotta di Carmasciano pistacchio e arancia amara
Cannoli di ricotta di Carmasciano, pistacchio e arancia amara

Su consiglio di Ivo e Dora proviamo anche la delicata e profumata crème bruleé con fragole.

Crème bruleé con fragole
Crème bruleé con fragole

Accompagniamo il dolce con due bicchierini di amaro di Fiano Ammarì di Contrada, altra scoperta che ho fatto qui nella mia precedente visita. Un amaro ottenuto da uve dl Fiano con un gusto raffinato e note spiccatamente agrumate.

Ammarì amaro di Fiano di Contrada
Ammarì amaro di Fiano di Contrada

Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo da Decanta 44 euro a persona. Davvero corretto il rapporto qualità – prezzo.

Decanta è stata una meravigliosa conferma. Qui trovi una grande cucina del territorio presentata in modo creativo. Il locale è moderno, essenziale ma curatissimo, una sorta di “spazio narrante”, di laboratorio, capace di raccontare l’Irpinia attraverso una proposta gastronomica innovativa ma legata comunque alle origini, realizzata con prodotti di assoluta eccellenza. Il plus è la presenza in cucina della bravissima Chef Emilia Damaso, talento cristallino. La sua cucina conquista e seduce grazie ad una tecnica sopraffina e ad una cura maniacale dei dettagli. I mezzi paccheri alla puttanesca di baccalà mi sono rimasti nella memoria, le tagliatelle con piselli, crema di piselli, menta e battuto di gambero viola marinato regalano emozione. I cannoli di ricotta di Carmasciano, pistacchio e arancia amara creano dipendenza. Decanta è un luogo di eccellenza, un po’ bottega, un po’ bistrot, un po’ ristorante. Dora, Ivo, Antonio e tutto il team sono giovani, dinamici e meritano fortuna e soddisfazioni anche perché in questo progetto ci hanno messo il cuore. Qui puoi gustare e ammirare l’Irpinia da un'altra prospettiva. Decanta a Gesualdo si conferma di diritto nella nostra guida sul web di quelli che sono i locali da non perdere. Garanzia assoluta.

 

Decanta
Via Salvatore
Gesualdo (Av)
Tel. 348 518 1744
- Aperto dal Venerdì alla Domenica -
Visita il sito web di Decanta Gesualdo

Pubblicato in Campania
Pagina 1 di 3

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

fake rolex uk kopi klokker orologi replica replica watches uk zegarki repliki

Search

In the early stage of starting a business, a large amount of financial support is required. To keep my company up and running. I tend to buy some cheap stuff online. For example, buying fake rolex can not only show your economic strength, but hardly affect your quality of life.