Campania

La Pizza Templare della settimana è una pizza che abbiamo gustato da Corrado Alfano da PiGreco Pizzeria a Volla e che ci ha letteralmente conquistato: la Provola e Pepe 2.0.
Venire da Corrado Alfano è sempre una buona idea. La pizzeria è molto carina, la location è curata, moderna, giovanile e trasmette all’ospite una bella sensazione di familiarità. Azzeccata la scelta dei colori e delle sedute, l’arredo è minimal ma accattivante. C’è una sala interna e un bel dehors molto luminoso e attrezzato. Il menù è ben studiato e concepito si va dalle frittatine al bun fritto con la mozzarella di bufala campana DOC, dalle montanarine proposte in diverse varianti (da non perdere la classica e la genovese), ai crocchè della tradizione. E poi le pizze dalle classiche a quelle più creative con farciture, topping e abbinamenti che valorizzano ed esaltano quella che è la stagionalità dei prodotti ed il territorio. Da provare anche i Padellini che vengono realizzati con una doppia cottura e con impasti ad alta idratazione usando farine poco raffinate, ricche di crusca.

La Provola e Pepe 2.0 vista dallalto
PiGreco Pizzeria - La Provola e Pepe 2.0 vista dall'alto

Noi tra le altre abbiamo provato la Provola e Pepe 2.0 con pomodoro bio italiano, provola affumicata di Agerola, pepe nero, ciuffi di ricotta di pecora, pestato di pomodorino del piennolo e olio Evo. Una rivisitazione in chiave contemporanea della classica e tradizionale provola e pepe. Una pizza di cui ci siamo innamorati, con la delicata ricotta che si sposa alla perfezione con la provola affumicata e il pestato di pomodoro del piennolo. Un matrimonio davvero felice.

La Provola e pepe 2.0 Dettaglio alveolatura
PiGreco Pizzeria - La Provola e pepe 2.0 Dettaglio alveolatura

Una vera esplosione di sapori in un perfetto equilibrio. La Provola e Pepe 2.0 esalta l’impasto realizzato da Corrado Alfano, un bel diretto realizzato con un blend di farine (di tipo 0, di tipo 1 macinata a pietra e tipo 1 con germe di grano) con una lievitazione di almeno di 48 ore. L’idratazione è abbastanza spinta. L’alveolatura bella pronunciata. Il risultato è una pizza profumata soffice ma al contempo fragrante. Davvero complimenti.

La Provola e pepe 2.0
PiGreco Pizzeria - La Provola e pepe 2.0

La Provola e Pepe 2.0 è la Pizza Templare della settimana, ma è anche il pretesto per provare altre proposte di Corrado Alfano e di PiGreco Pizzeria. Un progetto che ha consentito a Corrado di realizzare il suo sogno, quello di una pizzeria tutta sua. PiGreco è una pizzeria in cui c’è amore e lo si vede in tanti piccoli dettagli, anche nel gioco di squadra di un team compatto e unito e nella passione che tutta la famiglia di Corrado ci mette, la moglie Giulia i figli Umberto e Rossella e tutti i collaboratori. Normalmente nei progetti dove c’è amore e passione si raggiungono grandi risultati. PiGreco Pizzeria a Volla non può mancare nella nostra guida sul web tra quelle che sono a parer nostro le pizzerie da non perdere. Assoluta garanzia.

 

 

PiGreco Pizzeria
Via Famiglietti n.6
Volla (Na)
Tel. 081 399 92 33
Visita la Pagina Fb di PiGreco Pizzeria

Pubblicato in Le Pizze Templari
Martedì, 19 Aprile 2022 14:52

PiGreco Pizzeria. Volla (Na)

Nel nostro viaggio alla scoperta delle pizzerie da non perdere non potevamo non passare a trovare Corrado Alfano che ha aperto la sua Pizzeria a Volla a pochi km da Napoli. PiGreco è un nome scelto non a caso. Ci sono tanti significati dietro questo nome, innanzitutto PiGreco è una costante matematica, il famoso 3.14 con una serie di numeri che si ripetono praticamente all’infinito e dove puoi trovare magari la data di nascita di una persona cara o altre combinazioni incredibili. In geometria PiGreco fa riferimento al rapporto tra la lunghezza della circonferenza e quella del suo diametro, il cerchio inevitabilmente fa venire in mente la pizza. Poi ci sono motivi di carattere familiare e affettivo, PiGreco per creare un legame tra il mondo di Corrado Alfano e gli studi di Umberto (il figlio di Corrado e Giulia), giovane e valido ingegnere. Infine il 14 Marzo si celebra da qualche anno il Pi greco Day, e guarda caso il 14 Marzo è il compleanno di Rossella, la figlia di Corrado e Giulia. Insomma tutto torna, mai scelta del nome fu più adatta. Una scelta precisa, come preciso è lo studio che c’è dietro all’impasto, alla scelta degli ingredienti, ad ogni dettaglio che trovi qui. Corrado Alfano (che conosciamo da anni) ha sempre messo nel suo lavoro costanza, ricerca e passione.
Il locale è gradevole, bello e funzionale, c’è una sala interna e il dehors molto luminoso, l’arredo è minimal, moderno ma allo stesso tempo si respira un’atmosfera di familiare convivialità.

PiGreco La Pizzeria di Corrado Alfano
PiGreco La Pizzeria di Corrado Alfano

Come al solito diamo un’occhiata alla carta, ci sono tra gli antipasti, le frittatine, proposte in tre versioni, con il cuore di ragù alla bolognese, con cacio, pepe rosa e lime e quella con cuore di ragù alla genovese, c’è poi il bun fritto con la mozzarella di bufala campana DOC (parmigiana, scapece con crema di zucchine e con friarielli), e ancora i crocchè della tradizione e le montanarine (anche qui tris di proposte, classica, genovese e con pomodorino giallo e pancetta croccante). Poi le pizze: le tradizionali, le innovative, le 3.14, una selezione di 14 proposte pizza con diversi abbinamenti in grado di valorizzare prodotti del territorio e stagionali. Ci sono poi ancora i ripieni e la novità dei padellini, realizzati in doppia cottura e con impasti ad alta idratazione usando farine poco raffinate, ricche di crusca. Insomma c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Cominciamo con un assaggio di fritti.
Non potevamo con cominciare con crocchè e frittatina. Il crocchè è super realizzato con patata gialla di Avezzano e provola. Fritto leggero, non unto e sapore eccezionale.

Crocchè e frittatina cacio pepe rosa e lime
Crocchè e frittatina cacio, pepe rosa e lime

Tra le frittatine degustiamo quella con cacio, pepe rosa e lime. Ci ha sorpreso e conquistato, particolare la nota del pepe rosa, appagante e riuscitissima la panatura con il pane panko.

Frittatina cacio pepe rosa e lime Dettaglio ripieno
Frittatina cacio, pepe rosa e lime - Dettaglio ripieno

E’ il momento delle pizze. Optiamo per una pizza bianca e una rossa. Ecco la Nerano con crema di zucchine, mozzarella di bufala campana DOC, chips di zucchine fritte, scaglie di provolone del Monaco e olio Evo. Una vera poesia, un sublime equilibrio tra la dolce e morbida crema di zucchine, la voluttuosa mozzarella di bufala, le zucchine fritte e la nota sapida e pungente del provolone del Monaco. Davvero fantastica.

La Nerano
La Nerano

L’alveolatura poi è come una nuvola, segno di un impasto ben lavorato e lievitato.

Nerano Dettaglio alveolatura
Nerano - Dettaglio alveolatura

L’altra pizza che gustiamo è una Provola e Pepe 2.0 con pomodoro bio italiano, provola affumicata di Agerola, pepe nero, ciuffi di ricotta di pecora, pestato di pomodorino del piennolo e olio Evo. Ci siamo innamorati di questa rivisitazione della provola e pepe, un’esplosione di sapore. Te la consigliamo assolutamente…

La Provola e pepe 2.0
La Provola e Pepe 2.0

Non finisce qui perché Corrado Alfano ci fa provare anche un trancio di Padellino in questo caso con stracciatella di bufala, pomodini semi-dry, alici di Cetara, bottarga di muggine e olio Evo. Denominata “Una vita vista mare”.
La particolarità dei Padellini è anzitutto nell’impasto, ad alta idratazione (siamo al 90 %), ottenuto con un blend di farine poco raffinate e ricche di crusca (con la farina tipo 1 al 70%). L’altra particolarità è la doppia cottura, la prima avviene in un padellino per 7 minuti, poi l’impasto cuoce altri 3 minuti a 270°. Qui il “crunch” è garantito. Fragrante e croccante al morso, profumatissimo l’impasto e poi meraviglioso è l’abbinamento degli ingredienti e l’equilibrio tra la stracciatella di bufala e la sua morbidezza, con il sapido delle alici e della bottarga, e la nota dolce del pomodoro semi-dry. Spettacolo allo stato puro..

Trancio di pizza al Padellino con stracciatella pomodorini semi dry alici di Cetara bottarga di muggine e olio Evo
Trancio di Padellino con stracciatella, pomodorini semi-dry, alici di Cetara, bottarga di muggine e olio Evo

Chiudiamo in dolcezza con una fetta della mitica (e originale) crostata della “babbaiola”, viene prodotta in un piccolo laboratorio di Posillipo e la sua particolarità è la crema al limone che emana un profumo incredibile. Da provare…

Fetta di crostata della Babbaiola
Fetta di crostata della Babbaiola

Qui da PiGreco abbiamo trovato una “signora pizza”, di quelle che restano nella memoria. Corrado Alfano non si smentisce, l’impasto è un bel diretto, realizzato con un blend di farine (di tipo 0, di tipo 1 macinata a pietra e tipo 1 con germe di grano) con una lievitazione minimo di 48 ore. L’idratazione è abbastanza spinta (siamo intorno al 73 %), il peso dei panetti è di 270 gr. Gli ingredienti scelti per topping e farciture sono di grande qualità, grazie alla continua ricerca e selezione di Corrado Alfano. Il risultato è una pizza profumata, fragrante, morbida ma allo stesso tempo bella compatta al morso. Del resto basta guardare l’alveolatura per rendersene conto…. Davvero complimenti.

La Provola e pepe 2.0 Dettaglio alveolatura
La Provola e pepe 2.0 - Dettaglio alveolatura

Il nostro parere:
- Impasto di tipo diretto
- Grande attenzione alla scelta dei prodotti e delle materie prime tutte di grande qualità
- Fritti super
- Corretto il rapporto qualità – prezzo

C’è una massima del grande drammaturgo romano Publilio Sirio che ho sempre amato e che credo calzi a pennello per quello che fa Corrado Alfano e per la sua filosofia di vita: “virtuti melius quam fortunae creditur”, ossia “è meglio affidarsi alle proprie capacità che alla fortuna”. E’ quello che ha fatto Corrado Alfano, mettendosi in gioco, contando sulle sue capacità e realizzando il sogno di una vita: una pizzeria tutta sua. PiGreco è una pizzeria a conduzione familiare dove tutti sono coinvolti nel progetto, la moglie Giulia, i figli Umberto e Rossella. Un progetto che siamo sicuri raggiungerà alte vette.
Le premesse ci sono tutte, il locale è gradevole, moderno, giovanile ma trasmette comunque un’atmosfera di calda familiarità, la pizza poi merita davvero, realizzata con un bel diretto lavorato a regola d’arte. Gli ingredienti usati per topping e farciture sono di grande qualità. Buonissima la Nerano che abbiamo gustato ma con la Provola e Pepe 2.0 siamo a livelli siderali.
Nota di merito anche per i fritti, davvero ottimi, (il crocchè da standing ovation, la frittatina con una panatura al pane panko eccezionale). Corretto il rapporto qualità – prezzo (Marinara a 4 euro e 50, margherita a 5 euro) e nessuna pizza (tranne i padellini) superano i 10 euro. PiGreco Pizzeria a Volla non può mancare in agenda, garantiamo noi. Prova e ci darai ragione. Alla prossima Corrado e ad maiora…




PiGreco Pizzeria
Via Famiglietti n.6
Volla (Na)
Tel. 081 399 92 33
Visita la pagina Fb di PiGreco Pizzeria

Pubblicato in Campania

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search