Primi

Venerdì, 01 Maggio 2020 11:07

Spaghetti alle vongole con pomodorini

Gli spaghetti alle vongole sono un classico della cucina italiana, se fatti a dovere sono squisiti. Qui te li proponiamo con l'aggiunta di qualche pomodorino. Occhio alla ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

- 1 Kg di vongole
- 400 gr di spaghetti di Gragnano
- 3 spicchi d'aglio
- Olio extravergine q.b.
- Prezzemolo q.b.
- Peperoncino q.b.
- Sale e pepe q.b.
- Vino bianco q.b. - (a piacere 5/6 pomodorini)

Procedimento:

Prima operazione da fare è pulire le vongole e metterle in ammollo con acqua e sale grosso per circa 1 ora per far perdere loro eventuali impurità.
Scolarle con uno scolapasta, poi con acqua corrente, agitarle e ripetere l’operazione di nuovo per far perdere loro ogni possibile residuo di sabbia.
Portare ad ebollizione l'acqua per cuocere gli spaghetti. Mettere le vongole pulite e spurgate in una padella con un filo di olio e uno spicchio di aglio, coprire con un coperchio e farle aprire a fiamma viva e scuotere spesso la padella sul fuoco.
Appena le vongole si saranno aperte, bisogna togliere la padella dal fuoco, (non dobbiamo farle cuocere troppo altrimenti perdono il loro sapore).
Intanto con un colino filtrare il liquido delle vongole, raccoglierlo in una ciotolina e tenere da parte (qui c’è tutto il sapore del mare).
Lavare i pomodorini, tagliarli a metà, saltarli rapidamente in una padella con 2 spicchi di aglio schiacciati e l’olio. Aggiungere del prezzemolo tritato, un pezzetto di peperoncino e l’acqua delle vongole che avevamo messo da parte.
Far cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata.
Intanto far addensare un poco il sugo nella padella e in ultimo aggiungere le vongole e a fiamma alta mettere un terzo di bicchiere di vino bianco, facendolo poi sfumare.
Assaggiare il sugo, salare se necessario (ma non dovrebbe servire, le vongole infatti hanno già la giusta sapidità) e aggiungere se piace un pizzico di pepe. Scolare gli spaghetti al dente e saltarli in padella fino a cottura ultimata. Tritare un ciuffettino di prezzemolo e aggiungerlo agli spaghetti. Il piatto è ponto!

N.B. Contrariamente a quanto si pensa sono più saporiti i “lupini” (vongole piccole) rispetto alle grandi vongole veraci, belle da vedere ma meno gustose.

Pubblicato in Primi
Mercoledì, 28 Aprile 2021 11:03

Riso al forno

Il riso al forno è uno di quei piatti semplici da fare che ti riportano subito alla cucina di mamma o di nonna, che ti riconcilia col mondo. Ideale quando magari ti avanza un po’ di ragù o di sugo e vuoi usarlo per una ricetta veloce e che piace proprio a tutti. Profumato, pieno di pomodoro e con tanta filante mozzarella (c’è chi usa anche il fior di latte o la provola ma noi lo facciamo con la mozzarella). Pronti a scoprire la ricetta? Eccola…

Ingredienti per 4 persone:

- 320 gr di riso
- 1 lt di ragù di macinato
- 300 gr. di mozzarella
- 200 gr. di parmigiano grattugiato
- Olio Evo q.b.
- Sale q.b.

Se usiamo la passata di pomodoro

- 1 lt di passata di pomodoro
- Sale q.b.
- Pepe q.b.
- Un cipollotto medio
- Olio Evo q.b.
- Qualche foglia di basilico

Procedimento:

La prima cosa da fare è tagliare a pezzettini la mozzarella e lasciarla tre quarti d’ora in un colino o uno scolapasta affinché perda un po’ del suo siero e si asciughi.
Facciamo cuocere il riso in abbondante acqua salata.

- Se non abbiamo il ragù avanzato (magari della Domenica) e vogliamo fare un sugo veloce, occorre mettere in padella un filo di olio Evo, il cipollotto tagliato sottilmente, far cuocere per 5 minuti poi aggiungere la passata di pomodoro. Aggiustare di sale e pepe, aggiungere le foglie di basilico e far cuocere per una mezz’ora abbondante.

Una volta cotto il riso, condirlo con il ragù (o salsa di pomodoro), generoso parmigiano grattugiato e i dadini di mozzarella (teniamone qualcuno da parte ci servirà prima di infornarlo). Mescolare per bene. Riempire di riso e pomodoro una pirofila da forno, coprire l’ultimo strato con due mestoli di ragù, qualche dadino di mozzarella che abbiamo lasciato da parte e il parmigiano.

Pirofila di riso prima di essere infornata
Pirofila di riso prima di essere infornata

Mettere in forno preriscaldato a 200° con modalità ventilata per 20 minuti. Una volta pronto, far riposare il riso al forno per 10 minuti prima di impiattare e servire.

N.B. C'è chi rende ancora più ricco e goloso questo piatto usando un pò di fantasia e mettendoci dentro prosciutto, salame, provola o caciocavallo (al posto della mozzarella), piselli e uova sode. Qualsiasi sia la versione resta comunque un piatto fantastico. 

Pubblicato in Primi

Questo è un primo piatto che abbiamo gustato tempo fa all’osteria l’Arzilla Furcina a Lecce. Meraviglioso è il profumo della crema di peperoni che avvolge le orecchiette, suadente e delicata la crema di burrata e a chiudere la nota croccante della granella di pistacchio. Un piccolo capolavoro e per di più è anche semplicissimo da fare.

Ingredienti per 4 persone:

- 400 gr di orecchiette
- 3 peperoni (noi abbiamo usato due gialli e un rosso)
- Mezza cipolla
- Uno spicchio di aglio
- Olio evo q.b.
- Pepe q.b.
- Sale q.b.
- 40 gr di parmigiano grattugiato
- 300 gr di burrata
- Basilico qualche fogliolina
- Granella di pistacchio q.b.

Procedimento:

Prepariamo e teniamo da parte la crema di burrata, la otterremo tagliando la burrata a pezzi e mettendola in un mixer con un pizzico di sale e di pepe e un filo di buon olio Evo. Azioniamo il mixer fino ad ottenere un composto omogeneo. Raccogliamolo in un vasetto e teniamolo in frigo, affinché si rapprenda un po’.
Questa operazione conviene farla un po’ prima. Poi la la crema di burrata va tolta dal frigo 30/40 minuti prima di cominciare a preparare gli ingredienti e cucinare le orecchiette.
Adesso dedichiamoci ai nostri peperoni. Laviamoli e asciughiamoli bene. Tagliamoli a pezzetti. In una padella mettiamo un filo di olio Evo, lo spicchio di aglio schiacciato, e la mezza cipolla tagliata a rondelle. Facciamo cuocere per due minuti, poi aggiungiamo i peperoni tagliati a pezzetti. Aggiustiamo di sale, mettiamo 4/5 foglie di basilico e facciamo cuocere per 10/12 minuti, girando di tanto in tanto. I peperoni dovranno appassire. Una volta cotti, facciamo intiepidire e versiamo il composto di peperoni in un mixer, ottenendo una bella crema bella densa. Prima di riporla in una ciotola, passiamola in un colino per setacciarla. Teniamola da parte.
Cuociamo le orecchiette in abbondante acqua salata. Intanto incorporiamo alla crema di peperoni a freddo il parmigiano grattugiato e mescoliamo bene. In una padella mettiamo la crema di peperoni. Una volta cotta la pasta, a fuoco lento mantechiamola bene in padella con la crema di peperoni. Impiattiamo, mettendo su ogni piatto due cucchiai di crema di burrata e un po’ di granella di pistacchi. Et voila ! Il piatto è pronto

L’Arzilla Furcina
Via Filippo Bacile, n.25
Lecce
Tel. 391 332 0419

Pubblicato in Primi
Mercoledì, 29 Settembre 2021 12:43

Scialatielli con vongole e porcini

Un primo piatto fantastico in cui si incontrano terra e mare. Ecco gli scialatielli con vongole e porcini, il sapore deciso dei porcini abbraccia il gusto sapido e inconfondibile delle vongole per un risultato incredibile. Prova a farli…

Ingredienti per 4 persone:

- 500 gr. di vongole veraci
- 200 gr. di porcini freschi
- 400 gr di scialatielli
- Olio evo q.b.
- due spicchi di aglio
- Sale e pepe q.b.
- Prezzemolo q.b.
- Vino bianco secco q.b.

Procedimento:

Puliamo le vongole e mettiamole in ammollo con acqua e sale grosso per circa 1 ora per far perdere loro eventuali impurità.
Dopo scoliamole con uno scolapasta, poniamole in una ciotola con acqua corrente, agitiamole e poi scoliamole di nuovo. Ripetiamo per un po’ questa operazione per far perdere alle vongole ogni possibile traccia di sabbia.
Intanto puliamo bene i porcini dal terriccio e tagliamoli a fette sottili, in una padella mettiamo un filo di buon olio Evo e facciamo soffriggere uno spicchio di aglio schiacciato, aggiungiamo i porcini, aggiustiamo di sale, mettiamo giusto un pizzico di pepe e portiamoli a cottura, mescolando di tanto in tanto. Ci vorranno 10/12 minuti.
Se dovessimo accorgerci che i funghi tendono a seccarsi un po’, aggiungiamo giusto due cucchiai di acqua.

In un’altra padella con olio Evo e aglio schiacciato mettiamo le vongole, mettiamo giusto un bicchierino piccolo (da caffè) di vino bianco secco, copriamo e facciamole aprire.
Quando le vongole saranno aperte, spegniamo. Non dobbiamo farle cuocere troppo altrimenti perdono il loro sapore. Con un colino filtriamo il liquido delle vongole, mettiamolo in un bicchiere e teniamolo da parte (qui c’è tutto il sapore del mare).
Ora prendiamo una bella padella capiente, mettiamo un filo di olio e l’acqua delle vongole che avevamo messo da parte. Facciamo addensare un po’ sul fuoco mescolando sempre, poi aggiungiamo i porcini precedentemente cotti e le nostre vongole. Tiriamo un po’ il sugo.
Cuociamo gli scialatielli e una volta cotti (impiegheranno pochissimi minuti) aggiungiamoli al nostro sughetto. Completiamo con una manciata di prezzemolo tritato, un filo di olio Evo ed impattare. Il piatto è pronto. Ti garantiamo che sono eccezionali !

Pubblicato in Primi
Martedì, 23 Marzo 2021 08:22

Spaghetti alla Nerano

Gli spaghetti alla Nerano sono un piatto tipico campano conosciutissimo. La ricetta pare sia nata tra costiera Amalfitana e Sorrentina, proprio a Marina di Nerano a metà del secolo scorso. Cremosi, profumati, delicati ma giustamente sapidi grazie alla presenza del Provolone del Monaco, altra eccellenza campana, un formaggio fantastico. Ah dimenticavamo, la cosa importante è che sono semplicissimi da fare. Segui passo passo la ricetta per un risultato garantito.

Ingredienti per due persone:

- 160 gr di spaghetti
- Aglio uno spicchio
- Olio Evo q.b.
- 400 gr. di zucchine
- Sale e pepe q.b.
- 70 gr. di provolone del Monaco
- Qualche foglia di basilico fresco

 

Procedimento:

Laviamo e tagliamo le zucchine a rondelle sottili, friggiamole in una padella con abbondante olio Evo. Quando sono belle dorate poniamole ad asciugare su carta assorbente in una piccola ciotola.
Mettiamo qualche fogliolina di basilico nella ciotola con le zucchine ancora calde.

Intanto avremo messo a bollire l’acqua per i nostri spaghetti. Facciamoli cuocere. Quando mancano pochi minuti alla cottura (al dente), in un’altra padella mettiamo un filo d’olio e facciamo imbiondire uno spicchio di aglio (dopo averlo schiacciato), facciamolo cuocere senza bruciarlo, poi togliamolo. E aggiungiamo in padella le zucchine e il basilico che avevamo nella ciotolina. Devono andare per un paio di minuti, non di più. Aggiustiamo di sale e pepe (ma senza esagerare). Teniamo da parte un mestolo non troppo colmo di acqua di cottura della pasta, ci servirà tra poco.
Quando gli spaghetti sono pronti, scoliamoli al dente e versiamoli nella padella con le zucchine, aggiungendo il nostro mestolino di acqua di cottura. Facciamo mantecare a fuoco lento, e aggiungiamo il provolone del Monaco grattugiato. Mantechiamo bene la pasta fino a che non abbia raggiunto una consistenza cremosa. Il piatto è pronto. A piacere si può guarnire con qualche zucchina fritta sul piatto e due foglioline di basilico.

N.B. C’è chi oltre al provolone del Monaco aggiunge anche del parmigiano grattugiato. Può andar bene ma se vogliamo restare nella tradizione campana, l’optimum è usare solo provolone del Monaco che sciogliendosi, insieme alle zucchine che in parte si saranno disfatte e all’acqua di cottura della pasta (che libera l’amido) crea una cremina che Dio solo sa. Buon appetito!

 

Pubblicato in Primi
Giovedì, 25 Febbraio 2021 11:43

Pasta e patate con pancetta e provola

La pasta e patate con la provola è un piatto tipico della tradizione napoletana (e della Campania), qui la ricetta è arricchita dalla presenza della pancetta a dadini che le regala sapidità e un gusto unico. Buonissima, prova a farla..

Ingredienti per 4 persone:

- 320 gr. di pasta mista
- 700 gr. di patate
- Olio Evo Q.b.
- Sedano q.b.
- 40 gr. di carota
- 1 Cipolla
- Sale e pepe q.b.
- Una crosta di parmigiano
- 80 gr. di pancetta a dadini
- Tre mestoli di acqua
- Un pizzico di origano
- 300 gr. di provola affumicata
- Parmigiano reggiano q.b

Procedimento:

In una pentola soffriggere in un generoso filo d’olio Evo la cipolla tagliata in modo sottile insieme al sedano e alla carota. Dopo poco aggiungere la pancetta a dadini. Dopo qualche minuto aggiungere le patate che avremo tagliato a dadini.
Fare soffriggere per bene. Trascorsi 5 minuti, aggiungere piano piano tre mestoli di acqua nella pentola con le nostre patate.
Salare leggermente, aggiungere un pizzico di origano, coprire e lasciar cuocere a fuoco medio finché le patate non cominciano a sfaldarsi.
N.B. Se durante la cottura ci rendiamo conto che l’intingolo di patate si dovesse asciugare troppo, aggiungere ancora un po’ di acqua. Regolarsi ad occhio. Non deve essere né troppo asciutta né troppo brodosa. 
Quando l’acqua con le patate bolle calare la pasta mista e portare regolarmente a cottura. Quando la pasta sarà cotta, a fuoco spento aggiungere la provola a dadini, il pepe, ed il parmigiano grattugiato. Mescolare per bene, far mantecare e amalgamare il tutto. 
Per intenderci alla fine della cottura la consistenza deve essere simile a quella di un risotto.
Fare riposare qualche minuto e servire. Il piatto è pronto, fantastico.

Il segreto: con un mixer ad immersione quando le patate si ammorbidiscono a piacere si può tritarne qualcuna e renderle una crema e poi aggiungerla alle patate in cottura. 

Pubblicato in Primi
Sabato, 11 Aprile 2020 12:22

Ziti spezzati alla puttanesca

Un piatto semplicissimo ma che vi garantisce sempre un ottimo risultato. Una sinfonia di pomodoro, olio d'oliva, aglio, olive nere, capperi e acciughe. Anche un semplice sugo alla puttanesca può diventare poesia. E che profumo! Occhio alla ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

- 320 gr di pasta (in questo caso ziti spezzati)
- 500 gr. di polpa di pomodoro
- 4 acciughe sotto sale
- Olio Evo q.b.
- 120 gr di olive nere
- 2 cucchiai di capperi dissalati
- Aglio q.b.
- Sale q.b.
- Peperoncino q.b.
- Prezzemolo a piacere

Procedimento:

In padella mettiamo un filo di olio e facciamo imbiondire due spicchi di aglio, quando l’aglio comincia a dorarsi togliamolo. E’ il momento di aggiungere il pomodoro, facciamo cuocere per qualche minuto.
Poi di seguito aggiungiamo i capperi lavati e dissalati, le alici pulite dal sale dalle lische e tagliate a pezzettini, le olive denocciolate (o a fettine), alziamo la fiamma e facciamo cuocere per una quindicina di minuti, girando frequentemente.
Intanto avremo messo a cuocere la pasta in abbondante acqua salata.
Quando il nostro sugo è quasi pronto, un minuto prima di calare la pasta, regoliamo di sale (ma attenzione, assaggia prima perché i capperi e le alici già hanno un po’ di sapidità), aggiungiamo (se piace) un pizzico di peperoncino (io lo preferisco secco frantumato).
E’ il momento di aggiungere la pasta, mantechiamo per bene aggiungendo nel caso, giusto un cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Serviamo con prezzemolo tritato. E il piatto è pronto! Risultato garantito.

Pubblicato in Primi

Oggi prepariamo dei semplici scialatielli con lardo e pomodorini del piennolo: profumati, gustosi e per certi versi rassicuranti come rassicurante erano i piatti della mamma o della nonna, in quella cucina dove ogni cosa sembrava ovattata, i problemi per qualche istante svanivano e il sorriso tornava a tavola davanti ad un bel piatto di pasta.

Ingredienti per 4 persone:

- 400 gr. di scialatielli
- 200 gr. di lardo
- 1 Kg di pomodorini del piennolo
- Cipolla q.b.
- Olio Evo q.b.
- Sale q.b.
- Pepe q.b.
- Foglioline di basilico per guarnire
- (a piacere un po’ di peperoncino e pecorino grattugiato al momento)

Procedimento:

Questo è un piatto molto semplice da preparare, la prima operazione da fare e preparare gli ingredienti. Sminuzziamo bene la cipolla. Tagliamo il lardo a dadini piccoli, tagliamo a metà i pomodorini del piennolo.
In una padella calda aggiungiamo un filo generoso di Olio Evo la cipolla tritata e il lardo, facciamo cuocere fino a che il lardo non cominci a sciogliersi e chiarirsi. A questo punto regoliamo di sale, aggiungiamo un pizzico di pepe e facciamo cuocere per 15 minuti a fiamma molto bassa. Intanto in abbondante acqua salata facciamo cuocere i nostri scialatielli che essendo di pasta fresca impiegheranno pochi minuti per essere cotti. Appena gli scialatielli sono pronti, scoliamoli e versiamoli nella padella con i pomodorini con un poco di acqua di cottura della pasta (l’amido scaricato dalla pasta in cottura ci aiuterà ad ottenere una bella cremosità). Facciamo mantecare per bene e serviamo con una fogliolina di basilico. Il piatto è pronto!
N.B. Se ti piace puoi aggiungere ai pomodorini in cottura un po’ di peperoncino, e in padella quando mantechiamo la pasta, un pugno di pecorino grattugiato al momento.

Pubblicato in Primi
Mercoledì, 01 Aprile 2020 00:18

Pasta e fagioli alla pescatora

Lo chef Gaetano Morese del ristorante Morese a Mercato San Severino ci regala la ricetta di questo fantastico primo piatto: pasta e faglioli alla pescatora. Terra e mare si incontrano creando un connubio perfetto.

Ingredienti per 4 persone: 

- Pasta mista 300 gr. 
- Polpo 200 gr.
- Seppie 200 gr.
- Vongole 500 gr.
- Cozze 500 gr.
- Gamberi rossi 200 gr.
- Scampi 4
- Uno scorfano da 300 gr.
- Fagioli cannellini secchi 300 gr.
- Aglio q.b.
- Alloro q.b.
- Rosmarino q.b.
- Prezzemolo q.b.
- Olio extravergine di oliva q.b.
- Un pomodoro
 
Procedimento:

Mettere in ammollo i fagioli in acqua fredda per circa 12 ore. Buttare via l’acqua e metterli a cuocere con un mazzetto aromatico formato da aglio, rosmarino e alloro. A cottura terminata farli raffreddare nella loro acqua di cottura. Da parte tagliare a tocchetti la seppia e farla cuocere in olio di oliva e uno spicchio d’aglio, fare la stessa cosa con il polpo, aggiungendo un pomodoro. Aprire e sgusciare i frutti di mare conservando la loro acqua. Sgusciare i crostacei e sfilettare lo scorfano. Con lische e teste dei gamberi e degli scampi fare un fumetto. Rimettere sul fuoco i fagioli portare ad ebollizione e calare la pasta. A metà cottura aggiungere polpo e seppie precedentemente cotti. Portare a cottura la pasta bagnando con il fumetto e l’acqua dei frutti di mare. Una volta che la pasta è cotta aggiungere i frutti di mare, i crostacei e servire adagiando sulla pasta il filetto di scorfano scottato in padella. Il piatto è pronto ! 

Ristorante Morese
Via Cirillo Via Cirillo, 55/1-57 / Piazza del Galdo
Mercato San Severino (Sa)
Tel. 089 893946
Visita la pagina facebook del Ristorante Morese

Pubblicato in Primi
Martedì, 06 Aprile 2021 08:24

Spaghetti alla carbonara

Quanto è buona la carbonara, cremosa, profumata, suadente! Un classico della cucina italiana. Lo chef Andrea Pagano ci dà la sua ricetta degli spaghetti alla carbonara. Pochi e semplici passaggi ma fondamentali per un risultato da favola.

Ingredienti per 4 persone:

- 400 gr spaghetti
- 200 gr guanciale
- 5 tuorli
- 100 gr pecorino romano
- 50 gr grana padano
- Sale, pepe

Procedimento:

Fate a cubetti il guanciale. A parte sbattete i tuorli con un pizzico di sale, il pepe, il pecorino e il grana padano.
Rosolate in padella il guanciale senza aggiungere grassi (olio) fino a renderlo croccante dopodiché riporlo in un contenitore e tenetelo al caldo.
Intanto cuocete la pasta in abbondante acqua salata e aggiungete un mestolino al composto di uova per stemperare il composto. Quando la pasta sarà pronta aggiungetela ai tuorli sbattuti e ridotti in morbida crema e mettete la metà del guanciale. Mantecate bene il tutto e impiattate, ponendo sopra il guanciale, il pecorino e del pepe macinato fresco. Il piatto è pronto.

Pubblicato in Primi

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search