Sabato, 04 Dicembre 2021 19:33

Pizzeria Pulcinella. Pomigliano D'Arco (Na)

Siamo a Pomigliano D’Arco, diventata ormai da qualche tempo un piccolo Paradiso per chi ama il food. Qui infatti ci sono tantissimi indirizzi e locali in grado di soddisfare davvero tutti con proposte gastronomiche interessanti e variegate. Insomma i “food lovers” da queste parti non resteranno (quasi mai) delusi. E' vero che ci sono tante novità e indirizzi nuovi, c’è però un locale che rappresenta una certezza da anni e la tradizione in fatto di pizza, parliamo della Pizzeria Pulcinella.

Pizzeria Pulcinella Pomigliano DArco Insegna Esterna
Pizzeria Pulcinella Pomigliano D'Arco - Insegna Esterna

Siamo a Pomigliano D’Arco in Corso Vittorio Emanuele a pochi passi dal Municipio. La Pizzeria Pulcinella è il regno di Marcello Daffinito che ti accoglie sempre con il sorriso e con il suo inconfondibile cappello da capitano e di suo figlio Roberto, grande talento emergente del mondo pizza. Il locale nasce anni fa come pizzeria da asporto ma nel tempo è cresciuto e oggi dispone anche di una piccola sala interna dove poter gustare la pizza in tutta tranquillità. Appena si entra, sulla sinistra c’è il banco pizza e il forno, l’arredo è semplice, spartano direi, ma gradevole, l’atmosfera che si respira è quella delle pizzerie tradizionali napoletane.
Come sempre diamo uno sguardo al menù, ci sono una trentina di proposte. Le pizze sono divise in 4 categorie: le "tradizionali" (e tra queste naturalmente margherita e marinara), le "più vendute" (le pizze più richieste dai clienti della Pizzeria Pulcinella), le pizze "Al vertice del gusto" (con abbinamenti studiati e prodotti selezionati), le pizze "A modo nostro" (una rivisitazione personale e originale di molte pizze della tradizione), più la pizza del mese.

Noi cominciamo dalla tradizione, con la margherita, fatta con fior di latte dei Monti Lattari, pomodoro San Marzano DOP, basilico fresco, parmigiano reggiano 36 mesi DOP e Olio Evo 100 % italiano.

La Margherita
La Margherita

L’impasto è morbido, profumato, fragrante. L’alveolatura è importante, nota di merito per il fior di latte (buonissimo). Una Signora Margherita, davvero eccezionale, di quelle che si lasciano ricordare.

Margherita Alveolatura
Margherita Alveolatura

La nostra degustazione prosegue, e su consiglio di Marcello Daffinito optiamo per uan pizza presente nella categoria A Modo nostro ovvero la carrettiera sbagliata con pesto di friarielli homemade, fior di latte di Agerola, salsiccia di suino nero, fonduta di Grana Padano DOP, chips di parmigiano reggiano, basilico fresco e olio Evo bio. Una versione originale e creativa della classica e sempre amata carrettiera.

La carrettiera sbagliata
La carrettiera sbagliata

Anche qui ci colpisce la qualità dell’impasto e l’alveolatura. L’aggettivo esatto per questa pizza è sorprendente. Nota di merito per il pesto di friarielli che regala spinta e carattere a questa carrettiera 2.0.

Carrettiera sbagliata Alveolatura
Carrettiera sbagliata Alveolatura

Chiudiamo in bellezza il nostro giro di pizze con una Escoffier (in onore al grande cuoco francese dei Re, al cui nome è legato un premio che è stato dato a Marcello). La Escoffier è una pizza incredibile. Personalità da vendere grazie alla vellutata di noci artigianale, al fior di latte dei Monti Lattari, alla pancetta coppata di suino nero e al gorgonzola piccante con il suo sapore inconfondibile.

La Escoffier Alveolatura
La Escoffier Alveolatura

Abbiamo trovato una pizza che si presenta esteticamente molto bella. Presenta una forma tonda e un cornicione bello soffice e non troppo alto. L’alveolatura è notevole e testimonia la bontà dell’impasto, un bel diretto realizzato con un blend di farine (di tipo 0 e 1). La lievitazione si attesta sulle 36 ore. L’idratazione è intorno al 70%. Il peso dei panetti si aggira sui 280 gr. Nota di merito per la qualità dei condimenti e prodotti usati per la farcitura e il topping. Il risultato è una pizza davvero eccellente realizzata nel solco della tradizione.

Il nostro parere:
- Impasto di tipo diretto
- Di grande qualità i prodotti usati per topping e farciture
- Servizio preciso e informale
- Corretto il rapporto qualità-prezzo

La Pizzeria Pulcinella a Pomigliano d’Arco è un indirizzo sicuro. Il locale è spartano ma curato, non eccessivamente grande ma regala una bella atmosfera e dona un senso di genuina convivialità. Inizialmente era una Pizzeria d’asporto che da poco si è dotata di una comoda saletta interna.
Qui trovi una pizza realizzata come tradizione vuole. Al timone c’è Marcello Daffinito (grande esperienza e passione) e suo figlio Roberto (talento assoluto) che impastano e “ammaccano” insieme. L’impasto è un bel diretto che lievita oltre 36 ore, realizzato con un blend studiato di farine. il risultato è una pizza fragrante, gustosa e morbidissima, merito anche dell’idratazione (70%) e della lavorazione. Il servizio è informale ma preciso e puntuale. Corretto il rapporto qualità - prezzo. La Pizzeria Pulcinella è un indirizzo davvero interessante, la pizza qui non delude le attese. Da non perdere, garantiamo noi.

 

Pizzeria Pulcinella
Corso Vittorio Emanuele n. 27
Pomigliano D’Arco (Na)
Tel. 334 538 2020

Visita la pagina Fb della Pizzeria Pulcinella a Pomigliano

Pubblicato in Campania
Giovedì, 25 Novembre 2021 10:13

Bacalajuò. Acerra (Na)

Stasera avevamo voglia di baccalà, una voglia irrefrenabile alimentata anche dalla curiosità di andare da Bacalajuò ad Acerra e provare le loro proposte, dopo essere stati già a Nola da Bacalajuò Experience, l’ultima creatura di Luigi Esposito. Luigi è davvero un vulcano, un mix di passione, competenza e conoscenza, erede di una famiglia che da quattro generazioni importa direttamente stoccafisso e baccalà. Tutto cominciò proprio qui ad Acerra quando il bisnonno di Luigi si stabilì in pianta stabile perché scoprì le grandi caratteristiche dell’acqua della zona con la quale riusciva a rigenerare lo stocco e far perdere il sale al baccalà in maniera perfetta. Da allora sono passati tanti anni e Luigi è la quarta generazione che guarda al futuro con ritrovata energia e voglia di stupire senza mai tradire le tradizioni. Tutto cominciò qui dicevamo, nel centro storico di Acerra. Siamo in Piazza Castello, qui un tempo c’era la Vinoteca Esposito che negli anni si è trasformata in una meravigliosa osteria dove protagonista è lui il baccalà, nacque così Bacalajuò.

Bacalajuò Insegna esterna
Bacalajuò Insegna esterna

Ci accomodiamo al nostro tavolo, ci accoglie Luigi Esposito perfetto padrone di casa. Guardiamo il menù, ben concepito con cinque proposte di antipasti con alcuni piatti che avevamo già visto e provato a Nola da Bacalajuò Experience (anche se in una veste lievemente rivisitata), sei primi e una decina di secondi. Decidiamo di affidarci a Luigi che ci propone una degustazione pazzesca. In attesa degli antipasti, arriva il pane, ordiniamo una minerale e su consiglio di Luigi, un vino che ci ha sorpreso: il Primula Rosa di Cantine Barone (azienda vitivinicola cilentana con sede a Rutino). Un rosato IGT meraviglioso ottenuto da uve aglianico in purezza, che affina oltre 6 mesi in acciaio, un vino con una personalità prorompente, di un bel colore rosa tenue, sentori floreali, fruttati, ma caldo e persistente, piacevolissimo da bere, 14 gradi e non sentirli. Fantastico compagno di viaggio per la nostra cena “tutto baccalà”.

Primula Rosa di Cantine Barone
Primula Rosa di Cantine Barone

Cominciano le danze e arrivano due carpacci di baccalà con olive Nocellara del Belice, pomodoro essiccato, alici di Sciacca, olio Evo irpino Hirpus da varietà ogliarola, naturalmente protagonista è un signor baccalà, il merluzzo Gadus Morhua che viene pescato all’amo e lavorato con meticolosa cura e attenzione. Il carpaccio è spettacolare, provare per credere…

Carpaccio di Baccalà
Carpaccio di Baccalà

Continuiamo con tre polpette di baccalà su letto di friarielli. Spaziali le polpette fatte con baccalà, pane acerrano, olio Evo, erba cipollina, sale, aglio, prezzemolo, pepe nero, uova e patate. E che meraviglia l’abbinamento con i friarielli.

Polpetta di baccalà su letto di friarielli
Polpetta di baccalà su letto di friarielli

E che dire del rotolo di melanzana ripiena di baccalà e ricotta salata? Una delle cose più buone mangiate di recente. Delizioso il pomodoro San Marzano su cui è adagiato il rotolo, sopra la soave burrata e la sfoglia di baccalà.

Rotolo di melanzane con baccalà e ricotta salata
Rotolo di melanzane con baccalà e ricotta salata

Più rustico e tradizionale il peperone ripieno di baccalà. Prelibato anche questo ….

Peperone ripieno di baccalà
Peperone ripieno di baccalà

La nostra cena prosegue alla grande. Siamo in tre e prendiamo tre secondi diversi. Arriva un bel mussillo di baccalà con la Genovese. Vorrei poter descrivere il profumo di questo piatto, fantastico. La genovese fatta con la cipolla austegna acerrana è davvero notevole … Immaginiamo quanto siano buoni i paccheri conditi con questa meraviglia (torneremo a provarli…).

Baccalà con genovese
Baccalà con genovese

L’altro secondo è un classico, baccalà arrostito, qui accompagnato con verza e crema di porro.

Baccalà arrostito
Baccalà arrostito

Ma il mio baccalà in cassuola è poesia allo stato puro. Semplicemente perfetto con pomodorini, olive nere, capperi, pinoli, aglio, prezzemolo e origano. Delizioso…

Baccalà in Cassuola
Baccalà in Cassuola

Pensate sia finita qui? Nemmeno per sogno. Non poteva mancare un altro piatto della tradizione: fritto di mussillo di baccalà con papaccelle. Garanzia...

Fritto di mussillo di baccalà con papaccelle
Fritto di mussillo di baccalà con papaccelle

Siamo davvero sazi, prendiamo 3 amari con dei cantuccini giusto per accompagnarli a dovere. 

Cantuccini
Cantuccini

Chiediamo il conto e paghiamo poco più di 46 euro a persona. Rapporto qualità prezzo assolutamente corretto, se consideriamo anche il vino (alla fine di bottiglie di Primula Rosa ne abbiamo prese due).

Bacalajuò ad Acerra è un vero e proprio Paradiso per chi ama il baccalà. Bella e informale l’atmosfera che si respira in questa sorta di osteria moderna dove non si perde il legame con le tradizioni. Pochi tavoli, bel gioco di luci, tufo alle pareti, il tutto crea un senso di intima convivialità. Le proposte di cucina sono convincenti e hanno come protagonista chiaramente il baccalà e lo stoccafisso. Meraviglioso il carpaccio, da provare la polpetta di baccalà su letto di friarielli, divino il rotolo di melanzana e baccalà. Super la genovese con baccalà e da standing ovation il baccalà in cassuola. Luigi Esposito è un perfetto padrone di casa: appassionato, competente e sempre presente. Il servizio è preciso e veloce. Corretto il rapporto qualità - prezzo. Bacalajuò ad Acerra da provare e riprovare. Garantiamo noi…

 

Bacalajuò
Via Nazario Sauro n.6
Acerra (Na)
Tel. 366 7180590
Visita la pagina Fb di Bacalajuò

Pubblicato in Campania
Domenica, 21 Novembre 2021 17:36

Agriturismo Le Fontanelle. Pontelatone (Ce)

Ci sono luoghi che per noi rappresentano una sorta di rifugio, luoghi che hanno qualcosa di ancestrale, unico. Luoghi che ci danno un senso di benessere, quasi la sensazione di sentirci a casa. L’Agriturismo le Fontanelle a Pontelatone è uno di questi luoghi. Sono anni che ci torniamo, e ogni volta è sempre una scoperta, un’emozione nuova e la conferma di una genuina cucina “contadina” che valorizza ed esalta i loro prodotti ma anche i prodotti di piccoli produttori locali.
Ci troviamo nella zona dell’Alto Casertano denominata area trebulana che comprende oltre a Pontelatone anche Liberi, Castel di Sasso e Formicola. Questo è un territorio fortunato, la natura qui è stata davvero generosa, c’è tanto verde, un’antica e radicata tradizione agricola, questa è zona di vino (il Casavecchia), ma è un territorio dove la storia ha lasciato tracce importanti (basti pensare all’antica Trebula Balliensis, abitata già in età preromana). Arrivare qui è semplicissimo, via auto l’uscita autostradale più vicina è quella di Santa Maria Capua Vetere dell’A1.
Siamo tornati all’Agriturismo le Fontanelle per cena, siamo in quattro. Ad accoglierci c’è Pasquale Izzo (titolare insieme al fratello Franco dell’azienda agricola di famiglia e dell’agriturismo). Pasquale negli anni è diventato un vero amico, appassionato, leale, profondo conoscitore di prodotti e tradizioni del suo territorio. Uno di quegli uomini che amo definire “uomini d’amore”, ossia quegli uomini che nella vita fanno scelte e scelgono di seguire le passioni, l’istinto e in questo caso la passione per la sua azienda e la sua terra. Chiaramente ci accomodiamo all’interno al “mio tavolo”, quello che cerco sempre di farmi riservare quando vengo qui, ossia il tavolo vicino al maestoso e bellissimo camino.

Agriturismo Le Fontanelle Pontelatone Il bellissimo camino
Agriturismo Le Fontanelle. Pontelatone. Il bellissimo camino

Arriva il pane e il vino, si comincia con il Casavecchia Petronilla, prodotto dall’azienda agricola Le Fontanelle. E’ un rosso giovane, fruttato, morbido e fresco al palato. Un vino che affina in acciaio e sorprende per la sua eleganza e il suo sentore di spezie e frutti rossi. Davvero un grande vino. (Alla fine della serata le bottiglie di Petronilla saranno due).

Casavecchia Petronilla delle Fontanelle
Casavecchia Petronilla delle Fontanelle

Si comincia con gli antipasti. Ecco un assaggio di salumi e formaggi, prosciutto crudo, pancetta locale, salame, poi un formaggio misto di pecora e mucca e un formaggio di bufala.

I Salumi e formaggi
I Salumi e formaggi

Poi come in un crescendo rossiniano arrivano delle proposte una più buona dell’altra. Ci servono un sorprendente sformato di patate con ortica selvatica e provola. Una sorta di gateau ma non l’ortica selvatica raccolta stesso quella mattina in campagna. Il nostro amico templare Gennaro resta incantato dalla bontà rustica di questo piatto.

Sformato di patate con ortica selvatica
Sformato di patate con ortica selvatica

E che dire dello sformato di broccoli e salsicce? Meraviglioso davvero con quel sentore amarognolo dei broccoli, sapore contadino vero.

Sformato con broccoli e salsiccia
Sformato con broccoli e salsiccia

Si sta davvero bene, la serata prende quota tra una chiacchiera e un bicchiere. Di tanto in tanto Pasquale Izzo passa a salutarci e sincerarsi che tutto stia andando bene. Ecco che arriva lei, la protagonista, la mitica zuppa di cipolle delle Fontanelle. Piatto “cult” dell’Agriturismo Le Fontanelle. L’abbiamo scoperta anni fa e sin dal principio ci ha conquistato. Crediamo che sia un piatto che rappresenta davvero la massima espressione della cucina contadina locale.

La mitica zuppa di cipolle delle Fontanelle
La mitica zuppa di cipolle delle Fontanelle

Poi un’altra zuppa deliziosa, con i fagioli cerati di Alife, funghi porcini e castagne con un po’ di lardo di maialino nero casertano. Un sapore a dir poco meraviglioso.

Zuppetta di fagioli cerati di Alife funghi e castagne
Zuppetta di fagioli cerati di Alife funghi e castagne

Ci colpisce soprattutto l’uso dei fagioli cerati di Alife. Sono legumi che hanno proprietà organolettiche importanti, di media piccola pezzatura, buccia sottilissima, hanno questo aspetto particolare quasi lucido (da qui il nome di fagiolo cera o cerato) dopo la cottura il colore varia nel marroncino. Hanno una consistenza pastosa e sono molto gustosi. Fantastica scoperta e dimostrazione di come qui all’Agriturismo le Fontanelle si valorizzino e si facciano conoscere dei prodotti dell’alto casertano e dell’area trebulana a volte poco noti al grande pubblico.

I fagioli cerati di Alife
I fagioli cerati di Alife

Visto che siamo venuti alle Fontanelle a cena e si è fatto abbastanza tardi, optiamo in attesa della carne per un assaggio di primo. Non potevamo infatti lasciarci sfuggire questa bontà: tagliatelle al vino casavecchia con ragù di maialino nero casertano. Questo piatto ci ha conquistato, che sapore fantastico quel ragù che accompagnava le tagliatelle belle callose e gustose.

Tagliatelle al Casavecchia con ragù di maialino nero casertano
Tagliatelle al Casavecchia con ragù di maialino nero casertano

Usciamo a fare due passi in attesa della carne. Rientriamo giusto in tempo per gustare il secondo. Siamo in quattro abbiamo preso due porzioni di agnello alla brace (buonissimo e morbido). 

Agnello alla brace
Agnello alla brace

E due piatti di  maialino alla brace con salsa di papaccelle. Per accompagnare la carne beviamo il Casavecchia San Laro sempre prodotto dall’azienda agricola le Fontanelle. Un vino spettacolare che fa fermentazione di 10/12 giorni in tini di legno e un affinamento in botti di rovere da 15 a 18 mesi. Un rosso incredibile che denota grande personalità, che si presta benissimo all’invecchiamento.

Maialino e pancetta alla brace con salsa di papaccelle
Maialino e pancetta alla brace con salsa di papaccelle

Come contorno scegliamo delle patate fresche tagliate e fritte al momento.

Patate tagliate al momento e fritte
Patate tagliate al momento e fritte

Noi Templari del Gusto siamo un po’ così, a volte ci prendono delle voglie culinarie improvvise. Visto che siamo in pieno periodo di castagne, e nel periodo dell’Evento Casavecchia e Castagne che si fa ormai da oltre 10 anni all’Agriturismo Le Fontanelle, facciamo una richiesta specifica a Pasquale. Vorremmo un po’ di castagne, ed eccoci accontentati. Che bontà….

Castagne e San Laro
Castagne e San Laro

Siamo davvero sazi e soddisfatti. Saltiamo il dolce (nostro malgrado), ci concediamo un paio di giri di liquorino all’alloro (di loro produzione). Assaggiamo la fantastica grappa di Casavecchia fatta da Franco il fratello di Pasquale e chiediamo il conto. Paghiamo per la nostra cena 32 euro a persona.. Fantastico il rapporto qualità prezzo.

Non possiamo che confermare quanto di bello abbiamo scritto in passato sull’Agriturismo Le Fontanelle a Pontelatone. Questo è un luogo dove esiste davvero il “culto” del territorio, dove mangiare bene e gustare pietanze e prodotti della loro azienda agricola ma anche di piccoli e validi produttori locali. Qui come scritto anche altre volte c’è una sorta di “genius loci”, l’anima di un luogo. Il tutto si traduce in una cucina che non delude mai le attese. Meraviglioso lo sformato di patate e ortica selvatica, notevole lo sformato di broccoli e salsicce con il suo sapore contadino, sempre una certezza la zuppa di cipolle delle Fontanelle. Super le tagliatelle con il ragù di maialino nero casertano. Agnello alla brace da ricordare, il tutto accompagnato da vino eccellente. Il Casavecchia prodotto da loro (Petronilla e San Laro) racconta meglio di tante parole un territorio (l’area trebulana) che va scoperto e gustato. Ci rivediamo presto, alla prossima Pasquale. L’Agriturismo Le Fontanelle a Pontelatone è una tappa imperdibile. Consigliatissimo. Parola dei Templari del Gusto.

 

Agriturismo Le Fontanelle
Via Salomoni n. 14
Pontelatone (Ce)
Tel. 0823 65 92 63 – 347 29 26 204 – 347 71 05 566
Visita il sito web dell’Agriturismo Le Fontanelle

Pubblicato in Campania
Mercoledì, 17 Novembre 2021 08:36

Maialumeria. Mugnano del Cardinale (Av)

Siamo tornati a distanza di un paio di mesi da Maialumeria, questo indirizzo non ha mai deluso le nostre aspettative. L’ultima volta che siamo stati qui avevamo notato la novità, ossia l’introduzione del forno e della pizzeria. Ci eravamo ripromessi di passare a provare la loro pizza ed eccoci qui. Siamo a Mugnano del Cardinale nel baianese. Arrivare qui è molto semplice, siamo a pochi Km dall’uscita Baiano della A-16 Napoli – Bari. Maialumeria (il nome dice tutto) è un locale che esalta sua maestà il maiale, nato grazie all’intuizione di Simone Schettino, la sua famiglia da anni produce ottimi salumi, il concept creato da lui è davvero intrigante.

Maialumeria Mugnano del Cardinale Ode al maiale
Maialumeria. Mugnano del Cardinale - Ode al maiale

Maialumeria è sia un market dove acquistare prodotti di qualità, prodotti bio, salumi e formaggi, ma qui puoi concederti anche un aperitivo con uno stupendo tagliere e un calice, puoi pranzare o cenare. Le proposte di cucina sono notevoli e la carne è meravigliosa, ma come detto l’offerta gastronomica adesso è davvero completa grazie all’introduzione della pizzeria.
Entrando l’impatto è sempre notevole, a sinistra c’è il forno con l’angolo “Pizzeria”. Ci sono un centinaio di coperti, il locale è spazioso. L’arredo è curato, domina il legno, sempre bella da vedere la cucina a vista per non parlare del bellissimo banco con la vetrina dei salumi e dei formaggi. E’ Sabato sera, il locale è strapieno, arriviamo all’orario previsto e dopo pochissima attesa ci accompagnano al nostro tavolo.
Come sempre diamo uno sguardo al menù, ci concentriamo chiaramente sul menù pizza. Ci sono poco meno di 40 proposte suddivise tra “pizze classiche”, le pizze con i salumi e le pizze contemporanee del pizzaiolo Giuseppe Russo con ingredienti, abbinamenti e farciture davvero ben studiate.
Prima delle pizze ci concediamo qualche peccatuccio. Ma insomma, sei da Maialumeria, non lo gusti un bel tagliere? Noi optiamo per il tagliere Maialumeria con un commovente prosciutto di Parma DOP 24 mesi, una spettacolare pancetta artigianale, coppa artigianale e salame Napoli. Come formaggi il sempre gradito formaggio Brie, la toma, il pecorino sardo sapido e pastoso e sua maestà pecorino bagnolese accompagnati da miele e confettura alla pera. Il tagliere Maialumeria è sempre una garanzia. La qualità dei salumi e formaggi è super.

Tagliere Maialumeria
Tagliere Maialumeria

Prima delle pizze ecco anche delle coccole fritte un “cuoppo fry”, crocchè di patate, una buonissima frittatina cacio e pepe, un delizioso croccante di salsiccia e friarielli e chips di patate tagliate e fritte al momento. Il fritto è asciutto, leggero, non unto. La cosa che ci è piaciuta di più decisamente il croccante di salsiccia e friarielli. Una bomba….

Cuoppo Fry
Cuoppo Fry

Ma siamo venuti qui soprattutto per le pizza. E che pizza sia. Prendiamo una marinara con pomodoro San Marzano D.O.P, origano, aglio, olio extravergine di oliva e basilico. Morbidissima, fragrante, con un profumo inebriante.

La Marinara
La Marinara

Ecco un’altra pizza classica, l’ortolana con fior di latte, provola, melanzane a funghetto, peperoni, zucchine, scaglie di cacioricotta, olio extravergine di oliva e basilico. Anche qui ci colpisce l’impasto davvero leggero, e poi ho trovato fantastico l’abbinamento con le scaglie di cacioricotta che donano sapidità e un non so che di rustico a questa pizza tradizionale.

Ortolana
Ortolana

Chiudiamo la nostra degustazione di pizza con la maialina, qui la protagonista è la vera porchetta di Ariccia I.G.P, e poi le patate a fette al forno, provola, fior di latte e basilico. Una vera esplosione di gusto, che cosa era quella porchetta che letteralmente si scioglieva in bocca…

La Maialina
La Maialina

Abbiamo trovato un impasto indiretto realizzato con un prefermento, ossia con un preimpasto che viene preparato in questo caso dalle 16 alle 20 ore prima dell’impasto finale. In questa operazione c’è tutta la maestria e la passione del pizzaiolo Giuseppe Russo. Il risultato è una pizza soffice, leggera, ma al contempo fragrante e saporita. L’idratazione è poco inferiore al 75%, il peso dei panetti arriva a 270/275 gr.
Di grande qualità i prodotti utilizzati per topping e farcitura. Nota di merito per i salumi (ma è ovvio, siamo da Maialumeria). Questa pizza ci ha davvero sorpreso, complimenti.

Il nostro parere:
- Impasto di tipo indiretto con prefermento
- Grande qualità dei prodotti usati per topping e farciture
- Servizio veloce e professionale
- Corretto rapporto qualità prezzo

Maialumeria a Mugnano del Cardinale si conferma come indirizzo sicuro. Da non perdere se ami la carne, i salumi e i formaggi, ma sorprendente e da provare anche la pizza. Il pizzaiolo Giuseppe Russo è umile e capace, poche chiacchiere e tanto lavoro.
L’intuizione del patron di Simone Schettino, ossia la scelta di introdurre la pizza nella proposta gastronomica di Maialumeria si sta rivelando vincente. Eravamo curiosi si provarla, prova decisamente superata. Buono anche il rapporto qualità – prezzo (marinara a € 5, margherita a € 5,50). Servizio preciso e abbastanza veloce (visto e considerato che siamo stati da loro il Sabato sera con il locale strapieno). Maialumeria a Mugnano del Cardinale si conferma indirizzo da segnare in agenda, anche per la pizza. Garantiamo noi.

 

 

Maialumeria
Corso Europa n. 4
Mugnano del Cardinale (Av)
Tel. 081 825 7268
Visita la pagina FB di Maialumeria

Pubblicato in Campania
Sabato, 06 Novembre 2021 08:24

Bacalajuò Experience. Nola (Na)

Ho sempre avuto un debole per certi locali gestiti da chi con passione e ostinazione porta avanti le tradizioni di famiglia. Se poi si ha la capacità di far rivivere le tradizioni adattandole ai tempi e guardando al futuro, allora la mia ammirazione si accompagna alla compiaciuta meraviglia. E’ un po’ quello che ho provato fermandomi a cena da Bacalajuò Experience Restaurant a Nola, la nuova creatura di Luigi Esposito. Luigi è il degno erede di una famiglia che da quattro generazioni importa direttamente stoccafisso e baccalà. Al principio la storia ebbe inizio a Somma Vesuviana, poi ad Acerra in Piazza Castello. Negli anni il Gruppo Esposito ha raggiunto livelli altissimi, e oggi è tra i leader nell’importazione, lavorazione e messa in commercio di pesci conservati.
Dopo la felice intuizione di Bacalajuò ad Acerra, locale nato sull’onda (è il caso di dirlo) dell’attività di famiglia e che negli anni ha dato grandi soddisfazioni, Luigi ha scommesso su un progetto nuovo, stavolta non nella città di Pulcinella, ma in quella dei “Gigli”, Nola. Bacalajuò Expercience Restaurant è un vero gioiello che si propone di presentare in una chiave “moderna” il baccalà e i piatti della tradizione senza però discostarsi troppo dalle origini.

Bacalajuò Experience Insegna esterna
Bacalajuò Experience - Insegna esterna

Siamo in Via De Sena, parcheggiamo l’auto a pochi passi dal locale ed entriamo. Ci accompagnano al nostro tavolo prenotato per tempo. Siamo in due. Il locale all’interno è molto gradevole, semplice ma curato l’arredo, ben studiata l’illuminazione, belle e particolari le pareti rivestite in tufo giallo. Sicuramente d’effetto la cucina a vista in fondo alla sala dove si vedono gli chef e la brigata di cucina all’opera.
Ci portano il menù e nell’attesa arriva un particolare entreé di benvenuto: wafer al nero di seppia con mantecato di baccalà con polvere di aglio nero e pomodorini. Davvero un inusuale e gradito incipit.

Entreè
Entreè

Intanto diamo un attento sguardo al menù. C’è davvero da divertirsi con antipasti, primi e secondi tutti con un comune denominatore: il baccalà. Ci sono proposte legate alla tradizione e altre più creative. Tra i secondi fa capolino anche lo stoccafisso proposto in cassuola, con patate o all’insalata. Oltre a tre proposte di dessert anche questi di loro produzione.
Intanto ordiniamo da bere una minerale e due calici di Fiano del Sannio di Tenuta La Fortezza di Torrecuso, ottenuto da uve Fiano in purezza, di un bel colore giallo paglierino, con sentori di frutta gialla e buon corpo e struttura. Ottima scelta per accompagnare la nostra cena. Cominciamo con gli antipasti. Ecco un commovente carpaccio di baccalà con gelée di olive bianche, prezzemolo, erba cipollina, acciughina, limone e pomodori secchi. Un vero spettacolo di freschezza e sapore. Quando si dice tradizione …

Carpaccio di baccalà
Carpaccio di baccalà

Poi ecco due meravigliose polpette di baccalà con crema di scarole. Le polpette erano divine e la crema di scarole perfetta come abbinamento. 

Polpetta di baccalà
Polpetta di baccalà

Ma l’effetto wow si amplifica con la parmigiana di baccalà. La suadente melanzana avvolge il baccalà con la sua tenue nota sapida, a rendere equilibrato il tutto il pomodoro e la morbida e gustosa stracciata di bufala. A questo piatto manca solo la parola. Provare per credere….

Parmigiana di Baccalà
Parmigiana di Baccalà

Gli antipasti sono stati notevoli ma siamo curiosi di provare i primi che abbiamo scelto. Ecco gli spaghetti alla Nerano con crudo di baccalà alla menta. Semplicemente favolosi. Perfetta la cottura della pasta, gustose le zucchine, una cremina resa ancora più saporita dal provolone del Monaco e dal basilico, il tutto accompagnato dal crudo di baccalà alla menta. Una dadolata di puro piacere.

Gli spaghetti alla Nerano con crudo di baccalà alla menta
Gli spaghetti alla Nerano con crudo di baccalà alla menta

L’altro primo che abbiamo scelto è uno dei piatti “cult” di Bacalajuò, uno dei piatti simbolo di Casa Esposito: le linguine alla Don Gaetano. Piatto dedicato alla figura di Gaetano Caporale, medico e storico di Acerra.
Semplice come concetto questo piatto è una poesia capace di esaltare all’ennesima potenza il sapore del baccalà. Dentro c’è l’aglio, la polvere di capperi e olive, il pomodoro arrostito in polvere, un profumatissimo olio allo zenzero e naturalmente il Re, il baccalà, messo a crudo. Per la serie “come rendere moderna la tradizione”. Un piatto sapido il giusto, gustoso, appagante, in poche parole, uno spettacolo. Complimenti.

Linguine alla Don Gaetano
Linguine alla Don Gaetano

Stasera vogliamo anche provare due secondi. Ci muoviamo nel solco della tradizione con due piatti simbolo. Il baccalà arrostito, il “mussillo” qui è servito con purea di topinambur, jus di funghi arrosto e cardoncello alla soia. Meraviglioso il baccalà davvero di ottima fattura.

Baccalà arrostito con purea di topinambur jus di funghi arrosto e cardoncello alla soia
Baccalà arrostito con purea di topinambur, jus di funghi arrosto e cardoncello alla soia

E poi il mussillo di baccalà fritto con papaccelle. Bella la presentazione del piatto e il baccalà fritto a tocchetti, quasi un moderno finger food da accompagnare alla salsa e alle papaccelle. Ho trovato la frittura semplicemente perfetta, asciutta, saporita, non unta.

Mussillo di baccalà fritto con papaccella
Mussillo di baccalà fritto con papaccella

Siamo davvero sazi. Saltiamo nostro malgrado il dolce, prendiamo due amari e il conto. Paghiamo per la nostra cena 50 euro a testa. Rapporto qualità – prezzo assolutamente corretto.

Dobbiamo fare i complimenti a Luigi Esposito per questa sua nuova scommessa che a parer nostro risulterà vincente. Bacalajuò Experience Restaurant a Nola è davvero un gioiello. Questo luogo è un santuario gastronomico che celebra ed esalta il baccalà e si propone di presentarlo in una veste “moderna” ma che risulta fortemente legata alla tradizione. Bello e curato il locale, essenziale ma elegante la mise en place. Il servizio in sala è preciso e veloce. Il team messo in piedi da Luigi è composto da ragazzi giovani ma pieni di passione e talento. In cucina ci sono Cuono Catapano e Raffaele Puopolo che danno sfoggio della loro bravura, il maitre è Roberto Ricchezza. A dirigere l’orchestra Luigi Esposito vero “Deus Ex Machina” di Bacalajuò. Spettacolare il carpaccio di baccalà, meravigliosa la parmigiana di baccalà, indimenticabili gli spaghetti alla Nerano con crudo di baccalà, inimitabili le linguine alla Don Gaetano, commovente il mussillo fritto. Torneremo per provare altre proposte, come gli spaghetti con baccalà e friarielli e i dolci. Bacalajuò Expercience a Nola entra a pieno titolo e merito nella nostra “guida on line” degli indirizzi che a parer nostro sono da non perdere. Se ami il baccalà, qui trovi davvero proposte eccellenti. Garantiamo noi.

 

Bacalajuò Experience
Via M. De Sena n.103
Nola (Na)
Tel. 366 7180590
Visita la pagina Fb di Bacalajuò Experience

Pubblicato in Campania
Martedì, 02 Novembre 2021 10:21

Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av)

All’Hosteria Le Gourmet a Sperone torniamo spesso perché qui ci sentiamo a casa e perché ci piace la loro proposta di cucina mai banale e sempre intrigante. Peppino Caramiello (oste e cacciatore di bontà per passione, diletto e mestiere) poi è inimitabile. E’ sempre pronto a soddisfare le richieste e le curiosità dei suoi ospiti, coccolandoli con chicche e prodotti scelti e selezionati personalmente da lui. Ma andiamo per ordine e riavvolgiamo il nastro.
Siamo nel baianese a Sperone, il locale si trova in un edificio del primo 900, un tempo qui c’era la vecchia società elettrica, la SER. Le sale sono tre. La più piccola nasce come sala per la degustazione e qui l’oste Peppino tiene salumi, formaggi, vini e distillati. Le altre due sale comunicanti sono accoglienti, e la particolarità è che ogni sala ha un camino. L’arredo è sobrio ed essenziale, bella e semplice la mise en place, bellissimi i pavimenti originali in graniglia, imponenti e stupende le travi in legno al soffitto che è altissimo. Tutto contribuisce a creare quell’atmosfera di convivialità e calore che tanto apprezziamo quando veniamo in questo posto.

Detto del locale, sarai curioso di scoprire cosa abbiamo gustato. Come sempre abbiamo prenotato il nostro tavolo (in questo caso da due) e l’oste Peppino ci illustra le proposte del menù. Qui all’Hosteria Le Gourmet non c’è un menù scritto, perché questo cambia continuamente (spesso anche settimanalmente), la qual cosa è garanzia di materie prime sempre freschissime e prodotti scelti e di qualità.
Ci sono i taglieri di salumi e formaggi selezionati, l’antipasto dell’Hosteria (4 proposte seguendo un percorso davvero interessante), e poi quattro primi, cinque secondi e tre dessert.
Poche ma studiate e intriganti proposte. Noi cominciamo con due antipasti “Le Gourmet”.
Ma nell’attesa arriva un gradito entreé, un aperitivo con due calici di prosecco, e con la bollicina un pezzetto di casomoscio (formaggio tipico avellano) caramellato, crostino con paté di fegato e tartufo e una deliziosa tartelletta salata con tartare di vitello. Ottimo “incipit”.

Entreé
Entreé

Intanto ordiniamo da bere una minerale e su consiglio di Peppino, un rosso abruzzese: un Montepulciano d’Abruzzo DOC “Rubiolo” di Orlandi Contucci Ponno. Ottenuto da une Montepulciano al 100 %, questo vino si presenta con un bel colore granata, un profumo intenso, una buona struttura e persistenza e note gradevoli di frutti rossi e liquirizia. Davvero un vino sorprendente...

 Montepulciano Doc dAbruzzo Rubiolo
Montepulciano Doc d'Abruzzo Rubiolo

Cominciamo con due antipasti “Le Gourmet”, quattro proposte davvero interessanti. Ecco del mantecato di baccalà con zucca e porcini dal sapore orientaleggiante….

Baccalà mantecato
Baccalà mantecato

Due deliziosi involtini di verza ripieni di mortadella e caciocavallo. Sapidi al punto giusto, delicati e avvolgenti con un non so che di voluttuoso.

Involtini di verza con mortadella
Involtini di verza con mortadella

Poi ecco la terza portata dell’antipasto, totani con spuma di fagioli e polvere di alghe serviti in un piccolo vasetto di vetro. Davvero deliziosi…

Totani con pomodoro spuma di fagioli e polvere di alghe
Totani con pomodoro spuma di fagioli e polvere di alghe

E ancora lingua di vitello con provola, noci e aglio orsino. Sorprendente l’abbinamento della provola con l’aglio orsino (in questo caso dell’Azienda agricola Moera del bravissimo chef Francesco Fusco).

Vitello con provola noci e aglio orsino
Vitello con provola noci e aglio orsino

L’antipasto è davvero vario e pieno di sorprese. In attesa che arrivino i primi, l’oste Peppino ha deciso di viziarci e ci fa degustare un meraviglioso capocollo al vincotto di Nero di Troia. Il capocollo era divino, aromatico, e si scioglieva in bocca…

Capocollo
Capocollo

Il nostro pranzo trascorre in maniera serena, del resto come già scritto, l’atmosfera qui all’Hosteria Le Gourmet invita davvero alla convivialità. Ecco i primi.
Abbiamo scelto un fantastico risotto con zucca, zenzero e liquirizia. Devo fare i complimenti allo chef Marco del Giudice. Questo risotto è meraviglioso, equilibrato, perfetto. Bello il contrasto della zucca con la sua nota dolce, con lo zenzero e il sentore aromatico della liquirizia.

Risotto con zucca zenzero e liquirizia
Risotto con zucca zenzero e liquirizia

L’altro primo è un inno al territorio, dei ravioli ripieni di caso moscio avellano (prodotto da Chalet del formaggio del casaro Antonio Pecchia), crema di scarole al pesto di aglio orsino, pasta di nocciole e tartufo del Partenio. Questo piatto pieno di gusto, di contrasti e perfettamente equilibrato mi ha conquistato. Chapeau!

Ravioli con crema di scarole al pesto di aglio orsino pasta di nocciole e tartufo del Partenio
Ravioli con crema di scarole al pesto di aglio orsino, pasta di nocciole e tartufo del Partenio

Prendiamo anche un secondo e ce lo dividiamo: biancostato di manzo, topinambur, bieta e riduzione di campari. Anche questa proposta molto interessante. La chicca è la riduzione di campari….

Biancostato di manzo topinambur bieta e riduzione di campari
Biancostato di manzo, topinambur, bieta e riduzione di campari

Dulcis in fundo è il caso di dire, prendiamo due dessert: cachi, castagne e cioccolato bianco. Semplicemente divini….Accompagniamo il dolce con due amari alle erbe e un caffè.

Dessert
Dessert

Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo poco meno di 40 euro a persona. Rapporto qualità prezzo assolutamente corretto.

L’Hosteria Le Gourmet a Sperone è un pò come quei vecchi amici che non tradiscono mai e che hai voglia e piacere di rivedere di tanto in tanto. E’ sempre una garanzia. Da molti anni veniamo qui, perché ci sentiamo a casa e ci piace la loro proposta di cucina sempre diversa e originale ma ancorata al territorio. L’Oste Peppino Caramiello negli anni si è specializzato nella ricerca di prodotti di qualità, costruendo il suo personaggio e tenendo fede alla grande al suo soprannome di “cacciatore di bontà”. In cucina lo chef Marco del Giudice è una certezza e ha raggiunto livelli altissimi, coadiuvato dallo chef Michele Malinconico forma una squadra vincente: tecnica, passione e studio. C’è tutto questo dietro i piatti e le proposte di Le Gourmet. Il tutto parte dalla materia prima eccellente e dai prodotti selezionati da Peppino. Il servizio è preciso, informale e puntuale. Bravissima Felicia De Gennaro in sala. Corretto il rapporto qualità - prezzo.
L’Hosteria Le Gourmet è un piccolo gioiello, che nasconde una luce abbagliante dietro la sua apparente semplicità. Si conferma nella nostra guida on line agli indirizzi che a parer nostro sono da non perdere. Vieni a trovare Peppino non te ne pentirai. Garantiamo noi Templari del Gusto.

 

Hosteria Le Gourmet
Via Ferrovia n.28
Sperone ( Av)
Tel . 338 215 46 56

Pubblicato in Campania
Mercoledì, 27 Ottobre 2021 17:02

Biliardo ‘65. Nola (Na)

Siamo tornati nel centro storico di Nola in Via Flora da Biliardo ’65. Ci mancavamo da un po’, ma ci è sempre piaciuta questa pizzeria che non ha mai deluso le nostre aspettative. Qui un tempo c’era una vecchia sala di biliardo, proprio da questa prende il nome questa Pizzeria. Il locale è come lo ricordavamo: ci sono due sale ben organizzate. Il locale è bello, l’arredo essenziale, particolari le pareti in tufo e i tavoli con i piani in marmo come le “storiche pizzerie” di un tempo. Nella prima sala appena si entra, in fondo c’è il forno con il banco di lavoro dove opera il giovane e talentuoso pizzaiolo Michele Castaldo con la sua squadra. Nella seconda sala comunicante e adiacente, in fondo c’è la cucina a vista. Anche qui colpiscono le pareti in tufo e pietra, gli oggetti e la scelta degli arredi regalano un’atmosfera particolare, un bel connubio tra antico e moderno. Di sicuro il tutto crea un bel clima di convivialità.
Come sempre diamo un’occhiata al menù, ci sono i fritti, gli sfizi, e una trentina di proposte pizza tra le intramontabili, le “chicche” e i ripieni. Prima delle pizze ci concediamo delle coccole fritte, cominciamo con delle buonissime chips di patate tagliate e fritte al momento.

Chips di patate
Chips di patate

Potevano mancare crocchè e frittatina di pasta? Assolutemente no. Ricordavamo un crocchè fatto a regola d’arte e non sbagliavamo. Davvero buono…

Crocchè e frittatina
Crocchè e frittatina

Notevole anche la frittatina di pasta con un fritto asciutto, la pasta ben condita e gustosa.

Frittatina di pasta dettaglio ripieno
Frittatina di pasta dettaglio ripieno

Passiamo alle pizze, decidiamo di gustare una pizza tradizionale: l’antica margherita con pomodoro pelato, fior di latte di Agerola, olio Evo e basilico. Semplice e buona, nota di merito per l’impasto leggero, morbido, profumato e fragrante.

La Margherita
La Margherita

La seconda pizza che gustiamo è una della categoria definita “le chicche”. Ecco la porca ’65, simpatico e un po’ particolare il nome di questa pizza che sorprende non solo per il nome ma anche perché è spettacolare con provola al fumo, crema di patate sotto la cenere, pancia di maialino cotto a bassa temperatura, salsa Teriyaki e basilico. Anche qui l’impasto morbido, profumato e fragrante valorizza alla grande degli ingredienti che conquistano: la delicata crema di patate sotto la cenere, la nota affumicata della provola, la delicatezza della pancia di maialino cotto a bassa temperatura e il sentore dolce della salsa Teriyaki, tipica salsa nipponica fatta con la soia. Davvero questa pizza (una novità nel menù rispetto all’ultima volta che siamo stati qui) ci è piaciuta.

Porca 65
Porca '65

Da Biliardo ’65 abbiamo trovato l’impasto che ricordavamo, un bel diretto fatto come si deve che lievita 24/36 ore. Un impasto realizzato con farina di tipo 0 con germe di grano. L’idratazione è abbastanza spinta siamo sul 78 %. L’alveolatura è notevole, quasi una nuvola. I panetti pesano 270 gr. Il risultato è una pizza leggera, fragrante e gustosa. Nota di merito per la scelta degli ingredienti tutti di grande qualità.

Alveolatura
Alveolatura

Il nostro parere:

- Impasto di tipo diretto
- Peso dei panetti 270 gr.
- Uso di ingredienti di grande qualità per farciture e topping
- Buon rapporto qualità – prezzo

Biliardo '65 a Nola si conferma alla grande. Siamo stati qui anche in altre occasioni e non siamo mai rimasti delusi. La pizza è davvero di alto livello, l’impasto si muove nel solco della tradizione. Un bel diretto lavorato a regola d’arte di chi sa il fatto suo in fatto di panificazione e impasti. Il pizzaiolo Michele Castaldo è giovane ma già molto bravo, un talento assoluto che non può che crescere ancora. La riprova è un assaggio del suo pane fatto con il lievito madre (che buono). Lo proviamo assoluto e con dell’olio pugliese. Complimenti davvero.

Pane fatto con il lievito madre e olio
Pane fatto con il lievito madre e olio

Le pizze sono convincenti, gli ingredienti usati per topping e farciture sono di grande qualità. Il locale poi è carino e anche per certi versi “di tendenza”. Qui un tempo c’era una storica sala di Biliardo (da qui il nome della pizzeria). Il servizio poi è senza sbavature e preciso. Il personale gentile e buono il rapporto qualità – prezzo (margherita a € 5,50, marinara a € 4,00). Indirizzo consigliato, parola dei Templari del Gusto.

 

Biliardo ‘65
Via Flora n. 20
Nola (Na)
Tel. 333 563 2395
Visita la pagina fb di Biliardo ‘65

Pubblicato in Campania
Mercoledì, 20 Ottobre 2021 21:17

Agriturismo Borgo Cerquelle. Pontelandolfo (Bn)

Con il cuore gonfio di emozione siamo ritornati in un luogo incantato che, circa un anno fa, ci aveva letteralmente stregati e catapultati in un mondo fiabesco e difficile da raccontare con semplici parole. Come allora, il navigatore ci aiuta a “perderci” ancora una volta tra le montagne del Matese e finalmente, grazie alle preziose info telefoniche del gentilissimo proprietario, scorgiamo tra il verde selvaggio ed incontaminato l’antico borgo “Cerquelle”.

Un angolo del borgo
Un angolo del borgo

Tornare nei luoghi già visti e amati, ha sempre un sapore particolare e soprattutto riesci a vivere quei luoghi da una prospettiva diversa, magari soffermandoti su aspetti che alla “prima volta” erano sfuggiti e passati inosservati.

Sentiero tra i boschi
Sentiero tra i boschi

Qui siamo nel territorio di Pontelandolfo, sito meraviglioso incastonato tra i monti del Matese, uno scrigno segreto ai più sconosciuto e che noi vi invitiamo a visitare assolutamente.
Partiamo col dire che Borgo Cerquelle non è un semplice agriturismo ma è un vero e proprio borgo contadino costituito da casette in pietra (ora restaurate ed in grado di poter ospitare turisti per una esperienza sensoriale fuori dal comune), dove il tempo scorre lento e gli unici suoni che arrivano alle nostre orecchie sono quelli creati da Madre Natura.
Esattamente come un anno va, ci accomodiamo allo stesso tavolo in legno della bellissima ed accogliente sala interna della casa in pietra adibita ad agriturismo;

Agriturismo Borgo Cerquelle Pontelandolfo Esterno
Agriturismo Borgo Cerquelle Pontelandolfo Esterno

Dopo acqua rigorosamente della fonte e vino rosso di produzione locale (ottimo), iniziamo con un antipasto di formaggi e salumi del Matese (buonissimi soprattutto il capocollo). Un tocchetto di frittatina di patate e cipolle (sapori contadini veri...), un peperone imbottito cotto al forno e della squisita ricotta di pecora.

Formaggi e salumi del Matese
Formaggi e salumi del Matese, frittatina e peperone imbottito 

Continuiamo con parmigiana di melanzane povera, ovvero senza uova e cucinata solo con melanzane, pomodoro, parmigiano e basilico.

Parmigiana povera
Parmigiana povera

E poi un tegamino di fagioli borlotti con crostini di pane.

Fagioli e crostini di pane
Fagioli e crostini di pane

Prodotti, è bene sottolinearlo, frutto di una agricoltura biologica ed ecosostenibile ed a km 0 in quanto coltivati personalmente nei terreni del borgo Cerquelle. I primi piatti previsti dal menu fisso del giorno sono due; assaggiamo una buonissima lasagna; piatto semplice ma che si sposa bene con il territorio e che mi ha ricordato la lasagna che la domenica mangiavo da mia nonna;

Lasagna della tradizione
Lasagna della tradizione

Continuiamo con un piatto tipico della tradizione beneventana, ovvero spaghetti fatti in casa ai funghi porcini del Matese; un piatto che ci è piaciuto tantissimo e di cui abbiamo fatto anche il bis, approfittando del gentile “ripasso” dei proprietari.

Spaghetti ai funghi porcini del Matese
Spaghetti ai funghi porcini del Matese

Ci concediamo una passeggiata lungo i vasti spazi aperti dell’antico borgo, dove è possibile far interagire i più piccoli anche con gli animali che popolano la fattoria, come maiali, conigli, galline, mucche. Siamo fortunati e ci imbattiamo  anche negli stupendi cavalli. Qui è concesso (sempre con la supervisione) accarezzare i cavalli o dar da mangiare alle mucche. Un modo diverso per i bambini per riscoprire il contatto con la natura e gettare via finalmente tablet e cellulari.

Cavalli nella natura
Cavalli nella natura

Infine, dopo un po’ di relax, ritorniamo ad accomodarci in sala e gustiamo un’ottima grigliata di carni miste locali, sapientemente cotte alla brace e tenere e gustose allo stesso tempo;

Carne alla brace
Carne alla brace

Ecco delle meravigliose salsicce locali alla brace con patate, il tutto con contorno di insalata verde. La carne viene cotta nella brace antistante l’agriturismo e difficilmente ne abbiamo mangiata di così buona.

Salsicce alla brace e patate
Salsicce alla brace e patate

Dulcis in fundo (è il caso di dire così), una fantastica torta fatta in casa con ricotta e marmellata di ribes del borgo Cerquelle.

Torta con ricotta e marmellata di ribes
Torta con ricotta e marmellata di ribes

Inutile dirvi che del dolce abbiamo chiesto il bis! Infine liquore al finocchietto selvatico (produzione propria), liquore di ribes (eccezionale) e caffè. Costo del pranzo: 35 euro a persona per gli adulti compreso di servizio e coperto con acqua e vino rosso della casa, antipasto, 2 primi, 1 secondo, 2 contorni, dolce, amari e caffè; 15 euro a persona per i bambini compreso di antipasto, primo, secondo, contorno e dolce.

L’Agriturismo Borgo Cerquelle a Pontelandolfo ha confermato quanto di buono vi avevamo raccontato nella nostra prima esperienza; è un luogo unico, difficile da descrivere per la sua particolarità e bellezza; è sempre bello passeggiare tra i ciottoli e le pietre di questo antico borgo di campagna medievale ed assistere al rumore silenzioso del del fiume Lente che scorre placido; 

Le cascate naturali del fiume Lente
Le cascate naturali del fiume Lente

E' sempre stupefacente ammirare le cascate naturali che si scovano tra i boschi, mangiare bene e “semplice” in un luogo che sembra essersi fermato, incurante del progresso e dei suoi effetti peggiori; per noi è un luogo del cuore e vi invitiamo a visitarlo almeno una volta perché ne vale davvero la pena. Come sempre garantiamo noi Templari del Gusto!

 

Agriturismo Borgo Cerquelle
C.da Cerquelle n.166
Pontelandolfo (Bn)
Tel. 377 982 2246
Visita il sito web dell'Agriturismo Borgo Cerquelle

 

Pubblicato in Campania
Domenica, 24 Ottobre 2021 20:49

N'Ata Luna. Grottaminarda (Av)

Chi ci segue con affetto sa bene che ci sono degli indirizzi dove andiamo spesso. Se è vero il modo di dire “si torna sempre dove si è stati bene”, c’è un posto dove queste parole calzano davvero a pennello: N’Ata Luna, cucina e caffè. Siamo a Grottaminarda in Irpinia, a pochi km dall’uscita dell’autostrada della Na-Ba in contrada Ruvitiello. Questo locale è nato grazie alla partnership con l’azienda Caffè Vergnano 1882. Il tutto è frutto dell’intuizione del geniale e appassionato Vincenzo Panico (uomo colto, consulente aziendale “gourmet” con la passione per l’Irpinia, l’enogastronomia e per il “buon vivere”) e della famiglia Tocco, Lucia, Antonella e Claudio. Un team vincente e unito.
N’Ata Luna è molto frequentato e conosciuto anche per i suoi mitici aperitivi (anche se è riduttivo chiamarli così), cocktail e calici abbinati a proposte di cucina in versione “finger”.
Già oggi N’Ata Luna è un riferimento, perfetto in ogni momento della giornata: a colazione, a pranzo, per l’aperitivo o a cena.

Nataluna. Grottaminarda particolare interno
N'Ataluna. Grottaminarda - Particolare interno

Questo indirizzo per noi rappresenta una certezza per tanti motivi, in primis per la cucina, le proposte del bravissimo e talentuoso chef Andrea Raimo e della sua brigata sono sempre convincenti, perfetta sintesi tra le certezze della tradizione e la forza della creatività. Altra cosa che ci piace di N’Ata Luna è l’atmosfera che si respira in questo locale bellissimo, ampio, luminoso, con un meraviglioso bancone all’ingresso, un arredamento caldo e particolare, domina il legno, i colori chiari, stupendi i tavoli e le sedie e altri dettagli come le credenze, gli scaffali, le lampade a sospensione e le poltrone “chesterfield”. Il tutto regala un’atmosfera sospesa tra il vintage e il moderno. L’effetto “wow” continua grazie alle proposte di cucina. Ma andiamo per gradi. Ci accomodiamo al nostro tavolo e diamo un’occhiata al menù, davvero ben concepito con proposte di carne ma anche di pesce e presenza “importante” di prodotti irpini di eccellenza.
Su consiglio del bravo Nicola prendiamo un bel rosato, l’Irpinia Rosato biologico dell’azienda agricola Boccella Rosa di Montemarano.

Irpinia Rosato bio di Boccella Rosa
Irpinia Rosato bio di Boccella Rosa

Ci servono i loro pani, grissino e tarallucci che definire invitanti è poco …..

 I pani
I pani

Con il pane degustiamo il meraviglioso olio Ravece di Fontana del Re, un olio Evo pazzesco ottenuto da olive ravece 100 %, in cui c’è tutto il profumo e il sapore dell’Irpinia.

Olio DOP Ravece di Fontana del Re
Olio DOP Ravece di Fontana del Re

Arriva un graditissimo entreé: pallina cacio e uova con mostarda, semplicemente deliziosa. E subito mi scende la lacrimuccia, se ripenso al passato e a nonna che faceva le polpette di pane e formaggio….

Entreé di benvenuto
Entreé di benvenuto

Si comincia con gli antipasti. Prendiamo un uovo di gallina pochè con spuma di parmigiano, asparagi, vaniglia e limone. Un tripudio di sapori, la delicatezza dell’uovo che sposa la morbida e saporita spuma di parmigiano. Il tocco in più la zest di limone a donare freschezza. Grande proposta che meriterebbe il bis.

Uovo pochè spuma di parmigiano asparagi vaniglia e limone
Uovo pochè, spuma di parmigiano, asparagi, vaniglia e limone

L’altro antipasto è una proposta di mare: dei meravigliosi gamberi di Mazara marinati al lime, con frutto della passione, mayo di gambero, bufala e basilico. Anche qui tutto si gioca sull’equilibrio di sapori delicati che si sposano alla perfezione.

Gamberi rossi di Mazara marinati al lime
Gamberi rossi di Mazara marinati al lime

L’incipit è stato davvero importante. L’aspettativa è grande, i primi piatti non deludono le attese, anzi. Ordiniamo un piatto di tagliolini ai “30 rossi” con ragù bianco di totani e patate, succo di prezzemolo, acqua di provola e limone candito. Che vuoi dire davanti ad un piatto così? Poesia. Ho trovato azzeccata anche la scelta della pasta, dei tagliolini ai 30 rossi fatti a regola d’arte. Sorprendente il “ragù” di totani e patate. Un piatto che ci ha regalato emozione.

Tagliolini ai 30 rossi con ragù bianco di totani e patate succo di prezzemolo acqua di provola e limone candito
Tagliolini ai 30 rossi con ragù bianco di totani e patate succo di prezzemolo acqua di provola e limone candito

Ma ci ha emozionato anche l’altro primo, un omaggio al grande chef Paolo Barrale di Andrea Raimo che di Paolo è stato allievo, uno spaghettone con burro al caffè, parmigiano, polvere di capperi, basilico e zest di limone. Piatto semplice come concetto ma delicato, equilibrato, sorprendente.

Omaggio a Paolo Barrale
Omaggio a Paolo Barrale

Le sorprese non finiscono qui, dalla cucina arriva un gradito omaggio dello chef Andrea Raimo. Un assaggio della sua “mitica” genovese. Candele con la genovese di cipolla ramata di Montoro (ovvio!), cacao, parmigiano e basilico. Una delizia assoluta. Cari amanti della genovese, questa non dovete proprio farvela scappare. Da applausi.

Genovese di Andrea Raimo
Genovese di Andrea Raimo

Saremmo sazi, ma decidiamo di gustare anche un secondo (in due). La scelta ricade sul filetto di maiale con purea di mela annurca, indivia brasata e salsa alle rose. Nota di merito per la carne (ottima), bello e azzeccatissimo l’abbinamento della dolce purea di mela annurca con il sentore amarognolo dell’indivia. Anche questo è un grande piatto. Chapeau.

Filetto di maiale purea di mela indivia brasata e salsa alle rose
Filetto di maiale purea di mela, indivia brasata e salsa alle rose

Arriva al tavolo Lucia (eccezionale padrona di casa) che ci propone come dolce il cremoso al cioccolato 70 %, polvere di olio ravece, sale Maldon, gel al frutto della passione e cruble di pane. Desset che apprezziamo molto.

Pane e cioccolato
Dessert

Accompagniamo il dolce con un caffè e un amaro Jefferson.

Amaro Jefferson
Amaro Jefferson

Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo poco meno di 40 euro a persona. Rapporto qualità – prezzo incredibile.

Forse avrai capito perché di tanto in tanto torniamo da N’Ata Luna a Grottaminarda. Questo indirizzo è una garanzia. Il locale è bellissimo, l’atmosfera fantastica, qui puoi fare colazione, goderti un caffè, fare un meraviglioso aperitivo (con proposte di cucina e spesso eventi live e dj set), puoi pranzare o cenare. In cucina c’è lo chef Andrea Raimo, grande talento irpino, la sua cucina è una sintesi pressoché perfetta tra tradizione e cucina del territorio (del resto le radici non si possono certo dimenticare) e creatività. Molti suoi piatti emozionano. E quando un piatto emoziona, vuol dire che parla ai sensi. Qui non si viene semplicemente a mangiare e questo è importante. Nicola in sala è davvero impeccabile e preparato.
Il progetto di Vincenzo Panico e della famiglia Tocco (Lucia, Antonella e Claudio) continua a crescere e ad evolversi. N’Ata Luna è davvero un piccolo gioiello, un salotto del “buon gusto” che non devi assolutamente perderti. Garantiamo noi.




N’ata Luna
Contrada Ruvitiello
Grottaminarda (Av)
Tel. 0825 188 0611
Visita il sito web di N’Ata Luna

Pubblicato in Campania
Giovedì, 21 Ottobre 2021 11:45

Sa'di cucina & co. Avellino

Il nostro viaggio alla scoperta degli indirizzi da non perdere ci porta ad Avellino. Siamo in pieno centro storico a due passi dal Corso e da Piazza Libertà, ci siamo fermati per pranzo da Sa’ di cucina & co. Avevamo segnato in agenda questo indirizzo da un po’, perché ci incuriosiva la loro proposta gastronomica. Abbiamo prenotato per tempo il nostro tavolo da due. Arriviamo in perfetto orario.

Sadi cucina co Insegna Esterna
Sa'di cucina & co Insegna Esterna

L’impatto con il locale è gradevole, arredo sobrio, curato, essenziale, belle le sedute e le lampade a sospensione. Nel complesso regala calore e una sensazione di piacevole convivialità, ci sono una quarantina di posti a sedere. Veniamo accolti con grande gentilezza e mentre guardiamo il menù ci viene offerto come benvenuto un calice di Franciacorta Brut DOCG Ferghettina, una bolla pazzesca, elegante, ottenuto in prevalenza da uve Chardonnay e in piccola parte Pinot Nero, piacevole con note agrumate e di pesca. Intanto studiamo le proposte in carta, ci sono cinque antipasti e due taglieri uno che è denominato selezione di eccellenze, un viaggio enogastronomico tra salumi e formaggi di varie regioni d’Italia e poi quello denominato Gusto con salumi e formaggi irpini di eccellenza come il culatello del Prosciuttificio Ciarcia, il capocollo del salumificio Giovanniello, il caciocavallo bagnolese, il pecorino di Volturara Irpino serviti con confetture artigianali, contorni e bruschette. Ci sono poi quattro primi e sei secondi. Un menù che cambia stagionalmente e presenta un legame importante con il territorio Irpino. Davvero interessante…
Da bere ordiniamo una minerale e una bottiglia di Nebbiolo Doc bio delle Langhe dell’Azienda Agricola Erbaluna. Di un bel colore rosso rubino, con sentori floreali, equilibrato e giustamente tannico. Davvero un’ottima scelta, ideale compagno per il nostro pranzo.

Il Nebbiolo di Erba Luna
Il Nebbiolo di Erba Luna

Si comincia con gli antipasti, optiamo per una proposta denominata “Lo chef consiglia” che comprende diversi assaggi, ecco il tortino di patate con provola e funghi porcini su fonduta di formaggio, un meraviglioso fiocco di culatello del Prosciuttificio Ciarcia e un delizioso mini bun alla curcuma con salsiccia di maialino, broccoli e crema di pecorino.

Antipasto
Antipasto

Non finisce qui, arriva una zuppetta di fagioli, castagne, funghi porcini e cipolla rossa. Piatto tipicamente autunnale e che racconta il territorio irpino come pochi. Davvero buonissima.

Zuppetta di fagioli castagne porcini e cipolla rossa
Zuppetta di fagioli, castagne, porcini e cipolla rossa

E ancora scarola con pinoli, olive nere e cotechino irpino. Con questo piatto respiriamo la vera tradizione contadina irpina, la scarola va a nozze con le olive nere e i pinoli e il classico cotechino irpino bello grasso e saporito dona morbidezza e quel tocco rustico al piatto.

Scarola ripassata con pinoli olive nere e cotechino irpino
Scarola ripassata con pinoli olive nere e cotechino irpino

L’altro antipasto è una meraviglia: uovo scomposto su fonduta di blu di pecora con funghi porcini, tartufo nero di bagnoli e chips di patate. Qui la scarpetta è d’obbligo. Peccato che via web non ti possa far arrivare il profumo inebriante di questo piatto.

Uovo scomposto su fonduta di pecora con funghi porcini tarfuto nero e chips di patate
Uovo scomposto su fonduta di pecora con funghi porcini tarfuto nero e chips di patate

L’antipasto ci ha convinto con proposte very “Irpinia style” con materie prime e prodotti eccellenti e di qualità. Se l’antipasto ci è piaciuto con i primi saliamo ancora di livello. Abbiamo preso degli spaghettoni trafilati al bronzo mantecati con crema di cavolo nero, scaglie di tartufo nero e fonduta di parmigiano. Riuscitissimo l’abbinamento del tartufo nero di Bagnoli Irpino con la crema di cavolo nero, una sorta di pesto che avvolge la pasta e la esalta. A chiudere il tutto la morbida e delicata fonduta di parmigiano. Gran piatto, complimenti.

Spaghettoni con crema di cavolo nero di Bagnoli
Spaghettoni con crema di cavolo nero, tartufo di Bagnoli irpino e fonduta di parmigiano

E che dire delle fettucce ai funghi porcini con crema di parmigiano e castagna fritta di Montella? Spaziali. Cottura perfetta della pasta, porcini da urlo, piatto equilibrato con la particolarità della castagna fritta sbriciolata che dona dolcezza al piatto.

Fettucce ai funghi porcini con crema di parmigiano e castagna fritta di Montella
Fettucce ai funghi porcini con crema di parmigiano e castagna fritta di Montella

Due primi eccellenti, un mix di sapori e profumi che parlano di Autunno in chiave irpina. Un vero trionfo del territorio. Intanto passa a salutarci Alessandro, uno dei tre titolari di Sa’ di cucina & co, ci racconta del locale che nasce anni fa come vineria e nel tempo si è trasformato in un ristorante, bistrot con proposte di cucina sempre più convincenti e strutturate. Personalmente mi è piaciuta molto la passione che traspariva dalle sue parole mentre parlava di prodotti, materie prime e della sua terra.Non possiamo esimerci dal gustare anche un secondo e prendiamo un filetto di manzo su purea di patate e funghi pioppini. La carne è eccellente, morbida e saporita.

Filetto di manzo su purea di patate e funghi pioppini
Filetto di manzo su purea di patate e funghi pioppini

Accompagniamo il secondo con delle buonissime patate rustiche.

Patate rustiche
Patate rustiche

Siamo pieni, nostro malgrado saltiamo il dessert, prendiamo un caffè e un amaro Jefferson servito con ghiaccio, scorzetta di arancia e rosmarino. Godimento allo stato puro…

Jefferson servito con ghiaccio scorzetta di arancia e rosmarino
Jefferson servito con ghiaccio scorzetta di arancia e rosmarino

Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo 45 euro a persona. Abbiamo trovato assolutamente corretto il rapporto qualità – prezzo.

Sa’ di cucina & co ad Avellino è stata davvero una fantastica scoperta. Questo ristorante, bistrot è un piccolo gioiello situato in pieno centro storico. Bella l’atmosfera informale che si respira qui, il locale è carino e curato. Inizialmente era una vineria poi negli anni si è evoluta offrendo ai clienti convincenti e strutturate proposte di cucina trasformandosi in un ristorante di tutto rispetto. Qui trovi una cucina che parte dalla meravigliosa tradizione irpina con proposte interessanti e prodotti di eccellenza che raccontano un territorio che ha pochi eguali. I piatti sono un "mash up" di tradizione e creatività, con un menù che cambia almeno 4/5 volte l’anno seguendo la stagionalità e la reperibilità delle materie prime. Davvero eccellente poi la selezione dei vini e delle birre artigianali. Il servizio è preciso, veloce e professionale. Il rapporto qualità – prezzo corretto. Cosa volere di più? Indirizzo consigliatissimo, prova e ci darai ragione. Rivelazione.

 

 

Sa’ di cucina & co
Via Chiesa Conservatorio n.22
Avellino
Tel. 349 5288325
Visita il sito web di Sa’ di cucina & co

Pubblicato in Campania
Pagina 1 di 12

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search